Usa: le assunzioni a febbraio quasi al palo ma i salari salgono

Creati solo 20mila posti, l'incremento più contenuto da 17 mesi e pari ai minimi del settembre 2017. Rialzo annuo dei salari al top dell'aprile 2009. Tasso di disoccupazione al 3,8%, minimi di ottobre. La Fed resta paziente

A febbraio le aziende americane hanno praticamente fermato le assunzioni ma i salari sono continuati a salire e il tasso di disoccupazione è sceso più del previsto, tornando sui minimi dello scorso ottobre. 

Negli Stati Uniti il mese scorso sono stati creati solo 20.000 posti di lavoro mentre gli analisti attendevano un aumento di 180.000 unità. Si tratta dell'incremento più contenuto da 17 mesi a questa parte. E' il primo febbraio dal 2011 in cui un rapporto sull'occupazione ha mancato le stime degli analisti. Il rialzo di febbraio segna comunque il mese numero 101 di fila in cui i datori di lavoro americani hanno reclutato personale, un nuovo record.

Stando a quanto riferito dal dipartimento al Lavoro, i salari orari - attentamente monitorati perché indicano l'assenza o meno di pressioni inflative - sono cresciuti dello 0,4% (o di 0,11 dollari) su base mensile a 27,66 dollari; le previsioni erano per un +0,3%. Su base annuale sono saliti del 3,4% (il tasso di crescita più sostenuto da quando la recessione è finita nel 2009), sopra il range tra 1,9 e 2,2% segnato dal 2012 in poi e oltre la media del 2% degli ultimi sei anni. La durata della settimana media di lavoro è scesa di 0,1 ore a 34,4 ore.

Il tasso di disoccupazione è sceso al 3,8% dal 4% contro stime per un 3,9%. La partecipazione alla forza lavoro è rimasta ai massimi di cinque anni al 63,2%, ma sotto il 66% precedente all'ultima recessione.

A livello settoriale, il comparto manifatturiero ha aggiunto 4.000 posti, un terzo di quanto atteso. Nel settore retail c'è stato un calo di 6.100 unità. Nel comparto alberghiero e del turismo non c'è stata alcuna variazione mentre in quello delle costruzioni e mineriaro sono stati persi posti e in quello dei servizi professionali c'è stato un incremento di 42mila unità. Il settore pubblico ha perso 5mila posti.

Mentre gli investitori si domandano cosa ha provocato la creazione di posti più contenuta da 17 mesi, incluse le temperature gelide osservate in quel mese, e se il mese prossimo il dato odierno verrà rivisto, una buona notizia c'è stata: il numero di posti di lavoro creati a gennaio e dicembre è stato rivisto al rialzo, rispettivamente a 311mila e 227mila portando a un totale di 12mila posti in più.

"Non presterei attenzione" al rapporto sull'occupazione americana a febbraio, visto che l'economia Usa resta in buona salute e crescerà anche nel 2019 "intorno al 3%". Così Larry Kudlow, consigliere economico della Casa Biancaha, commentato il dato deludente. In una intervista alla Cnbc, Kudlow ha spiegato che ad avere condizionato il dato potrebbero essere stati fattori legati allo shutdown del governo federale (iniziato il 22 dicembre scorso e terminano il 25 gennaio successivo, un record) e a questioni stagionali legati all'inverno. Secondo lui, il dato verrà rivisto al rialzo quando a inizio aprile verrà diffuso il rapporto sull'occupazione americana relativo a marzo. "Al momento siamo la principale fonte di stimolo" per l'economia globale, ha aggiunto Kudlow facendo riferimento anche all'Europa.

I dati non fanno che giustificare l'approccio paziente della Federal Reserve. Ora sale ancora di più l'attesa per l'intervento, alle 4 del mattino di sabato 9 marzo in Italia, del governatore Jerome Powell, che per altro domenica nella sarata Usa sarà protagonista di una intervista durante la storica trasmissione americana "60 Minutes", su Cbs. Nel frattempo, sono aumentate le probabilità che la Fed tagli i tassi nell'anno in corso. Stando ai future sui Fed Funds, le chance di almeno un taglio del costo del denaro entro fine anno sono al 20% contro il 14% di ieri.

Altri Servizi

Fca: richiama in Usa quasi 900mila vetture, non rispettano standard su emissioni

Epa soddisfatta dell'azione volontaria del gruppo. La mossa segue test condotti dall'azienda e dall'Agenzia per la protezione ambientale. Fca: veicoli sicuri, nessuna multa
FCA

Fiat Chrysler Automobiles ha deciso di richiamare quasi 900mila vetture negli Stati Uniti, per l'esattezza 862.520. La mossa segue test sulle emissioni condotti dall'Agenzia per la protezione ambientale americana (l'Epa) e dall'azienda stessa come richiesto dalla legge. A dare l'annuncio è stata l'Epa, che "dà il benvenuto all'azione di Fiat Chrysler di richiamare volontariemente i suoi veicoli che non rispettano gli standard sulle emissioni Usa".

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

La senatrice Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la propria candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi del prossimo anno, con un video intitolato "Il coraggioso vince", che parte da un verso dell'inno nazionale (Di' dunque, sventola ancora la nostra bandiera adorna di stelle sulla terra dei liberi e la patria dei coraggiosi?) per affermare che il coraggio degli americani può aiutare il Paese a raggiungere risultati come il sistema sanitario universale, il congedo parentale per tutti e una nuova riforma per l'ambiente. "Abbiamo bisogno di un leader che faccia delle scelte notevoli e coraggiose. Qualcuno che non sia spaventato dal progresso. Ecco perché mi candido alla presidenza".

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Trump propone budget da 4.700 mld di dollari, Congresso pronto a bocciarlo

Chiede 8,6 miliardi aggiuntivi per il muro. A ottobre rischio shutdown

Il presidente americano, Donald Trump, ha presentato una proposta di budget per l'anno fiscale 2020 che vale 4.700 miliardi di dollari ma che rischia già in partenza di creare tensioni al Congresso, che deve approvare la manovra (la prima, firmata Trump, con una Camera controllata dall'opposizione democratica).

Boeing: "piena fiducia" nel 737 Max ma vari Paesi ne impediscono l'uso

Regno Unito, Francia e Germania tra le nazioni che puntano su sicurezza. Romney primo senatore Gop a chiedere lo stop all'uso del jet. L'aviazione civile Usa dalla parte del gruppo. Passeggeri preoccupati. Trump: aerei troppo complessi.

Messo sotto pressione dalle autorità dell'aviazione civile nel mondo, Boeing ha diffuso un comunicato difendendo la sicurezza dei suoi jet 737 Max, nei quali ha "piena fiducia".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Il presidente della Federcalcio statunitense, Carlos Cordeiro, ha manifestato la propria sorpresa, e quella dell'organizzazione che presiede, nel prendere atto della causa intentata dalle calciatrici della nazionale per discriminazione di genere. Cordeiro ha detto che non aveva mai sentito lamentele sull'accordo collettivo contrattato e firmato tra le due parti due anni fa.

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Parte lunedì il road show di Lyft per la sua Ipo, durante la quale cercherà di raccogliere fino a due miliardi di dollari, per arrivare a una valutazione di oltre 20 miliardi di dollari. Lyft dovrà cercare di convincere gli investitori a preferire la sua Ipo a quella di Uber, che dovrebbe lanciarla il prossimo mese.