Usa, le donne che lavorano sono più degli uomini

Solo dopo la recessione, tra il 2009 e il 2010, il numero di donne a libro paga aveva superato quello degli uomini. Il nuovo trend possibile grazie alla crescita di settori come sanità e istruzione rispetto a manifatturiero e minerario
Ap

Per la prima volta in dieci anni, negli Stati Uniti, il numero di donne a libro paga ha superato quello degli uomini, alla fine di un anno che, per la decima volta consecutiva, ha visto crescere gli occupati. È quanto emerge dal rapporto sull'occupazione nei settori non agricoli di dicembre, pubblicato venerdì. Le donne, lo scorso mese, rappresentavano il 50,04% dei lavoratori: erano, ovvero, 109.000 in più degli uomini (a novembre, le donne erano il 49,99% del totale). "Il rapporto [sull'occupazione] mostra con forza che le dinamiche del mercato del lavoro pendono in direzione delle donne" ha commentato Joe Brusuelas, capo economista di Rsm Us, in una nota ai clienti, riportata dal Wall Street Journal. "Cerchiamo spesso prove tangibili del cambiamento. Ora sono qui nei dati e possono essere usati come riferimento per misurare uguaglianza e disuguaglianza nella forza lavoro e nell'economia". È vero, però, che sono di più gli uomini che lavorano nel settore agricolo e come liberi professionisti.

Nel complesso, il mese scorso sono stati creati 145.000 posti di lavoro, mentre gli analisti ne attendevano 160.000; la quasi totalità, 139.000, è stata occupata da donne. La disoccupazione è rimasta al 3,5%, come previsto dagli esperti, ovvero ai minimi da 50 anni. I salari orari - attentamente monitorati perché indicano l'assenza o meno di pressioni inflative - sono aumentati rispetto al mese precedente di 0,03 dollari, lo 0,1%, a 28,32 dollari (stime +0,3%). Su base annuale sono saliti del 2,9%, il dato peggiore dal luglio 2018, in calo dal 3,1% del mese precedente (stime +3,1%). La durata della settimana media di lavoro è rimasta invariata a 34,3 ore. Il dato sulla partecipazione alla forza lavoro è rimasto invariato al 63,2%. A livello settoriale, il manifatturiero ha perso 12.000 posti di lavoro, mentre il miglior rialzo lo ha registrato il retail con +41.000 posti di lavoro.

Il divario tra uomini e donne nell'organico delle aziende è diminuito negli ultimi anni, riflesso della crescita in settori dove tradizionalmente lavorano maggiormente le donne, come l'istruzione e la sanità. "È davvero incredibile come sia profonda la segregazione sessuale nel mercato del lavoro" ha commentato Ariane Hegewisch, direttrice del programma di occupazione e reddito all'Institute for Women's Policy Research, al Wall Street Journal. A dicembre, per esempio, l'istruzione e la sanità hanno aggiunto 36.000 posti di lavoro rispetto a novembre, mentre nel settore minerario e manifatturiero, a predominanza maschile, sono stati persi nel complesso 21.000 posizioni. In generale, le donne, gli afroamericani, i latinoamericani e le persone con un livello d'istruzione più basso occupano settori meno pagati e vengono inoltre pagati meno dei colleghi maschi e bianchi.

Il sorpasso era stato compiuto per la prima volta nel giugno 2009 ed era durato fino all'aprile del 2010, dopo la recessione; poi, la ripresa dei settori manifatturiero e delle costruzioni aveva permesso agli uomini di tornare in maggioranza. La differenza tra uomini e donne è ancora evidente nel divario che persiste anche nella partecipazione alla forza lavoro: a dicembre, quella delle donne di età maggiore ai 16 anni era del 57,7%, contro il 69,2% degli uomini.

Nel complesso, nel 2019 sono stati creati 2,11 milioni di lavori, la crescita più lenta dal 2011 e inferiore, per esempio, ai 2,68 milioni del 2018. Gli ultimi dati probabilmente convinceranno la Federal Reserve a mantenere i tassi invariati nei prossimi mesi.

Nell'ultimo decennio, sono stati creati negli Stati Uniti 22,6 milioni di lavoro, un marcato cambiamento rispetto agli anni Duemila, quando il Paese perse quasi un milione di posizioni. In termini percentuali, comunque, gli anni '10 sono stati il secondo decennio più debole come crescita dell'occupazione dall'inizio delle registrazioni, risalente agli anni '40.

Altri Servizi

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

L'amministrazione Trump ha presentato le norme finali per allentare le misure sull'efficienza energetica delle autovetture volute da Barack Obama per contrastare il cambiamento climatico. I nuovi standard sono stati annunciati dal dipartimento dei trasporti e dall'Environmental Protection Agency (Epa), l'agenzia per l'ambiente.

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, ha dichiarato che il coronavirus "è più pericoloso" di quanto atteso; nell'ultima giornata, i casi sono aumentati del 14% a 75.795 e i morti sono aumentati del 27,2% da 1.218 a 1.550. "Abbiamo sottovalutato questo virus, è più potente e pericoloso di quanto pensassimo". "Tutti vogliono sapere una cosa: 'Quando finirà?'. Nessuno lo sa, ma posso dire che non sarà presto. Quindi ricalibrate voi stessi e le vostre aspettativ, cos" da non essere delusi ogni mattina, quando vi svegliate".

Wall Street, verso un'altra settimana volatile

Il presidente Trump 'rinuncia' a far ripartire gli Stati Uniti entro Pasqua
AP

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Trump e il coronavirus: tra salute pubblica ed economia si gioca il futuro da presidente

'The Donald' preme per far ripartire gli Stati Uniti al più presto, per paura che il crollo dell'economia possa costargli la rielezione. Potrebbe però far aggravare la crisi sanitaria, che non gli sarebbe perdonata dagli americani
General Electric

Quando il senatore Lindsey Graham ha chiamato il presidente Donald Trump, la scorsa domenica, è stato chiaro: se farai ripartire il Paese troppo presto, contro l'avviso degli esperti di salute pubblica, ti saranno addebitate le morti da nuovo coronavirus che seguiranno. Il senatore repubblicano, stretto alleato del presidente, gli ha anche detto che non sarà considerato l'unico responsabile: lo stesso partito repubblicano rischierebbe di essere incolpato di aver messo il commercio e i mercati azionari davanti alla salute degli americani, tra l'altro a pochi mesi dalle elezioni presidenziali. A raccontare la telefonata tra i due, al Washington Post, sono stati tre funzionari della Casa Bianca e un parlamentare repubblicano.

Coronavirus, oltre 2mila morti negli Stati Uniti. Trump rinuncia alla quarantena per New York

Il presidente americano impone delle limitazioni per provare a contenere i contagi dopo che negli Usa sono più di 120mila i casi
White House /Shealah Craighead

Donald Trump torna sui suoi passi e abbandona l’idea di mettere in quarantena gli stati di New York, New Jersey e Connecticut dopo che nelle ultime ore quest’idea, da lui stesso paventata, aveva riscosso non poche critiche. È lo stesso presidente americano a darne notizia su Twitter: "Su raccomandazione della Task Force Coronavirus della Casa Bianca e dopo essermi consultato con i governatori di New York, New Jersey e Connecticut, ho chiesto di limitare rigorosamente gli spostamenti nell'area, sotto il controllo degli stessi governatori, in consultazione con il Governo federale. Ma non sarà necessaria una quarantena", ha spiegato il tycoon.

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap

Coronavirus, Pelosi attacca Trump: "Il suo negazionismo è costato vite umane"

Attacco della speaker democratica al tycoon durante un’intervista alla Cnn
Ap

Coronavirus, Fauci: "Negli Usa temiamo milioni di casi, potremmo avere tra i 100mila e i 200mila morti"

Il celebre immunologo americano ha parlato alla Cnn dove ha spiegato che la capacità degli Usa di fare test è piuttosto debole
Flickr

Coronavirus, in California raddoppia in un giorno il numero di pazienti in terapia intensiva

Sono passati da 200 a 410 in meno di 24 ore, lo ha annunciato il governatore Gavin Newsom
Wikipedia