Usa: monta la preoccupazione per la Belt and Road Initiative cinese

Washington chiede maggiore trasparenza sull'eccesso di debito concesso a nazioni a basso reddito. Sotto sotto teme la crescente influenza di Pechino in Africa ed Eurasia
Xi Jinping AP

Gli Stati Uniti di Donald Trump hanno preso di mira la Cina, non solo sul fronte commerciale. Washington guarda con apparente preoccupazione alla "Belt and Road Initiative", l'iniziativa per lo sviluppo e le infrastrutture lanciata cinque anni fa, rivolta a una settantina di nazioni e pensata per fornire centinaia di miliardi di dollari di prestiti. La prima economia al mondo teme che la nazione asiatica e il suo presidente Xi Jinping vogliano ampliare la loro influenza nel mondo, specialmente in Africa e nell'Eurasia.

Il segretario americano al Tesoro ha chiesto al Fondo monetario internazionale e alla Banca Mondiale di lanciare un "piano di azione congiunto" per documentare con maggiore trasparenza l'eccesso di debito associato ai progetti infrastrutturali internazionali finanziati dalla Cina. Gli Stati Uniti, che delle due istituzioni sono il principale finanziatore, hanno chiaramente in mente la Belt and Road Initiative.

"Osserviamo sembre di più casi in cui [Paesi a basso reddito] hanno siglato prestiti in eccesso, e in modo insostenibile, con grandi creditori sovrani emergenti e spesso non trasparenti come la Cina e/o creditori privati", ha detto Steven Mnuchin nell'ambito degli Spring Meetings del Fondo monetario.

L'idea è che la Cina si sia mossa così rapidamente e su così grande scala nel lanciare progetti riguardanti strade, ponti, aeroporti eccetera che è difficile tenere traccia dell'ammontare dei prestiti concessi attraverso istituzioni controllate in un modo o nell'altro da Pechino.

L'invito arrivato da Mnuchin non dovrebbe stupire Christine Lagarde: il direttore generale del Fondo monetario si era recata in Cina una settimana prima di ospitare i lavori primaverili del suo istituto. Da là aveva messo in guardia contro i rischi associati alla nuova sorta di Silk Road. A Pechino, Lagarde disse che la Belt and Road Initiative può sì fornire le tanto necessarie infrastrutture ma può anche portare ad "aumenti problematici del debito, limitando potenzialmente altre spese a causa di un aumento del costo per finanziare il debito e provocando problemi nella bilancia dei pagamenti".

Il pensiero è andato a Gibuti, Tagikistan, Kirghizistan, Laos, Maldive e Mongolia. Secondo uno studio del Center for Global Development, presto la metà del loro debito con l'estero sarà associato alla Cina. "Nei Paesi dove il debito pubblico è già alto, una gestione attenta dei termini di finanziamento è cruciale", aveva detto Lagarde. "Ciò proteggerà sia la Cina sia i governi partner da accordi che causeranno difficoltà finanziarie future".

Secondo Mnuchin, Fmi e Banca Mondiale dovrebbero lavorare insieme per "ottenere più informazioni sul debito dei loro Paesi membri, per lanciare avvertimenti più chiari sulle mancanze delle analisi relative alla sostenibilità del debito e per potenziare quella sostenibilità attraverso il ricorso a limiti al debito". 

Dal canto suo il Fondo ha già annunciato i suoi sforzi a sostegno della Belt and Road Initiative. Da Pechino, Lagarde aveva annunciato l'apertura di un Capacity Development Center con cui aiutare a formare funzionari dedicati allo sviluppo in Cina e in altri Paesi. La Cina contribuirà con 50 milioni di dollari in cinque anni. Le lezioni sono già iniziate.

Quanto alla Banca Mondiale, nel corso degli Spring Meetings il presidente Jim Yong Kim ha affermato che "la Cina è stata e continuerà a essere un partner estremamente importante" dell'istituzione all'interno della quale "la sua voce si è alzata molto". Mentre si attende di capire se l'amministrazione Trump sosterrà un aumento di capitale da 13 miliardi di dollari della Banca Mondiale, magari ponendo la condizione di concedere meno denaro a Pechino, Kim ha voluto essere "chiaro": nell'ambito di quell'operazione "nessun Paese specifico è stato preso di mira" nel bene o nel male. L'intenzione è "porre l'accento sulla concessione di prestiti ai Paesi a basso e medio reddito...ma un aumento di capitale significa che possiamo fare di più anche per i Paesi a reddito medio-alto". A24-Spa

Da sinistra, Jim Yong Kim e Christine Lagarde World Bank
Altri Servizi
AP

L'irriverente Elon Musk riuscirà davvero a delistare la sua Tesla realizzando un buyout a debito piuttosto costoso? E' quello che si chiedono esperti e analisti all'indomani di una serie controversa di tweet in cui il fondatore e Ceo del produttore americano di auto elettriche ha annunciato che sta valutando se trasformare Tesla in un'azienda non più quotata acquistando le azioni in circolazione a 420 dollari, un'offerta che valuterebbe il gruppo 82 miliardi di dollari (debito incluso). Per ora una decisione finale non è stata presa ma Musk, ha poi detto ieri in un memo ai dipendenti, pensa che quella indicata sia la strada giusta da percorrere. Il cda del gruppo oggi ha ammesso che "la settimana scorsa" Musk ha iniziato a parlarne e che da allora il board "si è riunito varie volte e sta compiendo i passi appropriati per valutare" una simile mossa. Va notato tuttavia che sei sui nove membri del cda si sono sentiti in dovere di dire qualcosa. A non firmare la nota diffusa sono stati Musk, il fratello Kimbal e un venture capitalist. I dubbi del mercato su una simile operazione abbondano, visto che l'azienda ha un flusso di cassa negativo, non è redditizia (ma dovrebbe iniziare a esserlo dal trimestre in corso) e pur avendo finito il secondo trimestre con 2,2 miliardi di cash ha un debito di oltre 10 miliardi di dollari. C'è poi chi teme che l'autorità di borsa Usa, la Sec, possa accendere un faro sulle modalità scelte da Musk per comunicare le sue intenzioni.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade

Coca-Cola ha deciso di comprare una quota in BodyArmor, una start-up di bevande sportive tra i cui sostenitori figurano la stella americana del basket Kobe Bryant e altri atleti. Così facendo il colosso delle bibite punta a sfidare (e magari vincere contro) Gatorade, la bevanda per sportivi di proprietà di PepsiCo che domina il mercato di riferimento.

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock