Usa: monta la preoccupazione per la Belt and Road Initiative cinese

Washington chiede maggiore trasparenza sull'eccesso di debito concesso a nazioni a basso reddito. Sotto sotto teme la crescente influenza di Pechino in Africa ed Eurasia
Xi Jinping AP

Gli Stati Uniti di Donald Trump hanno preso di mira la Cina, non solo sul fronte commerciale. Washington guarda con apparente preoccupazione alla "Belt and Road Initiative", l'iniziativa per lo sviluppo e le infrastrutture lanciata cinque anni fa, rivolta a una settantina di nazioni e pensata per fornire centinaia di miliardi di dollari di prestiti. La prima economia al mondo teme che la nazione asiatica e il suo presidente Xi Jinping vogliano ampliare la loro influenza nel mondo, specialmente in Africa e nell'Eurasia.

Il segretario americano al Tesoro ha chiesto al Fondo monetario internazionale e alla Banca Mondiale di lanciare un "piano di azione congiunto" per documentare con maggiore trasparenza l'eccesso di debito associato ai progetti infrastrutturali internazionali finanziati dalla Cina. Gli Stati Uniti, che delle due istituzioni sono il principale finanziatore, hanno chiaramente in mente la Belt and Road Initiative.

"Osserviamo sembre di più casi in cui [Paesi a basso reddito] hanno siglato prestiti in eccesso, e in modo insostenibile, con grandi creditori sovrani emergenti e spesso non trasparenti come la Cina e/o creditori privati", ha detto Steven Mnuchin nell'ambito degli Spring Meetings del Fondo monetario.

L'idea è che la Cina si sia mossa così rapidamente e su così grande scala nel lanciare progetti riguardanti strade, ponti, aeroporti eccetera che è difficile tenere traccia dell'ammontare dei prestiti concessi attraverso istituzioni controllate in un modo o nell'altro da Pechino.

L'invito arrivato da Mnuchin non dovrebbe stupire Christine Lagarde: il direttore generale del Fondo monetario si era recata in Cina una settimana prima di ospitare i lavori primaverili del suo istituto. Da là aveva messo in guardia contro i rischi associati alla nuova sorta di Silk Road. A Pechino, Lagarde disse che la Belt and Road Initiative può sì fornire le tanto necessarie infrastrutture ma può anche portare ad "aumenti problematici del debito, limitando potenzialmente altre spese a causa di un aumento del costo per finanziare il debito e provocando problemi nella bilancia dei pagamenti".

Il pensiero è andato a Gibuti, Tagikistan, Kirghizistan, Laos, Maldive e Mongolia. Secondo uno studio del Center for Global Development, presto la metà del loro debito con l'estero sarà associato alla Cina. "Nei Paesi dove il debito pubblico è già alto, una gestione attenta dei termini di finanziamento è cruciale", aveva detto Lagarde. "Ciò proteggerà sia la Cina sia i governi partner da accordi che causeranno difficoltà finanziarie future".

Secondo Mnuchin, Fmi e Banca Mondiale dovrebbero lavorare insieme per "ottenere più informazioni sul debito dei loro Paesi membri, per lanciare avvertimenti più chiari sulle mancanze delle analisi relative alla sostenibilità del debito e per potenziare quella sostenibilità attraverso il ricorso a limiti al debito". 

Dal canto suo il Fondo ha già annunciato i suoi sforzi a sostegno della Belt and Road Initiative. Da Pechino, Lagarde aveva annunciato l'apertura di un Capacity Development Center con cui aiutare a formare funzionari dedicati allo sviluppo in Cina e in altri Paesi. La Cina contribuirà con 50 milioni di dollari in cinque anni. Le lezioni sono già iniziate.

Quanto alla Banca Mondiale, nel corso degli Spring Meetings il presidente Jim Yong Kim ha affermato che "la Cina è stata e continuerà a essere un partner estremamente importante" dell'istituzione all'interno della quale "la sua voce si è alzata molto". Mentre si attende di capire se l'amministrazione Trump sosterrà un aumento di capitale da 13 miliardi di dollari della Banca Mondiale, magari ponendo la condizione di concedere meno denaro a Pechino, Kim ha voluto essere "chiaro": nell'ambito di quell'operazione "nessun Paese specifico è stato preso di mira" nel bene o nel male. L'intenzione è "porre l'accento sulla concessione di prestiti ai Paesi a basso e medio reddito...ma un aumento di capitale significa che possiamo fare di più anche per i Paesi a reddito medio-alto". A24-Spa

Da sinistra, Jim Yong Kim e Christine Lagarde World Bank
Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta ai sussidi di disoccupazione

In programma anche il dato sulla vendita di case esistenti
iStock

Tiffany: i conti brillano, annuncia piano di buyback da 1 miliardo di dollari

Utili +53% a 142 milioni di dollari. Ricavi +15% a 1 miliardo. Outlook per il 2018 migliorato

Tiffany brilla nel pre-mercato, dove il titolo della catena di gioiellerie vola del 14,5% a 117,10 dollari. Il gruppo ha pubblicato conti che hanno battuto le stime sotto ogni punto di vista e ha annunciato un nuovo piano di riacquisto di titoli propri per 1 miliardo di dollari.

Trump valuta nuovi dazi sulle auto importate

Potrebbero arrivare fino al 25%. L'amministrazione Usa userebbe 'scuse' legate alla tutela della sicurezza nazionale
AP

L'amministrazione Trump sta valutando se imporre nuovi dazi, fino al 25%, sulle auto importate in Usa. La mossa di Washington sarebbe giustificata per motivi di sicurezza nazionale; si tratta degli stessi motivi con cui gli Stati Uniti hanno cercato di convincere - inutilmente - della bontà delle tariffe doganali pari a 25% sull'acciaio e al 10% sull'alluminio scattate il 23 marzo scorso con alcune eccezioni. La Ue, per esempio, ne è stata esonerata fino al primo giugno. Anche Canada e Messico non sono soggetti alla misura sui metalli importati in Usa mentre negoziano sul Nafta.

Donald Trump chiede l'apertura di un'inchiesta sull'Fbi

Il tycoon domanderà al Dipartimento di Giustizia di accertare eventuali infiltrazioni durante la sua campagna del 2016

Donald Trump ha chiesto al Dipartimento di Giustizia americano di aprire un'indagine per verificare se l’Fbi, o lo stesso Dipartimento, si siano infiltrati nella sua campagna nel 2016. Il presidente americano lo ha scritto su Twitter dopo altri cinguetii domenicali in cui ha attaccato nuovamente la stampa e Hillary Clinton.

McDonald's travolto da accuse di molestie sessuali in Usa

Le hanno lanciate dieci donne. Il gruppo le prende "molto seriamente"
iStock

L'ondata di molestie sessuali che ha travolto Hollywood, Capitol Hill e il mondo dei media è arrivata anche nel colosso mondiale del fast-food McDonald's.

Fca: per Hsbc, Marchionne prepara il "gran finale"

Gli analisti avviano la copertura del titolo consigliando di comprarlo. Arriverà a 23 euro. Possibile il raggiungimento dei target 2018 e una revisione al rialzo delle stime sugli utili

Fiat Chrysler Automobiles ha corso a Wall Street, dove il titolo del produttore di auto ha registrato un +1,3% a 22,62 dollari ma era arrivato fino a 22,91 dollari. A Piazza Affari l'azione ha guadagnato l'1,66% a 19,35 euro.

Wall Street digerisce bene le minute della Fed

Banca centrale disposta a fare correre per un po' l'inflazione sopra il 2%. Ma le incertezze fiscali e commerciali pesano sulla fiducia delle aziende
iStock

Una donna alla presidenza del Nyse, prima volta in 226 anni

Stacey Cunningham è attualmente direttore operativo. Sostituisce Thomas Farley
ICE

Per la prima volta nei suoi 226 anni di storia, il New York Stock Exchange ha affidato la presidenza a una donna. Si tratta di Stacey Cunningham, attualmente direttore operativo del cosiddetto 'Big Board'.

Congresso Usa smantella riforma finanziaria post-crisi in favore delle banche più piccole

Alzato a 250 miliardi di dollari da 50 miliardi il valore degli asset che un istituto di credito deve avere per essere soggetto alle regole più severe

Dopo quasi due mesi, anche la Camera Usa ha spianato la strada a un indebolimento della regolamentazione bancaria entrata in vigore dopo la crisi del 2008.

Usa ritirano invito fatto alla Cina per partecipare a esercitazione militare

Si chiama Rimpac, coinvolge 27 nazioni ed è prevista nel Pacifico a giugno. Washington contro la militarizzazione delle isole controverse nel Mar Cinese Meridionale
U.S. Department of Defense

Gli Stati Uniti hanno ritirato l'invito fatto alla Cina di partecipare a una esercitazione militare internazionale prevista il mese prossimo nell'Oceano Pacifico. Così facendo il Pentagono ha lanciato a Pechino un segnale di disapprovazione per quello che Washington considera un rifiuto a fermare la militarizzazione delle isole controverse nel Mar Cinese Meridionale. Il tutto succede mentre la prima e la seconda economia al mondo trattano per evitare una guerra commerciale.