Usa, primo test per Trump: il Senato discute la nomina di Sessions

Una commissione riunita per valutare la sua nomina a segretario alla Giustizia. Il senatore è accusato di razzismo e per questo motivo la sua candidatura a giudice federale fu bocciata nel 1986
Ap

Il primo grande test per la nuova amministrazione Trump è in corso ora, dato che al Senato statunitense è cominciata l'audizione per la conferma come segretario alla Giustizia del senatore Jeff Sessions. Sarà probabilmente la nomina più discussa e attaccata dai democratici, che per dimostrare l'inadeguatezza di Sessions punteranno sul suo passato, quando fu accusato di razzismo.

Prima dell'inizio dell'audizione in commissione Giustizia, al momento dell'ingresso di Sessions in aula, numerose persone hanno protestato, mostrando cartelli contro la "xenofobia" e il "razzismo". Due persone, vestite come membri del Ku Klux Klan - organizzazione razzista - sono state arrestate.

Sessions, nel suo discorso di apertura, si è difeso dalle accuse di razzismo davanti alla commissione Giustizia del Senato, nel corso dell'audizione per la sua conferma. Nel suo discorso di apertura, ha dichiarato: "Sono stato accusato nel 1986 di non aver protetto il diritto di voto degli afroamericani e anche di aver nutrito simpatie per il Ku Klux Klan. Queste sono accuse false". Poi, ha tracciato alcuni punti della sua agenda. "Se sarò confermato, perseguiremo sistematicamente i criminali che usano le armi [...] e quelli che violano ripetutamente i nostri confini". "Mi impegno a rendere il dipartimento di Giustizia una forza unificatrice per migliorare le relazioni tra la polizia e le comunità. Il dipartimento di Giustizia non deve mai venir meno nel proteggere i diritti civili di ogni americano, in particolare dei più vulnerabili".

In caso di indagini su Hillary Clinton, che potrebbero essere aperte in merito alla fondazione di famiglia e all'uso di un server privato di posta elettronica quando era segretario di Stato, Sessions sarebbe pronto a "ricusarsi". Il senatore, scelto dal presidente eletto, Donald Trump, come prossimo segretario alla Giustizia, lo ha detto durante l'audizione alla commissione Giustizia del Senato dedicata alla sua conferma. Sessions ha detto di essere d'accordo con il senatore repubblicano Chuck Grassley, secondo cui i suoi commenti molto duri, in campagna elettorale, su Clinton potrebbero mettere in dubbio la sua imparzialità. Trump ha più volte minacciato l'apertura di nuove indagini approfondite sull'ex rivale alle presidenziali.

Sessions ha poi detto che "non sosterrà una legge che vieti ai musulmani di venire in America". Tra le proposte sostenute da Trump in campagna elettorale, c'era quella di proibire provvisoriamente ai musulmani l'ingresso negli Stati Uniti per ragioni di sicurezza. Sessions ha assicurato che, da segretario alla Giustizia, rispetterà le sentenze della Corte Suprema a sostegno dell'aborto e dei matrimoni tra persone dello stesso sesso. Per quanto riguarda le accuse di razzismo contro di lui, ha detto di "aborrire" il Ku Klux Klan, "quello che rappresenta e la sua ideologia d'odio", e di non aver mai definito come "antiamericana" la National Association for the Advancement of the Colored People, organizzazione che si batte per i diritti degli afroamericani.

Non ci sono, in realtà, grossi dubbi sul fatto che la nomina di Sessions sarà confermata. Il presidente eletto, Donald Trump, non si accontenta però di una semplice conferma: vuoi che il senatore emerga indenne dall'audizione, in modo che abbia le mani libere per mettere in atto la sua agenda politica da segretario alla Giustizia nonostante il controverso passato. Per farlo, secondo Politico, lo staff di Trump e i senatori repubblicani hanno preparato una strategia per far emergere i legami di Sessions con i moderati repubblicani e democratici e gli sforzi compiuti per far approvare delle leggi con un sostegno bipartisan.

Prima di entrare in Congresso con il partito repubblicano nel 1997, Sessions è stato l'attorney general dell'Alabama; nel 1986, l'allora presidente Ronald Reagan lo voleva come giudice federale, ma la sua nomina fu bocciata dalla commissione Giustizia del Senato (controllata dai repubblicani) perché accusato di razzismo, facendone il secondo giudice in 50 anni non confermato dal Congresso. Sessions era stato accusato di aver definito la National Association for the Advancement of the Colored People, la Southern Christian Leadership Conference e altri autorevoli gruppi che si battono per i diritti delle minoranze come "antiamericani" e "ispirati dal comunismo" e di aver detto che "il Ku Klux Klan andava bene", finché non aveva scoperto che c'erano nel gruppo molti "fumatori di marijuana"; Sessions si è sempre difeso, definendola una battuta. Le accuse sono state formulate in gran parte, ma non solo, da quello che allora era il suo vice.

Altri Servizi

Nella Casa Bianca ci sono due 'talpe' (volute?)

Secondo il Nyt, hanno consegnato materiale top secret al leader di una commisione che sta indagando sul Russiagate e che aveva annunciato intercettazioni "accidentali" di Trump e del suo staff dopo le elezioni presidenziali

Un paio di funzionari della Casa Bianca ha giocato un ruolo chiave nel fornire a Devin Nunes rapporti di intelligence che mostravano come Donald Trump e il suo staff fossero stati intercettati "accidentalmente" dalle spie americane durante la transizione tra l'inizio della sua amministrazione e la fine di quella di Barack Obama. Lo scrive il New York Times facendo riferimento al deputato repubblicano della California che presiede la commissione Intelligence alla Camera, quella che teoricamente dovrebbe condurre una inchiesta indipendente sulla presunta interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali dello scorso 8 novembre (c'è una stessa commissione al Senato che a sua volta sta indagando). Nunes è stato travolto dalle polemiche per avere discusso di quelle intercettazioni con Trump prima ancora che con i membri della commissione stessa.

Nel mirino dei russi finiscono anche i repubblicani Rubio e Ryan

Il senatore della Florida preso di mira da hacker. Lo speaker della Camera oggetto di una campagna negativa sui social
AP

Mentre negli Stati Uniti procede, non senza sorprese, l'indagine del Congresso sulla presunta interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali Usa, è giunta notizia che uno degli sfidanti di Donald Trump nella corsa verso la Casa Bianca è stato colpito da hacker russi. Si tratta del senatore Marco Rubio, che ne ha dato notizia ieri in una testimonianza alla commissione Intelligence del Senato. Poco prima, un esperto sul Cremlino aveva spiegato davanti alla stessa commissione che Rubio e Paul Ryan, lo speaker repubblicano alla Camera, sono stati presi di mira da una campagna russa sui social media volta a screditarli.

Economia Usa cresce a passo più rapido, Pil rivisto a +2,1%

Insieme al dato sul Pil sono stati diffusi i numeri sui profitti aziendali, che hanno guadagnato slancio negli ultimi mesi del 2016, mentre più in generale la crescita economica è rimasta costante, ma modesta.
Shutterstock

L'economia americana è cresciuta nel quarto trimestre a passo più rapido di quanto inizialmente anticipato. E' quanto emerge dalla lettura finale del dato diffuso dal dipartimento al Commercio americano, secondo cui il Pil è cresciuto del 2,1%, contro l'1,9% della stima preliminare e di quella intermedia. Il dato è superiore alle previsioni degli analisti, che attendevano una revisione al rialzo e un'espansione del 2%. Il Pil era salito del 3,5% nel terzo trimestre, dell'1,4% nel secondo e dello 0,8% nel primo.

Wall Street guarda al fronte economico Usa

Focus sul Pil Usa e sulle notizie dal fronte del lavoro, con le richieste di sussidi di disoccupazione.
AP

Boom attività M&A in Europa (+16% nel primo trimestre), società Usa protagoniste

Le società europee fanno gola alle controparti internazionali, soprattutto americane, che si sono buttate sul mercato a caccia di affari sulla scia del rally azionario seguito alla vittoria di Donald Trump alle presidenziali dello scorso novembre.
AP

Le società europee fanno gola alle controparti internazionali, soprattutto americane, che si sono buttate sul mercato a caccia di affari sulla scia del rally azionario seguito alla vittoria di Donald Trump alle presidenziali dello scorso novembre. Da capire se lo slancio continuerà nei prossimi mesi, visto anche il rallentamento delle ultime sedute, ma per il momento i dati lasciano poco spazio ai dubbi: stando ai dati di Thomson Reuters, riportati dal Financial Times, nel primo trimestre 2017 le operazioni di fusione e acquisizione in Europa hanno complessivamente toccato i 215,3 miliardi di dollari, in rialzo del 16% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e il massimo dal 2008 per il periodo nella regione.

La serie tratta da "L'amica geniale" di Elena Ferrante coprodotta da Rai e Hbo

Le riprese inizieranno d'estate e saranno in italiano. Dopo "The Young Pope", il canale di Time Warner torna in Italia

A trasmettere negli Stati Uniti la serie tv tratta dal primo libro della tetralogia de "L'amica geniale" di Elena Ferrante sarà Hbo. La serie, di cui si parla da mesi e che inizierà a essere girata quest'estate in Italia, vedrà alla regia Saverio Costanzo e sarà una co-produzione di Rai e Hbo a cui lavoreranno le case di produzione italiane Fandango e Wildside (quest'ultima è già dietro al successo di "The Young Pope").

La Casa Bianca dice no a un incontro Trump-Putin a maggio

Il Cremlino aveva proposto di approfittare della presenza in Europa del presidente Usa, che parteciperà al vertice della Nato in Belgio. Difficile un faccia a faccia prima del G20 di luglio in Germania
iStock

Chi credeva in un miglioramento immediato delle relazioni tra la Russia e gli Stati Uniti con l'arrivo di Donald Trump alla presidenza americana, forse si deve ricredere. Stando al Wall Street Journal, la Casa Bianca ha detto no alla proposta avanzata da funzionari russi di un faccia a faccia tra il 45esimo Commander in chief e il presidente Vladimir Putin a fine maggio, approfittando della partecipazione del presidente Usa al vertice Nato previsto il 25 maggio a Bruxelles (Belgio).

Muslim ban, il divieto di Trump colpirebbe soprattutto l'Iran

Il 55% dei visti relativi ai 6 Paesi colpiti dal presidente è stato concesso nel 2016 ai cittadini della Repubblica islamica. Tra i nove Paesi con più visti negati, lo scorso anno, assenti quelli scelti dal miliardario
AP

L'emissione di visti per i cittadini di Iran, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen sarebbe sospesa per 90 giorni, se il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, riuscisse a vincere la battaglia legale che riguarda il suo ordine esecutivo sul 'travel ban', giustificato con motivi di sicurezza nazionale. Il Paese più colpito sarebbe l'Iran, secondo i dati raccolti da MarketWatch.

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Ivanka Trump 'assunta' alla Casa Bianca

La "first daughter" diventa una dipendente non federale non retribuita come il marito, consigliere di Donald
AP

Ivanka Trump ha deciso di formalizzare il suo ruolo alla Casa Bianca confermando di essere una "first daughter" con una visibilità certamente maggiore della first lady, Melania. La figlia maggiore del presidente americano Donald diventa ufficialmente un dipendente federale non retribuito andando a unirsi al marito Jared Kushner, consigliere del presidente e a sua volta non pagato al civico 1600 di Pennsylvania Avenue a Washington.