Usa pronti a fare scattare dazi contro la Cina

Attese ritorsioni da Pechino. Guerra commerciale più vicina

Nel giro di qualche giorno gli Stati Uniti si preparano a imporre dazi del 25% - già preannunciati - su prodotti tecnologici cinesi per 50 miliardi di dollari. Il mese scorso l'amministrazione Trump aveva detto che il 15 giugno, domani, avrebbe diffuso un elenco di articoli importati dalla seconda economia al mondo sui cui verranno imposte tariffe doganali in risposta a quelli che Washington considera continui furti di proprietà intellettuale da parte di Pechino.

La parola finale spetta al presidente americano Donald Trump, che secondo varie indiscrezioni di stampa oggi dovrebbe incontrare i suoi consiglieri per decidere il da farsi. Se, come sembra, gli Usa decidessero di tirare dritto con i loro piani, una guerra commerciale tra le due maggiori potenze mondiali diventerebbe sempre più vicina.

Tecnicamente l'America avrebbe 30 giorni di tempo per imporre i dazi dalla pubblicazione dell'elenco di prodotti presi di mira ma sembra che l'amministrazione voglia agire con rapidità e che in alcuni casi le tariffe doganali potrebbero scattare già domani.

Mentre la Casa Bianca sta cercando di ostacolare i piani del Senato, che vorrebbe fare saltare il salvataggio di fatto dell'azienda cinese ZTE, Trump potrebbe però decidere di prendere tempo. Reduce dal suo summit con il leader nordcoreano Kim Jong Un, il presidente americano potrebbe temporeggiare per non innervosire la sua controparte cinese, Xi Jinping. Trump sa che un successo dei negoziati con Pyongyang dipende anche da Pechino.

Alla fine del terzo round di negoziati commerciali di inizio mese, la Cina aveva avvertito gli Usa che lo scatto dei dazi si sarebbe tradotto nella fine delle trattative (che tericamente dovrebbero continuare durante l'estate). La Cina aveva teso la mano agli Usa proponendo di comprare quasi 70 miliardi di dollari di prodotti agricoli ed energetici.

Altri Servizi

Wall Street, occhi su Fomc e Onu

Inizia la riunione del Federal Open Market Committee, Trump parla all'Assemblea generale
iStock

La Ue gioca d'anticipo sugli Usa, le aziende potranno fare business con l'Iran

Mogherini da New York: verrà creato un 'veicolo speciale' per continuare ad avere a che fare con una nazione che Trump si prepara a punire con nuove sanzioni. Obiettivo: salvare lo storico accordo sul nucleare da cui l'America si è ritirata

L'Unione europea ha preso ulteriormente le distanze da Donald Trump, che lo scorso maggio aveva annunciato il ritiro "unilaterale" degli Stati Uniti dallo storico accordo sul nucleare italiano siglato nell'estate 2015 e che il novembre prossimo imporrà un secondo round di sanzioni contro il settore energetico di Teheran.

Facebook: i due cofondatori di Instagram se ne vanno

Nel 2012 vendettero la app di condivisione di foto per 1 miliardo di dollari. Ora pensano alla loro prossima avventura

I due cofondatori di Instagram, la app per la condivisione di immagini acquistata da Facebook nel 2012 per 1 miliardo di dollari, hanno dato le dimissioni.

L'Air Force Usa sceglie Boeing e Leonardo, commessa da 2,4 mld di dollari per 84 elicotteri

Il Pentagono vuole l'elicottero MH-139, la versione a uso militare del commerciale AW139 prodotto dall'azienda italiana. Battute Lockheed Martin e Sierra Nevada
Leonardo

Boeing, in qualità di prime contractor, e Leonardo si sono aggiudicati una commessa da 2,4 miliardi di dollari per fornire all'Aeronautica militare statunitense fino a 84 esemplari dell'elicottero MH-139, la versione a uso militare del commerciale AW139 prodotto a Philadelphia (Pennsylvania).

Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Trump attacca l'Opec: "Ci frega"

Il presidente Usa torna ad attaccare il cartello dei paesi produttori di greggio: "Prezzi troppo alti"

Per la seconda volta in cinque giorni, il presidente americano Donald Trump è tornato ad attaccare l'Opec, accusato di "fregare" gli Stati Uniti e il resto del mondo. "Questo non mi piace e non dovrebbe piacere a nessuno", ha affermato il leader Usa suscitando nuovi mugugni nella platea dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, alla quale si è rivolto per la seconda volta da quando ha messo piede alla Casa Bianca nel gennaio 2017.

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema