Usa, Regno Unito e Francia attaccano la Siria. Putin condanna e chiede l'intervento dell'Onu

Operazione mirata per mandare un segnale ad Assad, senza scatenare la reazione militare di Russia e Iran. Trump al Cremlino: "Che razza di Paese vuole essere associato con l'assassinio di massa di uomini, donne e bambini innocenti?"

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno lanciato nella notte degli attacchi contro obiettivi mirati in Siria, per punire il presidente Bashar al-Assad per il presunto uso di armi chimiche contro la popolazione di Douma. L'operazione statunitense in Siria, ha riferito un alto funzionario della Casa Bianca alla Cnn, "non è finita"; anche altri due responsabili dell'amministrazione hanno riferito alla tv americana che la reazione militare agli attacchi chimici non è terminata. "Nel piano sono stati inseriti molti elementi di flessibilità per consentire ulteriori attacchi, basati su quello che è stato colpito stanotte" ha aggiunto il funzionario.

Il segretario alla Difesa, Jim Mattis, ha detto che quella di stanotte "al momento" è un'operazione circoscritta e lanciata per "mandare un messaggio forte volto a dissuadere [Assad] dal farlo di nuovo [un attacco con armi chimiche]". Si è trattato di un attacco mirato di più ampia portata rispetto a quello di un anno fa, ma pur sempre di un'operazione contenuta, evidentemente calcolata per evitare di provocare la risposta militare degli alleati di Assad, Iran e Russia, dando al tempo stesso un chiaro segnale al presidente siriano.

 

L'attacco

Per la seconda volta nel giro di un anno, Donald Trump ha ordinato un'azione militare in Siria. Con lo stesso obiettivo dichiarato di punire l'uso di armi chimiche del governo siriano contro la popolazione civile, gli Stati Uniti, la Francia e il Regno Unito hanno lanciato attacchi aerei contro la nazione mediorientale.

Stando al Pentagono, i target dell'azione coordinata includono un centro di ricerca scientifico vicino alla capitale siriana, un magazzino di armi chimiche nei pressi di Homs e un non lontano posto di comando. L'anno scorso era stata presa di mira solo una base aerea siriana. Questi target sono stati scelti in base alla loro "importanza" nell'ambito del programma chimico siriano e del luogo, per evitare effetti collaterali.

A dare l'annuncio dell'azione coordinata tra Washington, Parigi e Londra è stato il presidente Trump. In un messaggio video alla nazione, il leader nordamericano ha fatto riferimento al presidente siriano, il "dittatore" Bashar al-Assad, e all'ultimo presunto attacco chimico dicendo "queste non sono le azioni di un uomo. Sono piuttosto crimini di un mostro". Lui che soltanto la settimana scorsa sembrava pronto a portare a casa i 2.000 soldati presenti in Siria, ha dichiarato che gli Stati Uniti "sono pronti ad agire in questo modo fino a quando il regime siriano non smetterà di usare sostanze chimiche proibite".

Anche Theresa May, il premier del Regno Unito, ha dichiarato: "Non si tratta di intervenire nella guerra civile. Non si tratta di cambiare regime. Si tratta di un attacco limitato e mirato che non alimenta ulteriormente le tensioni nella regione e che fa il possibile per prevenire vittime civili". Stando a Mattis, l'attacco è stato "preciso, proporzionato e pesante[...] è stato usato un numero doppio di armi rispetto allo scorso anno", quando Trump diede il via al lancio di 59 missili Tomahawk.

La tv di Stato siriana ha riferito che 13 missili sono stati abbattuti a Sud di Damasco per contrastare "l'aggressione americana". La Russia - l'alleata di Damasco convinta, insieme a vari osservatori, che un attacco chimico a Douma non ci sia stato e che i video e le immagini fatti circolare siano stati creati ad hoc - non ha fatto attendere la sua risposta: su Facebook, l'ambasciatore russo in Stati Uniti, Anataloy Antonov, ha scritto che "azioni simili avranno conseguenze". Antonov ha aggiunto che "gli Stati Uniti - il più grande possessore di un arsenale di armi chimiche - non hanno alcun diritto morale di puntare il dito contro altre nazioni".

Ora resta da vedere come il Cremlino - già sanzionato per la sua presunta interferenza nelle elezioni presidenziali Usa - intende reagire insieme a Damasco. Il generale James F. Dunford Jr, il capo dello Stato maggiore congiunto, l'ufficiale militare di rango più elevato delle forze armate statunitensi, ha detto in conferenza stampa che la Russia era stata avvertita dell'attacco sulla Siria attraverso gli stessi canali di comunicazione usati negli ultimi giorni. A Mosca non erano stati forniti dettagli sui target presi di mira, ma era stato spiegato quale spazio aereo Usa e alleati avrebbero usato. Chiaramente gli Stati Uniti volevano evitare di colpire le forze russe in Siria.

 

Le reazioni

Il regime siriano ha denunciato "l'aggressione barbara e brutale" dei Paesi occidentali. "La guerra condotta dagli Stati uniti contro la Siria, contro i popoli della regione e i suoi movimenti di resistenza, non raggiungerà i suoi obiettivi" si legge in un comunicato di Hezbollah, alleati del presidente siriano Bashar al-Assad.

La Russia ha condannato "con la massima fermezza" i raid sulla Siria a opera di Usa, Francia e Regno Unito, un'aggressione "in violazione della carta Onu e del diritto internazionale". Lo afferma in una nota il presidente russo, Vladimir Putin, che chiede una riunione d'urgenza del Consiglio di sicurezza dell'Onu per "discutere dell'aggressione degli Usa e dei suoi alleati contro la Siria". In precedenza, la Russia aveva reso noto che la Difesa aerea siriana ha intercettato tutti e 12 i missili cruise che erano stati lanciati contro l'aeroporto militare di Dumayr. Mosca, principale alleato di Damasco, ha sottolineato che le unità di difesa russe in Siria non sono state coinvolte nell'azione di respingimento dei raid.

Israele ha definito "legittima" l'operazione militare degli Stati Uniti in Siria, affermando che il regime di Damasco continua le sue "azioni mortali". "L'anno scorso il presidente americano Donald Trump ha fatto capire che l'uso di armi chimiche equivale a superare una linea rossa. Questa notte Usa, Francia e Gran Bretagna hanno agito di conseguenza" ha spiegato un responsabile israeliano rimasto anonimo.

 

L'annuncio di Trump e le accuse a Mosca

Nel discorso con cui ha annunciato i raid militari, Trump si è rivolto a Russia e Iran, principali alleati di Damasco: "Che razza di Paese vuole essere associato con l'assassinio di massa di uomini, donne e bambini innocenti? Le nazioni possono essere giudicate dagli amici che hanno". "Nel 2013, il presidente Putin e il suo governo promisero al mondo che avrebbero garantito l'eliminazione delle armi chimiche in Siria. Il recente attacco di Assad e la risposta di oggi sono il diretto risultato del fallimento della Russia nel mantenere la sua parola". "La Russia - ha aggiunto Trump - deve decidere se continuare lungo questo oscuro percorso o se si unirà alle nazioni civilizzate come forza per la stabilità e la pace".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa

Pfizer ha deciso di rinviare il rincaro di decine di farmaci, dopo le critiche ricevute dal presidente statunitense, Donald Trump. Il colosso farmaceutico ha annunciato "il ritorno ai prezzi precedenti al primo luglio per dare al presidente l'opportunità di lavorare al suo piano" per ridurre i prezzi dei farmaci; la decisione è stata presa dopo un colloquio tra l'amministratore delegato, Ian Read, e il presidente.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

AP

Il progetto della premier britannica Theresa May di mantenere una stretta relazione economica con l'Unione Europea dopo la Brexit "ucciderà probabilmente" la possibilità di chiudere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un'intervista al tabloid britannico Sun che sta facendo discutere da ore. Poi, il passo indietro non appena arrivato a Chequers, la residenza di campagna del primo ministro del Regno Unito, che si trova a Ellesborough.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.