Usa, Regno Unito e Francia attaccano la Siria. Putin condanna e chiede l'intervento dell'Onu

Operazione mirata per mandare un segnale ad Assad, senza scatenare la reazione militare di Russia e Iran. Trump al Cremlino: "Che razza di Paese vuole essere associato con l'assassinio di massa di uomini, donne e bambini innocenti?"

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno lanciato nella notte degli attacchi contro obiettivi mirati in Siria, per punire il presidente Bashar al-Assad per il presunto uso di armi chimiche contro la popolazione di Douma. L'operazione statunitense in Siria, ha riferito un alto funzionario della Casa Bianca alla Cnn, "non è finita"; anche altri due responsabili dell'amministrazione hanno riferito alla tv americana che la reazione militare agli attacchi chimici non è terminata. "Nel piano sono stati inseriti molti elementi di flessibilità per consentire ulteriori attacchi, basati su quello che è stato colpito stanotte" ha aggiunto il funzionario.

Il segretario alla Difesa, Jim Mattis, ha detto che quella di stanotte "al momento" è un'operazione circoscritta e lanciata per "mandare un messaggio forte volto a dissuadere [Assad] dal farlo di nuovo [un attacco con armi chimiche]". Si è trattato di un attacco mirato di più ampia portata rispetto a quello di un anno fa, ma pur sempre di un'operazione contenuta, evidentemente calcolata per evitare di provocare la risposta militare degli alleati di Assad, Iran e Russia, dando al tempo stesso un chiaro segnale al presidente siriano.

 

L'attacco

Per la seconda volta nel giro di un anno, Donald Trump ha ordinato un'azione militare in Siria. Con lo stesso obiettivo dichiarato di punire l'uso di armi chimiche del governo siriano contro la popolazione civile, gli Stati Uniti, la Francia e il Regno Unito hanno lanciato attacchi aerei contro la nazione mediorientale.

Stando al Pentagono, i target dell'azione coordinata includono un centro di ricerca scientifico vicino alla capitale siriana, un magazzino di armi chimiche nei pressi di Homs e un non lontano posto di comando. L'anno scorso era stata presa di mira solo una base aerea siriana. Questi target sono stati scelti in base alla loro "importanza" nell'ambito del programma chimico siriano e del luogo, per evitare effetti collaterali.

A dare l'annuncio dell'azione coordinata tra Washington, Parigi e Londra è stato il presidente Trump. In un messaggio video alla nazione, il leader nordamericano ha fatto riferimento al presidente siriano, il "dittatore" Bashar al-Assad, e all'ultimo presunto attacco chimico dicendo "queste non sono le azioni di un uomo. Sono piuttosto crimini di un mostro". Lui che soltanto la settimana scorsa sembrava pronto a portare a casa i 2.000 soldati presenti in Siria, ha dichiarato che gli Stati Uniti "sono pronti ad agire in questo modo fino a quando il regime siriano non smetterà di usare sostanze chimiche proibite".

Anche Theresa May, il premier del Regno Unito, ha dichiarato: "Non si tratta di intervenire nella guerra civile. Non si tratta di cambiare regime. Si tratta di un attacco limitato e mirato che non alimenta ulteriormente le tensioni nella regione e che fa il possibile per prevenire vittime civili". Stando a Mattis, l'attacco è stato "preciso, proporzionato e pesante[...] è stato usato un numero doppio di armi rispetto allo scorso anno", quando Trump diede il via al lancio di 59 missili Tomahawk.

La tv di Stato siriana ha riferito che 13 missili sono stati abbattuti a Sud di Damasco per contrastare "l'aggressione americana". La Russia - l'alleata di Damasco convinta, insieme a vari osservatori, che un attacco chimico a Douma non ci sia stato e che i video e le immagini fatti circolare siano stati creati ad hoc - non ha fatto attendere la sua risposta: su Facebook, l'ambasciatore russo in Stati Uniti, Anataloy Antonov, ha scritto che "azioni simili avranno conseguenze". Antonov ha aggiunto che "gli Stati Uniti - il più grande possessore di un arsenale di armi chimiche - non hanno alcun diritto morale di puntare il dito contro altre nazioni".

Ora resta da vedere come il Cremlino - già sanzionato per la sua presunta interferenza nelle elezioni presidenziali Usa - intende reagire insieme a Damasco. Il generale James F. Dunford Jr, il capo dello Stato maggiore congiunto, l'ufficiale militare di rango più elevato delle forze armate statunitensi, ha detto in conferenza stampa che la Russia era stata avvertita dell'attacco sulla Siria attraverso gli stessi canali di comunicazione usati negli ultimi giorni. A Mosca non erano stati forniti dettagli sui target presi di mira, ma era stato spiegato quale spazio aereo Usa e alleati avrebbero usato. Chiaramente gli Stati Uniti volevano evitare di colpire le forze russe in Siria.

 

Le reazioni

Il regime siriano ha denunciato "l'aggressione barbara e brutale" dei Paesi occidentali. "La guerra condotta dagli Stati uniti contro la Siria, contro i popoli della regione e i suoi movimenti di resistenza, non raggiungerà i suoi obiettivi" si legge in un comunicato di Hezbollah, alleati del presidente siriano Bashar al-Assad.

La Russia ha condannato "con la massima fermezza" i raid sulla Siria a opera di Usa, Francia e Regno Unito, un'aggressione "in violazione della carta Onu e del diritto internazionale". Lo afferma in una nota il presidente russo, Vladimir Putin, che chiede una riunione d'urgenza del Consiglio di sicurezza dell'Onu per "discutere dell'aggressione degli Usa e dei suoi alleati contro la Siria". In precedenza, la Russia aveva reso noto che la Difesa aerea siriana ha intercettato tutti e 12 i missili cruise che erano stati lanciati contro l'aeroporto militare di Dumayr. Mosca, principale alleato di Damasco, ha sottolineato che le unità di difesa russe in Siria non sono state coinvolte nell'azione di respingimento dei raid.

Israele ha definito "legittima" l'operazione militare degli Stati Uniti in Siria, affermando che il regime di Damasco continua le sue "azioni mortali". "L'anno scorso il presidente americano Donald Trump ha fatto capire che l'uso di armi chimiche equivale a superare una linea rossa. Questa notte Usa, Francia e Gran Bretagna hanno agito di conseguenza" ha spiegato un responsabile israeliano rimasto anonimo.

 

L'annuncio di Trump e le accuse a Mosca

Nel discorso con cui ha annunciato i raid militari, Trump si è rivolto a Russia e Iran, principali alleati di Damasco: "Che razza di Paese vuole essere associato con l'assassinio di massa di uomini, donne e bambini innocenti? Le nazioni possono essere giudicate dagli amici che hanno". "Nel 2013, il presidente Putin e il suo governo promisero al mondo che avrebbero garantito l'eliminazione delle armi chimiche in Siria. Il recente attacco di Assad e la risposta di oggi sono il diretto risultato del fallimento della Russia nel mantenere la sua parola". "La Russia - ha aggiunto Trump - deve decidere se continuare lungo questo oscuro percorso o se si unirà alle nazioni civilizzate come forza per la stabilità e la pace".

Altri Servizi

Dazi, la Cina cancella la ripresa dei negoziati commerciali con gli Usa

Washington e Pechino continuano a fronteggiarsi a colpi di imposte, ma la Cina "ha finito i proiettili". Colpire le aziende statunitensi nel Paese sarebbe un rischio troppo grande per la Repubblica popolare, che tiene aperta la porta a futuri colloqui
Ap

La Cina ha cancellato l'appuntamento per la ripresa dei colloqui commerciali con gli Stati Uniti, in programma nei prossimi giorni, dopo l'inasprimento delle tensioni, dovute ai nuovi dazi che entreranno in vigore lunedì 24 settembre. Lo riporta il Wall Street Journal, citando fonti dell'amministrazione statunitense.

Airbnb sogna di premiare padroni di casa migliori con titoli del gruppo

Chiede all'autorità di borsa Usa un cambiamento delle regole sullo stock-sharing

Airbnb "non sarebbe nulla" senza le persone che mettono a disposizione le proprie case per affitti di breve durata. Per questo il gruppo che mette in contatto chi offre e chi cerca una sistemazione vuole che i padroni di casa "più fedeli" siano soci dell'azienda americana. Brian Chesky, Ceo di Airbnb, ha spiegato al sito Axios che affinché ciò sia possibile "le regole devono cambiare".

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap

Molti esperti del settore e parlamentari di entrambi i campi approvano (con riserva) la nuova strategia nazionale di sicurezza nel ciberspazio, firmata dal presidente Donald Trump e presentata dal consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton, che offre maggiori possibilità di andare all'attacco nel quinto dominio (come è stato definito dalla Nato, aggiungendosi così ad aria, terra, mare e spazio) per fermare attori malevoli e interferenze straniere.

Wall Street: nel giorno delle "quattro streghe" solo il Dow da record

Scaduti future e opzioni. Per gli indici S&P, la maggiore riclassificazione dal 1999. Fed verso il terzo rialzo dei tassi del 2018. Nafta in bilico
AP

All'indomani di una seduta in cui il Dow Jones Industrial Average aveva messo a segno il primo record dal 26 gennaio scorso e l'S&P 500 il primo dal 29 agosto, a Wall Street c'è stata un po' di volatilità. L'indice delle 30 blue chip ha messo a segno il secondo record di fila, il tredicesimo del 2018 e il 101esimo da quando, nel novembre 2016, Donald Trump vinse alle elezioni presidenziali americane. Il listino benchmark ha raggiunto nuovi massimi intraday salvo poi annullare tutti i guadagni giornalieri. Partito in rialzo, il Nasdaq Composite ha invece sofferto.

Trump mette in dubbio le accuse di Ford, difende Kavanaugh e attacca la sinistra

Il presidente statunitense, piuttosto moderato nei commenti degli ultimi giorni, è 'esploso' venerdì mattina per difendere il giudice che ha nominato alla Corte Suprema
Ap

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per giorni moderato nella difesa del giudice Brett Kavanaugh, da lui nominato per la Corte Suprema, ora accusato di tentato stupro, è passato a un tono più aggressivo e, su Twitter, ha messo in dubbio il racconto dell'accusatrice, Christine Blasey Ford, chiedendole di mostrare la denuncia fatta alla polizia per sostenere le sue accuse, che riguardano fatti che sarebbero avvenuti nel 1982.

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Google consente ancora a sviluppatori di app di 'leggere' email dei suoi utenti

Il gruppo ha fermato la pratica l'anno scorso ma continua a permetterla ad altri

Lo scorso anno Google ha smesso di 'leggere' le email dei suoi 1,4 miliardi di utenti a scopi pubblicitari ma il gruppo continua a permettere ad altri di analizzare i messaggi Gmail. E' quanto emerso da una lettera scritta a luglio dalla controllata di Alphabet ai legislatori americani, che avevano chiesto delucidazioni sulla privacy e sul potenziale abuso di dati.

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).