Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP

Il Dipartimento del Commercio statunitense dovrebbe estendere di 90 giorni il permesso concesso a Huawei Technologies di acquistare forniture dagli Stati Uniti in modo da garantire l'assistenza ai suoi clienti americani, il funzionamento delle reti di telecomunicazione, in particolare nelle zone rurali, e gli aggiornamenti dei software. Lo riporta l'agenzia Reuters, che ricorda che la "licenza provvisoria" è in scadenza luned" prossimo.

Nelle ultime settimane, le aziende tecnologiche statunitensi hanno espresso le loro preoccupazioni alla Casa Bianca, visto che senza Huawei perderebbero diversi miliardi di dollari. Il dossier Huawei dovrebbe essere oggetto di una telefonata tra i presidenti Donald Trump e Xi Jinping prevista nel corso di questo fine settimana, secondo le fonti di Reuters.

Il dipartimento del Commercio ha permesso a Huawei, a maggio, di acquistare alcune parti e componenti americane, poco dopo averla inserita nella sua 'blacklist'. La decisione di inserire Huawei tra le società impossibilitate ad acquistare componenti statunitensi senza una licenza è stata giudicata come una nuova mossa dell'amministrazione Trump per fare pressioni su Pechino e costringerla a un accordo sul commercio.

Per giustificare i timori per la sicurezza nazionale, alla base della decisione, il governo ha citato un procedimento penale in corso contro Huawei, accusata di aver violato le sanzioni statunitensi contro l'Iran; inoltre, Washington afferma che i telefoni e le reti di Huawei potrebbero essere usati dalla Cina per spiare gli americani. Dei 70 miliardi di dollari che Huawei ha speso in componenti nel 2018, circa 11 miliardi sono andati a società statunitensi, tra cui Qualcomm, Intel e Micron Technology.

Altri Servizi

Ex funzionari Usa: spionaggio israeliano contro Trump

Lo scrive Politico. Non ci sarebbero state conseguenze per l'alleato
Ap

Israele avrebbe piazzato dei dispositivi vicino alla Casa Bianca e in altri luoghi sensibili di Washington per spiare l'amministrazione Trump, secondo tre ex funzionari statunitensi a conoscenza della questione, che hanno parlato con Politico. Negli ultimi due anni, il governo statunitense è arrivato alla conclusione che Israele sarebbe il probabile autore del posizionamento di diversi dispositivi di sorveglianza delle comunicazioni telefoniche, ma al contrario di quanto avvenuto in altri casi di spionaggio scoperti su suolo statunitense, l'amministrazione Trump non ha attaccato quella israeliana e non ci sono state conseguenze per l'alleato, secondo una delle fonti. 

Wall Street, pesano le tensioni in Medio Oriente

L'aumento del prezzo del petrolio, dopo gli attacchi contro gli impianti sauditi, fa temere il rallentamento dell'economia mondiale
AP

Per il secondo giorno di fila la Federal Reserve intende iniettare 75 miliardi di dollari in un angolo cruciale del sistema finanziario, quello cosiddetto "money market". Lo farà oggi, dalle 14.15 alle 14.30 italiane, all'indomani del primo intervento di tale portata dal 2008.

iStock

Le tensioni commerciali tra Usa e Cina, la perdita di Amazon come cliente e costi in aumento per le spedizioni su strada hanno pesato sui conti di FedEx, che ha deluso gli analisi e ha tagliato l'outlook per l'intero esercizio fiscale. Il titolo FedEx è arrivato a perdere il 13% a 160,21 dollari nell'after-hours ieri a Wall Street dopo una seduta finita in ribasso dello 0,16% a 173,3 dollari.

Nuove accuse contro il giudice Kavanaugh, i Dem: "Impeachment"

I candidati alla presidenza contro il giudice della Corte Suprema, la cui nomina è stata confermata lo scorso anno nonostante le accuse di tentato stupro e molestie sessuali
Ap

I candidati democratici alla presidenza statunitense chiedono l'impeachment o indagini approfondite su Brett Kavanaugh, giudice della Corte Suprema, dopo le nuove accuse di molestie sessuali contro di lui emerse nei giorni scorsi grazie al New York Times.

Wall Street, indici vicini ai record

Allentamento tensioni Usa-Cina e stimoli Bce spingono i mercati
AP

Wall Street attende la decisione della Fed sui tassi

Alle 20 italiane l'annuncio: probabile un nuovo taglio di 25 punti base
AP

Trump: "Hamza bin Laden ucciso in un'operazione Usa"

Il presidente conferma la morte del figlio ed erede del leader di al Qaida e il coinvolgimento statunitense
Ap

Hamza bin Laden, come il padre Osama, è stato ucciso dagli Stati Uniti. A confermare la notizia della sua morte e del coinvolgimento statunitense è stato il presidente Donald Trump. "Hamza Bin Laden, alto responsabile di al Qaida e figlio di Osama Bin Laden, è stato ucciso in un'operazione antiterrorismo compiuta dagli Stati Uniti nella regione dell'Afghanistan/Pakistan" ha dichiarato il presidente, in un comunicato.

Ambiente, Trump revoca l'autonomia della California sulle emissioni delle auto

Scontro tra il governo federale e il Golden State, intenzionato a seguire le norme dell'era Obama che l'attuale amministrazione vuole cancellare

"L'amministrazione Trump sta revocando alla California l'esenzione federale sulle emissioni, in modo da produrre auto molto meno costose per i consumatori e allo stesso tempo sostanzialmente più sicure". Lo ha scritto su Twitter il presidente statunitense, Donald Trump, confermando quindi le indiscrezioni del Washington Post. Alla California, infatti, era stata concessa autonomia sui limiti alle emissioni e il Golden State ne aveva approfittato per fissare dei limiti più stringenti rispetto a quelli proposti da Trump. La decisione farà partire senza dubbio una battaglia legale tra governo federale e California, facendo cadere nell'incertezza i produttori e creando tensioni nel mercato automobilistico.