Valentino apre il suo secondo store a San Paolo. Sceglie Iguatemi

Iguatemi Group

Valentino raddoppia a San Paolo. E dopo il negozio all'interno dello Shopping Cidade Jardim la maison italiana ha inaugurato il suo secondo store nella città brasiliana nell'Iguatemi Mall São Paulo, il primo shopping center della catena, il primo mai aperto in America Latina e che nel 2016 ha festeggiato il cinquantenario dall'inaugurazione.

"L'apertura è la prima di una serie di inagurazioni di brand di lusso nel 2017. Rendere i marchi internazionali più accessibli per i brasiliani è un modo per consentire loro di sentirsi connessi al più ampio mondo della moda", ha detto Carlos Jereissati Filho, amministratore delegato di Iguatemi Group, che si occupa della gestione di shopping mall e fa parte di Jereissati Group, una delle maggiori 500 società dell'America Latina per fatturato, con attività nei settori del real estate commerciale, delle materie prime e delle telecomunicazioni.

Per Valentino, l'apertura della boutique è un passo importante per lo sviluppo della rete retail a livello mondiale. Lo spazio, su una superficie di cento metri quadrati, si basa su un'idea sviluppata dal direttore creativo Pierpaolo Piccioli insieme all'architetto britannico David Chipperfield.

L'idea è combinare vecchio e nuovo per creare l'atmosfera elegante, lontana da quella un po' asettica di uno showroom e promuovendo un nuovo format architettonico al posto di quello tradizionale dei negozi retail. Il design dello store è in linea con la filosofia della maison: creare un'estetica che parli al pubblico, preservando i tratti e l'identità del brand.

L'apertura consente anche a Iguatemi di rafforzarsi ulteriormente: il gruppo "da lungo tempo è un giocatore chiave sul mercato brasiliano del lusso e siamo orgogliosi del fatto che Valentino, una delle case di moda più importanti e con più storia al mondo, si unisca a noi. L'inaugurazione è una pietra miliare e conferma Iguatemi al primo posto tra gli shopping center di lusso in Sud America", ha detto Jereissati Filho, anticipando che altri brand arriveranno nel corso dell'anno.

Altri Servizi

Google licenzia dipendente sessista, WikiLeaks gli offre un lavoro

Per il fondatore del sito, Julian Assange, "La censura è per perdenti"

WikiLeaks ha offerto un posto di lavoro al dipendente licenziato da Google per avere "perpetrato stereotipi di genere" con un memo in cui sosteneva che le donne non erano fatte per diventare ingegneri e per assumere ruoli di leadership nel mondo tech.

David Letterman torna in tv, su Netflix

Oltre due anni fa, l'ultima puntata del suo "The Late Show". Dal 2018 sarà protagonista di una nuova serie in sei puntate

Dopo oltre due anni dall'addio al piccolo schermo, David Letterman torna in tv. Questa volta, però, il volto del celebre "The Late Show" lo fa su Netflix. Il conduttore che ha intrattenuto l'America (e non solo) nella fascia oraria notturna per il periodo più lungo in Usa, dal 2018 sarà il protagonista di una nuova serie sul sito di video in streaming che ieri ha annunciato la sua prima acquisizione (l'editore di fumetti Millarworld).

Cbs

Grazie al sequel di "Twin Peaks", la celebre serie tv degli anni '90 centrata su un'agente dell'Fbi impegnato a capire chi ha ucciso Laura Palmer, e ai tornei maschili di basket della National Collegiate Athletic Association, il gruppo media Cbs ha chiuso un trimestre con conti superiori alle stime degli analisti.

Wall Street rallenta dopo i record, preoccupa la Nord Corea

Notizie dal fronte macroeconomico e petrolifero. Poche le trimestrali.
Shutterstock

Termine "climate change" censurato al dipartimento dell'Agricoltura Usa

Il Guardian ha ottenuto email che dimostrano il cambiamento di linguaggio

Dopo che Donald Trump ha annunciato il ritiro degli Stati Uniti dallo storico accordo di Parigi sul cambiamento climatico, allo staff del dipartimento americano dell'Agricoltura è stato chiesto di "evitare" di usare il termine "climate change"; al suo posto è meglio che si usi "clima estremo". E' quanto emerso da una serie di email ottenute dal Guardian e scambiate dai dipendenti del Natural Resources Conservation Service, una divisione del dipartimento dell'Agricoltura preposta a preservare terreni agricoli.

Trump: nostro arsenale nucleare mia così potente, speriamo di non doverlo usare

Il presidente Usa risponde all'ultima minaccia giunta dalla Corea del Nord. Tillerson difende linguaggio del leader Usa: Kim non comprende quello diplomatico. Guam pronta a difendersi: un attacco contro di noi è un'attacco all'America
Ap

Donald Trump continua ad alimentare la tensione con il regime norcoreano di Kim Jong-un. Con le parole. In un tweet, il presidente Usa ha scritto: "Il mio primo ordine da presidente è stato rinnovare e modernizzare il nostro arsenale nucleare. Ora è più forte e più potente come non mai". Trump ha poi aggiunto: "Speriamo di non doverlo mai utilizzare ma non ci sarà mai un momento in cui noi non saremo la nazione più potente al mondo!".

Netflix: la sua prima acquisizione è un editore di fumetti

Il fumettista Millar, a capo di Millarworld, considerato come "la cosa più vicina allo Stan Lee moderno"
millarworld

Per la prima volta nei suoi 20 anni, Netflix ha annunciato un'acquisizione. Si tratta di Millarworld, editore di fumetti fondato e guidato dallo scozzese Mark Millar, definito dal sito di video in streming come il "creatore leggendario" di personaggi che hanno ispirato film di successo come "The Avengers" e "Logan".

Corea del Nord risponde alle minacce di "fuoco e furia" di Trump

Il regime di Kim Jong-un sta valutando se attaccare Guam, un'isola nel Pacifico
AP

Mentre la Corea del Nord si avvicina sempre di più alla 'linea rossa' tracciata da Donald Trump, il presidente americano ha lanciato un avvertimento: è meglio che Pyongyang "non faccia più minacce" agli Stati Uniti perché altrimenti a quelle minacce Washington risponderà con "il fuoco e la furia". Qualche ora dopo il regime di Kim Jong-un ha risposto con un'altra minaccia: un attacco a Guam, isola nell'Oceano Pacifico occidentale e che ha uno statuto di territorio incorporato degli Usa. E' bene che l'America di Trump "non si penta della giornata odierna in futuro", ha fatto sapere il regime guardando a un'isola di 544 Km quadrati di cui un terzo sono coperti da una base militare Usa dove lavorano 6mila americani. Per Pyongyang è un target logico: da Guam due caccia Usa all'inizio della settimana erano partiti per unirsi a quelli sudcoreani e giapponesi per una missione sulla penisola coreana. E da là a luglio erano partiti dopo due test missilistici balistici intercontinentali della Corea del Nord.

Walt Disney svela nuovi servizi in streaming e divorzia da Netflix

Il gruppo punta sui video online. Aumenta la quota in un gruppo specializzato nella tecnologia video. Il Ceo: al via "strategia di crescita completamente nuova". Ricavi trimestrali deludenti
AP

Oltre a pubblicare una trimestrale con ricavi deludenti, Walt Disney ha fatto capire di volere accaparrarsi una fetta del mercato dei video in streaming. Per questo il colosso americano dell'intrattenimento ha annunciato il suo divorzio da Netflix.

Google sviluppa tecnologia per contenuti media simili a Snapchat

Secondo il WSJ, tratta con Vox, Cnn, Washington Post e Time

Google sta sviluppando una tecnologica per permettere agli editori di creare contenuti visuali simili a quelli che compaiono su Snapchat. Lo scrive il Wall Street Journal secondo cui la controllata di Alphabet sta premendo l'acceleratore per controllare la diffusione di notizie su smartphone.