Valentino apre il suo secondo store a San Paolo. Sceglie Iguatemi

Iguatemi Group

Valentino raddoppia a San Paolo. E dopo il negozio all'interno dello Shopping Cidade Jardim la maison italiana ha inaugurato il suo secondo store nella città brasiliana nell'Iguatemi Mall São Paulo, il primo shopping center della catena, il primo mai aperto in America Latina e che nel 2016 ha festeggiato il cinquantenario dall'inaugurazione.

"L'apertura è la prima di una serie di inagurazioni di brand di lusso nel 2017. Rendere i marchi internazionali più accessibli per i brasiliani è un modo per consentire loro di sentirsi connessi al più ampio mondo della moda", ha detto Carlos Jereissati Filho, amministratore delegato di Iguatemi Group, che si occupa della gestione di shopping mall e fa parte di Jereissati Group, una delle maggiori 500 società dell'America Latina per fatturato, con attività nei settori del real estate commerciale, delle materie prime e delle telecomunicazioni.

Per Valentino, l'apertura della boutique è un passo importante per lo sviluppo della rete retail a livello mondiale. Lo spazio, su una superficie di cento metri quadrati, si basa su un'idea sviluppata dal direttore creativo Pierpaolo Piccioli insieme all'architetto britannico David Chipperfield.

L'idea è combinare vecchio e nuovo per creare l'atmosfera elegante, lontana da quella un po' asettica di uno showroom e promuovendo un nuovo format architettonico al posto di quello tradizionale dei negozi retail. Il design dello store è in linea con la filosofia della maison: creare un'estetica che parli al pubblico, preservando i tratti e l'identità del brand.

L'apertura consente anche a Iguatemi di rafforzarsi ulteriormente: il gruppo "da lungo tempo è un giocatore chiave sul mercato brasiliano del lusso e siamo orgogliosi del fatto che Valentino, una delle case di moda più importanti e con più storia al mondo, si unisca a noi. L'inaugurazione è una pietra miliare e conferma Iguatemi al primo posto tra gli shopping center di lusso in Sud America", ha detto Jereissati Filho, anticipando che altri brand arriveranno nel corso dell'anno.

Altri Servizi

HP Enterprise: trimestre migliore delle stime ma taglia l'outlook

Il gruppo ha completato lo scorporo di certi asset. Il Ceo Whitman: i conti sono un "segnale incoraggiante dei progressi che stiamo facendo" ma "c'è ancora lavoro da fare"

Hewlett Packard Enterprise ha festeggiato ieri nel dopo-mercato una trimestrale migliore delle stime, anche grazie allo scorporo di alcuni suoi asset. Il gruppo che offre servizi IT ha tuttavia tagliato l'outlook.

Equifax: oltre la metà degli americani colpita dal mega attacco hacker

Sono 143 milioni. Lo Stato di New York avvia un'inchiesta sull'intrusione dei pirati informatici nell'agenzia di controllo dei crediti. Verso audizione in commissione parlamentare. Titolo soffre seduta peggiore da 18 anni
Shutterstock

Un mega attacco hacker ha colpito Equifax, una delle più grandi agenzie di controllo dei crediti. I dati di 143 milioni di clienti Usa potrebbero essere stati compromessi. Il 55% degli americani dai 18 anni in poi rischia di avere subito danni alle informazioni di tipo finanziario che lo riguarda.

Ray Dalio punta sulla Cina: Bridgewater studia creazione maxi fondo

Bridgewater già gestisce miliardi di dollari investiti fuori dal Paese della Muraglia da istituzioni cinesi e dal Governo di Pechino.

Bridgewater Associates punta a creare un maxi fondo di investimento in Cina, cosa che darebbe al fondatore Ray Dalio un margine di manovra nel Paese asiatico che molte altre società occidentali del settore finanziario non hanno.

Irma rallenta e vira verso Tampa, ma Miami in pericolo. Il governatore Scott: rischio potenzialmente mortale

Complessivamente, secondo gli esperti, Irma potrebbe lasciarsi alle spalle danni per oltre 200 miliardi di dollari, di cui 135 miliardi solo in Florida. Circa 9 milioni di persone potrebbero restare senza energia elettrica. Coprifuoco a Miami.
Ap

Irma, ora uragano di categoria 3, ma secondo le previsioni riguadagnerà forza nelle prossime ore (continua a oscillare tra la categoria 4 e 5, la più alta e pericolosa), viaggia verso la Florida e, dopo avere colpito Cuba, si prepara ad arrivare sulle isole Florida Keys nella mattina di domenica, con venti che soffiano a 200 chilometri all'ora, per poi muoversi verso Miami, che potrebbe essere investita solo marginalmente se l'occhio del ciclone si spostasse ulteriormente verso ovest.

I resort di Trump sulla rotta dell'uragano Irma

Mar-a-Lago, la "Casa Bianca d'inverno", dovrebbe resistere ai forti venti grazie anche all'uso di pietra italiana nella sua costruzione. Altri tre club a rischio in Florida. Se subirà danni, il presidente potrà accedere a fondi federali

Mentre continua la fuga in Florida in vista dell'arrivo dell'uragano Irma, la "Casa Bianca d'inverno" di Donald Trump ha chiuso i battenti. Il resort Mar-a-Lago, amato dal presidente americano per trascorrevi molti fine settimana al posto di stare al freddo di Washington, si trova in un'area dove a partire da ieri alle 23 italiane l'evacuazione era obbligatoria. Grazie anche alle pietre importate da Genova (Italia) per la costruzione delle pareti esterne, degli archi e di alcuni interni, l'immibile dovrebbe resistere ai forti venti della tempesta ma non sono tuttavia esclusi pesanti danni causati da probabili allagamenti.

Florida, curatore della casa-museo di Hemingway si rifiuta di lasciare le Key West

Si trova sulle isole a sud di Miami dove l'uragano Irma dovrebbe arrivare entro domenica. la casa fu residenza dello scrittore dal 1931 al 1939

Jacqui Sands, il curatore della casa di Ernest Hemingway alle Key West, si rifiuta di abbandonare l'area, nonostante le isole a sud di Miami saranno tra quelle maggiormente colpite dal passaggio dell'uragano Irma. Sands, 72 anni, ha detto che la casa è un luogo sicuro, "si trova nella zona più sicura delle Key West e per questo motivo non la lascerò". Si tratta della casa, oggi museo, dove lo scrittore visse insieme alla moglie Pauline tra il 1931 e il 1939, prima di trasferirsi a Cuba.

I nazionalisti bianchi d'America amano Bashar al Assad

Ha la stessa visione di società "in salute" e "omogenea" che hanno i nazisti negli Stati Uniti
iStock

Nel corso della manifestazione della destra nazionalista e suprematista di Charlottesville, in Virginia, un video di YouTube mostra una delle persone presenti alla dimostrazione con una maglietta con la scritta "Bashar’s Barrel Delivery Co.", in riferimento all'uso di gas da parte del regime siriano di Bashar al Assad contro i suoi oppositori. Nel corso della manifestazione sono stati pronunciati altri slogan in favore di Assad. Il quotidiano online The Intercept racconta come glie stremisti di destra americani siano sostenitori del regime di Damasco.

Uragano Irma, il governatore della Florida: "Il tempo per scappare sta per finire"

Ripetuti appelli delle autorità a lasciare le zone a rischio. La Fema: "In Florida mai vista una tempesta così". Sarà il quinto uragano a colpire la Florida con venti oltre 241 km/h
Ap

Irma, José, Katia. Tre uragani contemporaneamente nell'oceano Atlantico spaventano (e distruggono) l'America centrale e settentrionale, durante una stagione che, già dopo il passaggio di Harvey, potrebbe essere ricordata come la peggiore, almeno, degli ultimi dieci anni.

Fed: Dudley fa il tifo per la rielezione di Yellen

Per il presidente della sede newyorchese della banca centrale Usa, è "troppo presto" per sapere quando i tassi verranno alzati. L'inizio della riduzione del bilancio dell'istituto ci sarà "relativamente presto"
AP

William Dudley, presidente della Federal Reserve di New York, vuole che Janet Yellen svolga un secondo mandato alla guida della banca centrale americana; il primo scadrà il prossimo febbraio. "Ha fatto un ottimo lavoro", ha detto alla Cnbc colui che siede nel Federal Open Market Committee, il braccio di politica monetaria dell'istituto centrale con sede a Washington, che il 19 e 20 settembre prossimi si riunirà e probabilmente annuncierà l'inizio della riduzione del suo bilancio. Dudley si aspetta una mossa in questo senso "relativamente presto" mentre "è troppo presto" per dire quando ci sarà un altro rialzo dei tassi.

Nessun dubbio, l'uragano Irma "colpirà la Florida" ed è "una minaccia che devasterà gli Usa"

Lo ha detto il capo della Fema, la protezione civile statunitense. Stop ai voli da sabato pomeriggio. Jeb Bush: "C'è sempre chi vuole vincere il premio Darwin"

Il capo della Fema, la protezione civile statunitense, ha detto che non ci sono dubbi, ora, sul fatto che l'uragano Irma colpirà almeno una parte della Florida. "Non è in dubbio il fatto che la Florida sarà colpita; la questione è quanto duramente sarà colpita" ha detto Brock Long, durante una conferenza stampa.