Vendita libera della marijuana: la rivoluzione della California inizia il primo gennaio

Votata con un referendum nel novembre 2016, sarà operativa nel 2018. Il mercato varrà 5,1 miliardi il primo anno, 6 miliardi entro il 2021, secondo le prime stime
AP

Il primo gennaio, la vendita della marijuana a scopo ricreativo diventerà legale in California, a oltre un anno dalla vittoria del 'sì' al referendum. In questo modo, il Golden State si aggiungerà al District of Columbia e a sette Stati, ovvero Colorado, Oregon, Nevada, Alaska, Washington, Maine e Massachusetts (ma solo Colorado, Oregon e Nevada hanno già creato dei mercati per la vendita). La vendita di marijuana per scopi medici è invece legale in California da due decenni e ha fruttato circa due miliardi di dollari annualmente. Un dato, questo, che già rende evidente la rivoluzione, anche economica, votata nel novembre 2016, visto che la California, se fosse uno Stato indipendente, sarebbe la sesta economia al mondo.

Dopo l'approvazione della Proposition 64, i parlamentari statali si sono messi al lavoro per decidere le regole del nuovo mercato legale, che sarà attivo dal primo gennaio. Naturalmente, questo non vuol dire che si potrà andare direttamente dai festeggiamenti per Capodanno al negozio per acquistare della marijuana. Prima di tutto, le regole impongono che la marijuana non possa essere venduta prima delle sei del mattino e dopo le dieci di sera e, anche se il Bureau of Cannabis Control sta rilasciando delle licenze temporanee che saranno effettive dal primo gennaio, bisognerà vedere quanti negozi potranno riceverla per l'inizio dell'anno. Alcuni dei circa 1.000 'dispensari medici' statali, che devono richiedere le nuove licenze statali, potranno comunque vendere la marijuana per uso medico e ricreativo già dal primo gennaio.

Altro problema che rallenterà il mercato è il fatto che molte città della California non hanno approvato la vendita della marijuana a scopo ricreativo; secondo il San Diego Union-Tribune, oltre il 70% delle città e contee dello Stato hanno vietato la vendita o la coltivazione della cannabis.

Per comprare la marijuana, bisognerà avere 21 anni; non si potrà fumare negli spazi pubblici dove è già vietato fumare le sigarette e non lo si potrà fare in automobile. Per quanto riguarda i venditori, non potranno trovarsi nelle vicinanze delle scuole e dovranno garantire una sorveglianza dei locali per 24 ore su 24. Su ogni vendita, ci sarà una tassa del 15 per cento; aggiungendo le altre tasse statali e locali, i consumatori potrebbero pagare fino al 45% di tributi su ogni acquisto. Le autorità della California stimano di ottenere un miliardo di dollari all'anno dalla nuova tassa, in base a un business supposto da 7 miliardi.

Secondo le analisi di GreenWave Advisors, riportate da Usa Today, il mercato nero dell’erba in California vale attualmente 13,5 miliardi di dollari, mentre quello legale varrà 5,1 miliardi nel 2018 e, secondo ArcView - citata da Cnbc - 6 miliardi entro il 2021. In tutti gli Stati Uniti, la vendita legale di cannabis salirà nel 2017 del 33% rispetto all'anno prima a 10 miliardi di dollari; sempre secondo ArcView, le vendite sul mercato legale dovrebbero raggiungere i 24,5 miliardi di dollari entro il 2021.

Altri Servizi

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle. 

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.