Venezuela, Maduro: "Ho il pieno controllo, pronto a negoziare con gli Usa"

Il presidente ha rilasciato una lunga intervista al Washington Post: "Sapevo tutto della cospirazione, ma volevo vedere quanti fossero i rivoltosi". L'ex capo dell'intelligence: "Falso, non sapeva nulla"
AP

Il presidente venezuelano, Nicolas Maduro, ha detto di avere il totale controllo del Paese ed è pronto a tenere negoziati diretti con gli Stati Uniti. In una lunga intervista con il Washington Post, la prima con un importante quotidiano statunitense dallo scoppio della crisi, lo scorso febbraio, Maduro si è definito uno "scaltro sopravvissuto" del tentativo di rovesciarlo compiuto dall'opposizione con il sostegno degli statunitensi.

Ora, Maduro - che per gli Stati Uniti è un dittatore - è disposto a trattare con Washington. "Se c'è rispetto tra i governi, non importa quanto siano grandi gli Stati Uniti, e se c'è un dialogo, uno scambio di informazioni vere, allora sicuramente possiamo creare un nuovo tipo di rapporto" ha detto. "Un rapporto di rispetto e dialogo crea una situazione vincente per tutti. Un rapporto conflittuale è svantaggioso per tutti".

Una sessantina di Stati, tra cui gli Stati Uniti, hanno riconosciuto Guaido, leader dell'opposizione ed ex presidente del parlamento venezuelano, come capo di Stato, definendo truccate le elezioni del 2018 che hanno portato alla rielezione di Maduro. Anche le ultime mosse di Maduro, che hanno portato alla sconfitta di Guaido per la rielezione come presidente del parlamento, sono state un modo per consolidare un potere che in Occidente è considerato autoritario.

Gli Stati Uniti restano per ora fermi sulla loro decisione di non negoziare, finché Maduro non sarà pronto a lasciare il palazzo presidenziale; accettare dei negoziati diretti con lui, in caso contrario, servirebbe solo a rafforzare la sua posizione alla guida del Venezuela. Parlando con il giornalista Anthony Faiola, Maduro non ha mostrato la minima intenzione di lasciare il potere, dichiarando che le nuove presidenziali non si terranno prima di diversi anni. Ha inoltre negato che il suo governo abbia offerto all'opposizione un accordo che comprendesse anche nuove elezioni presidenziali durante i negoziati falliti lo scorso anno.

Maduro ha dichiarato che l'opposizione lo ha enormemente sottovalutato. Per esempio, il presidente sostiene di aver saputo della cospirazione contro di lui il 30 aprile, dieci giorni prima che fosse messa in atto, ma di averla comunque consentita per permettere di scoprire l'estensione della sommossa contro di lui. Per farlo, avrebbe usato alcuni suoi fedeli alleati, che avrebbero finto di schierarsi con l'opposizione per scoprirne i piani. Il suo resoconto contrasta con quello di funzionari statunitensi, oppositori e influenti venezuelani; anche l'ex capo dell'intelligence, il generale Cristopher Figuera, fuggito negli Stati Uniti, ha smentito questa ricostruzione, affermando che Maduro non sapeva nulla.

Il Venezuela sta subendo gli effetti devastanti dell'isolamento e delle sanzioni, a partire da quelle sul petrolio, che tagliano la maggior fonte dei suoi profitti. L'Unione europea, su iniziativa dei Paesi Bassi, sembra intenzionata a imporre sanzioni ancora più dure contro il governo di Caracas. "Volete sapere la verità? Non mi interessa nemmeno un po' di quello che fa l'Europa, o che fanno gli Stati Uniti. Non mi importa nulla. Ci importa solo quello che facciamo. Non importa quante migliaia di sanzioni imporranno: non ci fermeranno, non fermeranno il Venezuela". Maduro non ha nascosto che, ad aiutarlo a resistere, siano i suoi alleati cubani e russi, e anche la Cina.

Poi, ha parlato degli Stati Uniti. "Credo che Mike Pompeo (il segretario di Stato, ndr) abbia fallito in Venezuela e sia responsabile del fallimento delle politiche di Trump nei confronti del nostro Paese. Credo che Pompeo viva nei sogni. Non è un uomo con i piedi per terra. Credo che Trump abbia avuto dei terribili consiglieri sul Venezuela. John Bolton (l'ex consigliere per la sicurezza nazionale, ndr), Mike Pompeo, Elliott Abrams (rappresentante speciale per il Venezuela, ndr) gli hanno fatto avere una visione sbagliata".

Abrams ha detto che "gli Stati Uniti sono a favore di negoziati tra il regime di Maduro e l'opposizione democratica guidata da Guaido per l'organizzazione di nuovi elezioni presidenziali e legislative libere e regolari". Washington sta prendendo in considerazione l'ipotesi di nuove azioni contro Maduro, compreso un blocco navale che impedisca al Venezuela di portare il suo petrolio a Cuba. Per Maduro sarebbe un'azione "illegale": "Penso che non sarebbe positivo per nessuno, tantomeno per gli Stati Uniti. Creerebbe molte tensioni in tutti i Caraibi e sarebbe un male per gli interessi di tutti i governi che fanno parte di quella comunità. Spero non avvenga".

Lo scorso anno, le Nazioni Unite hanno documentato le torture, gli arresti arbitrari e l'omicidio di oppositori politici avvenuti sotto Maduro, che ha definito i loro resoconti delle "bugie" diffuse "dai media di destra anti-rivoluzionari".

Altri Servizi

Iraq, razzi vicino ad ambasciata americana di Baghdad

Non ci sono vittime. Si tratta del 19 attacco che coinvolge gli Usa in quattro mesi

Numerosi razzi sono stati esplosi nella notte tra sabato e domenica vicino all’ambasciata americana situata nella Green Zone di Baghdad, in Iraq. Secondo quanto riferito da fonti diplomatiche statunitensi le deflagrazioni hanno fatto scattare le sirene dell’ambasciata Usa mentre, per il momento, non si hanno notizie di vittime.

Gli Usa valutano lo stop all'export in Cina di motori per aerei prodotti dalla GE

In ballo c'è la concessione della licenza che permette alla CFM International, una joint venture tra GE e la francese Safran, di incrementare la fornitura alla Cina dei motori a reazione Leap 1C
General Electric

La Casa Bianca sta valutando lo stop alle esportazioni in Cina di motori per aerei prodotti dalla General Electric. A riportare la notizia è il Wall Street Journal secondo cui l’amministrazione Trump potrebbe rifiutare la concessione della licenza che permette alla CFM International, una joint venture tra GE e la francese Safran, di incrementare la fornitura alla Cina dei motori a reazione Leap 1C, utilizzati nello sviluppo del Comac C919: si tratta di un aereo di linea sviluppato dalla Commercial Aircraft Corporation of China, Ltd. (Comac ndr), l'azienda aerospaziale cinese di proprietà statale.

Oltre mille procuratori americani hanno chiesto le dimissioni di William Barr

Il procuratore generale accusato insieme a Trump di "interferenze nell’amministrazione della Giustizia"
Wikipedia

Più di 1.100 ex procuratori e funzionari del Dipartimento di giustizia, tanto democratici quanto repubblicani, hanno chiesto al procuratore generale William Barr di dimettersi per come ha gestito il caso Stone. La richiesta è arrivata in una lettera aperta in cui sono state condannate "in modo energico le interferenze del presidente Trump e del procuratore generale Barr nell'amministrazione della Giustizia" americana.

Ci sono 607 miliardari negli Usa: solo 5 sono afroamericani

Business Insider analizza la lista di Forbes dei Paperoni d’America
AP

"Diventare miliardari in America non è facile per nessuno, ma lo è ancora di più se sei nero". A dirlo è Business Insider dopo aver analizzato la lista dei 607 Paperoni d’America stilata da Forbes e tra loro solo cinque sono afroamericani. E se qualcuno pensa che questa statistica sia casuale lo studio di consulenza McKinsey rivela esattamente l’opposto. Se nel 1992, il patrimonio netto medio delle famiglie bianche era superiore di 100 mila dollari rispetto a quello delle famiglie nere, nel 2016 è cresciuto di circa 50mila dollari superando i 150 mila dollari. Un divario economico tra bianchi e neri che evidenzia l’abisso di opportunità economiche che separa cittadini bianchi e cittadini neri.

Pelosi con Trump: "Non vi avvicinate a Huawei"

La speaker della Camera Usa avverte gli alleati: "Non mettete le vostre comunicazioni in mano a un governo autocratico che non condivide i nostri valori"
Ap

"Questa è la più insidiosa forma di aggressione, avere le comunicazioni, la 5G, dominate da un governo autocratico che non condivide i nostri valori". L'attacco è contro Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni accusato dagli Stati Uniti di essere al servizio del governo di Pechino per spiare l'Occidente, ma l'autore non è, come potrebbe sembrare, il presidente Donald Trump, bensì la democratica Nancy Pelosi, la speaker della Camera, che per una volta, almeno, è della stessa opinione della Casa Bianca.

Wall Street, giornata di dati macro

L'attenzione resta naturalmente anche sul coronavirus
AP

Caso Stone, Pelosi contro Trump: "Un altro abuso di potere"

"Il presidente cerca ancora di servire i suoi interessi politici"
Ap

"È un abuso di potere, il presidente sta ancora cercando di manipolare il rispetto della legge per servire i suoi interessi politici". La speaker della Camera statunitense, Nancy Pelosi, ha attaccato il presidente Donald Trump nel suo consueto incontro settimanale con i giornalisti. "Il segretario alla Giustizia si è piegato a tale livello, che spiacevole delusione per il nostro Paese". Pochi giorni fa, Trump è stato assolto in Senato dall'accusa di abuso di potere e intralcio al Congresso in merito alle presunte pressioni sull'Ucraina per un'indagine su Joe Biden.

Nuove accuse Usa a Huawei: "Spia le reti telefoniche"

Lo scrive il Wsj; Washington preme sugli alleati
AP

Huawei può accedere di nascosto alle reti degli operatori telefonici attraverso le "back doors" che sarebbero a uso esclusivo delle forze dell'ordine. È la nuova accusa al colosso cinese delle telecomunicazioni da parte degli Stati Uniti, che cercano di persuadere gli alleati a escluderlo dalle loro reti. A scriverlo, in esclusiva, è il Wall Street Journal. Il quotidiano statunitense scrive che gli Stati Uniti hanno mantenuto segrete queste informazioni fino alla fine del 2019: poi, le hanno condivise con alcuni alleati, tra cui la Germania e il Regno Unito. 

Accordo Usa-talebani per una tregua, passo verso il ritiro dall'Afghanistan

Dopo una "riduzione delle violenze" per sette giorni, nuova intesa e trattative di pace tra ribelli e governo; poi, se non ci saranno intoppi, il ritorno a casa delle truppe Usa. Trump: "È ora di tornare a casa"
AP

Gli Stati Uniti e i talebani hanno raggiunto un accordo per una tregua che inizierà "molto presto" e che potrebbe portare in tempi brevi al ritiro delle truppe statunitensi dall'Afghanistan. Lo ha riferito un funzionario statunitense all'Ap.

Gli Usa accusano: Deripaska riciclava denaro per conto di Putin

L'oligarca russo colpito dalle sanzioni Usa
Ap

Il dipartimento del Tesoro statunitense sostiene che l'oligarca Oleg Deripaska avrebbe aiutato il presidente russo Vladimir Putin a riciclare denaro. L'accusa è contenuta in una lettera inviata agli avvocati di Deripaska, ottenuta dal Financial Times, in cui le autorità statunitensi hanno spiegato i motivi delle sanzioni contro di lui.