Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.

Parlando con i giornalisti bulgari, Radev ha dichiarato che il vertice della Nato è teso, con Trump che insiste nel dire che il 2% del Pil per la difesa è troppo poco. "Trump ha sollevato la questione non solo di raggiungere il 2%, ma una nuova barriera, il 4%" ha detto. "Tutti si sono chiesti se stesse dicendo sul serio".

 

 

La conferma della Casa Bianca

"Durante le dichiarazioni al summit della Nato di oggi, il presidente ha proposto che i Paesi non solo rispettino il loro impegno del 2% del Pil alle spese per la difesa, ma che lo aumentino al 4%". Lo ha scritto, in una nota, la portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders, confermando quanto detto dal presidente bulgaro, Rumen Radev.

Sanders ha poi aggiunto che Trump "sollevò la stessa questione" al vertice della Nato dello scorso anno. "Il presidente Trump vuole vedere i nostri alleati condividere un peso maggiore e come minimo che rispettino gli obblighi presi". Nel 2010, gli Stati Uniti spendevano il 4,81% del Pil nella difesa; lo scorso anno, il 3,57% e, per il 2018, le stime della Nato sono del 3,5 per cento. Nel 2014, gli alleati si sono impegnati a spendere il 2% del Pil nella difesa entro il 2024.

 

L'attacco su Twitter

"A cosa serve la Nato se la Germania sta pagando alla Russia miliardi di dollari per il gas e l'energia? Perché solo 5 Paesi su 29 hanno rispettato il loro impegno? Gli Stati Uniti stanno pagando per la protezione dell'Europa e perdono miliardi di dollari nel commercio. Devono [gli altri Paesi, ndr] pagare il 2% del Pil IMMEDIATAMENTE, non entro il 2025". Questo il tweet del presidente statunitense, Donald Trump, contro gli alleati della Nato, 'colpevoli' di non rispettare l'impegno di dedicare il 2% del Pil alla difesa; si tratta di un impegno che deve essere rispettato entro il 2024.


Tensioni con la Germania

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha assicurato di avere "dei rapporti molto buoni" con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, durante il summit della Nato, a Bruxelles. Trump aveva attaccato la Germania, questa mattina, affermando che Berlino "è prigioniera" della Russia e non contribuisce sufficientemente agli sforzi militari della Nato. Merkel aveva risposto che la Germania prende le sue decisioni in modo "indipendente".

Il presidente ha avuto un bilaterale con Merkel a margine del summit della Nato e ha detto ai giornalisti che gli Stati Uniti hanno un "eccezionale" rapporto con la Germania. Poi, ha aggiunto di ave discusso con Merkel di spese militari e commercio. Merkel ha invece detto che Germania e Stati Uniti sono "buoni partner" e di aver discusso con Trump anche di immigrazione.

Il capo della Casa Bianca, appena arrivato al quartier generale della Nato, aveva ripetuto le critiche agli alleati che non investono il 2% del Pil nella difesa, come si sono impegnati a fare (entro il 2024) nel summit avvenuto in Galles: "Così gli Stati Uniti pagano per tutti e questo non è giusto". Poi però il presidente aveva preso di mira soprattutto la Germania, non solo perché non paga abbastanza, ma per i rapporti di Berlino con Mosca.

"Noi - ha detto Trump - dobbiamo pagare per difendere questi Paesi dalla nazione con cui fanno affari", cioè la Russia. Quindi ha criticato il gasdotto Nord Stream 2, che dovrebbe collegare direttamente la Germania alle forniture controllate dal Cremlino, aggirando gli altri Paesi della regione. «Un ex cancelliere - ha detto Trump - guida questo progetto", riferendosi all’ex leader della Spd, Gerhard Schroeder.

 

Altri Servizi

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha incontrato i suoi massimi consiglieri per valutare un possibile accordo con i talebani, che potrebbe permettere agli Stati Uniti di mettere fine alla loro presenza in Afghanistan. All'incontro hanno partecipato, tra gli altri, il vicepresidente Mike Pence, il segretario di Stato, Mike Pompeo, la direttrice della Cia, Gina Haspel, e il consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton. In un tweet dopo l'incontro, che si è tenuto nel suo golf club in New Jersey, Trump ha scritto che gli Stati Uniti "stanno cercando di fare un accordo, se possibile".

BlackRock diventerà socio di maggioranza nel proprietario di Sport Illustrated

Si tratta di Authentic Brands, che controlla anche i diritti legati a Marilyn Monroe e Muhammad Ali

Il più grane asset manager al mondo scommette sul private equity. BlackRock sta per prendere la quota di controllo di Authentic Brands, gruppo con sede a New York che ha le licenze di 50 marchi tra l'intrattenimento e il lifestyle che generano ogni anno 9,3 miliardi di dollari. 

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP

Il Dipartimento del Commercio statunitense dovrebbe estendere di 90 giorni il permesso concesso a Huawei Technologies di acquistare forniture dagli Stati Uniti in modo da garantire l'assistenza ai suoi clienti americani, il funzionamento delle reti di telecomunicazione, in particolare nelle zone rurali, e gli aggiornamenti dei software. Lo riporta l'agenzia Reuters, che ricorda che la "licenza provvisoria" è in scadenza luned" prossimo.

Cbs e Viacom tornano a sposarsi

Nasce ViacomCBS, un gruppo con rivavi di oltre 28 miliardi di dollari

Cbs e Viacom hanno deciso di tornare a sposarsi creando un colosso dell'intrattenimento con ricavi di oltre 28 miliardi di dollari. Lo hanno annunciato in una nota congiunta le due aziende. Il gruppo che nasce dalla fusione si chiamerà ViacomCBS.

GE rimbalza: Ceo compra 2 mln $ di azioni dopo accusa di frode in stile Enron

Ieri il tonfo maggiore da 11 anni dopo la diffusione di un rapporto redatto da colui che aveva avvertito sullo schema Ponzi creato da Bernie Madoff

General Electric rimbalza al Nyse (+6,7% a 8,54 dollari) all'indomani del tonfo maggiore da 11 anni (-11,3% a 8,01 dollari).

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

Per il re del "Big Short", proteste Hong Kong una minaccia per economia globale

Steve Eisman teme che possano diventare un "cigno nero"

Le proteste a Hong Kong potrebbero mettere a repentaglio un qualsiasi accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina e potrebbero pesare sull'economia globale. Per questo, quelle proteste sono la principale preoccupazione per Steve Eisman, l'investitore reso celebre anche fuori dagli ambienti di Wall Street grazie al film "The Big short".

Wall Street, pesano le tensioni internazionali

Dalla guerra commerciale tra Usa e Cina alle proteste a Hong Kong
AP

Hong Kong, la Cina accusa gli Usa di fomentare il caos

Pechino biasima soprattutto Pelosi e McConnell

Gli Stati Uniti fomentano il caos a Hong Kong. L'accusa è stata formulata dalla portavoce del ministero degli Esteri cinese, secondo cui ci sono "prove evidenti" del coinvolgimento di Washington nelle proteste. La portavoce Hua Chunying ha commentato: "Gli Stati Uniti hanno negato in molte occasioni il loro coinvolgimento nelle violenze in corso a Hong Kong. I commenti di alcuni membri del Congresso - il riferimento è alla speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, e al leader della maggioranza repubblicana in Senato, Mitch McConnell, ndr - hanno fornito al mondo nuove ed evidenti prove del coinvolgimento" degli Stati Uniti.