Vertici Facebook pensarono di fare saltare Ipo del 2012: c'erano timori sul fatturato

E' quanto emerge da una testimonianza resa in tribunale nell'ambito di una causa collettiva intentata contro il social network, il Cda e i sottoscrittori della raccolta fondi da 16 miliardi di dollari
Facebook

Nel 2012 i vertici di Facebook hanno valutato la possibilità di fare saltare la quotazione a Wall Street (poi arrivata a maggio di quell'anno e rivelatasi inizialmente un flop, a causa di una serie di problemi tecnici al Nasdaq). E' quanto emerge da una testimonianza resa in tribunale nell'ambito di una causa collettiva intentata contro il social network, il Cda e i sottoscrittori della raccolta fondi da 16 miliardi di dollari, da una serie di investitori, tra cui l'Arkansas Teacher Retirement System: l'accusa è di avere violato le leggi sui valori mobiliari, fuorviando gli investitori non spiegando che alcune modifiche apportate al social network avrebbero avuto un impatto sul fatturato.

Come riporta il Financial Times, proprio la revisione al ribasso delle stime interne sul fatturato ha fatto traballare i piani per l'Ipo. Nella primavera del 2012 Facebook aveva tagliato le previsioni per il giro d'affari annuale da 6,6 a 5,2 miliardi, sulla scia delle difficoltà incontrate nel fare passare gli utenti dalla versione desktop a quella mobile del social network. Secondo quanto emerge dalla testimonianza, all'epoca l'amministratore delegato Mark Zuckerberg aveva scritto alla fidanzata (poi diventata sua moglie) ad aprile, dicendo che "tutto sta andando veramente male, le previsioni sul fatturato sono così in calo che stiamo pensando che forse dovremo quotarci a meno di 50 miliardi se andrà avanti così".

Queste preoccupazioni, però, sono comparse nella documentazione relativa alla quotazione solo come rischi potenziali. Durante il processo, un portavoce di Facebook ha ribadito la "fiducia nel fatto che quanto detto all'epoca agli investitori era completo, accurato e in linea con le leggi vigenti". Secondo l'avvocato dell'accusa Salvatore Graziano, Zuckerberg, il direttore operativo Sheryl Sandberg e l'allora direttore finanziario David Ebersman si sono chiusi in una stanza di hotel di New York a maggio 2012 per discutere dell'imminente quotazione, decidendo di non procedere, salvo poi cambiare idea.

Il resto è storia: la raccolta fondi è stata la maggiore di sempre negli Stati Uniti, cosa che ha fatto salire la valutazione iniziale di Facebook a oltre 100 miliardi. Al debutto il titolo si è attestato in calo, anche a causa di problemi tecnici al Nasdaq, e ha perso quasi il 50% nei primi tre mesi. Solo in seguito Facebook ha ingranato la marcia giusta: oggi il titolo vale il 350% in più rispetto ai 38 dollari dell'Ipo a circa 170 dollari per azione, sulla scia del rapido aumento di utile e fatturato. Nel secondo trimestre il social network ha generato un giro d'affari di 9,2 miliardi con profitti netti per 3,9 miliardi.

Altri Servizi

"Hawaii sotto attacco missilistico. Cercate riparo". Il falso allarme scatena il caos nelle isole

Le "Hawaii sono sotto attacco missilistico. Cercate riparo immediato. Questa non è un'esercitazione". Questo messaggio è comparso sui cellulari degli americani, facendo immediatamente scattare l'allarme. Era un falso allarme

Banca centrale indonesiana contro bitcoin: rischio per la stabilità del sistema

L'istituto centrale già in passato non aveva riconosciuto le valute digitali come strumento legale di scambio, impedendo di fatto che potessero essere usate come forma di pagamento nel Paese asiatico.

Wsj accusa: 130.000 dollari a pornostar per silenzio su rapporti sessuali con Trump

Uno dei legali del presidente avrebbe predisposto il pagamento a Stephanie Clifford, il cui nome d'arte è Stormy Daniels. Si sarebbero conosciuti nel 2006, quando Trump era già sposato con Melania. La Casa Bianca smentisce.
AP

Trump gode di una salute eccellente (ma fa poco sport)

Lo ha fatto sapere la Casa Bianca, commentando il check up annuale a cui il presidente americano si è sottoposto all'ospedale militare Walter Reed.
AP

Troppi estremisti sui social: Facebook e Google al Senato Usa per spiegare cosa faranno

Nonostante le promesse e gli sforzi degli ultimi anni, sembra infatti che i colossi non riescano a eliminare queste posizioni radicali e radicalizzate dai loro siti.
iStock

Italia, Dbrs avverte: stabilità prossimo governo a rischio, non escluse nuove elezioni

L'agenzia canadese conferma il rating BBB (High) e l'outlook stabile. La ripresa continua. Debito pubblico e Npl ancora alti. Dalla chiamata alle urne del 4 marzo non si aspetta un vincitore. Ipotizza coalizione guidata da M5S

Usa: inflazione rafforzata a fine 2017, Fed verso rialzo tassi a marzo

Il rendimento del Treausry a due anni sopra il 2%, prima volta dal 2008. La banca centrale americana sarà più "falco" che "colomba"?

Trump lascia intatto (per ora) l'accordo sul nucleare, ultimatum ai partner Ue

Il presidente ha mantenuto il congelamento di sanzioni legate alla storica intesa raggiunta nel 2015 da Teheran e le principali potenze mondiali. Bruxelles ha 120 giorni per modificarla. Sanzionato capo magistratura iraniana

Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

Facebook annuncia cambiamenti al News Feed. Titolo giù del 5%

Più storie di amici e meno aziende e notizie. E si teme per la macchina pubblicitaria del colosso