Vertici Facebook pensarono di fare saltare Ipo del 2012: c'erano timori sul fatturato

E' quanto emerge da una testimonianza resa in tribunale nell'ambito di una causa collettiva intentata contro il social network, il Cda e i sottoscrittori della raccolta fondi da 16 miliardi di dollari
Facebook

Nel 2012 i vertici di Facebook hanno valutato la possibilità di fare saltare la quotazione a Wall Street (poi arrivata a maggio di quell'anno e rivelatasi inizialmente un flop, a causa di una serie di problemi tecnici al Nasdaq). E' quanto emerge da una testimonianza resa in tribunale nell'ambito di una causa collettiva intentata contro il social network, il Cda e i sottoscrittori della raccolta fondi da 16 miliardi di dollari, da una serie di investitori, tra cui l'Arkansas Teacher Retirement System: l'accusa è di avere violato le leggi sui valori mobiliari, fuorviando gli investitori non spiegando che alcune modifiche apportate al social network avrebbero avuto un impatto sul fatturato.

Come riporta il Financial Times, proprio la revisione al ribasso delle stime interne sul fatturato ha fatto traballare i piani per l'Ipo. Nella primavera del 2012 Facebook aveva tagliato le previsioni per il giro d'affari annuale da 6,6 a 5,2 miliardi, sulla scia delle difficoltà incontrate nel fare passare gli utenti dalla versione desktop a quella mobile del social network. Secondo quanto emerge dalla testimonianza, all'epoca l'amministratore delegato Mark Zuckerberg aveva scritto alla fidanzata (poi diventata sua moglie) ad aprile, dicendo che "tutto sta andando veramente male, le previsioni sul fatturato sono così in calo che stiamo pensando che forse dovremo quotarci a meno di 50 miliardi se andrà avanti così".

Queste preoccupazioni, però, sono comparse nella documentazione relativa alla quotazione solo come rischi potenziali. Durante il processo, un portavoce di Facebook ha ribadito la "fiducia nel fatto che quanto detto all'epoca agli investitori era completo, accurato e in linea con le leggi vigenti". Secondo l'avvocato dell'accusa Salvatore Graziano, Zuckerberg, il direttore operativo Sheryl Sandberg e l'allora direttore finanziario David Ebersman si sono chiusi in una stanza di hotel di New York a maggio 2012 per discutere dell'imminente quotazione, decidendo di non procedere, salvo poi cambiare idea.

Il resto è storia: la raccolta fondi è stata la maggiore di sempre negli Stati Uniti, cosa che ha fatto salire la valutazione iniziale di Facebook a oltre 100 miliardi. Al debutto il titolo si è attestato in calo, anche a causa di problemi tecnici al Nasdaq, e ha perso quasi il 50% nei primi tre mesi. Solo in seguito Facebook ha ingranato la marcia giusta: oggi il titolo vale il 350% in più rispetto ai 38 dollari dell'Ipo a circa 170 dollari per azione, sulla scia del rapido aumento di utile e fatturato. Nel secondo trimestre il social network ha generato un giro d'affari di 9,2 miliardi con profitti netti per 3,9 miliardi.

Altri Servizi

Wall Street, timori per il nuovo missile nordcoreano

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Russiagate, proposto a Trump un accordo con Assange?

L'ipotesi sostenuta dal Wall Street Journal. Il piano sarebbe stato presentato da un deputato repubblicano al capo di gabinetto della Casa Bianca
Ap

Il perdono per Julian Assange in cambio di un aiuto a Donald Trump sul cosiddetto Russiagate. Sarebbe questa, in sostanza, la proposta presentata dal deputato repubblicano Dana Rohrabacher alla Casa Bianca, in una telefonata con il capo di gabinetto, John Kelly. Il deputato avrebbe proposto un "accordo" - parola pronunciata durante la conversazione - che prevederebbe, da parte di Assange, la consegna delle prove sull'estraneità della Russia nella diffusione delle e-mail di esponenti del partito democratico, pubblicate da WikiLeaks durante la campagna elettorale, che danneggiò la candidatura di Hillary Clinton. A scriverlo è il Wall Street Journal, che cita una fonte vicina alla presidenza. Importante anche ricordare che, in passato, il quotidiano ha pubblicato editoriali a favore di una extraordinary rendition, un'azione illegale e segreta per catturare Assange e portarlo negli Stati Uniti.

Le promesse di Trump si scontrano con la realtà

Il presidente alle prese con le difficoltà di essere alla Casa Bianca. La sconfitta più netta è quella sull'Obamacare

Ogni presidente ha fatto promesse che non poteva rispettare, ma sono pochi quelli che le hanno fatte con la stessa spontaneità (e superficialità) di Donald Trump. Quello che il 45esimo capo di Stato sta velocemente imparando è che guidare la Casa Bianca non è come condurre un'azienda e alcune delle 'sparate' in campagna elettorale non possono reggere alla realtà di Washington. Axios ha controllato a che punto sono alcune di queste promesse.

La Nba entra nell'era digitale: un chip nelle divise per connettere i fan alla squadra del cuore

Una rivoluzione nella fruizione della pallacanestro, che sposta anche i confini della privacy: la Nike otterrà una mole di informazioni sui clienti senza precedenti

Le immagini prepartita, la playlist del campione preferito, le azioni salienti al termine dell'incontro. Tutto grazie alle nuove divise delle squadre della Nba, da quest'anno prodotte da Nike, che ha preso il posto di Adidas (con un contratto di otto anni).

Il gran finale di Cassini, dopo 13 anni si schianta su Saturno

Lanciato nel 1997, il progetto della Nasa in collaborazione con l'Esa e l'Italia ci ha fatto capire come funziona il sistema di Saturno e studiare la luna Encelado su cui ci potrebbero essere le condizioni per la vita
AP

Dopo averci raccontato Saturno e le sue lune per 13 anni, facendoci scoprire che Encelado potrebbe sostenere la vita, Cassini ha finito il suo viaggio. Oggi alle 12.30, ora italiana, la sonda si è schiantata sul pianeta entrando nell'atmosfera a una velocità di 120.000 chilometri all'ora. L'intero processo è durato pochi minuti: Cassini ha preso fuoco dopo essere entrato in contatto con l'atmosfera di Saturno e poi è sparito all'interno delle nubi presenti sul pianeta. L'ultimo segnale è arrivato in una stazione australiana alle 13.55, sempre facendo riferimento all'ora italiana, visto che le comunicazioni hanno un ritardo di un'ora e mezza, data la distanza di almeno 1,3 miliardi di chilometri.

Le opere d'esordio di Amedeo Modigliani per la prima volta negli Usa

Al Jewish Museum di New York, una mostra per raccontare l'artista, partendo dal tema cruciale della sua ebraicità

Amedeo Modigliani arrivò a Parigi a ventidue anni. Sarebbe morto tredici anni dopo, lasciando a metà una vita fatta d'amore, dipendenze, malattia e arte. Sulla sua figura e la sua opera il Jewish Museum di New York ha costruito una mostra, Modigliani Unmasked, inaugurata il 15 settembre e che potrà essere ammirata fino al 4 febbraio 2018. Una mostra che non è dedicata al percorso artistico di Modigliani nella sua interezza, ma solo sull'inizio, il periodo che ha generato tutto il resto.

Il Public Hotel: la sfida del fondatore di Studio 54 ad Airbnb

Come combattere l'ospitalità fai da te a New York? Con un albergo di lusso, con cinque bar e cibo gourmet, ma priva di reception e servizio in camera per abbassare i costi (e i prezzi)

Cinque bar, una terrazza con vista a 360 gradi su Manhattan, cibo gourmet ma nemmeno un concierge o una vera e propria reception. È Public, l'hotel di lusso - dai prezzi però "relativamente" abbordabili - aperto quest'estate nel Lower East Side a New York City. Ad averlo voluto è stato Ian Schrager, fondatore dello storico Studio 54 (ex nightclub di Manhattan ora trasformato in teatro di Broadway).

La Corte Suprema sta con Trump, stop (per ora) a ingresso di rifugiati

Terzo intervento ad interim del massimo organo giudiziario americano in vista di una decisone sulla costituzionalità del travel ban. Intanto pressing della Casa Bianca per ridurre sotto 50mila il numero di rifugiati da ammettere nei prossimi 12 mesi
AP

Il massimo organo giudiziario americano si è schierato a favore di Donald Trump, impedendo a molti rifugiati di mettere piede negli Stati Uniti. Il tutto mentre la Casa Bianca, ha rivelato il New York Times, spinge per abbbassare al di sotto di 50mila il numero di rifugiati da accogliere nel corso del prossimo anno fiscale, il minimo da almeno 1980.

Harvard ritira la fellowship a Manning dopo le critiche della Cia

L'università si è scusata per non aver capito le implicazioni della sua decisione
Vogue

Dopo le critiche ricevute, Harvard ha deciso di revocare la 'fellowship' assegnata a Chelsea Manning, l'ex analista militare che trasmise a Wikileaks una serie di documenti riservati statunitensi.

Trump: nessun accordo sui Dreamers, il muro "verrà dopo"

Il presidente statunitense lavora a un'intesa con i democratici per proteggere i quasi 800.000 giovani immigrati arrivati illegalmente da bambini
iStock

"Il muro verrà dopo". Con questa frase, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ammesso che l'accordo su cui sta lavorando con i democratici per trovare una soluzione per i Dreamers non prevede la costruzione del muro con il Messico. Parlando pochi istanti prima della partenza per la Florida, dove visiterà i luoghi colpiti dal passaggio dell'uragano Irma, Trump ha detto che "il muro sarà costruito, ma sarà finanziato un pochino più avanti".