Vertici Facebook pensarono di fare saltare Ipo del 2012: c'erano timori sul fatturato

E' quanto emerge da una testimonianza resa in tribunale nell'ambito di una causa collettiva intentata contro il social network, il Cda e i sottoscrittori della raccolta fondi da 16 miliardi di dollari
Facebook

Nel 2012 i vertici di Facebook hanno valutato la possibilità di fare saltare la quotazione a Wall Street (poi arrivata a maggio di quell'anno e rivelatasi inizialmente un flop, a causa di una serie di problemi tecnici al Nasdaq). E' quanto emerge da una testimonianza resa in tribunale nell'ambito di una causa collettiva intentata contro il social network, il Cda e i sottoscrittori della raccolta fondi da 16 miliardi di dollari, da una serie di investitori, tra cui l'Arkansas Teacher Retirement System: l'accusa è di avere violato le leggi sui valori mobiliari, fuorviando gli investitori non spiegando che alcune modifiche apportate al social network avrebbero avuto un impatto sul fatturato.

Come riporta il Financial Times, proprio la revisione al ribasso delle stime interne sul fatturato ha fatto traballare i piani per l'Ipo. Nella primavera del 2012 Facebook aveva tagliato le previsioni per il giro d'affari annuale da 6,6 a 5,2 miliardi, sulla scia delle difficoltà incontrate nel fare passare gli utenti dalla versione desktop a quella mobile del social network. Secondo quanto emerge dalla testimonianza, all'epoca l'amministratore delegato Mark Zuckerberg aveva scritto alla fidanzata (poi diventata sua moglie) ad aprile, dicendo che "tutto sta andando veramente male, le previsioni sul fatturato sono così in calo che stiamo pensando che forse dovremo quotarci a meno di 50 miliardi se andrà avanti così".

Queste preoccupazioni, però, sono comparse nella documentazione relativa alla quotazione solo come rischi potenziali. Durante il processo, un portavoce di Facebook ha ribadito la "fiducia nel fatto che quanto detto all'epoca agli investitori era completo, accurato e in linea con le leggi vigenti". Secondo l'avvocato dell'accusa Salvatore Graziano, Zuckerberg, il direttore operativo Sheryl Sandberg e l'allora direttore finanziario David Ebersman si sono chiusi in una stanza di hotel di New York a maggio 2012 per discutere dell'imminente quotazione, decidendo di non procedere, salvo poi cambiare idea.

Il resto è storia: la raccolta fondi è stata la maggiore di sempre negli Stati Uniti, cosa che ha fatto salire la valutazione iniziale di Facebook a oltre 100 miliardi. Al debutto il titolo si è attestato in calo, anche a causa di problemi tecnici al Nasdaq, e ha perso quasi il 50% nei primi tre mesi. Solo in seguito Facebook ha ingranato la marcia giusta: oggi il titolo vale il 350% in più rispetto ai 38 dollari dell'Ipo a circa 170 dollari per azione, sulla scia del rapido aumento di utile e fatturato. Nel secondo trimestre il social network ha generato un giro d'affari di 9,2 miliardi con profitti netti per 3,9 miliardi.

Altri Servizi

Trump irritato dai ritardi sull'abrogazione dell'Obamcare, si rivolge direttamente ai democratici

Il presidente ha teso la mano ai democratici, sentendo direttamente il leader di minoranza al Senato, Charles Schumer, per capire se e che tipo di disponibilità ci sia a trattare e collaborare.
White House

Google al lavoro per riportare servizi internet e cellulari a Porto Rico

La Federal Communication Commission, l'autorità americana delle telecomunicazioni, ha approvato la richiesta di Alphabet per fornire servizi di telefonia cellulare di emergenza nelle zone colpite da Maria.
AP

Hollywood sceglie l'Italia per ambientare i set dei film. Occasione per il turismo

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale.

General Electric punta al rilancio, il nuovo Ceo cambia la squadra manageriale

Via il direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.
General Electric

Nate diventa uragano e spaventa Mississippi, Alabama e Louisiana

Si trova circa 150 chilometri a ovest-nordovest dell'estremità occidentale di Cuba e circa a 800 chilometri dalla foce del fiume Mississippi.

Trump celebra Cristoforo Colombo. Ma senza gli accorgimenti di Obama

Lunedì 9 ottobre gli Usa ricordano l'esploratore genovese che nel 1492 arrivò nelle Americhe. Il presidente brinda alla sua "impresa coraggiosa"; il predecessore ne ricordò anche le conseguenze per i nativi. A NY la 72esima parata (con polemiche)
Columbus Citizens Foundation

Italia: Moody's lascia invariato il rating, il settore bancario si stabilizza

E' pari a Baa2. Mantenuto l'outlook negativo. Incertezza dalle prossime elezioni. Rischi al ribasso dell'economia restano "elevati"

Autogrill festeggia in Usa il suo 40esimo anniversario, premiato Gilberto Benetton

Il Ceo Tondato ha partecipato a TechFest del New Yorker
Da sinista, Armando Varrichio (ambasciatore), Gilberto Benetton (presidente di Autogrill) e Lucio Caputo (Gei) Gei

A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

Media Usa: Ivanka e Donald Trump Jr. furono vicini a essere incriminati per frode

Lo riporta un'indagine di Pro Publica, New Yorker e Wnyc. Decisivo l'intervento dell'avvocato personale del 45esimo presidente
AP