Vetro di Murano e cinture nere: Peter Marino per Venini

Presentata la collezione esclusiva dello storico marchio di vetreria

 Esistono due elementi che possano sembrare più lontani tra loro del vetro di Murano e delle cinture di pelle? Forse no, eppure da questo momento coesistono idealmente, in armonia, in una collezione di vasi creata dall'architetto newyorkese Peter Marino per Venini, storica azienda leader nel settore della vetreria. Presentata al Museum of Arts and Design di Columbus Circle, "Black Belt" è una collezione in edizione limitata che comprende 349 pezzi unici, nati dall'unione tra la sapienza dei vetrai veneziani e la creatività di questo architetto celebre - oltreché per il suo look fatto di pelle nera, cinture e cappello da poliziotto - per aver collaborato con i più grandi brand di moda, disegnando le boutique di stilisti come Calvin Klein, Giorgio Armani, Fendi, Dior, Chanel e Louis Vuitton.

"In questo caso, tutto parte dal mio amore per Venezia", ha spiegato Marino, che fa parte di Venetian Heritage, l'organizzazione no-profit dell'Unesco nata per garantire la salvaguardia della città sulla laguna e del suo patrimonio architettonico, artistico e culturale. Da questo amore, e dalla vicinanza a Venezia, è arrivata la proposta di Venini, azienda fondata nel 1921 dall'avvocato milanese Paolo Venini e dall'antiquario veneziano Giacomo Cappellin, e acquisita nel 2016 dalla famiglia Damiani (che possiede l'omonimo marchio di alta gioielleria).

Venini negli anni ha dato vita a collaborazioni molto importanti con nomi come Giò Ponti, Gae Aulenti, Mimmo Rotella, Massimiliano Fuksas, Ettore Sottsass, e le sue creazioni sono entrate a far parte delle collezioni permanenti di musei come il MoMA di New York, il Victoria and Albert Museum di Londra e la Fondazione Cartier di Parigi. L'obiettivo è sempre stato lo stesso: dare luce a una delle eccellenze del made in Italy, il vetro di Murano, collaborando con menti creative e geniali. Da qui l'incontro con Marino, che ha donato la sua "black belt", la caratteristica cintura nera che indossa sempre, ai vasi Venini.

Quattro forme: ovale, quadrato, triangolare e a forma di otto. E, appunto, 349 pezzi creati combinando l'antica tecnica "a sbruffo" con il procedimento cosiddetto "sommerso", che dà al vetro una trasparenza speciale e una sfumatura cromatica smeraldo. Su tutto, la "firma" di Marino: le sue strisce nere. "So che vi state chiedendo da dove abbia tirato fuori il nome black belt. Mi è semplicemente venuto in mente un giorno!", ride Peter Marino. "Per me i vasi sono una cosa che va usata: dentro bisogna metterci i fiori, non solo usarli come soprammobili", ci dice la vice presidente di Damiani, Silvia Damiani. E non potrebbe esserci un luogo migliore di New York per presentare questa collezione. "Qui il futuro accade prima di accadere". Anche per il vetro di Murano

Altri Servizi

Shutdown vicino, Trump: "Colpa dei democratici, vogliono gli immigrati irregolari"

Oggi serve l'ok del Senato alla proposta di legge per una copertura di spesa mensile, ma l'accordo è lontano
AP

Il Washington Post tiene il conto alla rovescia in testa all'homepage del proprio sito: mancano ormai poche ore allo shutdown, ovvero la paralisi della pubblica amministrazione statunitense, che potrà essere evitata solo con un accordo tra democratici e repubblicani.

La marcia delle donne: da protesta a movimento globale

Sabato milioni di persone hanno manifestato per i diritti delle donne e contro la presidenza di Donald Trump. Domenica ci sono stati altri cortei da Miami a Washington e in Australia. Gli organizzatori pensano alle elezioni di Midterm del 2018

Sabato milioni di persone hanno manifestato per celebrare l'anniversario della Women's March, che nel 2017 aveva portato le donne a protestare in centinaia di città americane contro le politiche del presidente americano Donald Trump, che proprio in quei giorni aveva iniziato la sua presidenza. Quest'anno "Look Back, March Forward" ha coinvolto ancora più persone, in tutto il mondo, e diversi giornali e analisti scrivono che la marcia, da protesta si è trasformata in un movimento, con un peso politico. Si tratta "di una celebrazione dei successi raggiunti in tutto il mondo da questo network globale e di una promessa per continuare la resistenza nel 2018", hanno scritto gli organizzatori in una nota.

Pence in Medio Oriente, focus su sicurezza e terrorismo

Le tensioni su Gerusalemme capitale peseranno sul viaggio del vicepresidente Usa tra Egitto, Giordania e Israele. Parlerà alla Knesset, il parlamento israeliano: primo leader statunitense a farlo dal 2008

Il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, è al Cairo, in Egitto, prima tappa di un delicato tour in Medio Oriente, iniziato nonostante lo 'shutdown' in patria, ovvero la paralisi delle attività dell'amministrazione federale, causata dal mancato accordo tra repubblicani e democratici. "Gli incontri del vicepresidente con i dirigenti di Egitto, Giordania e Israele fanno parte integrante della sicurezza nazionale dell'America" ha commentato Alyssa Farah, portavoce del vicepresidente, per spiegare i motivi che hanno spinto Pence a non cambiare i suoi piani, almeno questa volta.

La politica estera di Trump nel primo anno di presidenza

I pochi cambiamenti che il presidente ha fatto in politica estera sono fortemente improntati sulla sua agenda di America First. Ma ci sono anche tante promesse non rispettate e minacce via Twitter con non porteranno mai a nulla di concreto
AP

Donald Trump si è presentato alle elezioni del 2016 promettendo di cancellare la politica estera di Barack Obama, ridando agli Stati Uniti un ruolo di primaria importanza nel mondo. Dopo un anno di presidenza, Trump non ha portato a termine molte delle sue promesse e in molti casi ha mantenuto le scelte fatte dal suo predecessore, nonostante le abbia fortemente criticate su Twitter o in occasioni pubbliche. Tra gli annunci non portati a termine ci sono l'uscita dalla NATO e dal NAFTA, il muro lungo il confine con il Messico e i rapporti con la Russia, che Trump aveva promesso di aumentare e migliorare rispetto a Obama.

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Svolta storica al Los Angeles Times, arrivano i sindacati

Sono gli stessi che rappresentano già NY Times, Washington Post e Wsj. Il proprietario Tronc: aperto a discussioni produttive. Al via formazione di un comitato per trattare aumenti salariali
L'edizione del 5 novembre 2008 del giornale AP

Per la prima volta nei suoi 136 anni di storia, al "Los Angeles Times" entrano i sindacati. Il quotidiano controllato dal gruppo editoriale Tronc fa cos" storia e si prepara a vivere tensioni crescenti non solo con la proprietà del giornale ma anche con il suo management. I due fronti si sono già scontrati su licenziamenti, cambi di vertice e priorità di un gruppo che punta sul giornalismo digitale.

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Per la prima volta in due anni, S&P Global Ratings ha migliorato il suo giudizio sulla tenuta creditizia della Grecia, portato a "B" da "B-" (comunque cinque gradini al di sotto dell'investment grade). L'outlook è rimasto "positivo", cosa che implica un'altra possibile promozione.

Non c'è accordo sui fondi, Stati Uniti in shutdown: bloccate le attività federali

Il Senato non ha approvato la legge di finanziamento provvisorio per 4 settimane. Possibile riduzione del Pil di 6,5 miliardi a settimana. Trump: "I democratici vogliono svilire il grande successo dei tagli alle tasse". E chiede di usare la nuclear option

Gli Stati Uniti sono in shutdown. Il Senato non ha trovato un accordo per approvare il finanziamento provvisorio del governo federale, necessario entro la fine del 19 gennaio. La prima conseguenza è che migliaia di lavoratori federali saranno in congedo non retribuito e che circa 1,3 milioni di militari resteranno senza stipendio finché non si troverà una soluzione a questo stallo. Secondo un rapporto di S&P Global Ratings, lo shutdown potrebbe far scendere il Pil degli Stati Uniti dello 0,2% ogni settimana, ovvero 6,5 miliardi di dollari.

Goldman Sachs: primo rosso trimestrale da 2011, ma conti sopra stime; da riforma 4,4 miliardi di oneri

Il Ceo Blankfein: "Con la prevista accelerata dell'economia globale, i benefici che arriveranno dalla nuova legislazione fiscale e grazie a un franchise di primo piano, siamo ben posizionati per fare significativi progressi sul piano di crescita".

Nei tre mesi a dicembre Goldman Sachs ha virato in rosso, riportando le sue prime perdite trimestrali dal 2011. Come già successo con i conti delle maggiori rivali dell'istituto newyorkese, ha pesato l'impatto della riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump, che ha provocato oneri straordinari per 4,4 miliardi di dollari.

AmEx chiude trimestre in perdita, prima volta da un quarto di secolo. Pesa riforma fiscale Usa

Colpo da 2,6 miliardi di dollari. Il gruppo si aspetta dal provvedimento benefici nel lungo termine. Nel frattempo però sospenderà il programma di buyback. Salvi i dividendi

Per la prima volta in un quarto di secolo, American Express ha chiuso un trimestre in perdita. Non solo. Il gruppo di carte di credito ha detto che sospenderà il suo programma di riacquisto di azioni proprie nella prima metà del 2018 per ricostituire i propri livelli di capitale, intaccati da oneri per 2,6 miliardi di dollari dovuti alla riforma fiscale Usa approvata prima di Natale. AmEx ha spiegato che i dividendi trimestrali resteranno invece invariati.