I nuovi propositi per il 2018 di Hillary Clinton? Vanity Fair li suggerisce ma poi si scusa. Trump attacca

Un video ironico sulla candidata democratica sconfitta alle presidenziali 2016 ha sollevato le polemiche
AP

Dopo le polemiche esplose per un video ironico su Hillary Clinton, il magazine Vanity Fair è stato costretto a scusarsi. "Era un tentativo di humor ma ci dispiace non sia riuscito". Donald Trump non ha perso occasione per attaccare la rivista ma anche la sua ex sfidante nella corsa alle presidenziali del 2016.

Mentre si trovava nel suo resort di lusso a Palm Beach, Florida, il 45esimo presidente americano ha scritto su Twitter: "Vanity Fair, che sta ormai per collassare, si sta piegando scusandosi per il piccolo colpo che ha sferzato alla corrotta H". Riferendosi poi ad Anna Wintour, direttrice artistica di Condé Nast (il gruppo editoriale che pubblica Vanity Fair) e descritta da Trump come una grande fundraiser di Clinton, il presidente ha aggiunto: "E' fuori di sé, è in lutto e sta pregando per il perdono".

Il video immortalava sei nuovi propositi per il nuovo anno pensati per l'ex segretario di Stato amaramente sconfitto lo scorso anno alle elezioni presidenziali contro Trump. Ogni proposito è stato presentato da un giornalista di Hive - sito di Vanity Fair lanciato nel giugno 2016 - mentre aveva in mano un bicchiere di spumante, per indicare l'aria festiva e giocosa.

In un caso, alla candidata democratica che sperava di diventare la prima donna a mettere piede alla Casa Bianca da presidente veniva suggerito di scrivere un sequel del suo libro "What Happened" (cosa è successo), una biografia pubblicata dopo la sconfitta elettorale. Il titolo suggerito? "What the Hell Happened" (cosa diavolo è successo).

In un altro le veniva consigliato di fare più fotografie nei boschi, riferimento alla prima immagine di lei circolata in rete dopo la pesante debacle elettorale. Una sua supporter l'aveva incontrata per caso scattando una selfie.

Una proposta aggiuntiva per il 2018 era "fare volontariato, fare la maglia o darsi alla commedia improvvisata, letteralmente qualsiasi cosa che ti impedisca di candidarti di nuovo". Un altro proposito suggerito dai giornalisti di Vanity Fair? "Mettere via la bambola voodo di James Comey", l'ex direttore dell'Fbi che a pochi giorni dalle elezioni riapr" e richiuse senza novità l'emailgate, l'indagine (già archiviata nell'estate precedente senza incriminazione) sull'uso di un account privato di posta elettrinica da parte di Clinton quando lei era a capo del dipartimento di Stato. "Sappiamo tutti che pensi che James Comey ti sia costato l'elezione, e magari è cos", ma ci sono una manciata di altre cose. E' passato un anno, è ora di guardare avanti".

I sei giornalisti hanno concluso il video brindando in onore di Clinton. Sui social media sono esplose le polemiche tanto che l'attrice Patricia Arquette e Peter Daou (il fondatore di Verrit, sito di fan di Clinton) hanno tacciato il video come sessista: "Basta dire alle donne cosa c...o devono o non devono fare", ha scritto l'attrice su Twitter.

Un ex consigliere di Clinton, Peter Daou, si è spinto oltre propendo l'hashtag #CancelVanityFair. "Suggerire alla prima donna a candidarsi alla presidenza per un grande partito di fare la maglia è un incredibile mancanza di giudizio da parte di Vanity Fair. Specialmente alla fine del 2017". Un anno che verrà ricordato non solo per lo stile improbabile della presidenza Trump ma anche per il movimento #MeToo, rilanciato dalla pioggia di accuse di molestie sessuali subite dalle donne sul posto di lavoro.

Altri Servizi

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Dan Coats, il direttore dell'intelligence nazionale (Dni) degli Stati Uniti, ha detto che avrebbe preferito che il presidente Donald Trump non avesse incontrato, da solo, l'omologo russo, Vladimir Putin, come avvenuto luned" al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il capo dello spionaggio statunitense ha poi detto di non avere idea di cosa si siano detti i due leader. "Se mi avesse chiesto come fare, gli avrei suggerito un modo diverso" ha detto, intervistato all'Aspen Security Forum, ieri. "Ma non è il mio ruolo, non è il mio lavoro".

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento

Due settimane prima del suo insediamento alla Casa Bianca, il presidente Donald Trump ha avuto accesso a informazioni segrete dell'intelligence che provavano il coinvolgimento in prima persona di Vladimir Putin nelle ingerenze russe nelle scorse elezioni presidenziali. Lo scrive il New York Times, secondo cui dai documenti emergeva che il presidente russo "ordinò personalmente gli attacchi informatici per influenzare le elezioni americane". Trump si sarebbe "convinto con riluttanza", vedendo i documenti il 6 gennaio dello scorso anno, due settimane prima del giuramento, secondo le fonti presenti all'incontro alla Trump Tower tra l'allora presidente eletto e l'intelligence. Tra le prove mostrate a Trump, c'erano messaggi e e-mail di funzionari dell'intelligence militare russa. Inoltre, c'erano anche informazioni ottenute da una fonte top-secret vicina a Putin, da cui emergeva il piano del Cremlino per influenzare le elezioni.

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock