Vino, grano e soia, alla Cina piace il Made in Usa

Le esportazioni di prodotti agricoli statunitensi aumentate del 1.400% rispetto al 2000

Le esportazioni di prodotti agricoli statunitensi sono più che raddoppiate dal 2006 a più di 140 miliardi di dollari nel 2013, secondo il dipartimento dell'Agricoltura (Usda). La Cina, che ha quasi 1,4 miliardi di persone da sfamare, è diventata un'importante cliente: ha importato quasi 26 miliardi di dollari in grano, soia e altri cereali e legumi, pari a un incremento del 1.400% rispetto al 2000.

"La crescente classe media in Cina sta variando la propria dieta" ha detto Craig Cox, vicepresidente per l'agricoltura e le risorse naturali dell'Environmental Working Group, un'organizzazione ambientalista statunitense. La soia serve come alimento per il bestiame, con il Paese che consuma sempre più carne.

Inoltre, i consumatori cinesi apprezzano sempre di più il vino statunitense: la Cina, lo scorso anno, ha speso 77,3 milioni di dollari in importazioni; nel 200, invece, solo 1,3 milioni.