Vino italiano: export in Usa al top di cinque anni nel 2018

Rialzo del 6,8% a quasi due miliardi di dollari. Francia in testa per secondo anno di fila grazie al vantaggio nei rosati. Il nostro Paese resta primo fornitore di rossi e bianchi. Forte (Agenzia ICE NY): serve migliorare nostro posizionamento

Il 2018 si è chiuso per il vino italiano con il maggiore incremento degli ultimi cinque anni delle esportazioni negli Stati Uniti. In termini di valore, c'è stato un aumento sul 2017 del 6,8% a 1,984 miliardi di dollari dopo il +3,4% registrato l'anno precedente. In termini di quantità, il rialzo annuo è stato dell'1,2%. Anche la quota di mercato è migliorata, passando in 12 mesi al 32% dal 31,4%, così come i prezzi medi, saliti del 5,4% a 5,9 dollari per litro.

Per il secondo anno di fila, l'Italia si è confermata in termini assoluti al secondo posto dietro alla Francia, che nel 2018 ha visto crescere le sue esportazioni di vino in Usa del 12,7% a 2,104 miliardi di dollari con una quota di mercato salita al 33,9% dal 31,6% del 2017. Bisogna tornare al 2016 per vedere il nostro Paese in testa alla classifica di chi ha esportato più vino in Usa. Va detto tuttavia che il nostro Paese è il primo fornitore degli Usa per i vini bianchi (con una quota del 40%) e rossi (32,5%), due categorie il cui valore di bottiglie esportate nel 2018 ha subito rispettivamente un calo annuo dello 0,2% e un rialzo del 6,5%. Sono i rosati ad avere permesso alla Francia di superare il nostro Paese, seppur di poco. "Se eliminassimo la categoria dei rosati, in cui la Francia ha una quota di mercato dell'80%, vinceremmo a mani basse", ha dichiarato Maurizio Forte, direttore dell’Agenzia ICE di New York, in un evento durante il quale ha fotografato questo settore descrivendone trend e opportunità.

E' proprio in quella categoria che Forte vede margini ampi di possibilità di crescita. In essa l'Italia ha registrato sul 2017 un +23,6% e ha una quota di mercato del 9%. Incremento a doppia cifra anche per i vini spumanti e frizzanti (+16,5% annuo, con una quota del 34%), per il Vermut e altri vini aromatizzati (+34,1% con quota dell'84,7%) e per i vini liquorosi come il Marsala (+13,4% con quota del 28%). Forte ha spiegato che l'82% del vino italiano esportato verso gli Usa proviene solo da quattro delle 20 regioni del nostro Paese: Toscana, Veneto, Trentino-Alto Adige e Piemonte. E che il 61% del vino consumato in Usa si concentra in 10 Stati con la California al primo posto; nella top 5 seguono Florida, New York, Illinois e Texas. "Questo dimostra che si può allargare il numero di territori di esportazione", ha spiegato Forte sottolineando l'importanza di "migliorare il posizionamento del vino italiano" nel mercato americano. Le prossime opportunità di crescita per le aziende italiane del vino potrebbero essere Pennsylvania, Colorado e Virginia, "magari all'inizio in termini di quantità e poi di qualità", ha proseguito Forte.

La strategia su cui l'Agenzia ICE intende puntare è quella su cui si è basata la campagna (presentata a inizio 2018) dal claim “Italian Wine - Taste the Passion”, parte di un progetto promozionale più ampio dedicato al vino che prevede per gli Stati Uniti un investimento di circa 20 milioni di euro in tre anni. Essa è volta a valorizzare le principali caratteristiche del nostro vino: qualità, diversità, unicità, legame con il territorio, autenticità, versatilità e tradizione familiare.

Siccome il nostro Paese sconta un posizionamento non in linea con l'elevata qualità dei suoi vini, cosa riflessa sui prezzi di vendita, il ministero dello Sviluppo Economico ha creato uno specifico Tavolo Vino che ha collaborato all'impostazione del Progetto Vino Usa; esso prevede una ampia gamma di attività a sostegno dei nostri produttori: campagna di comunicazione al consumatore, formazione per addetti ai lavori, inserimento di nuove aziende, eventi trade in collaborazione con partner italiani e - tra le altre cose - un desk specializzato presso l'ICE a New York.

A conclusione del primo anno della campagna citata, i risultati sono stati incoraggianti: in totale sono state raggiunti 900 milioni di impression, di cui l'85% realizzati sui canali digital, ma soprattutto è stato registrato un buon incremento dei prezzi medi che era l’obiettivo principale del Progetto Vino Usa. Alla comunicazione sono state affiancate altre attività, fra cui la formazione e missioni in Italia, entrambe realizzate grazie alla collaborazione con Vinitaly.

"Siamo soddisfatti dei buoni risultati raggiunti nel primo anno di attività soprattutto in termini di miglioramento del posizionamento dei vini italiani, perché i nostri produttori non si accontentano di essere leader solo nelle quantità", ha dichiarato Forte. "Ovviamente abbiamo ancora molto lavoro da svolgere per rafforzare e consolidare nei prossimi anni questo trend", ha concluso Forte. "La qualità e la diversità dei nostri vini richiede un impegno continuo nel mercato Usa che il governo italiano sta assicurando con grande determinazione". Anche perché c'à un interesse crescente per il vino italiano: da marzo a dicembre sulla stampa statunitense sono state raggiunte oltre 6,3 miliardi di impression sul tema "vino italiano".

Maurizio Forte, Agenzia ICE New York Agenzia ICE New York
Altri Servizi

Fca: richiama in Usa quasi 900mila vetture, non rispettano standard su emissioni

Epa soddisfatta dell'azione volontaria del gruppo. La mossa segue test condotti dall'azienda e dall'Agenzia per la protezione ambientale. Fca: veicoli sicuri, nessuna multa
FCA

Fiat Chrysler Automobiles ha deciso di richiamare quasi 900mila vetture negli Stati Uniti, per l'esattezza 862.520. La mossa segue test sulle emissioni condotti dall'Agenzia per la protezione ambientale americana (l'Epa) e dall'azienda stessa come richiesto dalla legge. A dare l'annuncio è stata l'Epa, che "dà il benvenuto all'azione di Fiat Chrysler di richiamare volontariemente i suoi veicoli che non rispettano gli standard sulle emissioni Usa".

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

La senatrice Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la propria candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi del prossimo anno, con un video intitolato "Il coraggioso vince", che parte da un verso dell'inno nazionale (Di' dunque, sventola ancora la nostra bandiera adorna di stelle sulla terra dei liberi e la patria dei coraggiosi?) per affermare che il coraggio degli americani può aiutare il Paese a raggiungere risultati come il sistema sanitario universale, il congedo parentale per tutti e una nuova riforma per l'ambiente. "Abbiamo bisogno di un leader che faccia delle scelte notevoli e coraggiose. Qualcuno che non sia spaventato dal progresso. Ecco perché mi candido alla presidenza".

Boeing: "piena fiducia" nel 737 Max ma vari Paesi ne impediscono l'uso

Regno Unito, Francia e Germania tra le nazioni che puntano su sicurezza. Romney primo senatore Gop a chiedere lo stop all'uso del jet. L'aviazione civile Usa dalla parte del gruppo. Passeggeri preoccupati. Trump: aerei troppo complessi.

Messo sotto pressione dalle autorità dell'aviazione civile nel mondo, Boeing ha diffuso un comunicato difendendo la sicurezza dei suoi jet 737 Max, nei quali ha "piena fiducia".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Il presidente della Federcalcio statunitense, Carlos Cordeiro, ha manifestato la propria sorpresa, e quella dell'organizzazione che presiede, nel prendere atto della causa intentata dalle calciatrici della nazionale per discriminazione di genere. Cordeiro ha detto che non aveva mai sentito lamentele sull'accordo collettivo contrattato e firmato tra le due parti due anni fa.

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Parte lunedì il road show di Lyft per la sua Ipo, durante la quale cercherà di raccogliere fino a due miliardi di dollari, per arrivare a una valutazione di oltre 20 miliardi di dollari. Lyft dovrà cercare di convincere gli investitori a preferire la sua Ipo a quella di Uber, che dovrebbe lanciarla il prossimo mese.

Tesla: Musk difende suoi tweet e attacca Sec, "ha oltrepassato il limite"

Secondo l'autorità di borsa Usa, il Ceo del produttore di auto elettriche ha violato il patteggiamento siglato a settembre
AP

Elon Musk, il Ceo di Tesla, è tornato ad attaccare l'autorità di borsa americana sostenendo che "ha oltrepassato ogni limite in modo senza precedenti".

Trump contro la Corte penale internazionale: visti negati a chi indaga su cittadini Usa

Corte penale internazionale vuole indagare sui crimini in Afghanistan: "Tribunale illegittimo"
AP

Il segretario di Stato, Mike Pompeo, ha dichiarato che gli Stati Uniti hanno deciso di revocare e negare i visti al personale della Corte penale internazionale (Cpi) "direttamente responsabile" di un'indagine su cittadini statunitensi per crimini di guerra in Afghanistan. Pompeo ha spiegato ai giornalisti presenti al dipartimento di Stato che le nuove misure sono già entrate in vigore e che gli Stati Uniti "sono pronti a fare mosse addizionali, anche l'adozione di sanzioni economiche".

Usa 2020: si candida Beto O'Rourke, l'ex deputato che vive al confine con il Messico

"Cercheremo di unire un Paese diviso". Moderato, capitalista, è considerato "l'Obama bianco": riuscirà a convincere l'ala liberal del partito democratico?
Ap

"Le sfide che affrontiamo ora [...] ci consumeranno, o ci daranno la più grande opportunità di liberare il talento degli Stati Uniti d'America [...] Sarà un campagna positiva che cercherà di tirare fuori il meglio di ognuno di noi, che cercherà di unire un Paese molto diviso". Con queste parole, Beto O'Rourke, 46 anni, si è ufficialmente candidato alle primarie democratiche, in vista delle presidenziali del 2020.