Virus Zika, uno studio mostra come attacca il cervello dei bimbi

Le immagini sono state pubblicate dalla rivista scientifica Radiology

La rivista Radiology ha pubblicato delle foto, facenti parte di uno studio, nelle quali si vede nel dettaglio come il virus Zika attacchi il cervello dei bambini causando gravi danni alla corteccia cerebrale e alle zone adibite al controllo del movimento, dell’equilibrio o della parola.

La ricerca, effettuata su 45 bambini brasiliani le cui madre erano affette dal virus durante la gravidanza, mette in evidenza che Zika non sia causa solo di microcefalia ma provochi danni irreparabili anche nei feti e nei neonati con una testa di dimensioni normali. In aggiunta a tutto questo, come si legge nell’articolo del New York Times, i danni che colpiscono queste zone cerebrali possono non manifestarsi al momento della nascita ma nei successivi periodi di crescita del bambino. 

Si tratta di uno studio che quindi mette in evidenza "l’importanza di comprendere veramente l’impatto di Zika e il fatto che sia necessario seguire non solo i bambini esposti al virus durante la gravidanza ma anche quelli che non sembrano avere complicazioni alla nascita", come ha dichiarato al giornale newyorchese Catherine Spong, direttrice del ramo gravidanza e perinatologia del Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development, che fa parte del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti. 

La maggior parte dei bambini dello studio sono nati con microcefalia, mentre tre di loro avevano un cervello apparentemente normale. Ognuno di loro soffre di altri disturbi, la quasi totalità dei quali emerge anche prima della microcefalia. Secondo gli esperti, infatti, la testa più piccola è in realtà una conseguenza di un cervello che non è riuscito a svilupparsi completamente o è stato danneggiato durante la sua formazione. 

"Il cervello che dovrebbe essere lì non c'è", ha affermato Deborah Levine, autore dello studio e professore di radiologia presso la Harvard Medical School. "Le anomalie che vediamo nel cervello suggeriscono una perturbazione molto precoce del processo di sviluppo del cervello". Secondo Levine inoltre sembra che Zika sia più pericoloso quando viene trasmesso da una madre incinta al feto durante i primi tre mesi di gravidanza.

Secondo un’altra coautrice dello studio, Fernanda Tovar-Moll, vice presidente del D’Or Institute for Research and Education e docente della Federal University di Rio de Janeiro, l’utilizzo di queste immagini "è essenziale per identificare la presenza e la gravità dei cambiamenti strutturali portati dall’infezione, specialmente nel sistema nervoso centrale".

Tra le altre anomalie riscontrate dallo studio c’è la presenza di calcificazioni in zone in cui solitamente è raro trovarle, oltre alla perdita di volume nella materia grigia e bianca e alla ventricolomegalia, e cioè quella condizione cerebrale che si verifica quando i ventricoli laterali si dilatano. Per colpa del virus infatti, i ventricoli o le cavità del cervello diventando così pieni di liquido cerebrospinale che "saltano in aria come un palloncino", come descritto da Levine nello studio. Il motivo per cui i ventricoli si riempiono di liquido è dovuto al fatto che Zika ostruisca la loro capacità di drenare normalmente, o perché i danni ad altre aree del cervello lasciano una sorta di vuoto che i ventricoli dilatati riempiono.

Altri Servizi

Wall Street, permangono i timori sui rapporti commerciali tra gli Usa e la Cina

Il Dow Jones ha chiuso in negativo le ultime quattro sedute
iStock

Immigrazione, tutti contro Trump. Melania, invece, sta con lui (anche se non sembra)

La first lady chiede un Paese che "governi col cuore", ma attribuisce le responsabilità della situazione a repubblicani e democratici, dando eco alle affermazioni ingannevoli del presidente. La responsabilità è solo della Casa Bianca

Tutti, o quasi, contro il presidente Donald Trump. Importanti figure del partito repubblicano si sono unite ai democratici nel chiedere all'amministrazione statunitense di porre fine alla politica della 'tolleranza zero', che sta dividendo i bambini dai genitori con cui hanno attraversato il confine tra Stati Uniti e Messico senza un visto. Più complessa, invece la posizione assunta dalla first lady Melania Trump, che ha fatto sapere, tramite la sua portavoce, di "credere nel bisogno di un Paese che segua tutte le leggi, ma anche un Paese che governi col cuore"; non ha, però, criticato il marito Donald, come affermato da molti giornalisti, anzi: si è unita a lui nel chiedere che repubblicani e democratici lavorino insieme per risolvere la situazione.

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.

Contrordine: Trump appoggia la proposta di legge sull'immigrazione dei repubblicani moderati

La Casa Bianca chiarisce la posizione del presidente, dopo le sue affermazioni a Fox News. La proposta proteggerà dall'espulsione i Dreamers
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, promulgherà la legge sull'immigrazione che il Congresso deciderà di approvare tra le due in discussione; lo ha riferito la Casa Bianca, nonostante Trump, poche ore prima, avesse espresso in tv la sua contrarietà alle proposte di legge che saranno votate nei prossimi giorni alla Camera e che hanno l'obiettivo di trovare anche una soluzione per i Dreamers, ovvero gli immigrati arrivati da bambini, senza documenti, protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Trump (ma lo stop è bloccato in tribunale).

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Europa e Usa insieme per discutere del piano di pace in Medio Oriente di Trump

Londra sta organizzando un incontro tra i ministri degli Esteri delle potenze europee (e arabe) e gli uomini del presidente Usa che si occupano del dossier, ovvero Kushner e Greenblatt, che nei prossimi giorni saranno in Israele, Egitto e Arabia Saudita
iStock

In attesa del piano di pace per il Medio Oriente della Casa Bianca, il Regno Unito sta organizzando un incontro tra i ministri degli Esteri delle principali potenze europee e arabe con il 'peace team' del presidente statunitense Donald Trump, guidato dal genero Jared Kushner e da Jason Greenblatt. A scriverlo è il giornalista israeliano Barak Ravid, collaboratore del sito Axios.

Russiagate, il WP rivela incontro tra Roger Stone e un russo

Il consigliere di lungo corso di Trump ha incontrato Henry Greenberg che gli aveva promesso materiale scottante su Hillary Clinton
©AP

Nuove rivelazioni sul Russiagate. Roger Stone, consigliere informale di Donald Trump e suo confidente di lunga data, ha infatti rilasciato un’intervista al Washington Post nella quale ha ammesso di aver incontrato nel maggio 2016 un emigrato russo che gli avrebbe promesso informazioni "compromettenti" sull’allora candidata democratica Hillary Clinton.

Apple annuncia partnership sui contenuti con Oprah Winfrey

La regina dei talk show americana creerà "programmi originali"
AP

Apple unisce le forze con Oprah Winfrey creando una partnership per la produzione di programmi per un nuovo servizio di video su abbonamento. L'accordo con la regina dei talk show americani è la dimostrazione di come il produttore dell'iPhone punti sempre di più sui contenuti. Winfrey - che ha dato una spinta al titolo Weight Watchers da quando ne è diventata socia e testimonial - creerà "programmi originali che abbracciano la sua capacità senza eguali di connettere varie audience in giro per il mondo", ha spiegato Apple.

Usa 2018: si voterà anche per dividere la California in tre Stati

Gli elettori dello Stato, al momento, bocciano la proposta, secondo l'ultimo sondaggio

Alle elezioni statunitensi di metà mandato a novembre, i californiani dovranno anche decidere se dividere la California in tre Stati. La campagna referendaria 'Cal-3' ha infatti consegnato alle autorità quasi 420.000 firme valide, più di quelle necessarie per sottoporre il quesito alle elezioni.

Fmi mette in guardia gli Usa e cita il rischio di recessione

L'istituto guidato da Christine Lagarde ha ottime prospettive nel breve termine per l'America ma le politiche commerciali e fiscali non convincono. E nel 2023 stime di crescita del Pil pari alla metà di quella della Casa Bianca

Il Fondo monetario internazionale ha lanciato un avvertimento all'amministrazione Trump spingendosi a citare il rischio di una possibile recessione tra quelli individuati. La causa scatenante potrebbe essere la sua politica fiscale prociclicia. E le misure commerciali non fanno che peggiorare il quadro. Non a caso l'istituto di Washington ha presentato stime di cresciuta più conservative di quelle della Casa Bianca nel lungo termine. Con il venire meno, dal 2020, dell'effetto positivo dato dagli stimoli fiscali Usa, la crescita americana secondo il Fondo rallenterà a un +1,4% nel 2023 contro il +1,8% previsto dalla Federal Reserve e la promessa di Trump di un +3%.