Virus Zika, uno studio mostra come attacca il cervello dei bimbi

Le immagini sono state pubblicate dalla rivista scientifica Radiology

La rivista Radiology ha pubblicato delle foto, facenti parte di uno studio, nelle quali si vede nel dettaglio come il virus Zika attacchi il cervello dei bambini causando gravi danni alla corteccia cerebrale e alle zone adibite al controllo del movimento, dell’equilibrio o della parola.

La ricerca, effettuata su 45 bambini brasiliani le cui madre erano affette dal virus durante la gravidanza, mette in evidenza che Zika non sia causa solo di microcefalia ma provochi danni irreparabili anche nei feti e nei neonati con una testa di dimensioni normali. In aggiunta a tutto questo, come si legge nell’articolo del New York Times, i danni che colpiscono queste zone cerebrali possono non manifestarsi al momento della nascita ma nei successivi periodi di crescita del bambino. 

Si tratta di uno studio che quindi mette in evidenza "l’importanza di comprendere veramente l’impatto di Zika e il fatto che sia necessario seguire non solo i bambini esposti al virus durante la gravidanza ma anche quelli che non sembrano avere complicazioni alla nascita", come ha dichiarato al giornale newyorchese Catherine Spong, direttrice del ramo gravidanza e perinatologia del Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development, che fa parte del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti. 

La maggior parte dei bambini dello studio sono nati con microcefalia, mentre tre di loro avevano un cervello apparentemente normale. Ognuno di loro soffre di altri disturbi, la quasi totalità dei quali emerge anche prima della microcefalia. Secondo gli esperti, infatti, la testa più piccola è in realtà una conseguenza di un cervello che non è riuscito a svilupparsi completamente o è stato danneggiato durante la sua formazione. 

"Il cervello che dovrebbe essere lì non c'è", ha affermato Deborah Levine, autore dello studio e professore di radiologia presso la Harvard Medical School. "Le anomalie che vediamo nel cervello suggeriscono una perturbazione molto precoce del processo di sviluppo del cervello". Secondo Levine inoltre sembra che Zika sia più pericoloso quando viene trasmesso da una madre incinta al feto durante i primi tre mesi di gravidanza.

Secondo un’altra coautrice dello studio, Fernanda Tovar-Moll, vice presidente del D’Or Institute for Research and Education e docente della Federal University di Rio de Janeiro, l’utilizzo di queste immagini "è essenziale per identificare la presenza e la gravità dei cambiamenti strutturali portati dall’infezione, specialmente nel sistema nervoso centrale".

Tra le altre anomalie riscontrate dallo studio c’è la presenza di calcificazioni in zone in cui solitamente è raro trovarle, oltre alla perdita di volume nella materia grigia e bianca e alla ventricolomegalia, e cioè quella condizione cerebrale che si verifica quando i ventricoli laterali si dilatano. Per colpa del virus infatti, i ventricoli o le cavità del cervello diventando così pieni di liquido cerebrospinale che "saltano in aria come un palloncino", come descritto da Levine nello studio. Il motivo per cui i ventricoli si riempiono di liquido è dovuto al fatto che Zika ostruisca la loro capacità di drenare normalmente, o perché i danni ad altre aree del cervello lasciano una sorta di vuoto che i ventricoli dilatati riempiono.

Altri Servizi

Alphabet: i conti tengono nonostante la fuga degli inserzionisti da YouTube

Utili in rialzo del 29% nel primo trimestre e ricavi in aumento del 22%. Il cost-per-clickè sceso del 21% sui siti Google
Shutterstock

Alphabet ha chiuso il suo primo trimestre fiscale con utili per 5,43 miliardi, in rialzo dai 4,2 miliardi dello stesso periodo del 2016 (+29%). Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono passati a 7,73 dollari da 6,02 dollari ma gli analisti si aspettavano quota 7,39 dollari. I ricavi sono aumentati del 22% a 24,75 miliardi, oltre le attese per 24,22 miliardi.

Amazon: nel primo trimestre, utili e ricavi cresciuti più delle stime

La divisione di cloud computing continua a premiare. Svelate per la prima volta le vendite associate alla logistica. Nuovo record per il titolo del gruppo
AP

Amazon ha chiuso il primo trimestre del 2017 con utili saliti annualmente del 41% e ricavi in aumento del 23% superando le stime degli analisti.

Il legname canadese nel mirino di Trump, gli Usa vogliono dazi al 20%

Dopo le proteste dei produttori di latte Usa per la politica dei prezzi di Ottawa, Washington apre un nuovo fronte nella guerra contro i prodotti provenienti dall'estero. Il governo canadese: "Decisione iniqua e punitiva"

Donald Trump apre un nuovo fronte nella guerra commerciale contro i prodotti provenienti dall'estero venduti negli Stati Uniti. Il bersaglio questa volta è il legname canadese, per il quale la Casa Bianca è pronta a introdurre un dazio punitivo del 20 per cento sulle importazioni (la media di un intervallo che va dal 3% al 24%). La decisione è preliminare: ne ha parlato lo stesso presidente americano ieri durante un incontro con i giornalisti delle testate d'ispirazione conservatrice; la notizia è stata confermata in una intervista al Wall Street Journal dal segretario al Commercio Wilbur Ross.

Riforma sanitaria Usa, dai conservatori un 'sì' a Trump

I membri del Freedom Caucus approvano le modifiche, dopo il 'no' che aveva costretto i repubblicani a ritirare la proposta di legge lo scorso 24 marzo, in assenza del sostegno necessario
AP

Il Freedom Caucus, il gruppo di deputati conservatori responsabile, insieme ad alcuni moderati, della bocciatura alla Camera della riforma sanitaria dell'amministrazione Trump per sostituire l'Obamacare, ha approvato le modifiche alla proposta di legge. Lo speaker della Camera, Paul Ryan, ha dichiarato che gli emendamenti "ci aiutano a ottenere consensi", ma non ha detto quanto i repubblicani siano vicini al numero di voti necessario per far approvare la riforma alla Camera.

O'Sullivan a Trump: senza Europa, niente America Great Again

L'ambasciatore Ue negli Stati Uniti, da New York, critica il focus dell'amministrazione Usa sugli accordi bilaterali e sui deficit commerciali. Il presidente americano non è cheerleader dell'integrazione Ue ma ha bisogno di Vecchio Continente prospero

In un'Europa in cui c'è una "rinnovata attività economica", c'è anche una diffusa convinzione che "il libero commercio e gli accordi commerciali messi a punto bene diano benefici". E pur non sottovalutando gli effetti collaterali della globalizzazione e i problemi che ancora ci sono nell'Unione europea come la disoccupazione giovanile alta, le prospettive sono finalmente "incoraggianti". Ne è convinto David O'Sullivan, l'ambasciatore Ue negli Stati Uniti che ha presentato la Ue come "il blocco commerciale più aperto e libero al mondo" e che scherzosamente ha aperto una ristretta colazione di lavoro a New York dicendo che "il mondo non è finito con l'elezione di Donald Trump" alla presidenza americana.

Dal muro con il Messico alla riforma fiscale: i primi 100 giorni di Trump

Un periodo trascorso tra promesse, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni. Tra i momenti più importanti, il record del Dow Jones, la bocciatura della riforma sanitaria alla Camera, gli screzi con gli alleati della Nato, i missili lanciati in Siria

Sabato 29 aprile, sarà il centesimo giorno di Donald Trump alla Casa Bianca. Un periodo che, di solito, permette di dare un primo giudizio sul lavoro, in questo caso, del 45esimo presidente degli Stati Uniti. Un periodo ricco di eventi, notizie, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni, a Washington e nel resto del Paese.

Trump promette taglio tasse corporate al 15%, resta nodo coperture. Mnuchin: riforma storica

Si rispolvera la teoria che l'economista Arthur Laffer aveva delineato nel 1974: i tagli delle tasse si "pagheranno" da soli con la crescita economica innescata dalla riduzione fiscale.

La tanto attesa proposta di Donald Trump sulla riforma fiscale americana sarà presentata oggi, attorno alle 19.30 italiane. Qualche dettaglio, confermato per altro dal segretario al Tesoro Steven Mnuchin durante un evento a Washington, si sa già: il presidente proporrà un alleggerimento della tassazione dei profitti generati all'estero e una riduzione dell'aliquota corporate dal 35 al 15%, un taglio maggiore di quello al 28% ipotizzato, senza successo, da Barack Obama e di quello al 25% suggerito dai repubblicani nel 2014.

Pagato dalla Russia, il Pentagono apre un'indagine su Flynn

Ha ricevuto denaro senza autorizzazione dell'esercito come generale in pensione. Si intensificano le polemiche sull'ex consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Trump, dimessosi dopo meno di un mese dal suo giuramento

Il Pentagono Usa ha aperto un'indagine interna volta a verificare possibili violazioni della legge da parte di Michael Flynn, l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale di Donald Trump. Nel mirino ci sono pagamenti ricevuti per le sue attività di consulenza e lobbying in Russia e in Turchia svolte dopo aver lasciato l'esercito. Lo si apprende da documenti resi pubblici da membri democratici del Congresso.