Virus Zika, uno studio mostra come attacca il cervello dei bimbi

Le immagini sono state pubblicate dalla rivista scientifica Radiology

La rivista Radiology ha pubblicato delle foto, facenti parte di uno studio, nelle quali si vede nel dettaglio come il virus Zika attacchi il cervello dei bambini causando gravi danni alla corteccia cerebrale e alle zone adibite al controllo del movimento, dell’equilibrio o della parola.

La ricerca, effettuata su 45 bambini brasiliani le cui madre erano affette dal virus durante la gravidanza, mette in evidenza che Zika non sia causa solo di microcefalia ma provochi danni irreparabili anche nei feti e nei neonati con una testa di dimensioni normali. In aggiunta a tutto questo, come si legge nell’articolo del New York Times, i danni che colpiscono queste zone cerebrali possono non manifestarsi al momento della nascita ma nei successivi periodi di crescita del bambino. 

Si tratta di uno studio che quindi mette in evidenza "l’importanza di comprendere veramente l’impatto di Zika e il fatto che sia necessario seguire non solo i bambini esposti al virus durante la gravidanza ma anche quelli che non sembrano avere complicazioni alla nascita", come ha dichiarato al giornale newyorchese Catherine Spong, direttrice del ramo gravidanza e perinatologia del Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development, che fa parte del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti. 

La maggior parte dei bambini dello studio sono nati con microcefalia, mentre tre di loro avevano un cervello apparentemente normale. Ognuno di loro soffre di altri disturbi, la quasi totalità dei quali emerge anche prima della microcefalia. Secondo gli esperti, infatti, la testa più piccola è in realtà una conseguenza di un cervello che non è riuscito a svilupparsi completamente o è stato danneggiato durante la sua formazione. 

"Il cervello che dovrebbe essere lì non c'è", ha affermato Deborah Levine, autore dello studio e professore di radiologia presso la Harvard Medical School. "Le anomalie che vediamo nel cervello suggeriscono una perturbazione molto precoce del processo di sviluppo del cervello". Secondo Levine inoltre sembra che Zika sia più pericoloso quando viene trasmesso da una madre incinta al feto durante i primi tre mesi di gravidanza.

Secondo un’altra coautrice dello studio, Fernanda Tovar-Moll, vice presidente del D’Or Institute for Research and Education e docente della Federal University di Rio de Janeiro, l’utilizzo di queste immagini "è essenziale per identificare la presenza e la gravità dei cambiamenti strutturali portati dall’infezione, specialmente nel sistema nervoso centrale".

Tra le altre anomalie riscontrate dallo studio c’è la presenza di calcificazioni in zone in cui solitamente è raro trovarle, oltre alla perdita di volume nella materia grigia e bianca e alla ventricolomegalia, e cioè quella condizione cerebrale che si verifica quando i ventricoli laterali si dilatano. Per colpa del virus infatti, i ventricoli o le cavità del cervello diventando così pieni di liquido cerebrospinale che "saltano in aria come un palloncino", come descritto da Levine nello studio. Il motivo per cui i ventricoli si riempiono di liquido è dovuto al fatto che Zika ostruisca la loro capacità di drenare normalmente, o perché i danni ad altre aree del cervello lasciano una sorta di vuoto che i ventricoli dilatati riempiono.

Altri Servizi

OpenGov, startup collegata a Kushner, ha contatti con la Casa Bianca

Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, l'amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.
AP

La startup OpenGov, legata alla famiglia Kushner, ha avuto accesso a una riunione alla Casa Bianca. Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, il suo amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.

Trumpcare, i repubblicani a un voto da un altro fallimento

Il nuovo testo per riformare la sanità, presentato dai senatori, potrebbe essere bocciato prima della discussione in Aula. Il presidente e i leader del partito spingono per l'approvazione
Ap

I repubblicani statunitensi sono a un passo, anzi a un voto, dall'ennesimo fallimento sulla riforma sanitaria che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Un altro 'no' di un senatore del Grand Old Party impedirebbe al nuovo testo presentato ieri di arrivare alla discussione in Aula.

Un italiano alla guida di Tiffany, Alessandro Bogliolo nuovo Ceo

Ex numero uno di Diesel, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Cambio al vertice di Tiffany & Co, dopo l'uscita di Frederic Cumenal. Il colosso americano dei gioielli di lusso ha scelto l'italiano Alessandro Bogliolo, ex numero uno di Diesel, come nuovo amministratore delegato, incarico che rivestirà dal prossimo 2 ottobre. Come si legge in una nota, Bogliolo, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Russiagate: fu Obama a far entrare l'avvocata russa negli Usa

La donna incontrò Donald Trump Jr., che voleva informazioni compromettenti su Clinton

Fu l'amministrazione Obama a garantire l'accesso negli Stati Uniti, senza visto, all'avvocata russa Natalia Veselnitskaya, che nel giugno del 2016 incontrò a New York il figlio dell'attuale presidente, Donald Trump Jr., che si aspettava di ricevere notizie compromettenti su Hillary Clinton. A rivelarlo è The Hill, secondo cui la segretaria alla Giustizia, Loretta Lynch, permise all'avvocata di entrare negli Stati Uniti "in circostanze straordinarie" dopo che la sua richiesta per un visto era stata bocciata.

Black Lives Matter compie 4 anni e cambia volto con Trump

Dall'hashtag alle proteste di strada. Il movimento denuncia le violenze verso gli afroamericani
Ap

Quattro anni fa nasceva Black Lives Matter, movimento di protesta con lo scopo di accrescere la consapevolezza sulle discriminazioni razziali nei confronti della minoranza afroamericana negli Stati Uniti. “Il movimento iniziò come un desiderio politico degli afroamericani” si legge sul sito dell’organizzazione. “Negli anni a venire siamo riusciti a combattere insieme, e immaginare e creare un mondo libero dalle discriminazioni razziali, dove ogni afroamericano ha il potere economico, sociale e politico di crescere in salute”.

Giro di vite in vista sull'immigrazione illegale, Trump studia norme più severe

Al vaglio la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione.
Immigration and Customs Enforcement

Nuovo giro di vite in vista negli Stati Uniti sull'immigrazione illegale. L'amministrazione Trump sta valutando la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione di alcuni immigrati senza regolare permesso di soggiorno.

Trump: andiamo avanti a lavorare con la Russia in modo costruttivo

Il presidente americano ritorna a parlare del rapporto con Mosca in una serie di tweet pubblicati domenica mattina. Nell'incontro di venerdì Putin aveva negato l'attacco hacker alle elezioni americane

Il presidente americano Donald Trump ha promesso di voler "andare avanti a lavorare in modo costruttivo con la Russia", compresa la costituzione di una "unità di sicurezza informatica" tra i due Paesi, dopo che il presidente russo Vladimir Putin, nel corso del faccia a faccia di venerdì, "ha profondamente negato" qualsiasi coinvolgimento nell'attacco hacker della Russia nelle elezioni statunitensi del 2016.

In Nevada sono già rimasti senza marijuana legale

La cannabis è in vendita dal primo luglio a scopo ricreativo, ma la domanda supera la produzione
AP

L’aumento della domanda di cannabis in Nevada, diventata legale nello stato a novembre grazie al referendum ma in vendita solo dal primo luglio, ha svuotato gli scaffali dei dispensari e costretto i politici locali ad agire d’urgenza. Il governatore repubblicano dello stato, Brian Sandoval, ha attivato misure d’emergenza la scorsa settimana per aumentare la quantità di prodotto nello stato. Tra mercoledì e giovedì, i legislatori hanno annunciato che avrebbero concesso nuove licenze per la distribuzione della cannabis.

Mercati finanziari più ottimisti, ma la fiducia non si traduce in una crescita reale

L'atteso "Trump bump" tarda ad arrivare e, secondo almeno una parte degli analisti, non ci sarà. La discrepanza tra rally di Wall Street e dati macro è sottolineata dalle indicazioni recenti.
AP

Raul Castro punta l'indice contro Trump: passi indietro dei rapporti diplomatici

Per il presidente cubano la nuova posizione americana rappresenta un inasprimento dell'embargo contro Cuba, in vigore dal 1962, ed è impregnata di "una retorica vecchia e ostile propria della Guerra Fredda".