Visco: avanti con la crescita, ma senza dimenticare i vincoli

Il governatore di Banca d'Italia "fiducioso" nel senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni. Spagnoli più ricchi degli italiani? Padoan usa una metafora calcistica: le rimonte sono possibili.

Washington - E' essenziale che la crescita in Italia non subisca una battuta d'arresto. E che non si dimentichino i vincoli "formali e sostanziali" che vanno rispettati in termini di conti pubblici. E' questo il messaggio lanciato dal governatore di Banca d'Italia al futuro governo del nostro Paese, che non potrà non tenere conto del debito pubblico. Da Washington, dove si sono conclusi i lavori primaverili del Fondo monetario internazionale, Ignazio Visco si è detto "fiducioso" che nella futura classe dirigente italiana "ci sarà un grande senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni". La speranza è che chiunque sarà al governo prenda atto dei vincoli che "non si possono dimenticare" e di un debito che resta alto, anche se il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan si aspetta che scenda maggiormente tra il 2018 e il 2020 passando al 123,9% dal 131,8% del 2017.

Visco sa bene che "l'incertezza è un fattore rilevante". Per il momento i mercati non hanno punito l'Italia dopo le elezioni del 4 marzo scorso, ha osservato. Ma uno stallo o una inversione a U degli sforzi fatti e rivendicati da Padoan preoccuperebbe gli investitori. D'altra parte, ha spiegato il ministro, al Fondo c'è un senso di "apprezzamento per quello che l'Italia ha fatto in questi anni, in termini di occupazione, conti pubblici e sistema bancario". L'auspicio di tutti "è che questo trend possa continuare".

Padoan: spagnoli più ricchi degli italiani? Le rimonte sono possibili
A Padoan poco importa se gli spagnoli sono diventati più ricchi degli italiani (in termini di reddito pro capite basato sul potere d'acquisto). "Consentitemi una battuta inevitabile", ha detto il ministro nella conferenza con cui si sono conclusi i lavori primaverili dell'Fmi: "Ci possono essere delle rimonte". Dopo avere fatto riferimento alla partita Roma-Barcellona (finita 3 a 0), Padoan ha aggiunto: "Capisco che il tema appassioni ma io sono più appassionato di quanto l'Italia abbia migliorato la sua crescita negli ultimi 5 anni. Possiamo e dobbiamo fare di più".

Come ribadito in più salse dal d.g. del Fondo Christine Lagarde, Visco e Padoan condividono l'analisi secondo cui bisogna approfittare dell'attuale ciclo economico espansivo per prepararsi alla prossima crisi. Per Visco, "in questo momento c'è la possibilità di creare lo spazio fiscale che si è eroso durante gli anni della recessione e che si può riconquistare mantenendo i benefici della crescita". Andranno poi affrontate e risolte anche le "difficoltà che si sono accumulate di equa distribuzione di reddito e ricchezza" e che hanno portato a un senso di fiducia in calo nei confronti delle istituzioni e dei politici.

Insomma, l'Italia viene vista come un Paese che negli ultimi anni 'ha fatto i compiti a casa' e che sul fronte della riduzione dei non performing loans ha fatto "molti progressi". Padoan lo ha detto anche al Fondo: "Il flusso dei nuovi non performing loan è sceso a circa il 2% dei prestiti totali, sotto la media pre-crisi".

Restrizioni commerciali uno shock per l'economia
Nel frattempo Visco, Padoan, ministri e governatori di tutto il mondo monitorano i rischi di una guerra commerciale.

Dopo che l'amministrazione Trump ha minacciato dazi su importazioni cinesi per 150 miliardi di dollari annui, Visco non ha usato mezzi termini in un suo discorso alla Banca Mondiale: "Le restrizioni commerciali potrebbero causare shock avversi all'economia globale" che potrebbe subire una "contrazione".

Il ministro dell'Economia ha riferito che "da parte di tutti i Paesi, con l'eccezione degli Stati Uniti, c'è stata grande preoccupazione sul fatto che le misure annunciate o addirittura adottate di restrizione del commercio possano essere il momento di avvio di una guerra commerciale che - tutti hanno dichiarato - nessuno può vincere". Mentre si dicono "favorevoli a un commercio equo oltre che libero e aperto", il segretario americano al Tesoro Steven Mnuchin valuta un viaggio a Pechino. E mostra un "cauto ottimismo".

Altri Servizi

Wall Street digerisce bene le minute della Fed

Banca centrale disposta a fare correre per un po' l'inflazione sopra il 2%. Ma le incertezze fiscali e commerciali pesano sulla fiducia delle aziende
iStock

Wall Street digerisce bene le minute della Fed

Banca centrale disposta a fare correre per un po' l'inflazione sopra il 2%. Ma le incertezze fiscali e commerciali pesano sulla fiducia delle aziende
iStock

Trump vuole taglio del 10% delle esportazioni Ue di acciaio e alluminio

Secondo il Wsj, Washington ha fatto due proposte a Bruxelles. C'è tempo fino al primo giugno

Tagliare di circa il 10% le esportazioni di alluminio e di acciaio Ue verso gli Usa. Sarebbe questo il piano del presidente americano Donald Trump, che conferma lo scetticismo espresso ieri da Cecilia Malstroem: la commissaria al Commercio aveva spiegato che a Washington potrebbero non bastare le proposte fatte da Bruxelles per essere esonerata in modo permanente dai dazi sui metalli (scattati il 23 marzo scorso per la gran parte delle nazioni incluse Cina e Giappone). C'è tempo per negoziare fino al primo giugno ma "ci sono segnali dagli Usa che l'esenzione non sarà prolungata" come successe all'ultimo minuto prima della scadenza del primo maggio scorso.

Trump contro il 'Deep State': "Mi ha spiato, è un grave scandalo"

Serie di tweet del presidente contro l'Fbi; il dipartimento di Giustizia, intanto, indaga

"Guardate come le cose si sono rivoltate sullo 'Stato profondo' criminale. Si sono scagliati sulla fasulla collusione con la Russia, un imbroglio inventato, e sono stati beccati in uno scandalo di spionaggio considerevole, come mai questo Paese ha visto prima d'ora! Chi la fa, l'aspetti!". Lo ha scritto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, su Twitter. Per 'Deep State', Stato profondo, si intende l'apparato federale che agirebbe contro il presidente.

Trump valuta nuovi dazi sulle auto importate

Potrebbero arrivare fino al 25%. L'amministrazione Usa userebbe 'scuse' legate alla tutela della sicurezza nazionale
AP

L'amministrazione Trump sta valutando se imporre nuovi dazi, fino al 25%, sulle auto importate in Usa. E' il Wall Street Journal a riferirlo, secondo cui la mossa di Washington sarebbe giustificata per motivi di sicurezza nazionale; si tratta degli stessi motivi con cui gli Stati Uniti hanno cercato di convincere - inutilmente - della bontà delle tariffe doganali pari a 25% sull'acciaio e al 10% sull'alluminio scattate il 23 marzo scorso con alcune eccezioni. La Ue, per esempio, ne è stata esonerata fino al primo giugno. Anche Canada e Messico non sono soggetti alla misura sui metalli importati in Usa mentre negoziano sul Nafta.

McDonald's travolto da accuse di molestie sessuali in Usa

Le hanno lanciate dieci donne. Il gruppo le prende "molto seriamente"
iStock

L'ondata di molestie sessuali che ha travolto Hollywood, Capitol Hill e il mondo dei media è arrivata anche nel colosso mondiale del fast-food McDonald's.

Una donna alla presidenza del Nyse, prima volta in 226 anni

Stacey Cunningham è attualmente direttore operativo. Sostituisce Thomas Farley
ICE

Per la prima volta nei suoi 226 anni di storia, il New York Stock Exchange ha affidato la presidenza a una donna. Si tratta di Stacey Cunningham, attualmente direttore operativo del cosiddetto 'Big Board'.

Fca: per Hsbc, Marchionne prepara il "gran finale"

Gli analisti avviano la copertura del titolo consigliando di comprarlo. Arriverà a 23 euro. Possibile il raggiungimento dei target 2018 e una revisione al rialzo delle stime sugli utili

Fiat Chrysler Automobiles ha corso a Wall Street, dove il titolo del produttore di auto ha registrato un +1,3% a 22,62 dollari ma era arrivato fino a 22,91 dollari. A Piazza Affari l'azione ha guadagnato l'1,66% a 19,35 euro.

Trump mette in dubbio il summit con Kim, chiede condizioni

A Kim, il leader Usa offre sicurezza in cambio della denuclearizzazione della sua nazione
AP

Era volato a Washington per assicurarsi che il summit storico tra il presidente americano e quello nordcoreano si verificasse come previsto il 12 giugno prossimo a Singapore. E invece il presidente sudcoreano non ha potuto fare altro che dire che "la persona al comando" è Donald Trump. Tradotto: sarà lui a decidere cosa fare dopo il cambiamento di retorica da parte di Pyongyang, che la settimana scorsa ha cancellato all'ultimo minuto trattative di alto livello con una delegazione sudcoreana minacciando il faccia a faccia con Trump.

Banche Usa: nel primo trimestre 2018 utili record

Profitti a quota 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% sui primi tre mesi del 2017
AP

Nel primo trimestre del 2018 gli utili netti delle principali banche americane hanno raggiunti i 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. Si tratta di un record visto che il precedente massimo risale al secondo trimestre del 2011, quando si arrivò a 48,1 miliardi. Lo ha comunicato la Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari e secondo cui il miglioramento è dovuto a ricavi operativi in aumento (+8,3% a 198,8 miliardi di dollari) e ad aliquote fiscali più basse.