Vittoria per Trump: il Senato dice sì alla riforma fiscale

Il testo dovrà ora essere armonizzato con quello approvato dalla Camera il 16 novembre. Previsto un drastico taglio delle tasse, soprattutto per le imprese. Trump: il più grande taglio di tasse della storia.

Donald Trump ha messo a segno un'importante vittoria, forse la più importante da quando, un anno fa, è entrato alla Casa Bianca. A regalargliela è stato il Senato, che ha dato il via libera alla riforma fiscale, dopo una corsa a ostacoli non priva di difficoltà e a un braccio di ferro che ha portato numerose modifiche al testo originario.

La legge, prima di arrivare sulla scrivania del presidente americano per la ratifica finale, dovrà essere armonizzata con quello già approvato dalla Camera il 16 novembre. Il testo, che introduce una storica riforma del fisco e taglia di netto le imposte sulle persone fisiche e sulle imprese, è stato adottato nella notte per un soffio con 51 voti a favore e 49 contrari.

"La più grande legge fiscale e il maggiore taglio di tasse della storia è appena stato approvato al Senato. Ora si andrà all'approvazione finale. Grazie repubblicani della Camera e del Senato per il vostro grande lavoro e impegno", ha commentato Trump su Twitter.

Il presidente ha messo la riduzione della pressione fiscale al centro della sua politica economica, puntando a ridare potere d'acquisto alle classi medie e aumentare la competitività. Ad iter completato, l'imposta sulle imprese passerebbe da 35% a 20% e tutte le categorie di contribuenti beneficerebbero di una riduzione delle tasse da pagare. La riforma prevede anche una forte semplificazione fiscale, che secondo Trump permetterà di compilare la denuncia dei redditi sull'equivalente di "una cartolina".

Per contenere i costi, i repubblicani hanno alzato la una tantum sui profitti accumulati all'estero dalle imprese e da rimpatriare, portandola al 14% per il contante e al 7% per gli asset non liquidi, contro rispettivamente il 10% e 5% previsto in precedenza. Hanno inoltre mantenuto un meccanismo di minimum tax per aziende e anche per individui, che dovrebbe evitare che i super-ricchi eludano del tutto il sistema fiscale.

Ad annunciare l'esito del voto, una boccata d'ossigeno per Trump, che fatica a superare i numerosi ostacoli, legislativi e legali che hanno finora costellato la sua amministrazione, è stato il vicepresidente Mike Pence, in aula con il presidente della Camera Paul Ryan. "Per la prima volta dal 1986 la Camera e il Senato hanno adottato una radicale riforma della fiscalità. Un'occasione come questa si presenta una sola volta per generazione, non lasciamocela sfuggire", ha detto Ryan.

Donald Trump incassa questo voto favorevole poche ore dopo la svolta nelle indagini sull'ipotesi collusione tra membri della sua amministrazione e la Russia: l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale Michael Flynn ha ammesso di avere mentito all'Fbi, sviluppo che porta il procuratore speciale Robert Mueller e il suo team sempre più vicini all'inquilino della Casa Bianca.

Altri Servizi

Incertezza sulla riforma fiscale, investitori preoccupati

Marco Rubio, senatore repubblicano della Florida, chiede maggiori sgravi fiscali per l'infanzia.
Shutterstock

Si fa nuovamente in salita la strada verso l'approvazione della riforma fiscale, che soltanto ieri sembrava cosa ormai fatta. E gli investitori a Wall Street tornano a preoccuparsi: e infatti il Russell 2000 ha ampliato i cali arrivando a perdere l'1%; l'indice che raggruppa le società a piccola e media capitalizzazione è visto come maggiormente correlato alle prospettive della riforma perché queste aziende tendono a pagare aliquote più alte rispetto alle multinazionali.

La rivincita delle Crocs (anche a Wall Street)

Lo stilista Christopher Kane e Balenciaga hanno portato in passerella le ciabatte che sembravano passate di moda. Gli analisti di Stifel scommettono in un rilancio: comprare il titolo

Riforma fiscale sempre più vicina, Rubio voterà sì

Il senatore della Florida si aggiunge quello del Tennessee. La settimana prossima verrà messa al voto in Parlamento. Entro Natale, la firma di Trump (salvo sorprese)
AP

Bloomberg a Trump: la riforma fiscale è una "cantonata economicamente indifendibile"

Per l'ex sindaco di NY, dà alle grandi aziende tagli alle tasse di cui non hanno bisogno, abbassa le aliquote dei contribuenti più abbienti e per permette ai più ricchi di proteggere i loro patrimoni
iStock

La fine della neutralità della rete: implicazioni per aziende e consumatori

La decisione dell'Agcom americana ha creato vincitori (AT&T, Verizon, Comcast, Sprint e T-Mobile) e vinti (Facebook, Amazon, Netflix e Google)
AP

Fitch promuove Fiat Chrysler Automobiles

Il rating passa a BB da BB- con outlook positivo. Atteso un flusso di cassa positivo e sostenibile. In vista dell'addio di Marchionne, prevista una riorganizzazione aziendale

Wall Street, Dow e S&P 500 archiviano la quarta settimana di guadagni

Ritorna l'ottimismo sull'approvazione della riforma fiscale
AP

Onu: rara apparizione dell'ambasciatore nordcoreano

Ja Song Nam parteciperà a una riunione a livello ministeriale del consiglio di sicurezza del Palazzo di Vetro. Ci sarà anche Tillerson

Oracle: il cloud fa da traino ai conti ma agli analisti non basta

Utili trimestrali +10% a 2,2 miliardi di dollari. Ricavi +6% a 9,6 miliardi. Vendite cloud +44%. Il gruppo software sfida Amazon con un database "self-driving"

In America internet è meno libera

Stop alle regole sulla Net Neutrality volute da Barack Obama nel 2015 per garantire internet aperta e uguale per tutti. Netflix e i colossi della Silicon Valley contro: sarà una lunga battaglia