Vittoria per Trump, il travel ban può entrare in vigore (per ora)

Lo ha deciso la Corte Suprema mentre continuano le battaglie legale sul provvedimento che chiama in causa soprattutto i cittadini di sei nazioni prevalentemente musulmane
AP

La terza e ultima versione del 'travel ban' voluto da Donald Trump può, per ora, entrare in vigore nella sua interezza mentre continua la battaglia legale tra il governo americano e chi si oppone al provvedimento che chiama in causa soprattutto i cittadini di sei nazioni prevalentemente musulmane. Lo ha deciso la Corte Suprema regalando una vittoria al presidente americano.

In gioco c'è un divieto permanente di ingresso negli Usa per gran parte dei cittadini di Iran, Libia, Siria, Yemen, Somalia, Chad e Corea del Nord oltre ad alcuni funzionari del governo venezuelano e delle rispettive famiglie.

Il massimo organo giudiziario statunitense ha accolto la richiesta, fatta nella seconda metà del novembre scorso, del dipartimento di Giustizia. Due giudici liberal, Ruth Bader Ginsburg e Sonia Sotomayor, hanno votato contro.

Ha vinto la linea promossa dal rappresentante dell'amministrazione Trump, Noel J. Francisco, secondo cui il presidente ha agito nel rispetto dei suoi poteri per controllare l'immigrazione. Francisco ha spiegato che l'ordine esecutivo dello scorso 24 settembre con cui il nuovo travel ban è stato emesso ha fatto seguito "a una analisi completa e globale delle informazioni condivise con governi stranieri e che sono usate per controllare stranieri che puntano a entrare in Usa".

La pensa diversamente l'American Civil Liberties Union, che rappresenta i gruppi di persone presi di mira dal travel ban. "La proclamazione è il terzo ordine del presidente firmato quest'anno [dopo quelli di gennaio e marzo] impedendo a oltre 100 milioni di persone in arrivo da nazioni prevalentemente musulmane di entrare in Usa".

A ottobre, due giudici federali in Maryland e alle Hawaii avevano bloccato parti dell'ultima versione del travel ban. Il governo Usa fece ricorso. Il dibattito sui banchi di tribunale è previsto in settimana. Nel frattempo un compromesso era stato raggiunto: il divieto di ingresso nella nazione poteva essere imposto a chi non aveva alcun legame con persone o organizzazioni in Usa ma non poteva essere applicato a chi era originiario dei Paesi presi di mira ed era membro di una famiglia allargata con relazioni in "bona fide" con residenti in Usa. Secondo il dipartimento di Giustizia, escludere dal provvedimento nonni, nipoti, cognati, zii e cugini, per esempio, metteva a repentaglio l'autorità presidenziale e potrebbe mettere a rischio gli americani.

Mentre i legali dell'amministrazione Trump difendono nei tribunali il travel ban, i tweet del presidente potrebbero complicare la situazione. E' il caso per esempio della mossa della settimana scorsa del leader Usa, che ha retwittato video anti-musulmani messi online da militanti di Britain First, un gruppo di estrema destra a cui la Commissione elettorale del Regno Unito ha tolto la qualifica di partito. I critici del travel ban sostengono che quei cinguettii dimostrano come Trump abbia di mira popolazioni musulmane.

Altri Servizi

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

McMaster contro Iran, Siria e Russia alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense chiede di "agire contro Teheran". Assad "usa ancora armi chimiche" contro la popolazione, mentre le prove sulle interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali sono "incontrovertibili"
Ap

Google non ha violato le leggi sul lavoro licenziando l'ingegnere sessista

Il National Labor Relations Board ha dato torto a James Damore, che ora punta tutto su una class action contro il colosso tech: "Discrimina gli uomini bianchi e conservatori come me"
iStock

Mueller: la Russia ha condotto una guerra informatica contro gli Usa

Lo scopo: favorire Trump e Sanders con migliaia di troll, pubblicità e interferenze nella campagna elettorale. Facebook e Twitter chiudono in rosso a Wall Street
AP

Strage in Florida, l'Fbi: "Avvertiti sul killer, ma non abbiamo agito"

Il Federal Bureau aveva ricevuto una segnalazione da una persona vicina a Cruz sul suo "desiderio di uccidere"

Il dip.Commercio a Trump: imponiamo dazi e quote su alluminio e acciaio

La Casa Bianca ha tempo fino ad aprile per prendere una decisione

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Black Panther come Star Wars, stime da record per incassi

Uscito oggi negli Stati Uniti (il 14 febbraio in Italia), potrebbe diventare un altro dei grandi successi di Walt Disney. Il titolo del film è stato il più twittato del 2018, ha superato tutte le prevendite sulle piattaforme americane Imax e Amc.
AP