Wall Street, attenzione rivolta alla Fed

Il Federal Open Market Committee della Federal Reserve annuncia alle 14 (le 20 in Italia) la sua decisione sui tassi, che dovrebbero restare al 2-2,25%.

azionario
Wall Street: S&P 500 chiude in calo dopo tre giorni di guadagni

La seduta a Wall Street è finita in generale calo. L'S&P 500 ha chiuso in perdita dopo tre sedute di fila in rialzo. Il Dow Jones Industrial Average è riuscito a terminare praticamente invariato. Il Nasdaq Composite è l'indice che ha registrato il ribasso maggiore.

All'indomani di un rally - il migliore dal 1982 nel giorno successivo a elezioni di metà mandato - gli investitori hanno reagito alle indicazioni giunte dalla Federal Reserve, che ha lasciato i tassi al 2-2,25% ma che ha indicato la prossima stretta a dicembre e altre graduali in futuro.

Il Dow è salito di 10,92 punti, lo 0,04%, a quota 26.191,22.

L'S&P 500 ha ceduto 7,06 punti, lo 0,25%, a quota 2.806,83.

Il Nasdaq ha perso 39,87 punti, lo 0,53%, a quota 7.530,88.

finanza
Goldman: ex Ceo Blankfein incontrò uomo al centro dello scandalo 1Mdb (FT)

L'ex Ceo di Goldman Sachs, Lloyd Blankfein, incontrò l'uomo al centro dello scandalo che ha travolto la banca e che riguarda 1Malaysia Development Bhd (1Mdb), controverso fondo d'investimento malese per lo sviluppo coinvolto in uno scandalo internazionale per presunti trasferimenti illeciti di denaro. Lo sostengono due fonti del Financial Times convinte che sia lui il top executive indicato in documenti di tribunale.

Il dipartimento americano della Giustizia la settimana scorsa aveva detto che un "executive di alto livello" in Goldman era presente a un meeting del 2009 tra i suoi banker e Jho Low, il finanziare malese 36enne che resta a piede libero e che avrebbe archittettato il piano fraudolento da 2,7 miliardi di dollari. Lui è stato incriminato per cospirazione volta a riciclare miliardi di dollari dallo 1MDB e cospirazione per violare il Foreign Corrupt Practices Act (Fcpa) pagando mazzette a funzionari stranieri. L'1 novembre scorso due ex banchieri di Goldman Sachs e il finanziare malese sono stati incriminati dal dipartimento americano di Giustizia nell'ambito dello 1Mdb. Tim Leissner, ex partner di Goldman Sachs in Asia, si è dichiarato colpevole e deve restituire 43,7 milioni di dollari come risultato dei suoi crimini. L'altro ex banker di Goldman è Ng Chong Hwa.

azionario
Wall Street: prevale la cautela aspettando la Fed

Superato il giro di boa, gli indici a Wall Street viaggiano contrastati. Il Dow Jones Industrial Average è riuscito a portarsi sopra la parità dopo una partenza in calo mentre l'S&P 500 e il Nasdaq Composite restano in negativo. Il Vix, l'indice anche detto della paura, è poco mosso all'indomani di una seduta in cui si era sgonfiato alla luce di un esito ampiamente atteso delle elezioni americane di Midterm.

Gli investitori sono in attesa del comunicato con cui la Federal Reserve, alle 20 italiane, annuncerà quasi certamente che i tassi resteranno al 2-2,25%. Una stretta è data per scontata a dicembre; sarebbe la quarta del 2018, come anticipato dalla Fed che per il 2019 ne ha messe in conto tre. Se il documento dovesse suonare "da falco", i trader si aspettano un sell-off dei Treasury e un balzo dei rendimenti a nuovi massimi pluriennali. C'è chi non esclude che la Fed suoni "da colomba" facendo magari riferimento alla recente volatilità o al sell-off dell'azionario di ottobre.

Il Dow sale di 39 punti, lo 0,15%, a quota 26.219. L'S&P 500 perde 4,6 punti, lo 0,16%, a quota 2.809,27. Il Nasdaq Composite segna un -33 punti, lo 0,43%, a quota 7.537,54. Il petrolio a dicembre al Nymex scivola dell'1,36% a 60,83 dollari al barile.

calzature
Crocs vira in utile, il titolo corre del 25%

Crocs corre a Wall Street, dove il titolo avanza del 25% appena sotto i 27 dollari portando a un +113% il bilancio da inizio anno e a un +173% quello degli ultimi 12 mesi.

Il gruppo famoso anche in Italia per le sue calzature dai colori sgargianti festeggia conti del terzo trimestre migliori delle stime. Nel periodo gli utili sono stati di 6,5 milioni di dollari, o di 7 centesimi ad azione, contro una perdita di 2,3 milioni, o di 3 centesimi ad azione, dello stesso periodo dello scorso anno. Gli analisti si aspettavano una perdita di 1 centesimo per titolo. I ricavi sono saliti a 261,1 milioni da 243,3 milioni, oltre il consenso per 248 milioni.

Per il quarto trimestre Crocs conta di registrare un fatturato di 195-205 milioni di dollari contro stime per 198,3 milioni. Per l'intero anno fiscale l'azienda si aspetta ricavi in aumento del 4-5% su 1,02 miliardi di dollari di vendite messe a segno nel 2017; gli analisti prevedevano un incremento del 3,9%.

azionario
Wall Street: avvio in calo in attesa della Fed, Dj -0,2%

La seduta a Wall Street è iniziata in calo con gli investitori che sono in attesa del comunicato con cui, alle 20 italiane, la Federal Reserve dovrebbe annunciare tassi invariati al 2-2,25% e segnalare una stretta a dicembre. I trader restano alla finestra all'indomani di un rally legato all'esito non sorprendente delle elezioni di metà mandato che si sono svolte in Usa martedì. Quella di ieri era stata la seduta migliore post Midterm dal 1982.

L'agenda macroeconomica oggi è scarna. Le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono scese di mille unità a 214mila, peggio delle stime degli analisti per un calo a 210mila unità. Il numero di lavoratari che ricevono sussidi da più di una settimana è rimasto tuttavia ai minimi del 1973.

Dopo i primi minuti di scambi, il Dow cede 60 punti, lo 0,2%, a quota 26.120. L'S&P 500 perde 8,7 punti, lo 0,3%, a quota 2.804. Il Nasdaq segna una flessione di 44,5 punti, lo 0,6%, a quota 7.526. Il petrolio a dicembre al Nymex scivola dello 0,7% a 61,21 dollari al barile.

economia
Wall Street: future in calo, il focus passa da Midterm a Fed

I future a Wall Street sono in calo all'indomani di una seduta in rally, la migliore post elezioni di metà mandato dal 1982.

Dopo che i risultati elettorali non hanno sorpreso (da gennaio la Camera sarà controllata dai democratici e non più dai repubblicani, che hanno rafforzato la loro presa sul Senato), gli investitori si concentrano sulla Federal Reserve. Oggi la banca centrale Usa terminerà la sua penultima riunione del 2018 e alle 20 italiane diffonderà un comunicato dal quale emergerà quasi certamente che i tassi restano al 2-2,25% dove furono portati a settembre con una stretta di 25 punti base. E' nel meeting di dicembre che è atteso un aumento del costo del denaro, il quarto dell'anno in corso.

A livello macroeconomico, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono scese di mille unità a 214mila, peggio delle stime degli analisti per un calo a 210mila unità. Il numero di lavoratari che ricevono sussidi da più di una settimana è rimasto tuttavia ai minimi del 1973.

I future del Dow cedono 50 punti, lo 0,2%; quelli dell'S&P 500 perdono 10 punti, lo 0,36%; quelli del Nasdaq scivolano di 38,75 punti, lo 0,5%. Il petrolio a dicembre al Nymex segna un -0,06% a 61,63 dollari al barile.

Tesla
Robyn Denholm nominata presidente al posto di Elon Musk

Robyn Denholm è stata nominata presidente della casa automobilistica Tesla in sostituzione del fondatore Elon Musk, costretto a rinunciare all'incarico come parte dell'accordo con la Sec, l'ente che vigila sulla Borsa statunitense, che lo aveva accusato di frode per i tweet "fuorvianti e falsi" scritti ad agosto sul delisting (mai avvenuto) del gruppo. Denholm, già consigliera di amministrazione di Tesla, è attualmente chief financial officer (Cfo) della società australiana di telecomunicazioni Telstra, che lascerà a maggio.

economia
Usa: -1.000 a 214mila richieste iniziali sussidi lavoro, peggio stime

Nei sette giorni conclusi il 3 novembre scorso il numero di lavoratori che per la prima volta hanno fatto richiesta per ricevere sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti è sceso ma non abbastanza per soddisfare le stime degli analisti.

Secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono calate di mille unità a 214mila unità. Gli analisti attendevano 210mila unità. All'inizio di settembre il totale aveva raggiunto i minimi del 1969 pari a 202mila unità per poi tornare a salire leggermente per via dell'uragano Florence che a fine settembre mise in ginocchio North e South Carolina. Il dato odierno è il quarto a dare un'indicazione dell'impatto di un altro uragano, quello chiamato Michael, che ha toccato terra in Florida il 10 ottobre scorso e che ha colpito anche la Georgia. Il dipartimento del Lavoro ha fatto notare che il dato continua a essere condizionato dall'impatto del maltempo sui tre stati.

La media delle ultime quattro settimane, un dato più indicativo e meno volatile, è scesa di 250 unità da 213.750.

Il numero complessivo dei lavoratori che ricevono sussidi di disoccupazione per più di una settimana – relativo alla settimana terminata il 27 ottobre, l'ultima per la quale è disponibile il dato – è sceso di 8mila unità a 1,623 milioni, un altro minimo del 1973.

Wall Street
La giornata a Wall Street: disoccupazione e Fed


Dati macroeconomici

Richieste iniziali di sussidi di disoccupazione per la settimana conclusa il 3 novembre alle 8:30 (le 14:30 in Italia). Precedente: -2.000 a 214mila. Consensus: 210mila.


Appuntamenti societari

Trimestrale di Crocs a un orario non precisato. Trimestrali di D.R. Horton e Gannett prima dell'apertura dei mercati. Trimestrali di Hertz Global e Walt Disney dopo la chiusura dei mercati.


Altri appuntamenti

Il Federal Open Market Committee della Federal Reserve annuncia alle 14 (le 20 in Italia) la sua decisione sui tassi, che dovrebbero restare al 2-2,25%.