Wall Street, in primo piano restano i negoziati Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sulla fiducia dei consumatori

Fema
La Fema assegna 10 milioni di dollari a 26 Stati per riparare le dighe

La Federal Emergency Management Agency (Fema), la Protezione civile statunitense, ha intenzione di assegnare 10 milioni di dollari a 26 Stati dove sono presenti dighe che non hanno superato i test di sicurezza. Lo riporta l'Associated Press.

Si tratta di una cifra ben più bassa dei 70 milioni di dollari che sarebbero necessari per riparare e modernizzare le decine di migliaia di dighe nel Paese che avrebbero bisogno di interventi, secondo l'Association of State Dam Safety Officials. Secondo un'analisi dell'Ap, ci sarebbero almeno 1.688 dighe pericolose in 44 Stati e Porto Rico.

Commercio
Trump: i colloqui con la Cina vanno "molto bene", ma "a rilento"

I colloqui per un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina procedono "molto bene" ma vanno "più a rilento" di quanto voluto. A spiegarlo è stato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, prima di lasciare la Joint Base Andrews per l'Alabama. "I colloqui commerciali con la Cina si stanno muovendo, penso, molto bene. Se faremo l'accordo che vogliamo, si tratterà di un grande accordo. Ma se non sarà un grande accordo, non lo farò" ha ribadito Trump, secondo quanto riportato dalla Reuters.

"Vorrei fare un accordo, ma deve essere l'accordo giusto" per gli Stati Uniti, ha ribadito, affermando che Pechino vuole un accordo più di Washington. "La Cina vuole davvero tanto fare un accordo. Stanno avendo il peggior anno in 57 anni. Vogliono fare un accordo, forse devono farlo, non so, non m'importa, dipende da loro". Trump ha poi detto che le notizie circolate sulla cancellazione reciproca dei dazi come parte della 'fase uno' dell'accordo "non sono corrette". Giovedì, funzionari di entrambi i Paesi avevano detto che Cina e Stati Uniti avevano trovato un accordo per rimuovere tutti i dazi aggiunti negli ultimi mesi; venerdì, Trump aveva commentato di non aver raggiunto un'intesa per cancellare i dazi.

Agricoltura
Disastri naturali, 800 milioni $ agli agricoltori di Florida, Georgia e Alabama

Il governo federale statunitense distribuirà 800 milioni di dollari in aiuti agli agricoltori di Florida, Alabama e Georgia, Stati colpiti dagli uragani Michael e Florence lo scorso anno. Lo ha annunciato il dipartimento dell'Agricoltura. Gli aiuti fanno parte del pacchetto da 3 miliardi di dollari approvato dal Congresso quest'anno per aiutare le comunità che si stanno risollevando dopo essere state colpite da vari disastri naturali.

Gli aiuti consentiranno agli agricoltori di "rimettersi in piedi e prepararsi per la semina e il raccolto del prossimo anno" ha detto il segretario all'Agricoltura, Sonny Perdue. La North Carolina, colpita a sua volta da Florence, non è stata inclusa nella lista dei beneficiari perché sta continuando a negoziare con le autorità federali.

Instagram
Ceo Instagram: "Inizieremo a nascondere i 'like' in Usa dalla prossima settimana"

Il Ceo di Instagram, Adam Mosseri, ha dichiarato che la sua società ha intenzione di testare l'occultamento dei 'like' sui post degli altri utenti anche negli Stati Uniti, a partire dalla prossima settimana. Lo scrive Wired.

Mosseri lo ha annunciato durante l'evento Wired25, discutendo dell'importanza che i social media "si assumano la responsabilità per la sicurezza e il benessere degli utenti". Il Ceo ha descritto i precedenti test come uno sforzo per creare un "ambiente con meno pressione". I 'like' saranno visibili solo all'autore del post.

Facebook ha fatto un analogo test in Australia, mentre Twitter ha nascosto 'like' e 'retweet' in una versione limitata della sua app mobile "twttr". Instagram ha già provato a nascondere i 'like' in Giappone, Brasile, Nuova Zelanda, Irlanda, Italia e Australia.

Con questa nuova funzionalità, aveva spiegato Instagram presentando il test in Italia, "desideriamo che i tuoi follower si concentrino su ciò che condividi e non su quanti “Mi piace” ottengono i tuoi post. Durante questo test solo tu potrai vedere il numero totale di “Mi piace” dei tuoi post".

Alla base della decisione di nascondere il numero dei “Mi piace” ci sarebbe quindi l’intenzione di modificare il modo in cui gli utenti percepiscono la loro presenza sul social network e incentivarli a pubblicare contenuti che siano realmente interessanti per gli altri e che non siano fatti esclusivamente per raccogliere “Mi piace”.

Ambiente
Membro Fed: cambiamento clima shock a economia non più ignorabile

Il cambiamento climatico è il tipo di "shock" all'economia che la Federal Reserve non può più ignorare. Lo ha detto Lael Brainard, membro del Board della Fed, parlando a una conferenza a San Francisco sull'economia e i cambiamenti climatici, il primo evento di questo tipo organizzato dalla Banca centrale statunitense. Secondo Brainard, ci sono da considerare sia i disastri naturali a breve termine, come i devastanti incendi in California, sia le potenziali implicazioni a lungo termine sulla crescita economica.

Wall Street
Wall Street, chiusura su nuovi massimi nonostante frenata su fronte commerciale

Wall Street ha chiuso ieri in rialzo, grazie a un rally finale che ha portato i tre indici principali a chiudere su nuovi massimi, nonostante le incertezze provenienti dal fronte dell’accordo sui dazi tra gli Stati Uniti e la Cina. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha infatti smorzato i recenti entusiasmi per un imminente accordo commerciale con Pechino. Parlando ai giornalisti presenti alla Casa Bianca, Trump ha detto che non ha ancora trovato un accordo con la Cina per la rimozione delle tariffe, smentendo le dichiarazioni del portavoce del ministero del Commercio cinese, Gao Feng.

Sul fronte macroeconomico, le scorte di magazzino all'ingrosso negli Stati Uniti sono diminuite a settembre dello 0,4% su base mensile a 676,7 miliardi di dollari; contro attese per un -0,3%. Mentre l'indice sulla fiducia redatto mensilmente dall'Università del Michigan è salito a 95,7 punti dai 95,5 punti della lettura finale di ottobre e meglio delle attese per un dato a 95,3 punti.

Il Dow Jones ha guadagnato 2,87 punti, lo 0,01%, a quota 27.677,67 punti. L’S&P 500 ha aggiunto 6,76 punti, lo 0,22%, a 3.091,94 punti, mentre il Nasdaq ha chiuso in rialzo di 38,94 punti, lo 0,28%, a 8.473,46 punti. Il petrolio a dicembre quotato a New York ha terminato in rialzo di 0,09 dollari, lo 0,2%, a quota 57,24 dollari al barile, cancellando i guadagni di inizio giornata dopo i commenti di Trump. Per la settimana, il greggio ha guadagnato quasi l’1,9%.

Dati
Fiducia consumatori Univ. Michigan 95,7 pt, sopra stime

A novembre, gli statunitensi si sono dimostrati più ottimisti sull'economia rispetto al mese precedente, battendo le stime degli analisti. La lettura preliminare dell'indice sulla fiducia redatto mensilmente dall'Università del Michigan è salita a 95,7 punti, dai 95,5 della fine di ottobre e meglio dei 95,3 punti del consensus; la lettura preliminare di ottobre era stata di 96 punti. La componente che misura le aspettative per il futuro è salita a 85,9 punti dagli 84,2 di fine ottobre; quella sulla situazione attuale è scesa da 113,2 a 110,9 punti. Per quanto riguarda l'inflazione, le aspettative a un anno sono rimaste al 2,5%, quelle a cinque anni al 2,4%.

Commercio
Trump: non c'è ancora accordo con Cina per rimozione dazi

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha affermato di non aver ancora trovato un accordo con la Cina per rimuovere i dazi; Trump ha parlato brevemente prima di partire per raggiungere la Georgia. Ieri, Pechino aveva affermato che i due Paesi avevano trovato un'intesa per cancellare alcuni dazi come parte della 'fase uno' dell'accordo commerciale.

Dati
-0,4% scorte all'ingrosso a settembre, peggior calo in 2 anni

Le scorte di magazzino all'ingrosso negli Stati Uniti, secondo quanto reso noto dal dipartimento del Commercio, sono diminuite a settembre dello 0,4% su base mensile a 676,7 miliardi, mentre era atteso un -0,3%; si è trattato del maggior calo mensile dall'ottobre 2017. Il dato di agosto è stato rivisto da +0,1 a +0,2 per cento. Rispetto al settembre del 2018, le scorte totali sono aumentate del 4,8%. All'attuale ritmo di vendita, occorrerebbero 1,36 mesi per esaurire completamente le scorte, come ad agosto, e in rialzo dall'1,29 di un anno prima. Le vendite sono rimaste invariate rispetto ad agosto e sono calate dello 0,6% su base annuale.

Wall Street
La giornata a Wall Street


Dati macroeconomici

Scorte all'ingrosso per il mese di settembre alle 10 (le 16 in Italia). Precedente: +0,2%. Consensus: -0,3%.

Lettura preliminare della fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan per il mese di novembre alle 10 (le 16 in Italia). Precedente: 96,0. Consensus: 95,3.


Appuntamenti societari

Trimestrale BlackRock, orario da definire.


Altri appuntamenti

Mary Daly, presidente della Federal Reserve di San Francisco, e Lael Brainard, membro del board della Fed, partecipano a conferenza sull’economia e i cambiamenti climatici, orario da definire. John Williams, presidente della Federal Reserve di New York, parla ad evento dopo chiusura dei mercati.