Wall Street, attesa per le trimestrali

Oggi in programma la pubblicazione dei dati di Goldman Sachs e Citigroup

azionario
Wall Street chiude in lieve calo, Goldman Sachs soffre dopo i conti

La seduta a Wall Street è finita in lieve calo con gli investitori che hanno dovuto digerire trimestrali miste di Goldman Sachs (-3,8%) e Citigroup (-0,10%). In tutte e due i casi gli utili hanno superato le stime degli analisti ma non i ricavi, frenati dalle attività di trading. Tra le due, è stata Goldman a soffrire di più pesando sul Dow Jones Industrial Average insieme a JP Morgan (-1,2%), che invece venerdì aveva corso grazie a conti milgiori del previsto. Gli analisti si aspettano il primo calo dal 2016 degli utili trimestrali delle aziende parte dell'S&P 500.

Il Dow ha finito in ribasso per la quarta volta su sei lasciando sul terreno 27,74 punti, lo 0,11%, a quota 26.384,56. L'S&P 500, a cui manca circa l'1% per ritoccare i suoi massimi storici, ha ceduto 1,83 punti, lo 0,06%, a quota 2.905,58. Il Nasdaq Composite ha lasciato sul terreno 8,15 punti, lo 0,10%, a quota 7.976,01.

Il petrolio a maggio al Nymex è scivolato dello 0,8% a 63,40 dollari al barile.

materie prime
Petrolio chiude a NY -0,8% a 63,4 dollari al barile

Reduce da un rialzo settimanale dell'1,3%, il petrolio oggi ha chiuso in calo a New York. Al Nymex il contratto maggio è scivolato di 49 centesimi, lo 0,8% a 63,4 dollari al barile. A pesare sono stati i timori di un aumento dell'output degli Stati Uniti e della Russia, due dei principali produttori di greggio al mondo.

Fed, Evans: rialzo tassi possibile se economia Usa cresce come previsto

Un rialzo dei tassi negli Stati Uniti è possibile se l'economia cresce come da attese. Se invece la performance economica risulterà più debole del previsto, un taglio del costo del denaro potrebbe essere necessario. Lo crede Charles Evans, presidente della Federal Reserve di Chicago. Secondo colui che è membro votante del Federal Open Market Committee, il braccio di politica monetaria della banca centrale americana, i fondamentali economici degli Usa sono ancora buoni anche se il Pil 2019 è visto crescere dell'1,75-2% dopo il +2,9% registrato nel 2018 (la performance migliore dal 2015). Per Evans, i rischi al ribasso superano quelli al rialzo.

azionario
Wall Street: avvio poco mosso, Goldman frena il Dow

La seduta a Wall Street è iniziata poco mossa con gli investitori impegnati a digerire i conti delle banche americane. Dopo quelli migliori del previsto pubblicati venerdì scorso da JP Morgan, oggi sono giunti quelli misti di Goldman Sachs e Citigroup.

In tutti e due i casi gli utili hanno superato le stime degli analisti ma non i ricavi, frenati dalle attività di trading.

Dal fronte macroeconomico, l'attività manifatturiera nell'area di New York è rimbalzata ad aprile dai minimi di quasi due anni fa raggiunti a marzo. Sul piano aziendale, c'è fermento da M&A.

Dopo i primi minuti di scambi, il Dow perde lo 0,14% a 26.374. L'S&P 500 cede lo 0,05% a quota 2.905. Il Nasdaq Composite aumenta dello 0,08% a quota 7.991. Il petrolio a maggio al Nymex scivola dello 0,6% a 63,51 dollari al barile.

Usa: attività manifatturiera a NY rimbalza ad aprile

L'indice Empire State, che misura l'andamento dell'attività manifatturiera nell'area di New York, ad aprile è rimbalzato dai minimi di quasi due anni fa raggiunti a marzo. Il dato, redatto dalla Federal Reserve di New York, è salito a 10,1 punti da 3,7 punti del mese precedente. La componente dell'occupazione è scesa a 11,9 da 13,8 punti. La componente dei prezzi ricevuti è calata a 14 da 18,1 punti e quella dei nuovi ordini è aumentata a 7,5 da 3 punti.

Citigroup
Citigroup: utile I trim. +2% a 4,7 mld dollari, sopra le stime

Primo trimestre con ricavi in calo e profitti in rialzo per Citigroup. La banca statunitense ha chiuso i primi tre mesi del 2019 con ricavi netti per 18,576 miliardi di dollari (-2%), contro i 18,634 miliardi attesi dal consensus. L'utile netto è stato di 4,7 miliardi di dollari, o 1,87 dollari ad azione, superiore alle stime (1,80 dollari); rispetto a un anno prima, registrato un +2 per cento. "Il nostro utile riflette i progressi che stiamo facendo per migliorare il ritorno sul capitale" ha commentato l'a.d. Michael Corbat. "Il nostro business commerciale e quello istituzionale hanno registrato buoni risultati e stiamo vedendo un buon andamento nelle aree in cui abbiamo investito", tra cui l'investment banking.

Goldman Sachs
Goldman Sachs: utile I trim. -21% a 2,25 mld dollari, sopra stime

Primo trimestre con ricavi e utili netti in calo per Goldman Sachs. La banca statunitense ha chiuso i primi tre mesi del 2019 con ricavi netti per 8,81 miliardi, in calo del 13% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e sotto gli 8,9 miliardi attesi dal consensus. L'utile netto, pari a 2,25 miliardi di dollari, o 5,71 dollari ad azione, ha registrato una flessione del 21% rispetto a un anno prima, ma è stato superiore alle attese degli analisti, pari a 4,89 dollari ad azione.

Wall Street
La giornata a Wall Street


Dati macroeconomici

Indice manifatturiero Empire State per il mese di aprile alle 8:30 (le 14:30 in Italia). Precedente: 3,7.


Appuntamenti societari

Trimestrale di Goldman Sachs alle 7:30 (le 13:30 in Italia).

Trimestrale di Citigroup alle 8 (le 14 in Italia).


Altri appuntamenti

Il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, alle 10 (le 16 in Italia) a New York partecipa all'Onu al tavolo di lavoro al Financing for Development Forum; alle 13 pranza con il Segretario Generale dell'United Nations Conference on Trade and Development; alle 15 partecipa a un panel per promuovere la crescita inclusiva e ridurre le ineguaglianze.

Charles Evans, presidente della Federal Reserve di Chicago, parla alle 12 (le 18 in Italia).

Eric Rosengren, presidente della Federal Reserve di Boston, parla alle 19 (l'una di notte in Italia).