Wall Street, pesano le tensioni in Medio Oriente

L'aumento del prezzo del petrolio, dopo gli attacchi contro gli impianti sauditi, fa temere il rallentamento dell'economia mondiale

azionario
Wall Street: chiusura in calo, rally greggio fa temere per l'economia

La seduta a Wall Street è finita in calo sulla scia del balzo - il maggiore dal gennaio 2009 - del greggio dovuto agli attacchi di sabato contro infrastrutture saudite cruciali che hanno mandato in tilt metà della produzione giornaliera locale. Il contratto ottobre del Wti è salito del 14,7% -top dal 22 settembre del 2008 - a 62,9 dollari al barile, massimi dello scorso maggio.

Il timore che la corsa del petrolio possa andare a pesare ulteriormente su un'economia già in rallentamento ha pesato sull'azionario, con il Dow Jones Industrial Average in calo per la prima volta dopo otto sedute di fila in rialzo. Il fatto che la crescita della produzione industriale cinese ad agosto abbia raggiunto nuovi minimi di 17 anni e mezzo non ha aiutato.

L'indice delle 30 blue chip ha perso lo 0,5% a 27.076,82. L'S&P 500 ha ceduto lo 0,3% a 2.997,96. Il Nasdaq Composite è scivolato dello 0,3% a 8.153,54.

azionario
Wall Street: avvio in calo, balzo del petrolio

La seduta a Wall Street è iniziata in calo, esattamente come i future avevano indicato. Reduci da tre settimane di fila in aumento, DJIA, S&P 500 e Nasdaq Composite risentono del balzo del greggio, che se sarà prolungato andrà a pesare ulteriormente su un'economia mondiale già in rallentamento.

L'attacco ad infrastrutture petrolifere saudite sta mandando in tilt il mercato del greggio, tanto che Aramco (la compagnia petrolifera di Riad) sta valutando se posticipare la sua Ipo. Secondo l'Agenzia internazionale dell'energia, il caos provocato dagli attacchi rivendicati dagli Huthi dello Yemen (dietro i quali ci sarebbe l'Iran, secondo gli Usa) ha provocato perdite nella produzione petrolifera superiori a quelle subite da Kuwait e Iraq nell'agosto del 1990, quando l'iracheno Saddam Hussein invase la nazione vicina. Superate anche le perdite subite dall'Iran durante la Rivoluzione Islamica del 1979.

Dopo i primi minuti di scambi, il Dow perde terreno per la prima volta dopo nove sedute in rialzo (-0,3% a quota 27.128). L'S&P 500 cede lo 0,35% a quota 2.997. Il Nasdaq segna un ribasso dello 0,6% a quota 8.140. Il petrolio a ottobre al Nymex balza del 9,6% a 60,14 dollari.

Medio Oriente
Trump: "Non abbiamo bisogno del petrolio del Medio Oriente, ma aiuteremo gli alleati"

"Non abbiamo bisogno di petrolio e gas del Medio Oriente, ma aiuteremo i nostri alleati". Lo ha scritto su Twitter il presidente statunitense, Donald Trump. "E questo grazie al fatto che abbiamo fatto cos" bene nel settore energetico negli ultimi anni (grazie, signor presidente!) e che siamo un esportatore netto e il primo produttore al mondo".

Wall Street
La giornata a Wall Street


Dati macroeconomici

Indice manifatturiero Empire State per il mese di settembre alle 8:30 (le 14:30 in Italia). Precedente: 4,8 punti.


Appuntamenti societari

Nessuna trimestrale di rilievo.