Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Questa settimana sono attesi i conti di 70 aziende quotate a Wall Street

Auto
Tesla: James Murdoch entra nel cda

James Murdoch è entrato a fare parte del consiglio di amministrazione di Tesla. Travolto dalle critiche riguardanti la scarsità di membri indipendenti del board, il produttore di auto elettriche californiano ha annunciato l'arrivo nel suo cda del numero uno del colosso dell'intrattenimento 21st Century Fox. Oltre al figlio di Rupert Murdoch, che in passato è stato amministratore delegato di BSkyB, Sky Deutschland e Sky Italia, Tesla ha reclutato nel suo board (ora composto da nove persone) anche una donna, Linda Johnson Rice, numero uno di Ebony Media. Oltre al Ceo Elon Musk, che ne è presidente, nel cda siede - tra gli altri - suo fratello.

Separatamente, ieri Musk ha chiarito alcuni suoi commenti rilasciati sabato, quando aveva fatto capire che il valore di Tesla è superiore a quanto si meriti. Lo ha fatto con un tweet che ha comunque pesato sulle quotazioni del titolo: "L'azione Tesla è ovviamente [a livelli] alti in base al presente e al passato, ma [a livelli] bassi se si crede nel futuro di Tesla. Fate scommesse di conseguenza".

Intanto sale l'attesa per l'arrivo del Model 3, l'auto elettrica pensata per il mercato di massa. Il mercato ha scommesso sul successo della berlina con un prezzo di partenza da 35mila dollari: il titolo Tesla ha guadagnato il 49,5% da inizio anno ma ieri ha perso il 2,5% a 319,57 dollari.

Netflix vola nel dopo mercato (+11%), nel II trimestre conquistati più utenti delle stime

Un boom degli utenti superiori alle stime, ricavi più alti del previsto e guidance maggiori delle attese hanno spinto il titolo Netflix a livelli record nel dopo mercato. Leggi qui i dettagli.

Azionario
Wall Street: chiusura incerta. Per Nasdaq ottavo rialzo di fila

Gli indici a Wall Street hanno chiuso sulla parità con DJIA e S&P 500 che per un soffio non sono riusciti a mettere a segno nuovi record dopo quelli di venerdì scorso. Con un rialzo frazionale, il Nasdaq ha messo a segno l'ottava seduta di fila in aumento.

Gli investitori non si sono voluti esporre prima che la stagione delle trimestrali entri nel vivo questa settimana: domani prima dell'apertura arriveranno i conti di Bank of America e Goldman Sachs.

Il mercato ha ignorato gli ottimi dati macroeconomici arrivati dalla Cina, la cui economia nel secondo trimestre è cresciuta più del previsto: ciò ha tuttavia sostenuto i metalli come il rame, arrivato sui massimi di quattro mesi. Mentre si interrogano sul passo della normalizzazione monetaria della Federal Reserve, i trader restano in attesa della riunione di giovedì della Bce.

Il DJIA ha perso 8,02 punti, lo 0,04%, a quota 21.629,722. L'S&P 500 ha ceduto 0,13 punti, lo 0,01%, a quota 2.459,14. Il Nasdaq ha guadagnato terreno per l'ottava seduta di fila: ha aggiunto 1,97 punti, lo 0,03%, a quota 6.314,43. Il petrolio ad agosto al Nymex è scivolato dell'1,1% a 46,02 dollari al barile.

Difesa
Il Pentagono ignora le raccomandazioni, 'spreca' 33,6 miliardi

Il dipartimento della Difesa statunitense ha ignorato gran parte delle raccomandazioni del suo ispettorato, sperperando fino a 33,6 miliardi di dollari dal 2006. È quanto si legge in un nuovo rapporto di 458 pagine pubblicato proprio dall'Ufficio dell'ispettore generale, che ha un ruolo di vigilanza e controllo, che riporta dettagliatamente le raccomandazioni degli ultimi 11 anni. La conclusione del rapporto, si legge sul sito della Nbc, è che il Pentagono ha affrontato pochi problemi sollevati dall'ispettorato, 'sprecando' fino a 33,6 miliardi di dollari dei contribuenti statunitensi. Per esempio, l'agenzia di controllo aveva sconsigliato l'acquisto di altri 44 elicotteri Ch-53K, ma il Corpo dei marine ignorò il consiglio, spendendo 22,2 miliardi di dollari.

Cereali Chicago: le chiusure odierne

MAIS - Il contratto con scadenza a settembre ha chiuso invariato a quota 3,76 dollari e un quarto a bushel.

FRUMENTO - Il contratto con scadenza a settembre ha finito in ribasso di 4 centesimi e tre quarti, lo 0,93%, a quota 5,06 dollari a bushel.

SEMI DI SOIA - I future con scadenza a novembre hanno terminato in calo di 3 centesimi e tre quarti, lo 0,37%, a 9,97 dollari e tre quarti a bushel.

OLIO DI SOIA - Il contratto con scadenza a dicembre ha ceduto 24 punti, lo 0,71%, a quota 33,44 centesimi al pound.

FARINA DI SOIA - Il contratto con scadenza a dicembre ha chiuso in flessione di 1,8 dollari, lo 0,54%, a 329,4 dollari a tonnellata.

Petrolio chiude a NY -1,1% a 46,02 dollari al barile

Il petrolio ha iniziato la nuova settimana all'insegna delle vendite: il contratto ad agosto al Nymex ha perso 52 centesimi, l'1,1%, a quota 46,02 dollari al barile. Gli investitori continuano a essere preoccupati per un eccesso di scorte mondiali e per l'aumento della produzione Usa.

Oggi l'Energy Information Administration americana ha pubblicato il suo rapporto mensile nel quale ha spiegato che la produzione di shale oil in Usa è vista salire ad agosto su luglio di 113.000 barili al giorno a quota 5,585 milioni di barili al giorno. La settimana scorsa le trivelle attive in Usa sono salite per la seconda volta di fila.

Buoni dati macroeconomici arrivati dalla Cina non sono bastati per fornire sostegno alle quotazioni.

Auto
Morgan Stanley: Jeep vale di più di tutto il gruppo Fca

Il marchio di Suv Jeep vale di più del gruppo produttore Fiat Chrysler Automobiles. Lo sostengono gli analisti di Morgan Stanley, secondo cui il valore di Jeep è pari al 120% di quello del gruppo guidato da Sergio Marchionne. Secondo gli analisti, l'obiettivo di vendite al 2018 di Jeep "è raggiungibile se non probabile". Per Morgan Stanley, inoltre, Fca potrebbe puntare a uno spin off del marchio così come ha fatto con Ferrari. Una mossa simile potrebbe verificarsi prima dell'uscita di Marchionne, che punta a chiudere il piano industriale quinquennale, dicono gli esperti.

Finanza
Fed: multa da 246 milioni di dollari per BNP Paribas

La Federal Reserve ha annunciato una multa di 246 milioni di dollari a carico della francese BNP Paribas e di alcune sue controllate Usa. Il motivo? "Pratiche non sicure e non solide nei mercati dei cambi". Leggi qui i dettagli.

Visti
Trump apre le frontiere a 15.000 lavoratori stranieri in più

L'amministrazione Trump ha deciso oggi di concedere altri 15.000 visti temporanei per lavoratori stagionali non agricoli negli Stati Uniti. Il segretario alla Sicurezza nazionale, autorizzato dal Congresso, ha concesso gli ulteriori visti H-2B dopo aver rilevato che le aziende non riescono a completare gli organici con i lavoratori statunitensi. Una legge federale prevede il tetto di 66.000 visti H-2B all'anno, ma il Congresso ha autorizzato i permessi extra, dopo aver consultato anche il dipartimento del Lavoro. Per molti datori di lavoro, l'azione è stata decisa troppo tardi per permettere il completamento degli staff per la stagione estiva. Lo scorso anno, i visti extra erano stati 13.382; il visto H-2B permette ai detentori di lavorare legalmente negli Stati Uniti tra i quattro e i dieci mesi.

Il presidente ha familiarità con il visto H-2B: tra il 2013 e il 2015, la sua residenza Mar-a-Lago ha assunto 246 stranieri con il visto per il lavoro stagionale; il dipartimento per la Sicurezza interna non ha risposto alla domanda dei giornalisti sulla possibilità che la famiglia Trump chieda personale extra con il visto H-2B.

Treasury restano contrastati

I Treasury restano contrastati e continuano a muoversi all'interno di un ristretto trading range: gli investitori continuano a pensare al deludente dato sui prezzi al consumo, arrivato venerdì scorso, segno che la Federal Reserve potrevve rallentare il passo con cui alza i tassi.

Stanto ai future sui Fed Funds, usati per scommettere sulle mosse della banca centrale Usa, le probabilità di una stretta entro fine anno sono al 48%; una settimana fa erano al 59%. Il decennale vede rendimenti - che si muovono inversamente ai prezzi - scendere al 2,316% dal 2,319% di venerdì scorso. Il 2016 terminò al 2,446%. I rendimenti del titolo Usa a tre mesi aumentano all'1,047%.

Questo l'andamento delle altre scadenze:

Titolo a 2 anni, rendimenti in rialzo all'1,364%.

Titoli a 5 anni, rendimenti in decrescita all'1,859%.

Titoli a 30 anni, rendimenti in ribasso al 2,899%.

Cereali Chicago: andamento in generale calo

A metà seduta i cereali quotati al Cbot viaggiano in generale ribasso. I trader sembrano ignorare, almemo per quanto riguarda la soia, le previsioni di un caldo estremo atteso in Iowa e nella parte occidentale della cosiddetta Corn Belt. Il frumento, invece, soffre per via di previsioni di temporali in North Dakota: la pioggia favorirebbe la crescita delle piantagioni.

I future del mais a settembre guadagnano un quarto di centesimo, lo 0,07%, a quota 3,76 dollari e mezzo a bushel. I contratti del frumento a settembre arretrano invece di 4 centesimi, lo 0,78%, a 5,06 dollari e tre quarti a bushel.

Andamenti in calo per il comparto della soia. I future dei semi con scadenza a novembre sono in discesa di 4 centesimi, lo 0,4%, a 9,97 dollari e mezzo a bushel, il contratto sulla farina con scadenza a dicembre arretra di 2,10 dollari, lo 0,63%, a 329,10 dollari a tonnellata, mentre i future dell'olio con scadenza a dicembre calano di 11 punti, lo 0,33%, a quota 33,57 centesimi al pound.

Economia
Francia: Fmi promuove piano di riforme economiche di Macron

Il Fondo monetario internazionale promuove il piano "ambizioso" di riforme economiche del governo francese di Emmanuel Macron, che tra le altre cose punta a ridurre il deficit all'1% del Pil entro il 2022 dal 3,4% dello scorso anno.

L'istituto di Washington sostiene che quel piano potrebbe affrontare "le sfide economiche di lunga data" di Parigi: "Squilibri fiscali persistenti, disoccupazione alta e competitività debole". E' quanto sostenuto dallo staff del Fondo alla fine della missione condotta in Francia, dove ci sono state consultazioni in vista della pubblicazione dell'Articolo IV, il rapporto con cui il Fondo fotografa annualmente l'economia di un Paese membro.

"L'enfasi sulla riduzione della spesa pubblica per permettere un consolidamento fiscale graduale e un allentamento sul fronte delle tasse è appropriato. Per rendere credibile la strategia, riforme profonde sono necessarie a tutti i livelli di governo, a cominciare con sforzi notevoli sulla spesa". La strategia di Macron relativa al mercato del lavoro è "ampia e ambiziosa", si legge nel documento dell'Fmi, secondo cui essa "migliorerebbe la flessibilità delle aziende, riformerebbe i sussidi di disoccupazione e migliorerebbe i sistemi di training e apprendistato professionali". Le riforme sulle tasse sul lavoro dovrebbero invece "spingere la crescita di occupazione e investimenti".

Azionario
Wall Street: indici restano poco mossi aspettando trimestrali

Dopo i record raggiunti in chiusura venerdì scorso da DJIA e S&P 500, l'azionario a Wall Street viaggia incerto fluttuando sopra e sotto la parità. Il Nasdaq Composite, reduce dal maggiore guadagno settimanale da oltre sei mesi, ha saputo sfiorare il record del 9 giugno scorso mentre il Russell 2000, che raggruppa società a piccola capitalizzazione, ha toccato livelli mai visti prima.

Gli investitori restano alla finestra dopo il calo maggiore dell'anno subito dall'azionario cinese nonostante dati macroeconomici positivi; hanno pesato alcuni allarmi utili di piccole aziende; si teme poi una stretta regolatoria da parte di Pechino.

In Usa si aspetta che la stagione delle trimestrali entri nel vivo: stasera a mercati chiusi arriveranno i conti del sito di video in streaming Netflix (+0,27%) e il focus è sulla crescita degli utenti. Domani toccherà agli istituti di credito Bank of America e Goldman Sachs. Ci saranno poi i bilanci, tra gli altri, del colosso informatico Microsoft, del produttore di microprocessori Qualcomm e del sito di aste online eBay. Oggi BlackRock (-3,4%) ha pubblicato una trimestrale con utili in rialzo ma meno del previsto.

Il DJIA sale di 13 punti, lo 0,06%, a quota 21.651. L'S&P 500 avanza di 2,24 punti, lo 0,09%, a quota 2.461. Il Nasdaq guadagna 9,3 punti, lo 0,14%, a quota 6.321. Il petrolio ad agosto al Nymex scivola dello 0,5% a 46,3 dollari al barile.

Tech
Ibm punta su mercato cybersicurezza, lancia nuovo sistema mainframe Ibm Z

In un momento in cui gli attacchi di hacker sono una minaccia concreta, Ibm punta ad affermarsi ulteriormente sul mercato della cybersicurezza finanziaria. Come si legge in una nota, il colosso tecnologico americano ha presentato Ibm Z, un nuovo sistema mainframe in grado di processare oltre 12 miliardi di transazioni criptate al giorno, ovvero 18 volte più velocemente rispetto alle altre piattaforme. I sistemi mainframe sono usati per l'elaborazione dati centralizzata di alto livello e sono usati solitamente nei grandi centri di elaborazione dati e in strutture bancarie e finanziarie, dove sono richieste alte prestazioni di calcolo e affidabilità.

"Nella maggior pare dei casi, i dati rubati o fatti trapelare sono facilmente accessibili perché i sistemi di criptaggio sono complessi e molto costosi. Noi abbiamo creato uno strumento di protezione dei dati adatto all'era cloud, che può avere un impatto significativo e immediato sulla sicurezza globale dei dati", ha detto Ross Mauri, general manager di Ibm Z. L'interesse di Ibm per la cybersicurezza non stupisce, visto che per le aziende di ogni settore tutelarsi è una necessità pressante: secondo i dati di Juniper Research, gli attacchi hacker potrebbero costare alle aziende un totale di 8.000 mliardi entro il 2022.

Valute virtuali
Bitcoin e ethereum in rally, ma restano sotto record giugno

Inizio di settimana in buon rialzo per le maggiori valute digitali, bitcoin ed ethereum, che recuperano terreno rispetto ai cali del weekend, pur restando al di sotto dei massimi storici toccati a giugno. In particolare, bitcoin è arrivato a guadagnare il 7,5% a 2.036 dollari, dopo essere calato sotto i 1.900 dollari domenica.

Ethereum sale del 5% circa a 169 dollari, anche in questo caso risalendo rispetto ai due giorni precedenti. Detto questo, bitcoin è ancora più del 30% al di sotto del record dell'11 giugno a 3.018 dollari, mentre ethereum ha valore dimezzato rispetto al picco del mese scorso.

Borsa
Wall Street: Netflix piatta (+0,11%) in attesa dei conti, focus su abbonati

Andamento piatto per Netflix a Wall Street in attesa dei conti del secondo trimestre, che arriveranno dopo la chiusura delle contrattazioni. Nel frattempo, il titolo sale dello 0,11% a 161,24 dollari per azione, con una capitalizzazione di mercato di 69,5 miliardi di dollari. Per quanto riguarda i conti, gli analisti attendono in media profitti per 16 centesimi per azione, in calo dai 24 centesimi dello stesso periodo dell'anno scorso, con un fatturato in aumento deciso (20-30% in media) rispetto ai 2,76 miliardi del secondo trimestre 2016.

La società ha stimato un utile di 15 centesimi per azione con un giro d'affari di 2,755 miliardi. Gli investitori guarderanno in particolare all'aumento del numero di abbonati (le stime sono per un incremento di 600.000 negli Stati Uniti, con una base netta internazionale di 2,6 milioni) e al conseguente impatto sull'outlook di medio-lungo termine, ma anche alle indicazioni sull'avanzamento dei piani sulla produzione di contenuti originali.

Materie prime
Cereali Chicago: aperture in ribasso al Cbot

All'inizio della prima seduta di contrattazioni della settimana al Chicago Board of Trade i cereali si attestano in calo. Le piogge cadute nel corso del fine settimana nelle aree di coltivazione degli Stati Uniti hanno alleviato le preoccupazioni su possibili danni al raccolto provocati dalla precedente siccità e fatto quindi migliorare le prospettive del raccolto e, di conseguenza, sulla domanda. Questo spinge gli investitori verso le vendite e, quindi, i prezzi al ribasso.

In avvio di seduta, frumento e mais si attestano in calo, comunque non particolarmente marcato. In particolare, i future del mais a settembre scendono di un centesimo e tre quarti a 3,74 dollari a bushel. I contratti del frumento a settembre arretano di 4 centesimi a 5,06 dollari a bushel. Andamenti in ribasso anche per il comparto della soia. I future dei semi con scadenza a novembre sono in discesa di 2 centesimi a 9,99 dollari a bushel, il contratto sulla farina con scadenza a dicembre arretra di 1,80 dollari a 329,40 dollari a tonnellata, mentre i future dell'olio con scadenza a dicembre perdono 4 punti a 33,72 centesimi al pound.

Usa
Sondaggio Wp-Abc News, tasso approvazione Trump cala al 36%

Nei suoi primi sei mesi alla Casa Bianca, il tasso di approvazione nei confronti di Donald Trump è sceso notevolmente, sulla scia delle preoccupazioni sulla sua capacità di guidare il Paese, alla luce del Russiagate e delle difficoltà nel fare approvare riforme, non ultima quella della sanità che dovrebbe abrogare l'Obamacare. Stando a un sondaggio condotto da Washington Post e Abc News, solo il 36% degli americani ritiene che il presidente stia facendo un buon lavoro, 6 punti percentuali in meno rispetto ad aprile.

Inoltre, anche se durane la campagna elettorale il magnate repubblicano si era impegnato a rendere l'America più forte sul piano internazionale, il 48% degli intervistati ritiene che si sia invece indebolita. Scetticismo anche sul modo in cui Trump gestisce la politica estera, in particolare per quanto riguarda i rapporti con la Cina e le tensioni con la Corea del Nord: secondo il sondaggio, il 47% degli americani non si fida della capacità del presidente di negoziare con i leader mondiali.

Aziende
FedEx soffre: cyber-attacco su TNT continua a pesare

L'attacco hacker partito il 27 giugno scorso dall'Ucraina e che ha colpito varie aziende tra cui il gruppo petrolifero russo Rosneft, il colosso pubblicitario britannico Wpp e quello danese delle spedizioni Maersk potrebbe avere un impatto "notevole" su FedEx. Il colosso americano delle spedizioni non ne è stato vittima ma lo è stata la controllata TNT Express, cosa già comunicata all'epoca dei fatti.

Oggi FedEx ha fornito un aggiornamento ribadendo la gravità dell'intrusione informatica e dicendo che i consumatori "stanno ancora vivendo ritardi". In un documento depositato presso l'autorità di Borsa Usa, il gruppo ha spiegato di avere subito "una perdita di ricavi a causa di volumi in ribasso per TNT e costi in aumento associati all'implementazione di piani di emergenza e riparazione dei sistemi colpiti". FedEx ha spiegato di non potere prevedere quando e se tutto tornerà alla normalità e ha aggiunto di non avere alcuna assicurazione per proteggersi dal cyber-attacco subito.

Il titolo FedEx perde il 2,7%. Da inizio anno ha guadagnato il 14% circa; negli ultimi 12 mesi è salito di quasi il 33%.

Amazon mette a tappeto Blue Apron (-11%)

Blue Apron soffre (-11%): secondo il Sunday Times britannico, Amazon (+1%) si prepara a lanciare un kit per preparare i pasti come quelli offerti dalla piccola azienda recentemente quotata.

Whirlpool: per Barron's il titolo può guadagnare il 35%

Stanto a Barron's, il titolo del produttore di elettrodomestici Whirlpool (+1,5%) potrebbe balzare del 35% nei prossimi 12 mesi: il focus è sul raddoppio delle vendite dal 2000. 

Finanza
Uber: ferma termporaneamente attività a Macao, pressioni su regolamentazione

Uber Technologies, che la settimana scorsa aveva tirato il freno a mano sulle attività in Russia, ha fatto sapere che sospenderà le operazioni a Macao. La società californiana risponde così alle crescenti pressioni a cui deve fare fronte all'estero, soprattutto sul fronte della regolamentazione.

Come si legge sul sito di Uber, le attività a Macao sono "fermate temporaneamente", dal momento che il gruppo "non è in grado di continuare a garantire un contesto di business in cui potere operare". La città, una delle regioni amministrative speciali della Cina insieme a Hong Kong, ha una popolazione di meno di 650.000 persone e si sostiene per lo più con il turismo (ogni anno sono oltre 30 milioni i turisti che visitano quella che è considerata una capitale del gioco d'azzardo, come Las Vegas).

Azionario
Wall Street: apertura poco mossa dopo i record di DJIA e S&P 500

La seduta a Wall Street è iniziata all'insegna della cautela. Dopo i record messi a segno venerd" scorso da Dow Jones Industrial Average e S&P 500, l'azionario procede cauto con gli investitori che restano in attesa delle trimestrali societarie: dopo i conti delle principali banche arrivati la settimana scorsa, quella appena iniziata risulta intensa. BlackRock (-2,3%) ha pubblicato una trimestrale con utili in rialzo ma meno del previsto. A mercati americani chiusi arriveranno i conti del sito di video in streaming Netflix (+0,7%). Secondo S&P Capital IQ, gli utili in generale sono visti salire del 6,2% nel secondo trimestre del 2017; nel primo erano aumentati di circa il 15%.

Dal fronte politico, la convalescenza del senatore repubblicano John McCain, operato a un occhio, rende ancora più difficile un'approvazione della riforma sanitaria presentata la settimana scorsa dal Gop. Intanto il Russiagate continua a gettare ombre sull'amministrazione Trump.

Il DJIA perde 15 punti, lo 0,07%, a quota 21.623. L'S&P 500 cede 0,9 punti, lo 0,04%, a quota 2.458. Il Nasdaq testa i record salendo di 38 punti, lo 0,6%, a quota 6.312. Il petrolio ad agosto al Nymex scivola dello 0,28% a 46,41 dollari al barile.

T-Bond: rendimenti contrastati dopo maggiore calo settimanale da oltre un mese

Reduci dal declino settimanale maggiore da oltre un mese, i rendimenti dei Treasury viaggiano contrastati con gli investitori che ancora pensano all'indice dei prezzi al consumo diffuso venerdì e rimasto invariato a giugno rispetto al mese precedente. E' stata l'ennesima prova di un'inflazione al palo. Il dato era arrivato dopo la testimonianza al Congresso del governatore della Federal Reserve, Janet Yellen, le cui parole spinsero a loro volta al ribasso i rendimenti dei titoli di stato Usa. Yellen aveva ripetuto che l'inflazione si risolleverà negli anni a venire ma aveva anche detto che la banca centrale potrebbe rivalutare la sua strategia se il dato continua a deludere. Il mercato continua a domandarsi se e quando ci sarà un rialzo dei tassi. Il decennale vede rendimenti - che si muovono inversamente ai prezzi - salire al 2,321% dal 2.319% di venerdì scorso. Il 2016 terminò al 2,446%. I rendimenti del titolo Usa a tre mesi aumentano all'1,039%.

Questo l'andamento delle altre scadenze:

Titolo a 2 anni, rendimenti fermi all'1,356%.

Titoli a 5 anni, rendimenti in decrescita all'1,859%.

Titoli a 30 anni, rendimenti in rialzo al 2,915%.

Azionario
Wall Street: future poco mossi

I future a Wall Street sono in frazionale rialzo preannunciando un avvio cauto degli scambi. Questa è la settimana in cui la stagione delle trimestrali entrerà nel vivo: 26 aziende quotate sull'S&P 500 annunceranno i loro conti. BlackRock (-3,3% nel pre-mercato) ha pubblicato una trimestrale con utili in rialzo ma meno del previsto. A mercati americani chiusi arriveranno i conti del sito di video in streaming Netflix (+0,8%).

Dal fronte macroeconomico, gli investitori americani sembrano ignorare i dati incoraggianti arrivati dalla Cina: il Pil del secondo trimestre è cresciuto del 6,9% e la produzione industriale a giugno del 7,6%, la performance migliore dal dicembre 2014; l'impressione è che i dati siano troppo buoni per essere veri, insinuazione alla credibilità dei calcoli fatti a Pechino dove per altro si teme una stretta regolatoria.

In Usa, la convalescenza del senatore repubblicano John McCain, operato a un occhio, rende ancora più difficile un'approvazione della riforma sanitaria presentata la settimana scorsa dal Gop. Intanto il Russiagate continua a gettare ombre sull'amministrazione Trump.

I future del Dow salgono di 17 punti, lo 0,08%; quelli dell'S&P 500 aumentano di 1,75 punti, lo 0,07%; quelli del Nasdaq aggiungono 7,75 punti, lo 0,13%. Il petrolio ad agosto al Nymex scivola dello 0,09% a 46,5 dollari al barile.

Finanza
P&G: Trian Fund dell'attivista Peltz pronto alla battaglia per un seggio in Cda

Nelson Peltz si prepara a fare guerra a Procter & Gamble, con l'obiettivo di accaparrarsi un seggio nel consiglio di amministrazione e fare pressioni, in qualità di investitore attivista, perché il colosso dei beni di consumo prenda provvedimenti per rilanciare vendite e profitti, in stallo da qualche tempo. E' quanto si legge in una nota di Trian Fund Management, il fondo di Peltz che ha in mano 3,3 miliardi di dollari di azioni di P&G.

La società, che ha una capitalizzazione di mercato di 222 miliardi, è la più grande di sempre ad andare incontro a un proxy fight, un'azione portata avanti raccogliendo tra gli azionisti il numero di deleghe necessario per avere in assemblea la maggioranza dei diritti di voto. Dopo quasi cinque mesi di discussioni, P&G la settimana scorsa ha respinto la richiesta di Trian di nominare Peltz consigliere di amministrazione della società, cosa che ha creato il presupposto per l'azione del fondo, pronto a dare voce al malcontento degli investitori sulle performance di P&G. La risposta della società non si è fatta attendere: "Il Board di P&G ha fiducia nel fatto che i cambiamenti in corso produrranno risultati e ribadisce il completo sostegno alla strategia, ai piani e al management della società", si legge in una nota.

Economia
Usa: cala a 9,8 punti indice Empire State manifatturiero a luglio, sotto stime

L'indice Empire State, che misura l'andamento dell'attività manifatturiera nell'area di New York, in luglio si è confermato in territorio positivo, ovvero sopra lo zero, ma ha rallentato il passo rispetto al mese precedente e ha deluso le attese. Il dato, redatto dalla Federal Reserve di New York, è calato a 9,8 punti questo mese, rispetto ai 19,8 punti di giugno (invariato dalla prima stima).

Il dato è inferiore alle attese degli analisti, che avevano previsto un indice in discesa a 15 punti. La componente che tiene conto dei nuovi ordini è peggiorata da 18,1 a 13,3 punti, mentre quella sull'occupazione è passata da 7,7 a 3,9 punti. Quella sui prezzi è cresciuta da 10,8 a 11 punti.

Trimestrali
BlackRock: +9% utile II trim. a 857 mln $, sotto stime, asset gestiti +16% a 5.690 mld

Nel secondo trimestre BlackRock, maggiore gestore di asset e una delle maggiori società di investimento al mondo, ha deluso le aspettative in termini di utile e fatturato, che pure si sono attestati in aumento. Tuttavia, gli asset gestiti sono aumentati del 16% a 5.690 miliardi di dollari. La società ha messo a segno profitti netti per 857 milioni di dollari, 5,22 dollari per azione, in rialzo del 9% dai 789 milioni, 4,73 dollari per azione, dello stesso periodo dell'anno scorso. Escludendo le voci straordinarie, i profitti sono a 5,24 dollari per azione, mentre gli analisti attendevano un dato a 5,40 dollari. Il fatturato è salito del 6% a 2,97 miliardi di dollari, anche in questo caso sotto 2,99 miliardi previsti.

Come si legge in una nota della società, gli investmenti azionari hanno registrato uscite nette di captale per 600 milioni di dollari, con uscite in particolare negli Stati Uniti e in Europa, mentre gli investimenti nel reddito fisso hanno registrato ingressi netti per 7,1 miliardi di dollari, grazie alle attività ttal return e a quelle municipali. Gli IShares ETF hanno messo a segno ingress netti di capitale di lungo termine per 73,8 miliardi, compresi 51,8 miliardi di dollari nell'azionario e 21 miliardi nel reddito fisso. "Anche se una significativa quantità di liquidità resta ai margini, gli investitori hanno cominciato a utilizzare una maggiore parte dei propri asset", ha detto l'amministratore delegato di BlackRock Laurence Fink.

Banche
Bank of NY Mellon: cambio al vertice, Scharf, ex di Visa, scelto come nuovo Ceo

Cambio al vertice per Bank of New York Mellon. La banca, nata nel 2007 dalla fusione di Bank of New York e Mellon Financial, ha scelto Charles Scharf, ex top manager di Visa e JPMorgan Chase, come nuovo amministratore delegato, al posto dell'uscente Gerald Hassell. Scharf, 52 anni, è stato numero uno di Visa fino a dicembre.

Come si legge in una nota della società, Hassell, 65 anni, resterà presidente del consiglio di amministrazione di Bank of New York Mellon fino al prossimo 31 dicembre, quando anche questo incarico passerà a Scharf, che rivestirà dunque entrambi i ruoli.

Wall Street
Euro in ribasso a 1,1464 dollari, biglietto verde a 112,48 yen

Euro in ribasso dello 0,05% a 1,1464 dollari; nelle ultime 52 settimane, quotazione oscillata tra 1,0342 e 1,1491 dollari. Biglietto verde in ribasso dello 0,05% a 112,48 yen; nelle ultime 52 settimane, quotazione oscillata tra i 99,55 e i 118,66 yen.

Wall Street
Oro in rialzo a 1.230,30 dollari all'oncia

Oro in rialzo dello 0,24% a 1.230,30 dollari all'oncia. Nelle ultime 52 settimane, quotazione oscillata tra i 1.133,30 e i 1.386,40 dollari all'oncia.

Wall Street
Petrolio in rialzo a 46,55 dollari al barile

Future del petrolio in rialzo dello 0,02% a 46,55 dollari al barile. Nelle ultime 52 settimane, quotazione oscillata tra i 42,06 e i 58,30 dollari al barile.

Wall Street
Future degli indici Usa in leggero rialzo nel premercato

Future degli indici statunitensi in leggero rialzo nel premercato: il Dow Jones cresce dello 0,07%, lo S&P sale dello 0,11%, il Nasdaq guadagna lo 0,22%.

 Wall Street riapre oggi i battenti dopo una settimana caratterizzata da rialzi e nuovi record degli indici Dow Jones e Standard & Poor’s 500. Ma il rally ha anche visto il Vix, l’indice della volatilita’ e della paura sui mercati, scivolare ai livelli minimi da 24 anni a quota 9,51, sollevando timori che gli investitori siano diventati troppo ottimisti e sottovalutino i rischi. Il Dow ha terminato la seduta di venerdì con un guadagno dello 0,39% a 21.637 e l’S&P 500 con un incremento dello 0,47% a 2.459, entrambi massimi storici. Il Nasdaq ha preso li 0,6% a quota 6.312. 

Oggi, in programma l'ndice manifatturiero Empire State per luglio alle 8:30 (le 14:30 in Italia). Precedente: 19,8 punti. Tra gli appuntamenti societari, la trimestrale di Netflix dopo la chiusura delle contrattazioni.