Wall Street, giornata di dati e trimestrali

Attesi i dati sui sussidi e sulle vendite al dettaglio. Tra i conti, quelli di American Express

Car Sharing
Chicago: Car2Go sospende il servizio per i troppi furti

Car2Go ha sospeso il suo servizio di car sharing a Chicago dopo aver subito il furto di decine di auto nell’ultima settimana. L’azienda ha annunciato che la sospensione è temporanea e che sta collaborando con la polizia per risolvere la questione. Come riporta il Washington Post, oltre 100 vetture sono state rubate grazie a delle iscrizioni fasulle all’app di Car2Go, fatte utilizzando carte di identità falsi associate a carte di credito rubate. Leggi qui l'articolo completo. 

Fca
Fca richiama 320.000 Dodge Dart in Nordamerica

Fiat Chrysler Automobiles (Fca) ha richiamato oltre 320.000 Dodge Dart in Nordamerica, giustificando la decisione con un problema al cavo del cambio automatico; cavo che potrebbe staccarsi dalla trasmissione, impedendo al conducente di inserire la leva del cambio nella posizione parcheggio o nelle altre posizioni. Fca ha comunicato di non essere a conoscenza di incidenti o infortuni, ma di aver ricevuto migliaia di segnalazioni su danni ai veicoli. I richiami riguardano vetture prodotte tra il 2013 e il 2016.

Usa: a marzo nuovi cantieri e permessi edilizi calati a sorpresa

A marzo, il numero di nuovi cantieri edili avviati negli Stati Uniti è diminuito inaspettatamente. Secondo quanto riportato dal dipartimento del Commercio, l'indice che misura l'avvio di nuovi cantieri ha registrato un ribasso dello 0,3% rispetto al mese precedente al tasso annualizzato di 1,139 milioni di unità. Il dato è peggiore delle previsioni degli analisti, che attendevano un rialzo del 4,1%. Nei primi tre mesi del 2019, i nuovi cantieri sono diminuiti del 9,7% rispetto allo stesso periodo del 2018.

I permessi per le costruzioni, che anticipano l'attività futura del settore edilizio, sono diminuiti dell'1,7% a 1,269 milioni di unità, contro attese per un rialzo dello 0,3%. Su base annua il dato è calato del 5,4%.

economia
Governo Trump: con nuovo Nafta 34 mld Usd di investimenti in settore auto

L'amministrazione Trump ha iniziato la sua campagna per 'vendere' all'America l'accordo commerciale tra Stati Uniti, Messico e Canada pensato per sostituire il vecchio Nafta. L'intesa, chiamata Usmca, deve ancora essere ratificata al Congresso. Tuttavia, secondo lo International Trade Commission (Itc) statunitense, il cui studio è chiesto dal Congresso stesso, l'impatto sul Pil sarà limitato. Ciò conferma stime elaborate dal Fondo monetario internazionale, secondo cui l'effetto dello Usmca sarà "trascurabile" e porterà a una riduzione degli scambi nordamericani.

Stando allo U.S. Trade Representative (Ustr) - guidato da Robert Lighthizer, l'uomo che sta portando avanti i negoziati commerciali con la Cina - l'accordo commerciale tra Usa, Messico e Canada porterà a 34 miliardi di dollari di nuovi investimenti nel settore americano dell'auto e creerà 76mila posti di lavoro nei primi cinque anni.

Secondo l'Itc, il Pil Usa salirà dello 0,35%, o di 68,5 miliardi di dollari, su base annua rispetto al Nafta e creerà 176mila posti di lavoro. La previsione è per i sei anni successivi all'adozione dell'accordo commerciale.

I democratici, che controllano la Camera, continuano a spingere per modifiche all'accordo. E Trump dovrà convincerli della bontà dello Usmca.

azionario
Wall Street: chiusura in rialzo tra conti e Ipo di Pinterest e Zoom

La seduta a Wall Street è finita in rialzo nel giorno di un debutto con il botto di Pinterest e Zoom. Il social delle immagini aveva iniziato gli scambi in rialzo del 25% e ha chiuso in aumento del 28,4% a 24,4 dollari. L'azienda specializzata in video-conferenza ha aperto in rialzo dell'80,6% e ha terminato con un balzo del 72,22% a quota 62 dollari.

Una serie di trimestrali incoraggianti ha sostenuto i listini tra cui American Express (+1,7%) e Travelers (+2,3%).

Il DJIA ha aggiunto lo 0,4% a 26.559,54. L'S&P 500 è salito dello 0,16% a quota 2.905,03. Il Nasdaq Composite è aumentato dello 0,02% a 7.998.

azionario
Effetto Zoom su azienda con nome simile, in un mese +56.000%

Zoom Video Communications ha fatto un debutto con il botto a Wall Street, dimostrazione di come gli investitori stiano scommettendo su un'azienda a rapida crescita che vuole farsi strada in un mercato (quello delle video conferenze) dominato da Cisco, Microsoft e Google. Mentre il gruppo sbarcava in borsa a 65 dollari contro i 36 del prezzo di collocamento, un'altra società con un nome simile prendeva il volo. Si tratta di Zoom Technologies, una penny stock scambiata nell'over-the-counter.

L'entusiasmo legato all'azienda che con la quotazione odierna ha raggiunto una valutazione di 19 miliardi di dollari, ha evidentemente confuso qualche investitore. Il 21 marzo scorso l'azione Zoom Technologies veniva scambiata per 0,005 dollari. Cento dollari investiti allora, oggi avrebbero garantito un guadagno di 84mila dollari, un balzo del 56.000%. Come fa notare il Wall Street Journal, confusioni di questo tipo non sono insolite. Quando nel 2013 Twitter si stava preparando alla quotazione, Tweeter Home Entertainment Group vide volare il suo titolo di oltre il 500%.

Editoria
Il tabloid National Enquirer venduto per 100 milioni di dollari

Il National Enquirer - il tabloid che voleva pubblicare foto osé riguardanti il Ceo di Amazon, Jeff Bezos - viene venduto per 100 milioni di dollari. A comprarlo è James Cohen, il Ceo di Hudson News, gruppo famoso per le sue edicole negli aeroporti. Ad anticiparlo è il Washington Post, secondo cui la decisione di vendere è stata presa dall'hedge fund che controlla American Media, la società a cui fa capo National Enquirer. Si tratta di Chatham Asset Management di Anthony Melchiorre.

American Media è finita sotto pressione per via degli sforzi compiuti dal tabloid per favorire Donald Trump alle elezioni presidenziali del 2016. Trump è un amico di lunga data di David Pecker, Ceo di American Media, l'uomo coinvolto nei pagamenti effettuati a due donne (inclusa l'ex porno star Stormy Daniels) per comprarne il silenzio ed evitare la circolazione di informazioni che avrebbero compromesso la candidatura di Trump.

Wall Street: tabacco soffre proposta di alzare a 21 anni limite età per acquisto

I titoli del tabacco a Wall Street soffrono, con Altria arrivato a cedere oltre il 5%, Philip Morris International più del 3% e American Tabacco il 3,5%. Mitch McConnell, il leader della maggioranza repubblicana al Senato, vorrebbe che il Congresso alzasse a 21 da 18 l'età minima necessaria per acquistare in tutti gli Stati Uniti prodotti da tabacco, incluse le sigarette elettroniche. Attualmente 11 Stati americani l'hanno già alzata.

Lui intende presentare un disegno di legge a maggio e si è detto fiducioso di ottenere sostegno sia dai democratici sia dai repubblicani al Senato. In base alla sua proposta, qualunque esercente sarebbe obbligato a verificare l'età di una persona prima di vendergli tabacco. McConnell è particolarmente preoccupato dalla diffusione delle sigarette elettroniche tra gli adolescenti. "Inoltre, sappiamo tutti che la gente che inizia a fumare a una giovane età poi fatica a smettere da adulti. Sfortunatamente si sta raggiungendo un livello di epidemia nel nostro Paese", ha detto McConnell.

Zoom debutta a Wall Street con un +80,6%

Zoom Video Communications ha fatto il suo debutto a Wall Street con il botto. Il titolo ha iniziato gli scambi a 65 dollari, in rialzo di circa l'80,6% rispetto al prezzo di collocamento che era stato fissato a 36 dollari. La piattaforma per video-conferenze ha raggiunto una valutazione di 9 miliardi di dollari.

azionario
Pinterest debutta al Nyse in rialzo del 25%

Pinterest ha iniziato gli scambi al New York Stock Exchange a 23,75 dollari, il 25% in più rispetto al prezzo di collocamento fissato ieri a 19 dollari, sopra la forchetta 15-17 dollari precedentemente indicata. Il social di immagini ha raggiunto una valutazione di 12,6 miliardi di dollari. Il gruppo è ancora in perdita anche se negli ultimi due trimestri ha generato utili. Lo scorso anno i ricavi sono balzati a 755,9 milioni dai 473 milioni dell'esercizio precedente.

azionario
Wall Street: apertura in rialzo, Dj +0,2%

La seduta a Wall Street è iniziata in rialzo grazie al balzo a marzo delle vendite al dettaglio, tornate ai massimi del settembre 2017. Anche le nuove richieste settimanali di sussidi di disoccupazione hanno superato le stime raggiungendo nuovi minimi di 50 anni. Tuttavia, l'indice manifatturiero della Fed di Filadelfia ad aprile è sceso più del previsto. Gli investitori attendono il debutto in borsa di Pinterest e Zoom, un test dopo l'Ipo flop di Lyft. Dopo i primi minuti di scambi, il Dow sale dello 0,2% a 26.510. L'S&P 500 avanza dello 0,14% a quota 2.905. Il Nasdaq Composite è poco mosso a 8.000. Il petrolio a maggio al Nymex è poco mosso a 63,82 dollari al barile.

Dati
Vendite al dettaglio +1,6% a marzo, top dal settembre 2017

Le vendite al dettaglio negli Stati Uniti, a marzo, sono cresciute più del previsto, raggiungendo i massimi dal settembre 2017. Il dato, reso noto dal dipartimento del Commercio, è aumentato dell'1,6% su base mensile a 514,1 miliardi di dollari, mentre gli analisti avevano messo in conto un +1%. Escludendo le vendite di veicoli e carburanti, c'è stato un rialzo dello 0,9%, più dello 0,7% previsto dagli analisti. Il dato di febbraio è stato confermato a -0,2%.

Dati
Sussidi disoccupazione Usa -5.000 a 192.000, minimi da 50 anni

Il numero delle persone che per la prima volta hanno richiesto i sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti, la scorsa settimana, è diminuito, battendo le stime degli analisti e facendo registrare il dato minimo degli ultimi 50 anni. Secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, nella settimana conclusasi il 13 aprile, il numero delle richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione è diminuito di 5.000 a 192.000 unità, contro attese per un dato a 205.000 unità; si tratta del dato migliore dal settembre del 1969. Il dato della settimana precedente è stato rivisto da 196.000 a 197.000 unità. La media delle ultime quattro settimane, un dato più indicativo e meno volatile, è scesa di 6.000 a 201.250 unità, il livello più basso, anche in questo caso, dal 1969. Il numero complessivo dei lavoratori che ricevono sussidi di disoccupazione per più di una settimana – relativo alla settimana terminata il 6 aprile, l'ultima per la quale è disponibile il dato – è calato di 63.000 unità a 1,653 milioni.

Wall Street
La giornata a Wall Street


Dati macroeconomici

Richieste iniziali di sussidi di disoccupazione per la settimana conclusa il 13 aprile alle 8:30 (le 14:30 in Italia). Precedente: -8.000 a 196mila. Consensus: 205mila.

Indice manifatturiero Fed Philadelphia per il mese di aprile alle 8:30 (le 14:30 in Italia). Precedente: 13,7 punti. Consensus: 11 punti.

Vendite al dettaglio per il mese di marzo alle 8:30 (le 14:30 in Italia). Precedente: -0,2%. Consensus: +1%.

Pmi servizi flash per il mese di aprile alle 9:45 (le 15.45 in Italia). Precedente: 54,8. Consensus: 54,8.

Pmi manifatturiero flash per il mese di aprile alle 9:45 (le 15:45 in Italia). Precedente: 52,5. Consensus: 52,9.

Scorte aziendali per il mese di febbraio alle 10 (le 16 in Italia). Precedente: +0,8%. Consensus: +0,3%.

Superindice economico per il mese di marzo alle 10 (le 16 in Italia). Precedente: +0,2%. Consensus: +0,4%.


Appuntamenti societari

Trimestrale di American Express alle 7:30 (le 13:30 in Italia).

Trimestrale di Blackstone a un orario non definito.

Trimestrale di Honeywell prima dell'apertura dei mercati.


Altri appuntamenti

Il segretario alla Giustizia Usa, William Barr, tiene una conferenza stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia) sul rapporto redatto da Robert Mueller sull'inchiesta sul Russiagate.

Raphael Bostic, presidente della Federal Reserve di Atlanta, parla alle 11:30 (le 17:30 in Italia).