Wall Street, l'Oms rassicura sul coronavirus

Lo considera un'emergenza sanitaria in Cina, non nel. mondo

Muore la leggenda Nba, Kobe Bryant in un incidente di elicottero

La leggenda della Nba, Kobe Bryant, e’ morto in un incidente di elicottero in California. Lo riferiscono diversi media americani. Bryant, 41, sarebbe tra i passeggeri di un elicottero che si e’ schiantato a Casablasas, California. Stando alla stampa Usa, 5 persone sono morte nell’incidente, tra cui anche la figlia tredicenne del giocatore. Bryant si era ritirato nel 2016 dopo una carriera ventennale nella Nba che ha vinto 5 volte con i Los Angeles Lakers.

Stati Usa e dipartimento di Giustizia potrebbero unire le forze nelle inchieste contro Google

I procuratori generali degli Stati che stanno conducendo inchieste contro Google dovrebbero incontrarsi con gli avvocati del dipartimento di Giustizia Usa la prossima settimana per convivere le informazioni riguardanti le loro rispettive inchieste su Google. Lo riferisce il Wall Street Journal citando alcune persone a conoscenza dei fatti. L’incontro - che e’ visto come il primo di una serie - potrebbe portare i due gruppi a unire le inchieste che riguardano la posizione dominante (e il suo possibile abuso) di Google nella pubblicità e nella ricerca sul web. Almeno sette procuratori generali dovrebbero prendere parte all’incontro.

Usa organizzano volo charter per evacuare cittadini americani da Wuhan

Il governo statunitense sta organizzando un volo charter per evacuare i cittadini americani dalla citta’ cinese di Wuhan, da dove ha origine il coronavirus che ha finora causato la morte di oltre 40 persone. Nel tentativo di arginare la diffusione del virus, il governo cinese ha disposto un cordone sanitario attorno a Wuhan e gran parte della provincia Hubei, vietando gli spostamenti e quasi tutti i voli. In Cina, casi accertati sono 1.287, con oltre 400 nelle ultime 24 ore, mentre i casi di persone infette dal coronavirus in tutto il mondo sono saliti a oltre 1.370, di cui 2 negli Stati Uniti.

Fondo saudita interessato ad acquisto del Newcastle United (Wsj)

Il fondo sovrano della Arabia Saudita sarebbe interessato ad acquistare la squadra di calcio inglese del Newcastle United. Lo riferisce il Wall Street Journal. Stando al quotidiano finanziario newyorkese, il fondo sovrano dovrebbe pagare circa 340 milioni di sterline (quasi 445 milioni di dollari) per il club di Premier League. Stando alle fonti interpellate dal Wsj, l’acquirente sarebbe il Public Investment Fund del regno, assieme ad un gruppo di investitori facenti capo al finanziere britannico, Amanda Staveley. Il Newcastle e’ di proprietà dell’imprenditore inglese, Mike Ashley, che ha acquistato la squadra nel 2007 per 134 milioni di sterline.

Sale a 53,2 punti Pmi servizi flash a gennaio, sopra le stime

L'attività nel settore servizi statunitense ha guadagnato terreno a gennaio. La lettura flash dell'indice servizi Pmi, redatto da Markit, si è attestata a 53,2 punti, dai 52,8 punti della lettura definitiva di dicembre. Si tratta dei massimi da 10 mesi. Il dato si conferma a un livello associato a un'espansione della congiuntura, ovvero superiore a 50 punti. Le attese erano per un dato a 52,8 punti.

Scende a 51,7 punti Pmi manifatturiero flash a gennaio, sotto le stime

L'attività nel settore manifatturiero statunitense ha continuato a perdere terreno a gennaio. La lettura flash dell'indice servizi Pmi, redatto da Markit, è scivolata a 51,7 punti, in calo dai 52,4 punti della lettura definitiva di dicembre. Il dato si conferma a un livello associato a un'espansione della congiuntura, ovvero superiore a 50 punti. Le attese erano per una lettura a 52,2 punti.

Wall Street apre in rialzo (Dj +0,3%) mettendosi alle spalle i timori per virus cinese

Gli indici su Wall Street hanno aperto in rialzo, con il Nasdaq su nuovi massimi intraday, dopo che l’Organizzazione mondiale della sanità ha alleviato i timori legati alla diffusione del coronavirus cinese. Nonostante l’aumento del numero di decessi (almeno 26) e di contagi confermati (oltre 830), per l’Oms il virus non rappresenta ancora un’emergenza sanitaria mondiale. In attesa della pubblicazione dei dati Pmi relativi al settore manifatturiero e dei servizi Usa che verranno pubblicati alle 9.45 (le 15.45 in Italia), l’attenzione quindi vira nuovamente sulle trimestrali. American Express sale del 4,80% a 137,80 dollari dopo che sia gli utili che i ricavi relativi al quarto trimestre dell’anno hanno superato le aspettative di Wall Street. Mentre Intel guadagna il 7,49% a 68,09 dollari dopo che i conti hanno oltrepassato le attese degli analisti. Il petrolio continua a scivolare. Messi da parte le preoccupazione legate al coronavirus cinese, rimangono i timori per un eccesso di offerta globale. Il contratto Wti a marzo perde l’1,42% a 54,80 dollari al barile. Il Djia sale di 113,80 punti, lo 0,39%, a quota 29.273.89. L’S&P 500 avanza di 5.87 punti, lo 0,18%, a quota 3.331,41. Il Nasdaq guadagna 41,81 punti, lo 0,43%, a quota 9.443,12.

Wall Street
La giornata a Wall Street


Dati macroeconomici

Pmi manifatturiero flash per il mese di gennaio alle 9:45 (le 15:45 in Italia). Precedente: 52,5. Consensus: 52,2.

Pmi servizi flash per il mese di gennaio alle 9:45 (le 15:45 in Italia). Precedente: 52,2. Consensus: 52,8.

Numero delle trivelle petrolifere attive alle 13 (le 19 in Italia).


Appuntamenti societari

Trimestrale American Express, alle 7 (le 13 in Italia).


Altri appuntamenti

Nessun appuntamento di rilievo da segnalare.