Wall Street, l'attenzione resta sui negoziati Usa-Cina

Non è chiaro se un accordo sarà raggiunto prima dei nuovi dazi Usa, previsti il 15 dicembre

Sale a +2,1% Pil III trimestre (seconda lettura), sopra le stime

Nel terzo trimestre del 2019, la crescita economica statunitense è aumentata più del previsto. La seconda lettura del dato diffuso dal dipartimento al Commercio ha registrato un tasso di crescita annualizzato del 2,1% dopo il +2,0% del secondo trimestre. La prima lettura era stata pari a un +1,9%. Le stime erano per un'espansione dell'economia statunitense dell’1,9%.

Una misura dell’inflazione ha però mostrato alcuni segni di rallentamento nel terzo trimestre rispetto ai precedenti tre mesi. L’indice PCE è cresciuto solo dell’1,5% rispetto al 2,2% messo a segno nel secondo trimestre. Escluse le spese per beni alimentari ed energia, l’indice PCE è però aumentato a +2,1% dal +1,9% dei tre mesi precedenti. Le spese ai consumi - da cui dipendono due terzi del Pil Usa - sono invece aumentate del 2,9%, confermando il dato della prima lettura, ma crollando rispetto al +4,6% messo a segno nel secondo trimestre dell’anno.

-0,7% vendite di case nuove ad ottobre, sotto stime

Le vendite di case nuove registrate ad ottobre negli Stati Uniti sono diminuite rispetto al mese precedente. Il dato redatto dal dipartimento del Commercio Usa ha visto una contrazione dello 0,7% rispetto al mese precedente al tasso annualizzato di 733.000 unità, contro attese per un dato in rialzo dello 0,6% a 705.000 unità. Il dato di settembre è stato rivisto a 738.000. Su base annua, il dato è in rialzo del 31,6%. Per esaurire completamente le case disponibili per la vendita ad ottobre servono 5,3 mesi. Il prezzo mediano di una casa nuova il mese scorso è stato di 316.700 dollari.

Scende a -1 punti indice manifatturiero Fed Richmond novembre

A novembre, l'attività manifatturiera nell’area di Richmond, Virginia è nettamente peggiorata tornando in territorio negativo. L'indice redatto dalla Federal Reserve di Richmond è crollato a -1 punti dagli 8 punti del mese precedente. Le attese erano per un peggioramento a 5,5 punti. Un valore sotto quota zero indica una fase di contrazione delle attività economiche, viceversa una lettura sopra tale soglia segnala una fase di espansione. La componente delle consegne è passata a -2 punti dai 4 punti di ottobre.

Scende a 125,5 pt fiducia consumatori Conference Board novembre, sotto stime

A novembre, gli americani si sono dimostrati leggermente meno ottimisti sull'economia e hanno deluso gli analisti. L'indice sulla fiducia redatto mensilmente dal Conference Board, gruppo di ricerca privato, è sceso a 125,5 dai 125,9 punti di ottobre. Il dato è peggiore delle stime degli analisti, che si attendevano 126,6 punti. In un mese la componente che misura le aspettative per il futuro è salita a 97,9 dai 94,5 punti del mese precedente mentre quella sulla situazione attuale è scesa a 166,9 dai 173,5 punti di ottobre.

Wall Street apre piatta in attesa di sviluppi concreti da Usa-Cina

Gli indici su Wall Street viaggiano intorno alla parità in attesa di sviluppi concreti dal fronte dei negoziati commerciali tra gli Stati Uniti e la Cina. Stando ad un comunicato del ministero del Commercio cinese, in seguito a una conversazione telefonica tra il vice premier, Liu He, il rappresentante al Commercio Usa, Robert Lighthizer, e il segretario al Tesoro Usa, Steven Mnuchin, le parti hanno risolto alcuni nodi chiave e hanno “raggiunto un consenso su come risolvere i problemi correlati”. Intanto si vedono i primi effetti dei dazi voluti dall’amministrazione Trump. Il deficit commerciale degli Stati Uniti ad ottobre si è infatti contratto del 5,7% rispetto al mese precedente a 66,5 miliardi di dollari. I mercati continuano a guardare anche alla Federal Reserve in vista dell’ultima riunione di politica monetaria dell’anno. Ieri, durante un discorso a Providence, Rhode Island, il governatore della Fed, Jerome Powell, ha ribadito nuovamente l’intenzione della banca centrale americana di aspettare prima di agire nuovamente sui tassi d’interesse. Mentre oggi, il presidente della Fed di Dallas, Robert Kaplan, ha detto di aspettarsi un rallentamento della crescita economica degli Stati Uniti negli ultimi tre mesi del 2019. Sempre sul fronte macro, i prezzi delle case relativo alle venti maggiori città Usa è cresciuto del 2,1% a settembre, in rialzo dal +2,0% del mese precedente e al di sopra del +1,8% stimato dagli analisti. Il Djia sale di 4,79 punti, lo 0,02%, a quota 28.071,26. L’S&P 500 guadagna 0,39 punti, lo 0,01%, a quota 3.134,03. Il Nasdaq avanza di 1,60 punti, lo 0,02%, a quota 8.635,41. Il petrolio a gennaio sul Wti segna un +0,47% a 58,28 dollari al barile sulla scia dei progressi sul fronte commerciale.

Case-Shiller, +2,1% prezzi case principali 20 città a settembre

I prezzi delle case statunitensi continuano a crescere a settembre. Il dato relativo alle venti maggiori città Usa è cresciuto del 2,1% a settembre, in rialzo dal +2,0% del mese precedente e al di sopra del +1,8% stimato dagli analisti. Secondo l'indice Standard & Poor's/Case-Shiller, la componente sull'intera nazione è però salita a settembre al 3,2% su base annuale dal 3,1% di agosto. Il dato annuale relativo alle dieci principali aree metropolitane è rimasto invariato all'1,5%. Su base mensile, è stato registrato un rialzo dello 0,1% nella nazione intera, mentre il dato relativo alle dieci maggiori aree metropolitane è rimasto invariato e quello delle 20 principali aree analizzate è salito dello 0,1%.

-5,7% a 66,5 mld $ deficit bilancia commerciale ottobre (preliminare)

Il deficit commerciale degli Stati Uniti ad ottobre è diminuito grazie a una contrazione delle importazione e delle esportazioni. Stando a quanto annunciato dal dipartimento del Commercio, il deficit della bilancia commerciale si è contratto del 5,7% rispetto al mese precedente a 66,5 miliardi di dollari. Ad ottobre, le esportazioni sono scese di 0,9 miliardi di dollari a 135,3 miliardi. E le importazioni sono diminuite di 5,0 miliardi di dollari da settembre a 201,8 miliardi di dollari.

Wall Street
La giornata a Wall Street


Dati macroeconomici

Indice dei prezzi delle case Case-Shiller per il mese di settembre alle 9 (le 15 in Italia). Precedente nelle 20 città principali: +2,0% annuo.

Vendite nuove case per il mese di ottobre alle 10 (le 16 in Italia). Precedente: -0,7%. Consensus: +0,6%.

Indice della fiducia dei consumatori Conference Board per il mese di novembre alle 10 (le 16 in Italia). Precedente: 125,9. Consensus: 126,6.

Indice manifatturiero Fed Richmond per il mese di novembre alle 10 (le 16 in Italia). Precedente: 8.


Appuntamenti societari

Trimestrale di Abercrombie & Fitch alle 7:30 (le 13:30 in Italia). Trimestrale di Dell Tech, dopo la chiusura dei mercati. Trimestrale HP Inc, dopo la chiusura dei mercati.


Altri appuntamenti

Lael Brainard, membro del board della Fed, riceve il premio William F. Butler alle 13 (le 19 in Italia).