Wall Street archivia peggiore seduta del 2017: agenda Trump a rischio?

Il caos che ha travolto la Casa Bianca preoccupa: si teme che il taglio alle tasse ritardi o non si materializzi. Si parla anche di impeachment. Vix in volata. Fuga verso i porti sicuri di Treasury e oro

Wall Street ha messo a segno la seduta peggiore dallo scorso settembre. Il sell-off è stato provocato da Donald Trump, il presidente americano che spesso si è vantato della performance dell'azionario successiva alla sua vittoria alle elezioni presidenziali americane dell'8 novembre scorso ma su cui oggi, come il suo portavoce, ha evitato di commentare. Gli indici hanno registrato cali superiori all'1,6% con il Nasdaq Composite che dopo due sedute record ha ceduto il 2,6%. I guadagni del mese di maggio sono stati annullati

A pesare sono state indiscrezioni secondo cui lo scorso febbraio Trump avrebbe chiesto all'allora direttore dell'Fbi di chiudere l'inchiesta riguardante Micheal Flynn, l'ex generale scelto come consigliere alla Sicurezza nazionale ma durato meno di un mese: fu costretto a dimettersi per avere fuorviato il vicepresidente Mike Pence sulle sue conversazioni con l'ambasciatore russo in Usa.

Il caos politico, l'ennesimo legato all'inquilino della Casa Bianca, torna a fare temere ritardi nella tanto attesa agenda pro-crescita e pro-business, quella in vista della quale l'azionario aveva raggiunto livelli record e le banche avevano corso più di tutti. La preoccupazione principale è che il promesso taglio alle tasse passi in secondo piano o, peggio ancora, non veda mai la luce. C'è poi chi si domanda se i rischi politici porteranno all'uscita dello stesso Trump dallo Studio Ovale; una tale ipotesi aleggia sulla capitale. Secondo Justin Amash, deputato per lo Stato del Michigan, se le indiscrezioni fossero vere, ci sarebbero le basi per un impeachment.

L'incertezza ha fatto scattare una fuga verso porti considerati sicuri dagli investitori in tempi di incertezza. Ora ci si domanda se lo stesso caos porterà la Federal Reserve a posticipare quella che fino a inizio settimana pareva una sicura stretta monetaria a giugno.

L'oro con consegna a giugno ha guadagnato al Nymex l'1,8% a 1.257,5 dollari l'oncia; il rialzo è stato il maggiore dal 16 marzo e il prezzo di chiusura il massimo dal 20 aprile.

I Treasury sono stati protagonisti di un rally tanto che i rendimenti - che si muovono inversamente ai prezzi - hanno subito il calo maggiore dallo scorso giugno: il decennale ha chiuso al 2,216%, minimo del 19 aprile scorso, dal 2,329% di ieri.

Il venire meno dell'ottimismo che il mercato aveva riposto in Trump e nei suoi stimoli fiscali ha pesato sul dollaro, che rispetto a un basket composto da 16 valute ha perso lo 0,6%.

Il nervosismo tra gli operatori di borsa è stato notevole, come riflesso dal cosiddetto indice della paura. Il Vix è balzato del 46,38% a 15,59 una settima circa dopo avere toccato i minimi del 1993 sotto quota 10. E' stato il settore finanziario (-3,15%), non a caso, ad avere sofferto più di tutti con titoli come Goldmand Sachs (-5,27%) e JP Morgan (-3,8%) che hanno tenuto a freno il Dow Jones Industrial Average.

L'indice delle 30 blue chip ha ceduto 372,82 punti, l'1,78%, a quota 20.606,93. L'S&P 500 ha perso 43,64 punti, l'1,82%, a quota 2.357. Il Nasdaq ha lasciato sul terreno 158,63 punti, il 2,57%, a quota 6.011,24. Il petrolio a giugno al Nymex ha invece guadagnato lo 0,8% a 49,07 dollari al barile sulla scia del sesto calo di fila delle scorte settimanali Usa; la contrazione però è stata più contenuta delle stime.

Altri Servizi

I democratici lanciano l'agenda economica per il 2018: "A better deal"

Evocando il "New Deal" di Roosvelt e schernendo Trump, autore di "The Art of the Deal", l'opposizione punta a riconquistare il Congresso nelle elezioni di metà mandato. Con toni populisti

Evocando il "New Deal", una serie di programmi federali voluti dal 32esimo presidente americano Franklin D. Roosevelt per alimentare la ripresa economica dopo la Grande Depressione degli anni '30, i democratici alla Camera e al Senato sperano di unire il partito e di riconquistare gli elettori con una nuova agenda economica all'insegna del motto "A better deal", un affare migliore. Anche di quello rappresentato da Donald Trump, il repubblicano che a sorpresa ha vinto le elezioni presidenziali dello scorso 8 novembre e che si è sempre presentato come il migliore deal-maker sin dai tempi (era il 1987) in cui ha scritto il libro "The Art of the Deal".

La difesa di Kushner: "Nessuna collusione con la Russia. Trump ha vinto grazie a una campagna migliore"

Il genero e assistente del presidente Trump ha parlato davanti alla commissione Intelligence del Senato; poi, ha rilasciato una dichiarazione dalla Casa Bianca
AP

"Donald Trump ha portato un messaggio migliore e ha corso una campagna migliore e più intelligente, ed è per questo che ha vinto". Lo ha detto Jared Kushner, genero e assistente del presidente statunitense, Donald Trump, parlando dalla Casa Bianca dopo la sua testimonianza, a porte chiuse, davanti alla commissione Intelligence del Senato, a proposito dei contatti avuti con funzionari russi durante la campagna elettorale dello scorso anno e durante il periodo di transizione tra l'amministrazione Obama e quella attuale.

Honeywell: l'aerospazio sostiene i conti, alza le guidance

La conglomerata industriale si difende dal pressing dell'investitore attivista Loeb

La conglomerata industriale Honeywell International ha chiuso il secondo trimestre del 2017 con utili per 1,4 miliardi di dollari o 1,80 dollari per azione, in rialzo del 5,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; gli analisti si aspettavano profitti per azione di 1,78 dollari. I ricavi sono saliti dell'1% a 10,08 miliardi, anche in questo caso battendo le stime ferme a 9,88 miliardi.

Wall Street, giornata di trimestrali

Agenda ricca di appuntamenti: attesi anche dati macro, Fmi sull'Eurozona e l'inizio della riunione del Federal Open Market Committee, il braccio di politica monetaria della Federal Reserve
AP

Simona Ferrari, dalla tv italiana ai documentari a New York: "Qui ci sono molte più opportunità"

Intervista con la regista e video editor di Milano, che ora vive a Brooklyn e lavora ad Harlem

Si potrebbe pensare che i cunicoli sotterranei di Parigi e la montagna El Capitan nel parco Yosemite in California in comune non abbiano niente. Si potrebbe, ma sarebbe un pensiero sbagliato, perché a legare questi due luoghi così diversi c’è una donna italiana di quarantun anni che vive a Brooklyn: Simona Ferrari.

Congresso americano, raggiunto accordo su nuove sanzioni alla Russia. Segnali positivi dalla Casa Bianca

Si profila uno scontro con Trump la cui volontà è invece quella di incrementare le relazioni diplomatiche con Mosca
Ap

Continua il braccio di ferro tra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il Congresso americano. Al termine della settimana in cui la nuova amministrazione ha festeggiato i sei mesi di carica, Capitol Hill ha raggiunto un accordo bipartisan che rischia di portare allo scontro definitivo con il tycoon newyorchese.

Hyperloop, città e Stati Usa ignari del progetto di Musk

Il fondatore di Tesla ha annunciato un accordo verbale con il governo, ma nessuno ne sa qualcosa. Tra dubbi e speranze, il deputato Castro gli lancia una proposta su Twitter: "Vieni a costruirlo in Texas"
AP

Elon Musk ha stupito il mondo, annunciando di aver ottenuto "l'approvazione verbale del governo" per costruire una linea underground New York-Philadelphia-Baltimora-Washington D.C. da coprire con l'Hyperloop. Con il sistema di trasporto del futuro, alimentato a energia solare, il tragitto dal centro di New York al centro di Washington si farà, aveva scritto il fondatore di Tesla su Twitter, in 29 minuti. Poi, aveva aggiunto che "c'è bisogno ancora di molto lavoro per ricevere l'approvazione formale, ma sono ottimista che succederà rapidamente".

Sanità, giorno decisivo: si vota in Senato per aprire il dibattito

Voto procedurale in dubbio; in caso di vittoria dei repubblicani, non si sa comunque quale testo dovrebbero poi votare i senatori. Semplice abrogazione dell'Obamacare o anche una nuova riforma?
Ap

È in programma oggi, al Senato statunitense, un voto procedurale per aprire il dibattito sulla riforma sanitaria, anche se non si sa su cosa si discuterebbe, poi: solo dopo il voto, nel corso della settimana, si conoscerebbe il testo da prendere in considerazione. A spingere i repubblicani al voto è il presidente Donald Trump, che vuole consegnare un risultato ai suoi elettori, dopo anni di promesse del partito repubblicano per abrogare e sostituire ("repeal and replace") l'Obamacare. L'ora del voto non si conosce, ma il Senato non si riunirà prima di mezzogiorno (le 18 in Italia).

Per il Fmi economia Eurozona migliora, ma Italia a livelli pre-crisi a metà del prossimo decennio

E' quanto si legge nel rapporto redatto dal Fondo monetario internazionale a conclusione dell'annuale missione di monitoraggio Articolo IV nell'Eurozona, dove si legge che in generale, la ripresa ciclica si sta rafforzando e diventa più ampia
IMF

Anche se nell'Eurozona la congiuntura si sta rafforzando, non procede allo stesso passo in tutti i Paesi: "in linea con i trend divergenti visti dopo la crisi, la crescita robusta in Germania e Spagna contrasta con una crescita più debole in Italia", dove, come in altri Paesi dell'Area euro, gli effetti della tempesta finanziaria "sono stati più persistenti" e "il Pil dovrebbe tornare ai livelli pre-crisi verso la metà del prossimo decennio". E' quanto si legge nel rapporto redatto dal Fondo monetario internazionale a conclusione dell'annuale missione di monitoraggio Articolo IV nell'Eurozona.

Alphabet: sugli utili del secondo trimestre pesa la multa Ue

Il risultato è calato del 27,8% a 3,52 miliardi di dollari. E' stata la maggiore flessione dal 2008. Senza la pena pecuniaria, sarebbe salito del 28% a 6,3 miliardi

Nel secondo trimestre del 2017, Alphabet ha registrato 3,52 miliardi di dollari di utili, in ribasso del 27,8% rispetto a 4,88 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. Su quello che è stato il calo maggiore dei profitti dal 2008 ha pesato la multa record per 2,42 miliardi di euro comminata il 27 giugno scorso dalla Commissione Ue alla controllata Google, accusata di avere sfruttato la sua posizione dominante nelle ricerche internet per promuovere i propri servizi. Senza quella multa - in merito alla quale il gruppo sta "analizzando le sue opzioni" - gli utili sarebbero cresciuti del 28% a 6,3 miliardi. I profitti per azione sono passati a 5,01 dollari da 7 dollari ma sarebbero stati pari a 8,9 dollari senza la multa Ue; il risultato ha comunque battuto le stime degli analisti ferme a 4,49 dollari per azione.