Wall Street archivia peggiore seduta del 2017: agenda Trump a rischio?

Il caos che ha travolto la Casa Bianca preoccupa: si teme che il taglio alle tasse ritardi o non si materializzi. Si parla anche di impeachment. Vix in volata. Fuga verso i porti sicuri di Treasury e oro

Wall Street ha messo a segno la seduta peggiore dallo scorso settembre. Il sell-off è stato provocato da Donald Trump, il presidente americano che spesso si è vantato della performance dell'azionario successiva alla sua vittoria alle elezioni presidenziali americane dell'8 novembre scorso ma su cui oggi, come il suo portavoce, ha evitato di commentare. Gli indici hanno registrato cali superiori all'1,6% con il Nasdaq Composite che dopo due sedute record ha ceduto il 2,6%. I guadagni del mese di maggio sono stati annullati

A pesare sono state indiscrezioni secondo cui lo scorso febbraio Trump avrebbe chiesto all'allora direttore dell'Fbi di chiudere l'inchiesta riguardante Micheal Flynn, l'ex generale scelto come consigliere alla Sicurezza nazionale ma durato meno di un mese: fu costretto a dimettersi per avere fuorviato il vicepresidente Mike Pence sulle sue conversazioni con l'ambasciatore russo in Usa.

Il caos politico, l'ennesimo legato all'inquilino della Casa Bianca, torna a fare temere ritardi nella tanto attesa agenda pro-crescita e pro-business, quella in vista della quale l'azionario aveva raggiunto livelli record e le banche avevano corso più di tutti. La preoccupazione principale è che il promesso taglio alle tasse passi in secondo piano o, peggio ancora, non veda mai la luce. C'è poi chi si domanda se i rischi politici porteranno all'uscita dello stesso Trump dallo Studio Ovale; una tale ipotesi aleggia sulla capitale. Secondo Justin Amash, deputato per lo Stato del Michigan, se le indiscrezioni fossero vere, ci sarebbero le basi per un impeachment.

L'incertezza ha fatto scattare una fuga verso porti considerati sicuri dagli investitori in tempi di incertezza. Ora ci si domanda se lo stesso caos porterà la Federal Reserve a posticipare quella che fino a inizio settimana pareva una sicura stretta monetaria a giugno.

L'oro con consegna a giugno ha guadagnato al Nymex l'1,8% a 1.257,5 dollari l'oncia; il rialzo è stato il maggiore dal 16 marzo e il prezzo di chiusura il massimo dal 20 aprile.

I Treasury sono stati protagonisti di un rally tanto che i rendimenti - che si muovono inversamente ai prezzi - hanno subito il calo maggiore dallo scorso giugno: il decennale ha chiuso al 2,216%, minimo del 19 aprile scorso, dal 2,329% di ieri.

Il venire meno dell'ottimismo che il mercato aveva riposto in Trump e nei suoi stimoli fiscali ha pesato sul dollaro, che rispetto a un basket composto da 16 valute ha perso lo 0,6%.

Il nervosismo tra gli operatori di borsa è stato notevole, come riflesso dal cosiddetto indice della paura. Il Vix è balzato del 46,38% a 15,59 una settima circa dopo avere toccato i minimi del 1993 sotto quota 10. E' stato il settore finanziario (-3,15%), non a caso, ad avere sofferto più di tutti con titoli come Goldmand Sachs (-5,27%) e JP Morgan (-3,8%) che hanno tenuto a freno il Dow Jones Industrial Average.

L'indice delle 30 blue chip ha ceduto 372,82 punti, l'1,78%, a quota 20.606,93. L'S&P 500 ha perso 43,64 punti, l'1,82%, a quota 2.357. Il Nasdaq ha lasciato sul terreno 158,63 punti, il 2,57%, a quota 6.011,24. Il petrolio a giugno al Nymex ha invece guadagnato lo 0,8% a 49,07 dollari al barile sulla scia del sesto calo di fila delle scorte settimanali Usa; la contrazione però è stata più contenuta delle stime.

Altri Servizi

Trump: assoluta solidarietà al Regno Unito, i terroristi perdenti malvagi

Il presidente Usa ha commentato da Betlemme l'attentato di Manchester
AP

Donald Trump ha espresso "assoluta solidarietà" al Regno Unito dopo l'attentato a Manchester, costato la vita a 22 persone. Il presidente statunitense, che ha parlato al fianco del presidente palestinese Abu Mazen a Betlemme, ha definito "perdenti malvagi" gli autori di questo ultimo attentato e in generale chi compie atti terroristici: "Non li chiamerò mostri perchè a loro farebbe piacere - ha detto - da ora in poi li chiamerò perdenti malvagi, perchè questo sono, dei perdenti, ricordatelo".

Wall Street, si va verso il quarto giorno di rialzi

Il rialzo di ieri ha riportato in positivo il mese di maggio per S&P e Nasdaq
AP

Ford cambia Ceo: fuori Fields, promosso Hackett

Gruppo messo sotto pressione dagli investitori
Ford Motor

E' ufficiale. Ford Motor ha scelto il suo nuovo amministratore delegato e presidente al posto di Mark Fields (56 anni), messo sotto pressione dagli investitori dopo tre anni alla guida del gruppo durante i quali ha visto il titolo perdere il 40% in borsa. Si tratta di Jim Hackett (62 anni), che risponderà al presidente esecutivo Bill Ford e con cui si concentrerà su tre priorità: "rafforzare la strategia operativa, modernizzare il business attuale e trasformare l'azienda per affrontare le sfide di domani". Lo ha spiegato Ford in una nota.

Il viaggio di Trump in Israele: pace in Medio Oriente e lotta all'Iran

Continua la prima trasferta del presidente americano, che domani vedrà il presidente della Palestina, Mahmoud Abbas. Più volte attacca Teheran, che definisce una minaccia alla stabilità della regione
AP

Dopo aver iniziato la sua prima visita internazionale da presidente americano in Arabia Saudita, oggi Donald Trump ha continuato il suo viaggio in Israele, dove ha incontrato il presidente, Reuven Rivlin, il primo ministro Benjamin Netanyahu e ha visitato il muro del pianto e il memoriale dell'Olocausto. Domani invece, a Betlemme, Trump avrà un colloquio con il presidente della Palestina, Mahmoud Abbas. Il presidente ha sin dall'inizio impostato i suoi discorsi su tre punti principali: l'alleanza indissolubile con Israele, lo sforzo per riuscire a giungere alla pace in Medio Oriente e infine un nuovo approccio nei confronti dell'Iran, considerato una seria minaccia alla stabilità nella regione.

Nyt: le informazioni d'intelligence che Trump ha condiviso con i russi arrivavano da Israele

La rivelazione aggiunge potenzialmente ulteriori problemi all'episodio. McMaster difende il presidente con i giornalisti
Ap

Le informazioni d'intelligence che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha condiviso con i russi arrivavano da una fonte israeliana. A dirlo sono stati un ex e un attuale funzionario degli Stati Uniti, che lo hanno riferito al New York Times. Informazioni che, secondo la stampa statunitense, erano classificate, cioè segrete.

Trump al Muro del Pianto, il presidente Usa cerca l'unità tra le religioni

È la prima visita di un presidente Usa in carica. Una visita privata, senza il premier Netanyahu, per evitare polemiche e non complicare la strada verso un nuovo negoziato di pace
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha lasciato un biglietto tra le fessure del Muro del Pianto, come vuole la tradizione, a termine di una visita che resterà nella Storia, visto che è la prima volta che un presidente statunitense in carica visita il Muro Occidentale.

La guida di Ford passa a Jim Hackett, un esperto di turnaround

Prende il posto di Mark Fields, che esce dal gruppo dopo 28 anni. Dal marzo 2016 si occupava della divisione centrata sulla guida autonoma. Ha rilanciato il produttore di mobili per uffici Steelcase e un team universitario di football
Jim Hackett Ford Motor

Per tracciare il suo futuro all'insegna dell'innovazione, Ford Motor ha deciso di affidarsi all'uomo che ha trasformato gli uffici d'America e che ha rilanciato un team universitario di football dalle scarse performance; un uomo "a suo agio in vari campi", ha detto Bill Ford, il pronipote di colui che 114 anni fa fondò il gruppo automobilistico. Si tratta di Jim Hackett, che ha assunto l'incarico di amministratore delegato ricoperto negli ultimi tre anni da Mark Fields. Che su quest'ultimo ci fossero pressioni, non c'erano dubbi: nell'ultima assemblea i soci si erano lamentati, a cominciare dalla performance del titolo (che ha perso il 40% circa dal 2014). E mentre la Silicon Valley ha accelerato per stare al passo con le nuove frontiere della mobilità, dal car sharing alle auto autonome o elettriche, Ford è vista come un'azienda che è rimasta indietro. Per questo ha deciso di puntare su "un visionario", come lo ha definito Bill Ford, per "rienergizzare il nostro business".

Il prossimo movimento populista? Per Bank of America può essere “Occupy Silicon Valley”

La banca traccia un parallelo con il movimento che nel 2011 voleva ‘occupare’ Wall Street: cresce il divario tra gli americani che si sentono economicamente indietro e la corsa dei giganti tech
iStock

Da “Occupy Wall Street” a “Occupy Silicon Valley”. Sono gli analisti di Bank of America a tracciare un parallelo tra le proteste di un movimento che a New York aveva preso di mira le grandi istituzioni finanziarie viste come responsabili della crisi del 2008 e quelle che potrebbero esplodere contro i grandi gruppi tecnologici che hanno sede in larga parte in California. Perché oggi come nel 2011 “sempre più persone sentono di essere rimaste economicamente indietro nonostante un’espansione enorme delle aziende globali, specialmente di quelle tecnologiche”.

Trump a Gerusalemme. Il presidente Usa vuole risolvere il conflitto tra israeliani e palestinesi e accusa l'Iran

Lasciata l'Arabia Saudita, il capo di Stato prosegue il suo tour tra Medio Oriente ed Europa. "Legame con Israele indistruttibile. Abbiamo l'opportunità di portare stabilità, sicurezza e pace in questa regione e di sconfiggere il terrorismo"

Il viaggio di Donald Trump in Israele ha già fatto Storia, visto che il presidente degli Stati Uniti è arrivato a Tel Aviv con il primo volo diretto dall'Arabia Saudita allo Stato ebraico. Un portavoce dell'Autorità dell'aviazione civile israeliana ha precisato alla France Presse di non essere a conoscenza di nessun altro volo che abbia fatto tale rotta in passato. Israele non ha rapporti diplomatici con Riad, se non relazioni informali a livello di intelligence, soprattutto per quanto riguarda l'Iran e i gruppi che Teheran sostiene nella regione. Non ci sono voli commerciali che collegano Israele all'Arabia Saudita e i voli israeliani non possono neanche volare nello spazio aereo saudita. L'aereo con a bordo la stampa al seguito di Trump ha fatto scalo a Cipro, prima di raggiungere Tel Aviv.