Wall Street chiude in rialzo una settimana sull'ottovolante

E' iniziata con un tonfo record ed è finita in rialzo. Per il Dow peggiore ottava dal gennaio 2016 con calo del 5,2%
AP

Dopo una giornata altamente volatile e finita in rally, Wall Street ha archiviato una settimana sull'ottovolante, la peggiore dal gennaio 2016 per l'S&P 500 e il Dow Jones, dal febbraio dello stesso anno per il Nasdaq Composite. Quest'ultimo indice, reduce dalle due peggiori sedute di sempre con cali di oltre mille punti ciascuna, è riuscito a recuperare i 24.000 punti ma ha rischiato di archiviare l'ottava più brutta dall'ottobre del 2008.

Come l'S&P 500 e il Nasdaq, l'indice delle 30 blue chip è entrato in correzione: questo significa che ha subito un calo di almeno il 10% dal record del 26 gennaio scorso, rispetto al quale ha perso oltre 3.000 punti. Da allora il listino benchmark ha mandato in fumo 2.500 miliardi di dollari. La capitalizzazione bruciata nel mondo nello stesso arco temporale è stata di 5.200 miliardi, complice una fuga record dai fondi azionari (capitanata dagli Usa). 

Il Dow ha guadagnato 330,44 punti, l'1,38%, a quota 24.190,90. L'S&P 500 ha aggiunto 38,55 punti, l'1,49%, a quota 2.619,55. Il Nasdaq è salito di 97,33 punti, l'1,44%, a quota 6.874,49. In settimana i tre indici hanno perso rispettivamente  il 5,2%, il 5,2% e il 5,15. Il Vix, l'indice della volatilità che tende a muoversi in modo opposto all'azionario, è sceso del 12,52% a 29,27 punti ma nel durante si era spinto sopra 40.

Gli investitori erano tornati lunedì scorso al lavoro con un sell-off storico dopo un venerdì pesante: in quel giorno il governo Usa aveva pubblicato il rapporto sull'occupazione americana a gennaio, quando il tasso di disoccupazione è rimasto ai minimi di 17 anni fa (al 4,1%) ma soprattutto i salari orari hanno registrato un balzo del 2,9% (il maggiore dal 2009 su base annua). Questo dato ha innescato i timori di una ripresa dell'inflazione e, di conseguenza, di una Federal Reserve che potrebbe alzare i tassi più rapidamente del previsto. I mercati hanno subito messo alla prova Jerome Powell, che proprio lunedì aveva giurato diventando il nuovo governatore della Federal Reserve e promettendo di compiere scelte "oggettive e basate solo sulle prove migliori a disposizione".

Martedì 6 febbraio gli indici a Wall Street erano riusciti a rimbalzare, ma non abbastanza per recuperare il terreno perso 24 ore prima. Il giorno successivo sono tornate le vendite, che si sono accentuate 24 ore dopo, quando il Dow ha subito il secondo calo peggiore di sempre in termini di punti. La seduta di venerdì 9 febbraio è stata da cardiopalma con il Dow che ha subito una variazione di 900 punti tra i minimi e i massimi intraday per poi chiudere in rialzo dell'1,38% circa.

Dal punto di vista dei fondamentali, nulla è cambiato. Come piace spesso ricordare alla Casa Bianca, essi sono forti. Sono tuttavia le buone notizie ad essere interpretate come cattive notizie, perché potrebbero tradursi appunto in una Fed meno accomodante mentre anche altre banche centrali come quella europea si preparano a tirare i remi in barca. Va detto inoltre che l'azionario ha corso così tanto che una correzione non è poi cos" insolita. Il fatto che oggi l'S&P 500 abbia testato la sua media mobile a 200 giorni rappresenta un segnale di tenuta importante per gli esperti di analisi tecnica.

Resta da vedere se il balzo della volatilità, assente nel 2017, metterà fine a un mercato "toro" arrivato quasi al suo nono anno. In attesa di capirlo, c'è chi ha già sofferto forti perdite proprio a causa del crollo di strumenti finanziari usati fino ad ora per scommettere contro un balzo della volatilità. Non a caso martedì 6 febraio Credit Suisse ha annunciato che liquiderà un prodotto che ha come simbolo Xiv e che oggi Fidelity abbia deciso di impedire agli investitori retail che usano la sua piattaforma di comprare un Etf che ha come simbolo SVXY (di ProShares).

Altri Servizi

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Trump ottimista: un accordo tra Usa e Cina è possibile ma restano ostacoli

Toni incoraggianti anche da Xi, che il presidente Usa potrebbe vedere a marzo. Lighthizer cauto. Ross: presto per lo champagne. Mnuchin: raggiunto accordo su valute ma mancano dettagli

Ci sono buone probabilità che gli Stati Uniti e la Cina raggiungano un accordo visto che i negoziati commerciali fino ad ora stanno andando bene. E' il presidente americano, Donald Trump, ad avere rilasciato commenti incoraggianti sulle trattative che si sono tenute negli ultimi giorni a Washington dopo quelle della settimana scorsa a Pechino.

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.