Wall Street: il Dow Jones supera i 24.000 punti per la prima volta

L'indice delle 30 blue chip ha impiegato 30 sedute per guadagnare mille punti, la terza corsa di questo tipo più rapida

L'ultima seduta del mese di novembre a Wall Street è iniziata all'insegna dei record con il Dow Jones Industrial Average che ha superato i 24.000 punti per la prima volta, soglia oltre la quale si è mantenuto fino alla fine degli scambi grazie al maggiore balzo del 2017. Anche l'S&P 500 ha subito toccato nuovi massimi intraday arrivando poi a chiudere a sua volta in territorio record. Questi indici, e il Nasdaq Composite, hanno chiuso il mese di novembre con solidi guadagni.

Gli investitori sperano nell'approvazione della riforma fiscale che il presidente americano Donald Trump ha promesso un anno fa e che spera di portare a casa entro Natale. Si resta in attesa del Senato, che si prepara a mettere al voto la bozza messa a punto dai repubblicani. Il senatore McCain ha alimentato le speranze dicendo che voterà a favore del provvedimento. La Camera ha già dato il suo ok alla sua versione della legislazione. Presupponendo un altro via libera, il testo delle due versioni dovrebbe essere uniformato prima che possa arrivare sulla scrivania di Trump per una firma definitiva.

L'indice delle 30 blue chip ha impiegato soltanto 30 sedute per guadagnare mille punti, la terza corsa da mille punti più rapida. Si tratta per il listino del quinto raggiungimento di una pietra miliare nel 2017: il 2016 era finito a 19.762 punti. Il rally dell'azionario Usa è risultato nel più alto numero di soglie psicologiche simili raggiunte nei 120 anni di storia del Dow.

Il guadagno di mille punti di volta in volta diventa più facile mano a mano che l'indice guadagna sempre più quota. Il passaggio da 23.000 a 24.000 implica un rialzo del 4,3%, il più contenuto aumento di mille punti di sempre. Il rialzo da 10.000 a 11.000 aveva implicato un +10%. Un altro +4,2% permetterebbe al Dow di arrivare ai 25.000 punti.

Altri Servizi

Wall Street attende il summit Trump-Kim

Venerdì, si è conclusa la migliore settimana da marzo
iStock

Papa Francesco alle compagnie petrolifere: "Il mondo deve convertirsi all'energia pulita"

Incontro in Vaticano con i manager di alcuni colossi del settore, tra cui la statunitense Exxon, spesso criticata dagli ambientalisti. Il pontefice: "Rispettate l'accordo di Parigi"

Il mondo deve convertirsi all'energia pulita. È l'appello lanciato da papa Francesco in Vaticano, alla fine di una conferenza di due giorni a cui hanno partecipato i manager dei principali gruppi petroliferi. "La civiltà richiede energia, ma l'uso di energia non deve distruggere la civiltà", è stato il suo messaggio, sottolineando la necessità di rispettare l'ambiente e le condizioni di vita delle persone.

AP

"Gli attivisti per definizione hanno una visione di breve termine ma molte delle cose in cui siamo coinvolti non sono soluzioni di breve termine, al contrario di quanto si pensi". Lo ha detto Paul Singer, l'investitore attivista a capo di Elliott e particolarmente dinamico in Europa (Italia inclusa).

Wall Street teme tensioni commerciali al G-7

Oggi e domani il summit in Canada
iStock

Morto suicida lo chef superstar Anthony Bourdain

Era a Strasburgo, in Francia, per la prossima puntata del suo programma tv; aveva 61 anni

Anthony Bourdain, chef statunitense conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi libri e i programmi televisivi che lo hanno visto protagonista, è morto oggi; aveva 61 anni. Secondo la Cnn, si sarebbe suicidato.

Dalla Puglia al Diamond district di New York. L'arte del gioiello secondo Sara Greco

La designer 35enne racconta la sua avventura professionale
Sara Greco

Dalla Puglia al Diamond district a Manhattan. Sara Greco, 35enne designer di gioielli ha scelto New York per concretizzare una passione coltivata sin da adolescente nei laboratori di provincia intorno a Lecce, da dove viene. Con una velocità tipica della città che non dorme mai, Greco si è adattata all'arte americana del gioiello per promuovere il suo motto: “Arte Sensibile. Perfezione Irregolare”.

Trump e Kim a Singapore per il summit, cautela dagli Usa

Il presidente americano cerca di contenere le aspettative dell'incontro che potrebbe essere più simbolico che altro

Prima Kim Jong Un. Poi Donald Trump. Nel giro di qualche ora, il presidente nordcoreano e quello americano sono arrivati a Singapore per un summit potenzialmente storico. Sarà il primo incontro tra un leader nordcoreano e un presidente americano in carica, il primo tra  due leader di due nazioni che sono nemiche da quasi settanta anni.

AT&T e Time Warner: la decisione sulle nozze condizionerà l'M&A

L'annuncio di un giudice federale atteso il 12 giugno intorno alle 22 italiane. Ricadute per la sfida di Comcast a Disney e l'acquisto di Aetna da parte di CVS

E' iniziato il conto alla rovescia per la decisione di un giudice federale sulle nozze da 85,4 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner. Da quella decisione, attesa martedì 12 giugno, dipenderanno accordi di fusione e acquisizione che sono destinati a rivoluzione il settore delle tlc e quello dei media. 

Dimon e Buffett contro le guidance trimestrali sugli utili delle aziende Usa

I numeri uno, rispettivamente, di JPM e Berkshire Hathaway fanno pressing: il focus suia sul lungo termine

Con l'intento di spostare l'attenzione verso la crescita di lungo termine, James Dimon e Warren Buffett stanno facendo pressing sulle aziende americane affinché valutino se smettere di fornire le guidance trimestrali sui rispettivi conti. Per il Ceo di JP Morgan e il numero uno di Berkshire Hathaway, quella pratica incoraggia a concentrarsi in modo "non salutare" sui profitti di breve termine.

Trump, linea dura sulla denuclearizzazione con Kim? I dubbi degli esperti

Il presidente Usa sembra aver abbandonato l'aggressività delle settimane scorse e l'idea di un risultato immediato con la Corea del Nord: "Il 12 giugno daremo inizio a un processo"

L'immediata denuclearizzazione della Corea del Nord è stata a lungo l'obiettivo dichiarato di Washington con Pyongyang. Ora, però, il presidente statunitense, Donald Trump, ha pubblicamente abbassato le sue pretese e ora molti esperti si chiedono quali saranno le richieste che presenterà al leader Kim Jong Un, nel tanto atteso incontro del 12 giugno a Singapore.