Wall Street Journal: "40enni italiani schiacciati da fisco e welfare"

Sul quotidiano statunitense la diagnosi lucida ed inquietante di uno dei problemi cruciali del nostro Paese

“In Italia un’intera generazione soffre la stretta fiscale”: con questo eloquente titolo il Wall Street Journal pubblica oggi in prima pagina, in occasione del voto finale alle nostre elezioni politiche, un pezzo molto lucido dedicato ai problemi socioeconomici del nostro Paese, firmato dal corrispondente da Roma Christopher Emsden. Un pezzo di quelli che sarebbe stato utile leggere sulla stampa italiana, dove invece purtroppo scarseggiano. L’analisi, basata su di uno studio condotto dalla Banca d’Italia e dell’Università di Verona, ruota intorno a dati molto eloquenti, a partire da questo: gli italiani nati nel 1970, che ora hanno più o meno 43 anni, pagano in tasse una percentuale del reddito della loro intera vita lavorativa superiore del 50% rispetto a chi nacque nel 1952; e quando riusciranno ad andare in pensione, ne percepiranno una il cui importo sarà pari più o meno alla metà di quella della quale stanno godendo i loro padri.

Il WSJ ha intervistato una serie di italiani quaranta-e-qualcos’enni, tra i quali il veronese Andrea Bolla, 46enne amministratore delegato della società Vivigas e delle cantine Valdo che producono il Prosecco di Valdobbiadene (nell’articolo la circostanza non viene menzionata, ma ha fatto anche parte della giunta nazionale di Confindustria, a capo del “Comitato tecnico per il Fisco”), il quale definisce la sua generazione, quella degli attuali under-50, come una “generazione perduta”, che al contrario di quella dei padri ha ormai ripiegato su di una “mentalità da sopravvivenza”. Una generazione, nota il WSJ, incastrata “a sandwich” tra due fasi cruciali della storia italiana (quella del boom post bellico, e quella attuale della austerity “imposta dall’Europa”).

Nell’articolo si nota inoltre come gli elettori di età compresa fra I 40 e I 49 anni rappresentino il principale bacino di voto di protesta per il “Movimento 5 Stelle” di Beppe Grillo (lo voterebbero al 26%, stando ai recenti sondaggi).

Viene poi considerata un’analisi del centro studi Carlo F. Dondena dell’Università Bocconi, stano al quale l’aiuto che la attuale generazione dei pensionati sta dando a quella sventurata dei quarantenni spesso consiste nel mettere a disposizione la casa: ecco perché in Italia gli under 35 intenzionati a metter su famiglia sono circa la metà di quelli dei Paesi dell’Europa del Nord, ma hanno una probabilità quattro volte più elevata di poter contare su di un’abitazione di proprietà. Il guaio è che quelli che non godono di un simile beneficio, che comunque non sono pochissimi, devono anche pagare un mutuo trentennale: il che contribuisce a stritolarli esasperandone il costo della vita.

Ecco la tabella con la quale il WSJ riassume questa sperequazione generazionale:

Altri Servizi

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.

I mercati sperano in un accordo Usa-Cina ma "resta ancora molto da fare"

Segnali incoraggianti dopo il sesto round di trattative. Da Pechino, i negoziati si spostano di nuovo a Washington. Trump: "Mai così vicini a un'intesa"

Da Pechino a Washington sono giunti segnali incoraggianti sull'ultimo round, il sesto, di trattative commerciali tra Stati Uniti e Cina.