Wall Street non può più ignorare la crisi turca, Trump raddoppia dazi

Nel mirino Usa acciaio e alluminio turchi. Erdogan ai cittadini: convertite dollaro e oro in lira. La valuta crolla. Bce preoccupata dell'esposizione delle banche Ue ad Ankara. Cali settimanali per Dj e S&P 500
AP

Anche Wall Street non può più ignorare la Turchia. Il DJIA e l'S&P 500 hanno mandato in fumo i guadagni degli ultimi giorni archiviando una settimana in calo per la prima volta dopo cinque di fila in rialzo. Il Nasdaq, protagonista di una corsa che andava avanti da otto sedute di fila, ha perso a sua volta quota ma è riuscito a mettere a segno la seconda settimana consecutiva in aumento.

A pesare sui mercati finanziari, anche americani, sono stati i timori legati non più solo allo stato di salute finanziaria della Turchia ma anche all'esposizione ad Ankara delle banche europee. Si guarda in particolare all'italiana Unicredit, alla francese BNP Paribas e alla spagnoal BBVA.

Ad accentuare la crisi è stato il presidente americano, Donald Trump, che ha scritto su Twitter di avere "appena autorizzato il raddoppio dei dazi su acciaio e alluminio della Turchia mentre la sua valuta, la lira turca, scivola rapidamente contro il nostro dollaro molto forte!". Spiegando che le tariffe doganali sull'alluminio ora saranno al 20% e quelle dell'acciaio al 50%, Trump ha aggiunto: "Le nostre relazioni con la Turchia non sono buone in questo momento!". La Casa Bianca ha poi precisato che il leader Usa ha autorizzato "la preparazione di documenti" sulle tariffe doganali in questione, alzate sempre con la 'scusa' di tutelare la sicurezza nazionale.

Mentre la lira crollava (il calo contro il dollaro era arrivato fino al 20%), colpa non solo delle tensioni diplomatiche con gli Usa ma anche di dubbi sull'indipendenza della banca centrale locale, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan tentava di rassicurare in casa ("Non perderemo la guerra economica") ma si è spinto a chiedere ai cittadini di vendre dollari e oro in loro possesso per sostenere la divisa.

Visto il livello basso di riserve di valuta straniera della Turchia, c'è chi crede che la nazione sarà costretta a ricorrere all'aiuto del Fondo monetario internazionale. Ma secondo altri, Erdogan sarà disposto a un peggioramento notevole della crisi prima di arrivare a tanto. Nel giro delle prossime ore o giorni, tuttavia, Ankara potrebbe introdurre controlli sui capitali. Alcuni sostengono che le conseguenze della crisi turca saranno maggiori di quelle della Grecia.

A Washington la strategia sembra quella di volere usare il commercio come leva contro un alleato Nato che è già stato punito: lo scorso primo agosto gli Stati Uniti approvarono sanzioni contro i ministri turchi della Giustizia, Abdulhamit Gul, e dell'Interno, Suleyman Soylu, per punire la nazione per la detenzione di 7 cittadini statunitensi e di impiegati della loro missione diplomatica. Le tensioni sono aumentate recentemente in merito al pastore evangelico Andrew Brunson, imprigionato dal 2016 come parte della stretta di Ankara contro i dissidenti voluta dopo il fallito colpo di stato; Washington da tempo chiede una liberazione immediata. Il ministro turco degli Esteri aveva reagito alle sanzioni Usa - imposte utilizzando il Global Magnitsky Act, una legislazione nata per punire gli abusi russi di diritti umani - dicendo che "questo approccio aggressivo non serve agli interessi di nessuno e faremo ritorsioni equivalenti e senza alcun ritardo".

Intanto è proseguito il sell-off del rublo russo, di cui il dollaro è arrivato a comprare quasi 67 unità (massimi del luglio 2016). Lo scivolone è iniziato giorni fa, quando sono circolate indiscrezioni di sanzioni Usa allo studio al Senato che vieterebbero qualsiasi tranzione con le banche russe e gli acquisti di debito russo; poi mercoledì è arrivato l'annuncio che dal 22 agosto scatteranno sanzioni Usa dovute al caso Skripal, ex spia russa oggetto di un tentato avvelenamento con gas nervino su suolo britannico e che secondo Londra e Washington c'è stato su volore di Mosca. Il Cremlino ha sempre negato ogni responsabilità. Il premier russo è arrivato a dire che le sanzioni non sono altro che una dichiarazione di guerra economica. La banca centrale russa ha detto di avere temporaneamente limitato gli acquisti di valuta straniera per sostenere la sua divisa.

Altri Servizi

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Wall Street torna sui livelli di aprile, si teme frenata dell'economia mondiale

Tutti e tre gli indici principali in correzione. Dati deludenti dalla Cina e dall'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

I timori di un rallentamento dell'economia globale hanno messo a tappeto gli indici a Wall Street, che hanno archiviato una seduta con cali vicini al 2%. Per la prima volta dal marzo 2016 tutti e tre gli indici principali sono finiti in correzione, status definito da un calo di almeno il 10% rispetto ai massimi recenti. I listini sono per altro protagonisti del peggiore inizio di dicembre dal 1980.