Wall Street non può più ignorare la crisi turca, Trump raddoppia dazi

Nel mirino Usa acciaio e alluminio turchi. Erdogan ai cittadini: convertite dollaro e oro in lira. La valuta crolla. Bce preoccupata dell'esposizione delle banche Ue ad Ankara. Cali settimanali per Dj e S&P 500
AP

Anche Wall Street non può più ignorare la Turchia. Il DJIA e l'S&P 500 hanno mandato in fumo i guadagni degli ultimi giorni archiviando una settimana in calo per la prima volta dopo cinque di fila in rialzo. Il Nasdaq, protagonista di una corsa che andava avanti da otto sedute di fila, ha perso a sua volta quota ma è riuscito a mettere a segno la seconda settimana consecutiva in aumento.

A pesare sui mercati finanziari, anche americani, sono stati i timori legati non più solo allo stato di salute finanziaria della Turchia ma anche all'esposizione ad Ankara delle banche europee. Si guarda in particolare all'italiana Unicredit, alla francese BNP Paribas e alla spagnoal BBVA.

Ad accentuare la crisi è stato il presidente americano, Donald Trump, che ha scritto su Twitter di avere "appena autorizzato il raddoppio dei dazi su acciaio e alluminio della Turchia mentre la sua valuta, la lira turca, scivola rapidamente contro il nostro dollaro molto forte!". Spiegando che le tariffe doganali sull'alluminio ora saranno al 20% e quelle dell'acciaio al 50%, Trump ha aggiunto: "Le nostre relazioni con la Turchia non sono buone in questo momento!". La Casa Bianca ha poi precisato che il leader Usa ha autorizzato "la preparazione di documenti" sulle tariffe doganali in questione, alzate sempre con la 'scusa' di tutelare la sicurezza nazionale.

Mentre la lira crollava (il calo contro il dollaro era arrivato fino al 20%), colpa non solo delle tensioni diplomatiche con gli Usa ma anche di dubbi sull'indipendenza della banca centrale locale, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan tentava di rassicurare in casa ("Non perderemo la guerra economica") ma si è spinto a chiedere ai cittadini di vendre dollari e oro in loro possesso per sostenere la divisa.

Visto il livello basso di riserve di valuta straniera della Turchia, c'è chi crede che la nazione sarà costretta a ricorrere all'aiuto del Fondo monetario internazionale. Ma secondo altri, Erdogan sarà disposto a un peggioramento notevole della crisi prima di arrivare a tanto. Nel giro delle prossime ore o giorni, tuttavia, Ankara potrebbe introdurre controlli sui capitali. Alcuni sostengono che le conseguenze della crisi turca saranno maggiori di quelle della Grecia.

A Washington la strategia sembra quella di volere usare il commercio come leva contro un alleato Nato che è già stato punito: lo scorso primo agosto gli Stati Uniti approvarono sanzioni contro i ministri turchi della Giustizia, Abdulhamit Gul, e dell'Interno, Suleyman Soylu, per punire la nazione per la detenzione di 7 cittadini statunitensi e di impiegati della loro missione diplomatica. Le tensioni sono aumentate recentemente in merito al pastore evangelico Andrew Brunson, imprigionato dal 2016 come parte della stretta di Ankara contro i dissidenti voluta dopo il fallito colpo di stato; Washington da tempo chiede una liberazione immediata. Il ministro turco degli Esteri aveva reagito alle sanzioni Usa - imposte utilizzando il Global Magnitsky Act, una legislazione nata per punire gli abusi russi di diritti umani - dicendo che "questo approccio aggressivo non serve agli interessi di nessuno e faremo ritorsioni equivalenti e senza alcun ritardo".

Intanto è proseguito il sell-off del rublo russo, di cui il dollaro è arrivato a comprare quasi 67 unità (massimi del luglio 2016). Lo scivolone è iniziato giorni fa, quando sono circolate indiscrezioni di sanzioni Usa allo studio al Senato che vieterebbero qualsiasi tranzione con le banche russe e gli acquisti di debito russo; poi mercoledì è arrivato l'annuncio che dal 22 agosto scatteranno sanzioni Usa dovute al caso Skripal, ex spia russa oggetto di un tentato avvelenamento con gas nervino su suolo britannico e che secondo Londra e Washington c'è stato su volore di Mosca. Il Cremlino ha sempre negato ogni responsabilità. Il premier russo è arrivato a dire che le sanzioni non sono altro che una dichiarazione di guerra economica. La banca centrale russa ha detto di avere temporaneamente limitato gli acquisti di valuta straniera per sostenere la sua divisa.

Altri Servizi

Trump attacca i 16 stati Usa che vogliono bloccare il suo muro

Hanno fatto causa: dichiarare l'emergenza nazionale per costruire il muro, come ha fatto il presidente, è inconstituzionale
White House

In una serie di tweet mattutini, il presidente americano ha attaccato i 16 stati americani che ieri hanno unito le forze chiedendo a un tribunale federale di impedire a Donald Trump di procedere con i suoi piani per costruire il muro tra gli Stati Uniti e il Messico. Venerdì scorso il leader statunitense aveva invocato l'emergenza nazionale al confine meridionale del Paese, mossa pensata per aggirare il Congresso e dirottare al muro fondi già destinati ad altri progetti.

Fed: tensioni commerciali e Brexit minacciano stabilità, outlook fiscale Italia "deteriorato"

Pubblicato il rapporto che anticipa la testimonianza semestrale al Congresso del governatore Powell

La Federal Reserve ha messo in guardia sui potenziali rischi che potrebbero intaccare la stabilità finanziaria internazionale: tra di essi la banca centrale americana cita "una frenata dell'economia globale, incertezze politiche, un intensificarsi delle tensioni commerciali e un aumento dello stress a cui sono sottoposte le economie dei mercati emergenti".

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

I fondi che Trump voleva usare per il muro non ci sono più

Più di un terzo è stato già speso; il Pentagono cerca alternative, ma servirà l'approvazione del Congresso
Ap

Usa, i fondi che Trump voleva usare per il muro non ci sono più Più di un terzo è stato già speso; il Pentagono cerca alternative New York, 22 feb - Più di un terzo dei fondi federali che il presidente statunitense, Donal Trump, vorrebbe reindirizzare per costruire nuovi muri al confine con il Messico, grazie all'emergenza nazionale dichiarata, non è più disponibile, perché già speso. Lo scrive il sito Roll Call.

Negli Stati Uniti si festeggia il Giorno dei presidenti. Proteste contro Trump

Manifestazioni contro la decisione di dichiarare lo stato d'emergenza nazionale per aggirare il Congresso e finanziare la costruzione di muri al confine con il Messico

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, ha trascorso il weekend nel suo resort in Florida e oggi, prima di tornare a Washington, andrà a Miami per incontrare la comunità venezuelana.

I legislatori Gb contro Facebook: ha "intenzionalmente" violato le leggi

In un rapporto da 108 pagine, i parlamentari GB accusato il social network di compostarsi come un 'gangster digitale'. Chiesta stretta regolatoria su privacy e antitrust. Al via altre inchieste. Il gruppo: siamo cambiati ma c'è molto da fare
AP

Facebook ha "intenzionalmente e consapevolmente" violato leggi per la tutela della privacy e leggi antitrust nel Regno Unito, infischiandosene della tutela degli utenti come parte degli sforzi volti a massimizzare i ricavi generati dai dati loro associati. E' questa l'accusa pesante lanciata dai legislatori britannici domenica 17 febbraio. E' stato chiesto il lancio di un'inchiesta sulle pratiche dell'azienda americana, che ha risposto negando di avere violato le leggi e sostenendo di avere fatto tanti cambiamenti: "Sebbene ci sia ancora molto da fare, non siamo la stessa azienda di anni fa", ha detto Karim Palant, che lavora per il gruppo nel Regno Unito.

Trump ottimista: un accordo tra Usa e Cina è possibile ma restano ostacoli

Toni incoraggianti anche da Xi, che il presidente Usa potrebbe vedere a marzo. Lighthizer cauto. Ross: presto per lo champagne. Mnuchin: raggiunto accordo su valute ma mancano dettagli

Ci sono buone probabilità che gli Stati Uniti e la Cina raggiungano un accordo visto che i negoziati commerciali fino ad ora stanno andando bene. E' il presidente americano, Donald Trump, ad avere rilasciato commenti incoraggianti sulle trattative che si sono tenute negli ultimi giorni a Washington dopo quelle della settimana scorsa a Pechino.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

Fed indicisa sulla rotta dei tassi, entro fine anno stop a riduzione suo bilancio

Dai verbali della riunione di gennaio emerge una banca centrale "paziente" ma divisa sul costo del denaro. La fine della normalizzazione del suo bilancio sembra vicina

Nella sua prima riunione del 2019, la Federal Reserve si è presa tempo per studiare la situazione e determinare le sue mosse future: sui tassi, i suoi governatori sono divisi mentre sembra esserci unità nel credere che presto servirà annunciare uno stop alla riduzione, iniziata nel 2017, del suo bilancio gonfiato negli anni della crisi dagli acquisti di Treasury e bond ipotecari. E' questo il quadro che è emerso dai verbali della riunione della banca centrale Usa che si è svolta il 29 e 30 gennaio scorsi.

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.