Wall Street non può più ignorare la crisi turca, Trump raddoppia dazi

Nel mirino Usa acciaio e alluminio turchi. Erdogan ai cittadini: convertite dollaro e oro in lira. La valuta crolla. Bce preoccupata dell'esposizione delle banche Ue ad Ankara. Cali settimanali per Dj e S&P 500
AP

Anche Wall Street non può più ignorare la Turchia. Il DJIA e l'S&P 500 hanno mandato in fumo i guadagni degli ultimi giorni archiviando una settimana in calo per la prima volta dopo cinque di fila in rialzo. Il Nasdaq, protagonista di una corsa che andava avanti da otto sedute di fila, ha perso a sua volta quota ma è riuscito a mettere a segno la seconda settimana consecutiva in aumento.

A pesare sui mercati finanziari, anche americani, sono stati i timori legati non più solo allo stato di salute finanziaria della Turchia ma anche all'esposizione ad Ankara delle banche europee. Si guarda in particolare all'italiana Unicredit, alla francese BNP Paribas e alla spagnoal BBVA.

Ad accentuare la crisi è stato il presidente americano, Donald Trump, che ha scritto su Twitter di avere "appena autorizzato il raddoppio dei dazi su acciaio e alluminio della Turchia mentre la sua valuta, la lira turca, scivola rapidamente contro il nostro dollaro molto forte!". Spiegando che le tariffe doganali sull'alluminio ora saranno al 20% e quelle dell'acciaio al 50%, Trump ha aggiunto: "Le nostre relazioni con la Turchia non sono buone in questo momento!". La Casa Bianca ha poi precisato che il leader Usa ha autorizzato "la preparazione di documenti" sulle tariffe doganali in questione, alzate sempre con la 'scusa' di tutelare la sicurezza nazionale.

Mentre la lira crollava (il calo contro il dollaro era arrivato fino al 20%), colpa non solo delle tensioni diplomatiche con gli Usa ma anche di dubbi sull'indipendenza della banca centrale locale, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan tentava di rassicurare in casa ("Non perderemo la guerra economica") ma si è spinto a chiedere ai cittadini di vendre dollari e oro in loro possesso per sostenere la divisa.

Visto il livello basso di riserve di valuta straniera della Turchia, c'è chi crede che la nazione sarà costretta a ricorrere all'aiuto del Fondo monetario internazionale. Ma secondo altri, Erdogan sarà disposto a un peggioramento notevole della crisi prima di arrivare a tanto. Nel giro delle prossime ore o giorni, tuttavia, Ankara potrebbe introdurre controlli sui capitali. Alcuni sostengono che le conseguenze della crisi turca saranno maggiori di quelle della Grecia.

A Washington la strategia sembra quella di volere usare il commercio come leva contro un alleato Nato che è già stato punito: lo scorso primo agosto gli Stati Uniti approvarono sanzioni contro i ministri turchi della Giustizia, Abdulhamit Gul, e dell'Interno, Suleyman Soylu, per punire la nazione per la detenzione di 7 cittadini statunitensi e di impiegati della loro missione diplomatica. Le tensioni sono aumentate recentemente in merito al pastore evangelico Andrew Brunson, imprigionato dal 2016 come parte della stretta di Ankara contro i dissidenti voluta dopo il fallito colpo di stato; Washington da tempo chiede una liberazione immediata. Il ministro turco degli Esteri aveva reagito alle sanzioni Usa - imposte utilizzando il Global Magnitsky Act, una legislazione nata per punire gli abusi russi di diritti umani - dicendo che "questo approccio aggressivo non serve agli interessi di nessuno e faremo ritorsioni equivalenti e senza alcun ritardo".

Intanto è proseguito il sell-off del rublo russo, di cui il dollaro è arrivato a comprare quasi 67 unità (massimi del luglio 2016). Lo scivolone è iniziato giorni fa, quando sono circolate indiscrezioni di sanzioni Usa allo studio al Senato che vieterebbero qualsiasi tranzione con le banche russe e gli acquisti di debito russo; poi mercoledì è arrivato l'annuncio che dal 22 agosto scatteranno sanzioni Usa dovute al caso Skripal, ex spia russa oggetto di un tentato avvelenamento con gas nervino su suolo britannico e che secondo Londra e Washington c'è stato su volore di Mosca. Il Cremlino ha sempre negato ogni responsabilità. Il premier russo è arrivato a dire che le sanzioni non sono altro che una dichiarazione di guerra economica. La banca centrale russa ha detto di avere temporaneamente limitato gli acquisti di valuta straniera per sostenere la sua divisa.

Altri Servizi

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

La minaccia velata di Riad: usare di nuovo il petrolio come arma politica

Tagliare la produzione per fare schizzare i prezzi del barile. E' questa la mossa temuta dagli investitori da parte dell'Arabia Saudita

Il petrolio al Nymex viaggia in modo volatile mentre il mercato si concentra sulle crescenti tensioni tra Usa e Arabia Saudita per via della scomparsa del giornalista saudita Jamal Khashoggi. 

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.