Wall Street rimbalza con lo yuan ma le tensioni Usa-Cina restano

Trump e Kudlow tranquillizzano. Summers: Pechino non manipola la sua valuta. No comment dell'Fmi. Goldman Sachs: nessun accordo commerciale prima delle elezioni del 2020. Nomura non esclude sell-off in stile Lehman

Dopo avere bollato la Cina come un "manipolatore di valute", Donald Trump ha cercato di rassicurare. Non solo gli americani in generale, ma gli agricoltori in particolare visto che la nazione asiatica ha confermato di avere fermato gli aquisti di prodotti agricoli Made in Usa. Anche il suo consigliere economico, Larry Kudlow, ha tranquillizato sostenendo che l'economia americana va a gonfie vele, che il presidente Usa è ancora interessato a un accordo commerciale e che i piani per un nuovo round di trattative a inizio settembre nella capitale americana restano validi.

All'indomani della peggiore seduta del 2019, gli indici americani hanno rimbalzato. Forse perché gli investitori escludono che la Cina voglia cimentarsi in una guerra valutaria. Le tensioni restano comunque monitorate. Anche dalla Federal Reserve, che tra un mese dovrà decidere se tagliare di nuovo i tassi come fatto il 31 luglio per la prima volta dal dicembre del 2008.

Secondo Trump, "una grande quantità di denaro dalla Cina e altre parti del mondo si sta riversando negli Stati Uniti grazie a sicurezza, investimenti e tassi di interesse! Siamo in una posizione molto forte. Tante aziende stanno anche venendo negli Usa. Una cosa bellissima da guardare!".

Ai microfoni di Cnbc, Kudlow ha difeso il suo presidente sostenendo che "vuole raggiungere un accordo commerciale con la Cina ma difende l'economia americana". Per lui, il leader Usa è flessibile in merito ai dazi del 10% su 300 miliardi di dollari preannunciato lo scorso 1 agosto e che dovrebbero entrare in vigore il prossimo 1 settembre. L'esperto ha però sottolineato che se non ci saranno progressi, le nuove tariffe doganali scatteranno come previsto. Kudlow sostiene che "il peso dei dazi sta ricadendo quasi interamente sulla Cina" ma S&P ha avvertito: se quei dazi scatteranno, il settore tech americano ne risentirà pesantemente visto che a essere colpiti saranno prodotti lagarmaneti diffusi come smartphone, notebook, server, tablet, stampanti, dispositivi indossabili e console per videogiochi.

Se il Fondo monetario internazionale preferisce non commentare sulla designazione della Cina come "manipolatore di valuta" fatta dagli Usa, Larry Summers non ha usato mezzi termini. Dalle colonne del Washington Post, l'ex segretario americano al Tesoro durante l'amministrazione Clinton ha sostenuto che Steven Mnuchin ha rovinato la sua credibilità. Secondo Summers, la Cina non sta affatto indebolendo la sua divisa per avvantaggiarsi sui partner commerciali.

Comunque sia, "l'incertezza commerciale è e resterà alta". Lo ha detto James Bullard, membro votante del Federal Open Market Committee della Federal Reserve secondo cui un'altra riduzione dei tassi ci sarà. Peccato che Peter Navarro, il consigliere 'falco' di Trump, ne abbia chiesti altri per un totale di 75-100 punti base entro la fine dell'anno. Nel frattempo Goldman Sachs non crede più che un accordo commerciale sarà siglato prima delle prossime elezioni presidenziali del novembre del 2020. Dal canto suo Nomura avverte: il rimbalzo di Wall Street potrebbe avere vita breve ed è un errore escludere un sell-off in stile Lehman Brothers.

Altri Servizi

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha incontrato i suoi massimi consiglieri per valutare un possibile accordo con i talebani, che potrebbe permettere agli Stati Uniti di mettere fine alla loro presenza in Afghanistan. All'incontro hanno partecipato, tra gli altri, il vicepresidente Mike Pence, il segretario di Stato, Mike Pompeo, la direttrice della Cia, Gina Haspel, e il consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton. In un tweet dopo l'incontro, che si è tenuto nel suo golf club in New Jersey, Trump ha scritto che gli Stati Uniti "stanno cercando di fare un accordo, se possibile".

Toronto, la Silicon Valley canadese

Aumentano le società tech che investono nella quarta città nordamericana, attirati da costi inferiori e leggi sull'immigrazione migliori rispetto a quelle statunitensi
Ap

La Silicon Valley sta invadendo Toronto. Intel Corp. ha annunciato che costruirà un laboratorio, Uber Technologies aprirà un polo ingegneristico, Alphabet (Google) ha proposto la costruzione di un nuovo campus e Microsoft ha reso noto di voler aumentare la propria forza lavoro in città di oltre il 20 per cento. C'è cos" tanto fermento che la Silicon Valley Bank, che finanzia alcune delle maggiori società di venture-capital e startup al mondo, vi ha aperto un ufficio lo scorso marzo, dopo aver gestito per 19 anni gli affari canadesi da Seattle e Boston.

Kudlow: "Vogliamo un nuovo round di negoziati con la Cina. E non c'è nessuna recessione all'orizzonte"

Il consigliere economico della Casa Bianca rassicura sui colloqui con Pechino e sull'economia. Ma aveva pronunciato le stesse affermazioni nel 2007, poco prima della grande recessione
Gage Skidmore /Gage Skidmore

L'amministrazione statunitense vuole portare avanti i negoziati con la Cina per porre fine alla guerra commerciale tra i due Paesi (vissuta con molto nervosismo dai mercati). Lo ha dichiarato il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, in un'intervista alla trasmissione Fox News Sunday.

La diplomazia straniera si prepara a un'altra vittoria di Trump

Scottate dall'esito delle elezioni del 2016, le ambasciate si aspettano il secondo mandato del presidente: una previsione che sta già influenzando rapporti e negoziati con Washington
Ap

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

GE rimbalza: Ceo compra 2 mln $ di azioni dopo accusa di frode in stile Enron

Ieri il tonfo maggiore da 11 anni dopo la diffusione di un rapporto redatto da colui che aveva avvertito sullo schema Ponzi creato da Bernie Madoff

La Fda rilancia la lotta per mettere immagini choc sui pacchetti di sigarette

L'agenzia federale perse la battaglia legale contro le multinazionali nel 2012

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP