Wall Street: seduta peggiore del 2019 con tensioni Usa-Cina

Yuan sui minimi del 2008 contro il dollaro. Trump attacca: "manipolazione" di valuta. Pechino si difende: conseguenza delle mosse "unilaterali" di Washington. Parte della curva dei rendimenti si inverte. Rispuntano timori di recessione

Lo spettro di una guerra commerciale ha mandato in tilt i mercati finanziari: DJIA, S&P 500 e Nasdaq Composite il 5 agosto sono stati protagonisti della peggiore seduta del 2019, il Russell 2000 è sceso sempre più in correzione, i rendimenti dei Treasury hanno toccato i minimi dell'anno portando un'inversione di parte della curva che ha alimentato di nuovo timori di recessione. Uno scenario, quest'ultimo, che secondo Morgan Stanley potrebbe verificarsi a livello mondiale nel giro di 9 mesi se Stati Uniti e Cina aumenteranno ulteriormente le tensioni portando a uno scontro a colpo di dazi.

Yuan sui minimi del 2008 contro il dollaro. Trump: la Cina "manipola" la sua valuta
Il sell-off a Wall Street e il rally dei prezzi dei Treasury è avvenuto nel giorno in cui per la prima volta dalla crisi del 2008 il dollaro è arrivato a comprare più di 7 yuan onshore. Il presidente americano, Donald Trump, è di conseguenza tornato ad accusare la Cina di manipolare la sua valuta scrivendo in un tweet: "La Cina ha abbassato il prezzo della sua valuta a un livello basso quasi senza precedenti. Questa si chiama 'manipolazione valutaria'. Federal Reserve, stai ascoltando? Questa è una grossa violazione che nel tempo indebolirà notevolmente la Cina". Il riferimento alla Fed è dovuto al fatto che secondo Trump la banca centrale Usa non ha abbassato i tassi abbastanza come lui vorrebbe. Il 31 luglio scorso la Fed ha tagliato il costo del denaro per la prima volta dal dicembre del 2008 ma 'solo' di 25 punti base al 2-2,25%.

La Cina: indebolimento yuan conseguenza delle mosse "unilaterali" degli Usa
La banca centrale cinese ha respinto le accuse di svalutare lo yuan per avvantaggiare la Cina rispetto ai suoi partner commerciali. In una nota il governatore della People’s Bank of China, Yi Gang, ha spiegato che lo yuan non viene usato da Pechino come uno strumento a cui ricorrere nelle dispute commerciali. "Sono pienamente fiducioso che lo yuan resterà una valuta forte nonostante le fluttuazioni recenti dovute a incertezze esterne". La Pboc aveva già commentato l'indebolimento del renminbi spiegando che era dovuto alle mosse "unilaterali" degli Stati Uniti. Il riferimento è all'annuncio - fatto l'1 agosto - di nuovi dazi del 10% contro 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi a partire dall'1 settembre.

Pechino colpisce Trump: alt agli acquisti di prodotti agricoli Usa
Mentre nega di intervenire nei mercati dei cambi, la Cina non esclude l'adozione di nuovi dazi sui prodotti agricoli statunitensi che la nazione asiatica ha acquistato dopo il 3 agosto scorso. Inoltre, le aziende cinesi avrebbero smesso di comprare prodotti agricoli Usa. Hu Xijin - direttore del Global Times seguitissimo a Wall Street, perché spesso anticipa quanto viene poi detto da funzionari cinesi - ha scritto un tweet dicendo che "sulla base di quel che so, e alla luce della minaccia di nuovi dazi fatta dagli Usa, la Cina ha deciso di sospendere le esenzioni ai dazi per i beni agricoli americani e le aziende cinesi hanno smesso di comprare prodotti agricoli Usa. La Cina non si sottometterà agli Usa".

Il Global Times: Navarro un "agitatore politico"
Lo stesso giornale in un editoriale ha accusato Peter Navarro, il 'falco' arruolato da Trump come suo advisor commerciale, di essere un "agitatore politico", non un consigliere. I due Paesi, recita l'articolo, "hanno avuto 12 round di negoziati commerciali per i quali i rispettivi team hanno lavorato sodo al fine di trovare punti comuni su cui accordarsi. Ma Navarro ci ricorda che i calcoli politici di qualcuno continuano a condizionare la posizione negoziale degli Usa. La società americana alla fine pagherà per le politiche di queste persone". Per il Global Times, Navarro sta "prendendo in ostaggio" il modo in cui la Casa Bianca delinea la sua politica economica.

El-Erian: debolezza yuan dovuta anche a tensioni a Hong Kong
Nell'analizzare le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina alla luce del forte indebolimento della valuta cinese, Mohamed A. El-Erian, il capo economista di Allianz, ha consigliato di prendere in considerazione anche le tensioni in corso a Hong Kong, dove da nove settimane ci sono proteste contro una stretta voluta da Pechino. L'hub finanziario asiatico rischia di andare in tilt. Su Twitter, l'economista ha scritto che l'andamento della valuta cinese "è stato visto fino ad ora attraverso le lenti della guerra commerciale. Questo è comprensibile e giusto, ma non completamente. Anche Hong Kong potrebbe avere un ruolo. Inoltre, si tenga presente la relazione tra i tassi [di cambio dello yuan] onshore e offshore", quest'ultimo scambiato più liberamente rispetto a quello nella Cina continentale.

Morgan Stanley: con guerra commerciale, recessione mondiale tra 9 mesi
Nel frattempo Morgan Stanley ha avvertito: se le tensioni commerciali tra Usa e Cina porteranno a una guerra a colpi di dazi, "vedremo l'economia globale entrare in recessione entro tre trimestri". Il capo economista della banca Usa, Chetan Ahya, ha spiegato che una recessione globale ci sarà se gli Usa arriveranno a imporre dazi del 25% su tutte le importazioni dalla Cina per 4-6 mesi. Secondo Ahya, i nuovi dazi avranno un impatto sugli Usa maggiore rispetto a quelli fino ad ora imposti perché andranno a toccare prodotti al consumo. Non è un caso che Apple e i semiconduttori abbiano sofferto in borsa. "Le tensioni commerciali hanno spinto la fiducia delle imprese e la crescita globale a livelli bassi che non si vedevano da anni", ha aggiunto l'esperto. Stando ad Ahya, le banche centrali nel mondo (Fed e Bce incluse) saranno accomodanti ma le loro misure, "sebbene utili nel contenere i rischi al ribasso, non saranno sufficienti per sostenere una ripresa fino a quando le incertezze commerciali scompariranno".

Altri Servizi

Per i Ceo d'America, garantire valore ai soci non è più la sola priorità

Più attenzione a consumatori, dipendenti, fornitori e comunità. Dimon: "Il sogno americano è vivo ma si sta logorando"
Wikimedia Commons

Creare ricchezza per i propri soci non è più la sola priorità per i Ceo d'America. La Business Roundtable, un gruppo di amministratori delegati delle principali aziende Usa, ha diffuso un comunicato offrendo una nuova definizione di "scopo di un'azienda". Invece che servire prima di tutto i propri azionisti massimizzando i profitti, la nuova idea di "corporation" prevede investimenti nei dipendenti, valore per i consumatori, una gestione etica delle relazioni con fornitori e sostegno alle comunità locali dove le aziende operano.

Kudlow: "Vogliamo un nuovo round di negoziati con la Cina. E non c'è nessuna recessione all'orizzonte"

Il consigliere economico della Casa Bianca rassicura sui colloqui con Pechino e sull'economia. Ma aveva pronunciato le stesse affermazioni nel 2007, poco prima della grande recessione
Gage Skidmore /Gage Skidmore

L'amministrazione statunitense vuole portare avanti i negoziati con la Cina per porre fine alla guerra commerciale tra i due Paesi (vissuta con molto nervosismo dai mercati). Lo ha dichiarato il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, in un'intervista alla trasmissione Fox News Sunday.

Toronto, la Silicon Valley canadese

Aumentano le società tech che investono nella quarta città nordamericana, attirati da costi inferiori e leggi sull'immigrazione migliori rispetto a quelle statunitensi
Ap

La Silicon Valley sta invadendo Toronto. Intel Corp. ha annunciato che costruirà un laboratorio, Uber Technologies aprirà un polo ingegneristico, Alphabet (Google) ha proposto la costruzione di un nuovo campus e Microsoft ha reso noto di voler aumentare la propria forza lavoro in città di oltre il 20 per cento. C'è cos" tanto fermento che la Silicon Valley Bank, che finanzia alcune delle maggiori società di venture-capital e startup al mondo, vi ha aperto un ufficio lo scorso marzo, dopo aver gestito per 19 anni gli affari canadesi da Seattle e Boston.

Wall Street, attesa per le minute della Fed

Dati: oggi in programma le vendite di case esistenti
AP

Trump pronto a cancellare la protezione per i migranti bambini irregolari

Vuole detenerli a tempo indefinito, contro l'accordo Flores
AP

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

La diplomazia straniera si prepara a un'altra vittoria di Trump

Scottate dall'esito delle elezioni del 2016, le ambasciate si aspettano il secondo mandato del presidente: una previsione che sta già influenzando rapporti e negoziati con Washington
Ap

Scottati dall'imprevista vittoria di Donald Trump nel 2016, i diplomatici stranieri non vogliono commettere lo stesso errore: per questo, si stanno già preparando per la vittoria del presidente statunitense alle elezioni del prossimo anno. L'opinione che Trump vincerà ancora, emersa dalle conversazioni dei giornalisti di Politico con una ventina di diplomatici stranieri, funzionari internazionali e analisti, è molto diffusa.

Hong Kong, la Cina accusa gli Usa di fomentare il caos

Pechino biasima soprattutto Pelosi e McConnell

Gli Stati Uniti fomentano il caos a Hong Kong. L'accusa è stata formulata dalla portavoce del ministero degli Esteri cinese, secondo cui ci sono "prove evidenti" del coinvolgimento di Washington nelle proteste. La portavoce Hua Chunying ha commentato: "Gli Stati Uniti hanno negato in molte occasioni il loro coinvolgimento nelle violenze in corso a Hong Kong. I commenti di alcuni membri del Congresso - il riferimento è alla speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, e al leader della maggioranza repubblicana in Senato, Mitch McConnell, ndr - hanno fornito al mondo nuove ed evidenti prove del coinvolgimento" degli Stati Uniti.

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.