Wall Street spera che Usa e Cina evitino una guerra commerciale

Poderoso rimbalzo per gli indici. Washington e Pechino iniziano a trattare

La seduta a Wall Street è finita all'insegna di un rally impensabile all'avvio degli scambi, quando il Dow Jones Industrial Average era arrivato a perdere 510 punti, il 2,1%. Alla fine l'indice delle 30 blue chip ha messo a segno il migliore rimbalzo giornaliero dal 6 febbraio scorso, arrivando a guadagnare oltre 200 punti, lo 0,9%. Per l'S&P 500 e il Nasdaq Composite è stato il migliore recupero intraday dal 9 febbraio.

Gli investitori hanno saputo ridimensionare i timori di una guerra commerciale tra Usa e Cina sperando che le due nazioni negozino con successo evitando un simile scenario. Martedì l'amministrazione Trump aveva pubblicato un elenco di 1.300 prodotti cinesi su cui intende imporre dazi del 25% per un valore complessivo di 50 miliardi di dollari di importazioni l'anno; Pechino aveva reagito 11 ore dopo minacciando dazi del 25% su 106 tipologie di articoli Usa aventi lo stesso valore; tra di essi ci sono prodotti, come i semi di soia, che vanno a colpire il nocciolo duro della base elettorale del presidente Usa.

Sin dalla mattinata americana, Washington ha cercato di rassicurare. Il presidente americano Donald Trump in un tweet aveva detto che "non c'è una guerra commerciale" tra la prima e la seconda economia al mondo.

Il segretario al Commercio Wilbur Ross - "sorpreso" dall'iniziale reazione di Wall Street - aveva dichiarato che le tariffe ventilate dalla Cina come ritorsione a quelle proposte dagli Usa su 1.300 prodotti "sono pari solo allo 0,3% del nostro Pil. Difficilmente rappresentano una minaccia".

Per Larry Kudlow, il neo consigliere economico alla Casa Bianca, l'azionario "non dovrebbe reagire così eccessivamente". Per il successore di Gary Cohn, andatosene perché contrario ai dazi su acciaio e alluminio entrati in vigore il 23 marzo e a cui la Cina l'1 aprile aveva risposto con dazi su importazioni Usa per 3 miliardi, la correzione a Wall Street è "contenuta e da tempo dovuta".

L'ambasciatore cinese a Washington, Cui Tiankai, ha usato un linguaggio poco conciliante: ha promesso che la Cina "risponderà" alle mosse degli Usa e ha sostenuto "di avere fatto il possibile" per evitare uno scontro. Chiaramente sia Washington sia Pechino fanno la voce grossa ma sotto sotto sanno che i negoziati sono appena iniziati. Dietro le quinte, le trattative sono partite da tempo tanto che il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, sta studiando un eventuale viaggio in Cina.

Sarah Sanders, portavoce della Casa Bianca, ha detto che l'amministrazione Trump "spera che la Cina faccia la cosa giusta" in campo commerciale. Sanders ha fatto capire che la prima e la seconda economia al mondo avranno "un paio di mesi" per negoziare ed evitare una guerra commerciale tanto temuta dai mercati. In riferimento al sell-off iniziale registrato a Wall Street, Sanders ha detto che "dolori di breve termine" sono il prezzo da pagare per "un successo di lungo termine".

Sull'andamento dell'azionario americano si è espresso anche Steve Bannon, l'ex stratega di Trump. Che Wall Street "vada al diavolo" se non gradisce le politiche del presidente Usa, ha detto aggiungendo: "E' ora che qualcuno li contrasti [gli investitori] e Donald Trump è la persone giusta. Wall Street pensa sempre al breve termine. Trump sta cercando di proteggere il cuore pulsante del capitalismo americano: la nostra innovazione".

Altri Servizi

Russiagate: Giuliani, ex sindaco di NY, si unisce al team di legali di Trump

Il presidente: "è fantastico", amici da tanto tempo. Lui: "un onore"
AP

L'ex sindaco di New York City, Rudy Giuliani, entra a fare parte del team di avvocati personali di Donald Trump. Da sempre un sostenitore di colui che è diventato il 45esimo presidente americano, l'ex primo cittadino newyorchese si unirà alla squadra di legali che rappresenta l'inquilino della Casa Bianca nell'inchiesta sul cosiddetto Russiagate.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Boxe, fu condannato 100 anni fa. Trump annuncia il perdono per Jack Johnson

Il tycoon ha dichiarato su Twitter la sua intenzione di riabilitare il primo campione del mondo nero dei pesi massimi condannato nel 1913 per “immoralità"

Donald Trump ha annunciato via twitter di voler procedere con il "perdono presidenziale pieno" nei confronti di Jack Johnson, il primo pugile afroamericano a diventare campione del mondo dei pesi massimi, a oltre cento anni dalla sua condanna per “immoralità" per una delle sue relazioni con una donna bianca. Una riabilitazione postuma annunciata più volte da diversi presidenti ma che nemmeno Obama, primo inquilino afroamericano della Casa Bianca, era riuscito a concedere.

Gli Usa chiedono all'Fmi di fare di più, il mondo teme guerre commerciali

Gli Spring Meetings dell'istituto di Washington terminano come erano iniziati. La linea americana non cambia. Mnuchin: il Fondo alzi la voce per ridurre gli squilibri. Lagarde: avanti con il dialogo "pacifico"
World Bank

Washington - Il Fondo monetario internazionale voleva usare i suoi lavori primaverili per "unire le nazioni" e allentare le tensioni commerciali riaccese dal braccio di ferro tra Usa e Cina. I cosiddetti Spring Meetings dell'istituto guidato da Christine Lagarde sono invece finiti come erano iniziati. Il mondo continua a temere una guerra commerciale dalla quale - è la tesi - non emergerebbe nessun vincitore mentre gli Stati Uniti continuano a volere perseguire un commercio "libero, equo e reciproco". Dunque, non resta che trattare.

Usa, 20enne sopravvive a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni

Dylan McWilliams è stato morso da uno squalo, da un orso e da un serpente

"Sono molto fortunato o molto sfortunato, dipende dai punti di vista". È questo il commento di Dylan McWilliams, 20enne originario di Grand Junction in Colorado, sopravvissuto a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni. Se non si tratta di un record poco ci manca, ciò che è certo è che la storia di Dylan sembra la sceneggiatura di un film.

Usa: monta la preoccupazione per la Belt and Road Initiative cinese

Washington chiede maggiore trasparenza sull'eccesso di debito concesso a nazioni a basso reddito. Sotto sotto teme la crescente influenza di Pechino in Africa ed Eurasia
Xi Jinping AP

Gli Stati Uniti di Donald Trump hanno preso di mira la Cina, non solo sul fronte commerciale. Washington guarda con apparente preoccupazione alla "Belt and Road Initiative", l'iniziativa per lo sviluppo e le infrastrutture lanciata cinque anni fa, rivolta a una settantina di nazioni e pensata per fornire centinaia di miliardi di dollari di prestiti. La prima economia al mondo teme che la nazione asiatica e il suo presidente Xi Jinping vogliano ampliare la loro influenza nel mondo, specialmente in Africa e nell'Eurasia.

Nashville, uomo seminudo spara in un locale: 4 morti e due feriti

Il killer, ancora in fuga, è stato identificato dalle autorità

Un uomo seminudo è entrato in un locale della catena Waffle House alla periferia di Nashville, in Tennessee, aprendo il fuoco sui presenti con un fucile d’assalto AR-15. Il bilancio è di 4 morti e due feriti. Il killer, ancora in fuga è stato identificato dalla polizia che ha lanciato un appello per individuarlo e catturarlo: si tratterebbe di Travis Reinking, 29enne di Morton, in Illinois.

Crisi nordcoreana, per Trump "C’è ancora molta strada da fare"

Tweet del presidente americano secondo cui gli Stati Uniti non hanno ceduto su nulla

A distanza di poche ore dall’annuncio della Corea del Nord di mettere fine ai test nucleari, ai test con i missili intercontinentali e alla chiusura di alcuni siti per i test atomici, Donald Trump è intervenuto sostenendo che "c’è ancora molta strada da fare" per risolvere la crisi nordcoreana. Il presidente americano ha twittato spiegando agli americani che "noi non abbiamo ceduto su nulla" nei negoziati sul programma nucleare di Pyongyang.  

Cinema, morto Verne Troyer, il "Mini me" di Austin Powers

L’annuncio sul suo profilo Facebook. Aveva 49 anni. Per Mike Myers era "un faro di positività"

Verne Troyer, l’attore americano conosciuto soprattutto per aver interpretato il ruolo di "Mini-Me" nella serie Austin Powers è morto sabato a Los Angeles all’età di 49 anni. Troyer, alto solo 81 centimetri, era affetto da nanismo e aveva raggiunto il successo sul grande schermo grazie al ruolo del perfido clone "tascabile" del cattivissimo Dottor Male, prima in 'Austin Powers: La spia che ci provava' e poi nel sequel del 2002 'Austin Powers in Goldmember'.

Usa - Cina, prove di disgelo sul fronte commerciale

Il segretario al Tesoro americano Steven Mnuchin ha detto che sta valutando un viaggio in Cina. Poco dopo la risposta di Pechino: “La parte cinese gli da’ il benvenuto”
©Ap

Piccoli segnali di disgelo tra Stati Uniti e Cina sul fronte commerciale. A fare un primo passo è stato il segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin, che ha parlato alla stampa durante gli Spring Meetings del Fondo monetario internazionale che stanno per concludersi a Washington. Mnuchin starebbe valutando un viaggio in Cina nell'ambito dello scontro fra Washington e Pechino sulle tariffe doganali, dicendosi poi "cautamente ottimista" su una possibile risoluzione delle tensioni commerciali con la seconda economia al mondo.