Wall Street spera che Usa e Cina evitino una guerra commerciale

Poderoso rimbalzo per gli indici. Washington e Pechino iniziano a trattare

La seduta a Wall Street è finita all'insegna di un rally impensabile all'avvio degli scambi, quando il Dow Jones Industrial Average era arrivato a perdere 510 punti, il 2,1%. Alla fine l'indice delle 30 blue chip ha messo a segno il migliore rimbalzo giornaliero dal 6 febbraio scorso, arrivando a guadagnare oltre 200 punti, lo 0,9%. Per l'S&P 500 e il Nasdaq Composite è stato il migliore recupero intraday dal 9 febbraio.

Gli investitori hanno saputo ridimensionare i timori di una guerra commerciale tra Usa e Cina sperando che le due nazioni negozino con successo evitando un simile scenario. Martedì l'amministrazione Trump aveva pubblicato un elenco di 1.300 prodotti cinesi su cui intende imporre dazi del 25% per un valore complessivo di 50 miliardi di dollari di importazioni l'anno; Pechino aveva reagito 11 ore dopo minacciando dazi del 25% su 106 tipologie di articoli Usa aventi lo stesso valore; tra di essi ci sono prodotti, come i semi di soia, che vanno a colpire il nocciolo duro della base elettorale del presidente Usa.

Sin dalla mattinata americana, Washington ha cercato di rassicurare. Il presidente americano Donald Trump in un tweet aveva detto che "non c'è una guerra commerciale" tra la prima e la seconda economia al mondo.

Il segretario al Commercio Wilbur Ross - "sorpreso" dall'iniziale reazione di Wall Street - aveva dichiarato che le tariffe ventilate dalla Cina come ritorsione a quelle proposte dagli Usa su 1.300 prodotti "sono pari solo allo 0,3% del nostro Pil. Difficilmente rappresentano una minaccia".

Per Larry Kudlow, il neo consigliere economico alla Casa Bianca, l'azionario "non dovrebbe reagire così eccessivamente". Per il successore di Gary Cohn, andatosene perché contrario ai dazi su acciaio e alluminio entrati in vigore il 23 marzo e a cui la Cina l'1 aprile aveva risposto con dazi su importazioni Usa per 3 miliardi, la correzione a Wall Street è "contenuta e da tempo dovuta".

L'ambasciatore cinese a Washington, Cui Tiankai, ha usato un linguaggio poco conciliante: ha promesso che la Cina "risponderà" alle mosse degli Usa e ha sostenuto "di avere fatto il possibile" per evitare uno scontro. Chiaramente sia Washington sia Pechino fanno la voce grossa ma sotto sotto sanno che i negoziati sono appena iniziati. Dietro le quinte, le trattative sono partite da tempo tanto che il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, sta studiando un eventuale viaggio in Cina.

Sarah Sanders, portavoce della Casa Bianca, ha detto che l'amministrazione Trump "spera che la Cina faccia la cosa giusta" in campo commerciale. Sanders ha fatto capire che la prima e la seconda economia al mondo avranno "un paio di mesi" per negoziare ed evitare una guerra commerciale tanto temuta dai mercati. In riferimento al sell-off iniziale registrato a Wall Street, Sanders ha detto che "dolori di breve termine" sono il prezzo da pagare per "un successo di lungo termine".

Sull'andamento dell'azionario americano si è espresso anche Steve Bannon, l'ex stratega di Trump. Che Wall Street "vada al diavolo" se non gradisce le politiche del presidente Usa, ha detto aggiungendo: "E' ora che qualcuno li contrasti [gli investitori] e Donald Trump è la persone giusta. Wall Street pensa sempre al breve termine. Trump sta cercando di proteggere il cuore pulsante del capitalismo americano: la nostra innovazione".

Altri Servizi

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare la prossima settimana

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Dazi, la Cina cancella la ripresa dei negoziati commerciali con gli Usa

Washington e Pechino continuano a fronteggiarsi a colpi di imposte, ma la Cina "ha finito i proiettili". Colpire le aziende statunitensi nel Paese sarebbe un rischio troppo grande per la Repubblica popolare, che tiene aperta la porta a futuri colloqui
Ap

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap

Trump mette in dubbio le accuse di Ford, difende Kavanaugh e attacca la sinistra

Il presidente statunitense, piuttosto moderato nei commenti degli ultimi giorni, è 'esploso' venerdì mattina per difendere il giudice che ha nominato alla Corte Suprema
Ap

Wall Street: nel giorno delle "quattro streghe" solo il Dow da record

Scaduti future e opzioni. Per gli indici S&P, la maggiore riclassificazione dal 1999. Fed verso il terzo rialzo dei tassi del 2018. Nafta in bilico
AP

Airbnb sogna di premiare padroni di casa migliori con titoli del gruppo

Chiede all'autorità di borsa Usa un cambiamento delle regole sullo stock-sharing

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock