Wall Street spera che Usa e Cina evitino una guerra commerciale

Poderoso rimbalzo per gli indici. Washington e Pechino iniziano a trattare

La seduta a Wall Street è finita all'insegna di un rally impensabile all'avvio degli scambi, quando il Dow Jones Industrial Average era arrivato a perdere 510 punti, il 2,1%. Alla fine l'indice delle 30 blue chip ha messo a segno il migliore rimbalzo giornaliero dal 6 febbraio scorso, arrivando a guadagnare oltre 200 punti, lo 0,9%. Per l'S&P 500 e il Nasdaq Composite è stato il migliore recupero intraday dal 9 febbraio.

Gli investitori hanno saputo ridimensionare i timori di una guerra commerciale tra Usa e Cina sperando che le due nazioni negozino con successo evitando un simile scenario. Martedì l'amministrazione Trump aveva pubblicato un elenco di 1.300 prodotti cinesi su cui intende imporre dazi del 25% per un valore complessivo di 50 miliardi di dollari di importazioni l'anno; Pechino aveva reagito 11 ore dopo minacciando dazi del 25% su 106 tipologie di articoli Usa aventi lo stesso valore; tra di essi ci sono prodotti, come i semi di soia, che vanno a colpire il nocciolo duro della base elettorale del presidente Usa.

Sin dalla mattinata americana, Washington ha cercato di rassicurare. Il presidente americano Donald Trump in un tweet aveva detto che "non c'è una guerra commerciale" tra la prima e la seconda economia al mondo.

Il segretario al Commercio Wilbur Ross - "sorpreso" dall'iniziale reazione di Wall Street - aveva dichiarato che le tariffe ventilate dalla Cina come ritorsione a quelle proposte dagli Usa su 1.300 prodotti "sono pari solo allo 0,3% del nostro Pil. Difficilmente rappresentano una minaccia".

Per Larry Kudlow, il neo consigliere economico alla Casa Bianca, l'azionario "non dovrebbe reagire così eccessivamente". Per il successore di Gary Cohn, andatosene perché contrario ai dazi su acciaio e alluminio entrati in vigore il 23 marzo e a cui la Cina l'1 aprile aveva risposto con dazi su importazioni Usa per 3 miliardi, la correzione a Wall Street è "contenuta e da tempo dovuta".

L'ambasciatore cinese a Washington, Cui Tiankai, ha usato un linguaggio poco conciliante: ha promesso che la Cina "risponderà" alle mosse degli Usa e ha sostenuto "di avere fatto il possibile" per evitare uno scontro. Chiaramente sia Washington sia Pechino fanno la voce grossa ma sotto sotto sanno che i negoziati sono appena iniziati. Dietro le quinte, le trattative sono partite da tempo tanto che il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, sta studiando un eventuale viaggio in Cina.

Sarah Sanders, portavoce della Casa Bianca, ha detto che l'amministrazione Trump "spera che la Cina faccia la cosa giusta" in campo commerciale. Sanders ha fatto capire che la prima e la seconda economia al mondo avranno "un paio di mesi" per negoziare ed evitare una guerra commerciale tanto temuta dai mercati. In riferimento al sell-off iniziale registrato a Wall Street, Sanders ha detto che "dolori di breve termine" sono il prezzo da pagare per "un successo di lungo termine".

Sull'andamento dell'azionario americano si è espresso anche Steve Bannon, l'ex stratega di Trump. Che Wall Street "vada al diavolo" se non gradisce le politiche del presidente Usa, ha detto aggiungendo: "E' ora che qualcuno li contrasti [gli investitori] e Donald Trump è la persone giusta. Wall Street pensa sempre al breve termine. Trump sta cercando di proteggere il cuore pulsante del capitalismo americano: la nostra innovazione".

Altri Servizi

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

La Nfl e l'associazione dei giocatori del campionato di football americano hanno deciso di sospendere le nuove norme sull'inno nazionale per le prossime settimane, nel tentativo di negoziare e trovare una soluzione, evitando lo scontro in tribunale.

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock