Walt Disney: i conti deludono, annuncia nuova trilogia di Guerre Stellari

Ricavi sotto le stime. Pesa un forte calo della divisione cinematografica; si salva quella dei parchi e dei resort nonostante l'effetto negativo sulle attività in Florida dato dall'uragano Irma. No comment su trattative con 21st Century Fox
AP

Oltre a pubblicare una trimestrale con utili e ricavi deludenti, a mercati Usa ormai chiusi Walt Disney ha dovuto fare i conti con indiscrezioni secondo cui il suo canale sportivo Espn si prepara a un altro round di licenziamenti; stando a Sports Illustrated l'ultima tornata prevedrebbe l'uscita di oltre 100 persone entro il Giorno del Ringraziamento che quest'anno sarà il 23 novembre. Come fatto 24 ore prima da 21st Century Fox, anche Walt Disney non ha voluto commentare voci secondo cui il gruppo avrebbe negoziato l'acquisto di asset del colosso di Rupert Murdoch: "Ho una cattiva notizia: non accettiamo domande su questo argomento", ha detto il Ceo Robert A. Iger durante la call con gli analisti. Il top manager ha però annunciato una nuova trilogia di "Guerre Stellari"; per scriverla e dirigerla ha reclutato Rian Johnson, il regista di "Guerra Stellari: gli ultimi Jedi" in uscita a dicembre. Il gruppo ha detto che verranno introdotti nuovi personaggi "da angoli della galassia che la tradizione di Guerre Stellari non ha mai esplorato".

Nonostante conti deludenti, il mercato sembra avere fiducia nelle prospettive dell'azienda nel mercato streaming. Il servizio che verrà lanciato su questo fronte nel 2019 "costerà meno di Netflix", ha detto Iger nella call, e questo perché i contenuti a disposizione saranno inferiori rispetto a quelli sul sito rivale (il cui abbonamento costa dagli 8 ai 12 dollari al mese). Con l'aumentare dei contenuti, anche i prezzi potrebbero salire.

Quanto ai conti, nei tre mesi chiusi il 30 settembre scorso Walt Disney ha registrato utili netti pari a 1,747 miliardi di dollari, in calo dell'1% da 1,771 miliardi dello stesso periodo del 2016. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono scesi del 3% a 1,07 dollari da 1,10 ossia cinque centesimi sotto le previsioni degli analisti. In quello che per il gruppo è stato il quarto trimestre fiscale, i ricavi sono calati del 3% a 12,78 miliardi dai 13,14 miliardi dell'anno precedente; il mercato si aspettava un risultato di 13,23 miliardi. Per l'intero esercizio fiscale, i profitti sono scesi del 4% a 8,98 miliardi; il fatturato è calato dell'1% a 55,137 miliardi.

L'unica divisione a registrare vendite in aumento nell'ultimo trimestre dell'esercizio 2017 è stata quella dei parchi e resort, con un +6% annuo a 4,667 miliardi di dollari grazie ancora una volta a Disneyland a Parigi e al Disney Resort a Shanghai (giunto al primo anno pieno di attività); le attività Usa sono state condizionate negativamente dall'uragano Irma che a settembre colp" la Florida costrigendo cancellazioni di crociere e la chiusura per due giorni di Walt Disney World Resort. In una call a commento dei conti è stato spiegato che l'impatto sugli utili operativi è stato di 100 milioni di dollari (nel trimestre sono stati pari a 746 milioni, +7%).

La divisione delle reti tv è quella che continua a generare più fatturato, che però è sceso del 3% a 5,5 miliardi. Nel dettaglio le reti via cavo hanno generato ricavi per 3,9 miliardi (dato invariato sull'anno prima); i risultati di Espn sono stati comparabili a quelli dello stesso trimestre del 2016; costi più alti di programmazione e introiti pubblicitari in calo hanno pesato; le attività di broadcasting hanno subito un calo del fatturato dell'11% a 1,51 miliardi.

La divisione cinematografica ha visto le vendite scendere del 21% a 1,432 miliardi; hanno pesato entrate ai botteghini in calo per via della performance di "Cars 3" nel trimestre considerato contro "Alla ricerca di Dory", nelle sale tra luglio e settembre del 2016.

Le attività legate ai prodotti al consumo e ai media interattivi hanno subito una flessione del 6% a 1,215 miliardi di dollari. C'è stato un calo delle vendite di merchandise legate a "Guerre stellari", "Frozen" e "Alla ricerca di Dory"; quel calo è stato in parte controbilanciato da un aumento nelle vendite di merchandise associate a "Cars" e "Spider-Man".

In una nota a commento dei conti, il Ceo Iger ha spiegato che "nessuna azienda dell'intrattenimento è meglio equipaggiata per navigare attraverso un settore media in costante cambiamento, grazie alla nostra collezione senza eguali di marchi". Come aveva anticipato nel trimestre precedente, quando annunciò il divorzio futuro da Netflix, Iger si è detto "impaziente di lanciare il nostro primo servizio di streaming nel nuovo anno". Il Ceo ha garantito che Disney "continuerà a investire nel futuro e ad assumersi i rischi giusti che sono richiesti per garantire creazione di valore ai soci".

In attesa della trimestrale, arrivata a mercati Usa chiusi, il titolo Walt Disney aveva guadagnato l'1,5% a 102,68 dollari. Nel dopo mercato ha ceduto oltre il 3% per poi invertire rotta e salire dell'1,5%. Da inizio anno ha perso l'1,48% e negli ultimi 12 mesi ha guadagnato l'8,5%.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle. 

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.