Walt Disney svela nuovi servizi in streaming e divorzia da Netflix

Il gruppo punta sui video online. Aumenta la quota in un gruppo specializzato nella tecnologia video. Il Ceo: al via "strategia di crescita completamente nuova". Ricavi trimestrali deludenti
AP

Oltre a pubblicare una trimestrale con ricavi deludenti, Walt Disney ha fatto capire di volere accaparrarsi una fetta del mercato dei video in streaming. Per questo il colosso americano dell'intrattenimento ha annunciato il suo divorzio da Netflix.

Dal 2019 le nuove pellicole del gruppo e di Pixar non compariranno più sul sito di video in streaming, che ha annunciato il lancio di una serie nel 2018 con il celebre conduttore David Letterman e che ieri avevano comunicato la sua prima acquisizione in 20 anni di storia (un editore di fumetti). Il Ceo Bob Iger ha poi detto in una intervista alla Cnbc che Walt Disney intende togliere dal sito Netflix tutte le sue pellicole.

L'azienda ha spiegato che all'inizio del prossimo anno lancerà un servizio in streaming del canale sportivo Espn e poi nel 2019 un altro servizio separato (sempre in streaming) dedicato ai film; per nessuno dei due servirà un abbondamento ai canali tv del gruppo.

La spinta aggressiva di Walt Disney nel mercato dei video online è dimostrata anche dal fatto che ha preso il controllo di BAMTech, gruppo specializzato nella tecnologia video creato dalla Major League Baseball: con un investimento di 1,58 miliardi di dollari ha acquistato un addizionale 42%; la quota si aggiunge a quella del 33% rilevata a fine 2016 per 1 miliardo di dollari.

"Il panorama dei media è sempre più definito da relazioni dirette tra i creatori di contenuti e i consumatori e il nostro controllo di una vasta gamma di tecnologie innovative di BAMTech ci darà il potere di creare queste relazioni, insieme alla flessibilità di adattarci rapidamente ai cambiamenti del mercato", ha spiegato in una nota il Ceo Iger facendo riferimento al cosiddetto "cord cutting" tanto temuto dai gruppi media ossia alla cancellazione degli abbonamenti alla tv a favore di servizi online. Secondo il top manager, le mosse annunciate "segnano una strategia di crescita completamente nuova per l'azienda, che trae vantaggio dalle opportunità incredibili che la tecnologia in cambiamento ci fornisce per sfruttare la forza dei nostri marchi".

Quanto ai conti, nei tre mesi chiusi l'1 luglio scorso Walt Disney ha registrato utili netti pari a 2,37 miliardi di dollari, in calo del 9% dai 2,6 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono scesi del 2% a 1,58 dollari ossia tre centesimi sopra le previsioni degli analisti.

In quello che per il gruppo è stato il terzo trimestre fiscale, i ricavi sono scesi leggermente a 14,24 miliardi dai 14,28 miliardi dell'anno precedente; il mercato si aspettava un risultato di 14,42 miliardi. Si è messa in mostra la divisione dei parchi e resort, con vendite cresciute del 12% annuo a 4,894 miliardi di dollari grazie a Disneyland a Parigi e al Disney Resort a Shanghai; la divisione delle reti tv è quella che continua a generare più fatturato, che però è sceso dell'1% a 5,9 miliardi complici costi di programmazione in rialzo e introiti da pubblicità in calo per il canale sportivo Espn; quella cinematografica ha visto le vendite scendere del 16% a 2,4 miliardi; quella dei prodotti al consumo e di media interattivi ha subito una flessione del 5% a un miliardo di dollari.

In attesa della trimestrale, arrivata a mercati Usa chiusi, il titolo aveva guadagnato lo 0,59% a 106,98 dollari. Nel dopo mercato ha ceduto il 3,95%. Da inizio anno ha guadagnato il 2,65% e negli ultimi 12 mesi quasi il 12%. Per un confronto, Netflix ha perso l'1,64% a 178,36 dollari e nel dopo mercato ha lasciato sul terreno oltre il 3%; da inizio 2017 ha aggiunto il 44% e in un anno l'87,5%.

Altri Servizi

Wall Street, tensione per i nuova dazi contro la Cina

Nuova lista di prodotti colpiti, per 200 miliardi di dollari
iStock

Wall Street, accantonate le preoccupazioni commerciali

Gli indici hanno ripreso slancio, in attesa delle trimestrali di tre grandi banche (Jp Morgan, Citigroup e Wells Fargo), in programma venerdì
iStock

Amazon non riesce a limitare prodotti razzisti e suprematisti

Insieme a musica e libri neo-nazisti. Lo denuncia uno studio di due non profit americane

Su Amazon è possibile comprare prodotti con simboli del suprematismo bianco, come una collana di svastiche, una tutina da neonato con una croce infuocata e uno zaino da bambino con un meme neo-nazista. Tutto questo è contro le politiche del colosso americano e un rapporto segnala come Amazon non riesca a fare nulla per fermare la vendita di questi prodotti.

Nordcorea: colloqui con Pompeo "spiacevoli", gli Usa cercano solo il disarmo unilaterale

Tensione tra i due Paesi, dopo i colloqui tra il segretario di Stato Usa e il ministro degli Esteri di Pyongyang, definiti "molto preoccupanti"
AP

Brusca frenata nei rapporti tra Stati Uniti e Corea del Nord. Il governo di Pyongyang, tramite un comunicato di un portavoce del ministero degli Esteri citato dall'agenzia Ap, ha reso noto che i colloqui di alto livello con la delegazione statunitense, guidata dal segretario di Stato, Mike Pompeo, sono stati "spiacevoli" e ha accusato Washington di cercare solo il disarmo nucleare totale, forzato e unilaterale, della Corea del Nord.

Vertice Nato, Trump: sull’energia la Germania è “prigioniera” della Russia. Poi assicura: "Rapporto eccezionale" con Berlino

Bilaterale tra il presidente Usa e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, per provare a dissipare le tensioni
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha assicurato di avere "dei rapporti molto buoni" con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, durante il summit della Nato, a Bruxelles. Trump aveva attaccato la Germania, questa mattina, affermando che Berlino "è prigioniera" della Russia e non contribuisce sufficientemente agli sforzi militari della Nato. Merkel aveva risposto che la Germania prende le sue decisioni in modo "indipendente".

Migranti, giudice chiede a Trump la lista dei bambini separati dai genitori

L'amministrazione ha chiesto più tempo per riunire le famiglie; un giudice federale della California vuole prima sapere quanti sono. Il governo ha ammesso di non sapere dove siano i genitori di 38 bimbi con meno di 5 anni

Un giudice federale della California ha chiesto al governo statunitense di presentare entro stasera (7 luglio) la lista dei bambini con meno di 5 anni separati dai loro genitori alla frontiera con il Messico, per effetto della 'tolleranza zero' applicata dalle autorità; lo ha reso noto un funzionario dell'amministrazione Trump alla stampa statunitense.

Migranti, Trump costretto a rilasciare centinaia di famiglie

Si torna, in pratica, alla politica del 'catch and release' di Obama

L'amministrazione Trump rilascerà centinaia di famiglie di migranti irregolari e le fornirà di cavigliere elettroniche, in modo da controllarne gli spostamenti; la decisione, di fatto, fa tornare gli Stati Uniti alla politica del 'catch and release' di Obama, molto criticata dal presidente Donald Trump.

Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa

Pfizer ha deciso di rinviare il rincaro di decine di farmaci, dopo le critiche ricevute dal presidente statunitense, Donald Trump. Il colosso farmaceutico ha annunciato "il ritorno ai prezzi precedenti al primo luglio per dare al presidente l'opportunità di lavorare al suo piano" per ridurre i prezzi dei farmaci; la decisione è stata presa dopo un colloquio tra l'amministratore delegato, Ian Read, e il presidente.

Stoltenberg rassicura Trump: "Aumenta la spesa degli alleati Nato per la difesa"

Il segretario generale dell'Alleanza in un op-ed sul Wsj: "Solo tre membri spendevano il 2% del Pil in difesa, nel 2014. Quest'anno dovrebbero essere otto". Ma Trump continua a lamentarsi
U.S. Department of Defense

"Nel 2014, solo tre alleati [della Nato], ovvero Stati Uniti, Regno Unito e Grecia, rispettavano l'impegno del 2 per cento. Quest'anno, ci aspettiamo che quel numero salga a otto, con l'aggiunta di Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia e Romania. Inoltre, la maggioranza degli alleati ha in programma di rispettare l'impegno del 2% entro il 2024, con il resto [dei Paesi] che si muove nella giusta direzione". A scriverlo è stato Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato, in un op-ed pubblicato sul Wall Street Journal alla vigilia del summit dell'Alleanza in programma a Bruxelles.

Trump sceglie Brett Kavanaugh per la Corte suprema

Conservatore vicino a George W. Bush. Adesso si attende una battaglia al Senato per la Conferma

Donald Trump ha annunciato il nome del suo candidato alla Corte Suprema: si tratta di Brett M. Kavanaugh, 53 anni, giudice d'Appello del Maryland. È una figura di spicco tra i conservatori e aveva fatto parlare di sé per le sue battaglie contro i suoi colleghi liberal nominati da Obama. Kavanaugh se confermato dal Senato dovrebbe prendere il posto di Anthony Kennedy, che giorni fa ha annunciato la sua decisione di andare in pensione.