I Warriors contro Trump? Curry non vuole andare alla Casa Bianca

Golden State potrebbe decidere di rifiutare il consueto invito del presidente, che non è stato ancora formulato. Il leader della squadra ha le idee molto chiare

I Golden State Warriors, che hanno vinto il campionato Nba - la lega professionistica nordamericana di pallacanestro - hanno reso noto, martedì, che non è stata presa alcuna decisione sulla possibilità di andare alla Casa Bianca, se invitati dal presidente Donald Trump, come di solito avviene per le squadre vincitrici dei maggiori campionati professionistici e universitari. Nelle ore precedenti, alcuni media statunitensi avevano annunciato la volontà della squadra di non accettare l'eventuale invito, espressa con un voto all'unanimità.

Ieri, però, il giocatore più rappresentativo della squadra che ha vinto due degli ultimi tre campionati, Stephen Curry, ha detto che, anche se la squadra non ha deciso come comportarsi, lui non ha cambiato idea: "Qualcuno me lo ha chiesto un paio di mesi fa, in via ipotetica, e io ho risposto che non sarei andato [alla Casa Bianca], in caso di vittoria. Lo penso ancora oggi". "Ma come squadra, certamente, dovremo parlarne" ha aggiunto, secondo quanto riportato da Usa Today. "Gestiremo questa situazione con responsabilità e faremo la cosa giusta per noi, individualmente e come gruppo" ha concluso.

Curry non sembra l'unico a pensarla in questo modo. Andre Iguodala ha detto di non voler prendere parte alle eventuali celebrazioni alla Casa Bianca, aggiungendo però: "Faremo quello che il nostro leader (Curry) farà. Gestiremo la situazione quando si presenterà. Voglio dire, potrebbe essere diverso. Potrebbe esserci qualcun altro in carica. È realistico da dire, no? Non si sa quello che può succedere". L'allenare della squadra, Steve Kerr, ha più volte criticato Trump: l'ultima volta lo ha definito un "pallone gonfiato".

Questo dilemma ha già spaccato il mondo dello sport statunitense, da quando c'è Trump alla Casa Bianca. Ad aprile, il presidente ha ricevuto alla Casa Bianca i New England Patriots, la squadra di football americano che ha vinto l'ultimo campionato Nfl. Un incontro a cui non hanno partecipato molti giocatori, quasi tutti in segno di protesta verso Trump. "Non mi sento accettato alla Casa Bianca. Con un presidente con opinioni e pregiudizi cos" forti, credo che certe persone potrebbero sentirsi accettate e altre no" aveva commentato Devin McCourty, uno dei giocatori assenti, che aveva deciso di non andare alla Casa Bianca "prima ancora di vincere". Assente anche il quarterback Tom Brady, la superstar della squadra, ma per motivi personali (la malattia della madre); lui è stato spesso definito "amico" e "sostenitore" del presidente, ma non ha mai parlato apertamente del suo rapporto con Trump; sua moglie, la modella Gisele Bundchen, ha invece apertamente detto di non essere una sostenitrice del miliardario. Brady aveva già rinunciato, in passato, alla cerimonia alla Casa Bianca con il presidente Barack Obama, citando "problemi di agenda". Brady, 40 anni ad agosto, ha vinto cinque campionati Nfl.

A far riflettere sulla situazione negli Stati Uniti è però la semplice domanda sulla possibilità di rinunciare alle celebrazioni. Coach Luigi 'Geno' Auriemma, l'allenatore italoamericano che ha fatto vincere alla UConn undici titoli femminili Ncaa - il campionato di basket universitario - e ha portato al successo la nazionale statunitense femminile in tre Olimpiadi e due Mondiali, ha ricevuto una domanda a cui non aveva mai dovuto rispondere negli anni precedenti: qualche componente della squadra si rifiuterebbe di incontrare il presidente, in caso di conquista del dodicesimo titolo? "Il fatto che nessuno mi avesse posto questa domanda dice qualcosa di dove siamo finiti" come Paese, aveva detto Auriemma al New York Times, lo scorso gennaio. "Lascia perdere la risposta. Il fatto stesso che non me l'avessero mai posta significa che sta succedendo qualcosa che non è normale". Il dilemma, alla fine, non si è nemmeno posto per la sua squadra: a sorpresa, quest'anno UConn non ha vinto il titolo.

Altri Servizi

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.

Scandali sessuali, tre parlamentari Usa costretti alle dimissioni in tre giorni. Qualcosa di simile accadde solo per la schiavitù

Per il Washington Post, situazione senza precedenti. Quelle dimissioni, prima della Guerra civile, furono un atto politico. Oggi, sono le donne comuni a costringere senatori e deputati a farsi da parte

È stata una settimana straordinaria, quella appena terminata al Congresso statunitense: dopo essere stati accusati di molestie sessuali, tre membri del parlamento si sono dimessi. Per trovare un momento simile, nella storia degli Stati Uniti, bisogna tornare alla Guerra civile e alla schiavitù.

La Nba vuole una squadra della sua lega minore a Città del Messico

La lega professionistica vuole continuare a espandersi e guarda al maggior mercato dell'America Latina. La nuova squadra della G League potrebbe giocare già dalla prossima stagione
Ap

Gerusalemme capitale, rottura tra palestinesi e statunitensi: Abu Mazen non riceverà Pence

Il presidente dell'Autorità palestinese annulla l'incontro con il vicepresidente statunitense previsto a giorni, a causa della decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Obama paragona Trump a Hitler

Invocando lo spettro della Germania nazista, il 44esimo presidente americano avverte i concittadini: non siate compiacenti
Ap

La Casa Bianca cerca di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Trump sulle deduzioni

Gli Stati con tasse altre fanno pressing per non vedere ridotta o eliminata la possibilità di detrarre le imposte statali e locali nella dichiarazione dei redditi
AP

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto