I Warriors contro Trump? Curry non vuole andare alla Casa Bianca

Golden State potrebbe decidere di rifiutare il consueto invito del presidente, che non è stato ancora formulato. Il leader della squadra ha le idee molto chiare

I Golden State Warriors, che hanno vinto il campionato Nba - la lega professionistica nordamericana di pallacanestro - hanno reso noto, martedì, che non è stata presa alcuna decisione sulla possibilità di andare alla Casa Bianca, se invitati dal presidente Donald Trump, come di solito avviene per le squadre vincitrici dei maggiori campionati professionistici e universitari. Nelle ore precedenti, alcuni media statunitensi avevano annunciato la volontà della squadra di non accettare l'eventuale invito, espressa con un voto all'unanimità.

Ieri, però, il giocatore più rappresentativo della squadra che ha vinto due degli ultimi tre campionati, Stephen Curry, ha detto che, anche se la squadra non ha deciso come comportarsi, lui non ha cambiato idea: "Qualcuno me lo ha chiesto un paio di mesi fa, in via ipotetica, e io ho risposto che non sarei andato [alla Casa Bianca], in caso di vittoria. Lo penso ancora oggi". "Ma come squadra, certamente, dovremo parlarne" ha aggiunto, secondo quanto riportato da Usa Today. "Gestiremo questa situazione con responsabilità e faremo la cosa giusta per noi, individualmente e come gruppo" ha concluso.

Curry non sembra l'unico a pensarla in questo modo. Andre Iguodala ha detto di non voler prendere parte alle eventuali celebrazioni alla Casa Bianca, aggiungendo però: "Faremo quello che il nostro leader (Curry) farà. Gestiremo la situazione quando si presenterà. Voglio dire, potrebbe essere diverso. Potrebbe esserci qualcun altro in carica. È realistico da dire, no? Non si sa quello che può succedere". L'allenare della squadra, Steve Kerr, ha più volte criticato Trump: l'ultima volta lo ha definito un "pallone gonfiato".

Questo dilemma ha già spaccato il mondo dello sport statunitense, da quando c'è Trump alla Casa Bianca. Ad aprile, il presidente ha ricevuto alla Casa Bianca i New England Patriots, la squadra di football americano che ha vinto l'ultimo campionato Nfl. Un incontro a cui non hanno partecipato molti giocatori, quasi tutti in segno di protesta verso Trump. "Non mi sento accettato alla Casa Bianca. Con un presidente con opinioni e pregiudizi cos" forti, credo che certe persone potrebbero sentirsi accettate e altre no" aveva commentato Devin McCourty, uno dei giocatori assenti, che aveva deciso di non andare alla Casa Bianca "prima ancora di vincere". Assente anche il quarterback Tom Brady, la superstar della squadra, ma per motivi personali (la malattia della madre); lui è stato spesso definito "amico" e "sostenitore" del presidente, ma non ha mai parlato apertamente del suo rapporto con Trump; sua moglie, la modella Gisele Bundchen, ha invece apertamente detto di non essere una sostenitrice del miliardario. Brady aveva già rinunciato, in passato, alla cerimonia alla Casa Bianca con il presidente Barack Obama, citando "problemi di agenda". Brady, 40 anni ad agosto, ha vinto cinque campionati Nfl.

A far riflettere sulla situazione negli Stati Uniti è però la semplice domanda sulla possibilità di rinunciare alle celebrazioni. Coach Luigi 'Geno' Auriemma, l'allenatore italoamericano che ha fatto vincere alla UConn undici titoli femminili Ncaa - il campionato di basket universitario - e ha portato al successo la nazionale statunitense femminile in tre Olimpiadi e due Mondiali, ha ricevuto una domanda a cui non aveva mai dovuto rispondere negli anni precedenti: qualche componente della squadra si rifiuterebbe di incontrare il presidente, in caso di conquista del dodicesimo titolo? "Il fatto che nessuno mi avesse posto questa domanda dice qualcosa di dove siamo finiti" come Paese, aveva detto Auriemma al New York Times, lo scorso gennaio. "Lascia perdere la risposta. Il fatto stesso che non me l'avessero mai posta significa che sta succedendo qualcosa che non è normale". Il dilemma, alla fine, non si è nemmeno posto per la sua squadra: a sorpresa, quest'anno UConn non ha vinto il titolo.

Altri Servizi

Fmi pronto a migliorare le stime di crescita mondiale

Discorso del d.g. Lagarde. Bene Europa e Giappone. Cina e India restano forti. La ripresa non è però finita. Serve adottare ora le riforme e investire nell'istruzione. Perché il prossimo Mark Zuckerberg non deve venire da Harvard
America24

Il Fondo monetario internazionale si prepara a rivedere al rialzo le stime di crescita mondiale quando, martedì 10 ottobre, pubblicherà il suo nuovo World Economic Outlook. "A luglio, l'Fmi ha stimato una crescita globale del 3,5% nel 2017 e del 3,6% nel 2018. La settimana prossima pubblicheremo le stime aggiornate in vista degli Annual Meeting" che si svolgeranno a Washington dal 13 al 15 ottobre prossimi. Esse "saranno probabilmente ancora più ottimiste". Lo ha detto Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo, in un discorso pronunciato alla Harvard University.

Nate diventa uragano e spaventa Mississippi, Alabama e Louisiana

Si trova circa 150 chilometri a ovest-nordovest dell'estremità occidentale di Cuba e circa a 800 chilometri dalla foce del fiume Mississippi.

L'uragano Nate sta avanzando verso le popolari località turistiche del Messico e la costa del Golfo degli Stati Uniti, dopo aver ucciso almeno 28 persone nell'America Centrale. Louisiana, Mississippi e Alabama sono in stato di allarme.

Trump celebra Cristoforo Colombo. Ma senza gli accorgimenti di Obama

Lunedì 9 ottobre gli Usa ricordano l'esploratore genovese che nel 1492 arrivò nelle Americhe. Il presidente brinda alla sua "impresa coraggiosa"; il predecessore ne ricordò anche le conseguenze per i nativi. A NY la 72esima parata (con polemiche)
Columbus Citizens Foundation

Come aveva fatto il suo predecessore, anche Donald Trump ha invitato i suoi connazionali a celebrare Cristoforo Colombo proclamando il 9 ottobre del 2017 la giornata dedicata all'esploratore italiano. La commemorazione dello "storico viaggio" del nativo di Genova, che si verifica negli Stati Uniti ogni secondo lunedì del mese di ottobre, fu decisa nel 1934 dal Congresso americano; seguendo la tradizione, il presidente di turno ogni anno proclama "Columbus Day" il giorno in cui cade.

Google sfida Apple e Amazon con nuovi smartphone e casse intelligenti

Arrivano anche le prime cuffie wireless del gruppo e la fotocamera Clips che preoccupa GoPro
Pixel 2 XL Google

Google affila le armi contro la concorrenza, a cominciare da Apple e Amazon. Il gruppo parte di Alphabet ha presentato vari prodotti tra cui due nuovi smartphone chiamati Pixel 2 e Pixel 2 XL, due nuovi speaker per la casa (uno dalle dimensioni piccole, Google Home Mini, e un'altro di alta gamma, Google Home Max), un nuovo Chromebook chiamato Pixelbook, un nuovo visore per la realtà virtuale e le sue prime cuffie wireless battezzate Google Pixel Buds. Come se non bastasse, l'azienda di Mountain View (California) ha sorpreso il pubblico riunito per l'occasione a San Francisco lanciando Google Clips, una nuova macchina fotografica che sembra preoccupare GoPro: il titolo del produttore di dispositivi usati dagli amanti di sport estremi per scattare immagini e registrare video ha accelerato subito al ribasso con gli investitori che chiaramente temono la concorrenza del nuovo arrivato.

Hollywood sceglie l'Italia per ambientare i set dei film. Occasione per il turismo

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale.

L'Italia, grazie a un patrimonio artistico e culturale enorme, è da sempre una delle location più gettonate dai registi: nel Paese esistono oltre 1.700 siti utilizzati dal cinema nazionale e internazionale. Anche le produzione americane di fantascienza hanno scelto angoli meno noti per ambientare scontri epici, da Star Wars agli Avengers, lasciando in secondo piano le città storiche come Roma, Firenze e Venezia, teatri di numerose riprese di commedie o film di azione negli ultimi anni.

Chi tradì Anna Frank? Forse lo dirà l'intelligenza artificiale

Un team guidato da un ex agente Fbi prova a risolvere il caso

Chi tradì la famiglia di Anna Frank? A dare risposta a "uno dei maggiori casi irrisolti del ventesimo secolo" potrebbe essere l'intelligenza artificiale. Un ex agente dell'Fbi e una società di produzione olandese hanno messo insieme un team di venti persone (ricercatori, analisti informatici e storici) che, con l'aiuto di tecnologie di ultima generazione, proveranno a risolvere il mistero.

Italia: Moody's lascia invariato il rating, il settore bancario si stabilizza

E' pari a Baa2. Mantenuto l'outlook negativo. Incertezza dalle prossime elezioni. Rischi al ribasso dell'economia restano "elevati"

Moody's ha lasciato invariato il suo giudizio sull'Italia (pari a Baa2) citando la stabilizzazione del settore bancario della nazione e una crescita dell'economia più forte. Resta però l'incertezza in vista delle prossime elezioni motivo per cui l'outlook è rimasto negativo.

La Compilation: cosa aspettarsi e non dal commercialista

Informazioni utili per redigere il documento, un vero e proprio biglietto da visita per un’azienda straniera interessata a investire negli Usa

Nel precedente articolo abbiamo messo in luce i motivi che rendono la Compilation un Attest Service fondamentale per un’azienda straniera interessata ad investire negli Usa.

General Electric punta al rilancio, il nuovo Ceo cambia la squadra manageriale

Via il direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.
General Electric

General Electric serra i ranghi e cerca la via giusta per il rilancio. Il rinnovamento della conglomerata industriale americana passa anche per un rimpasto al vertiche: come ha fatto sapere l'amministratore delegato John Flannery, tre top manager lasceranno l'azienda. Si tratta del direttore finanziario Jeff Bornstein, che lascerà a fine anno, il capo del martketing Beth Comstock e John Rice, che si occupa delle attività internazionali.

Gli interni di lusso italiani in mostra a Miami

Seconda edizione di Italian Luxury Interiors. Più che triplicate le richieste di partecipazione. Il nostro è il primo Paese europeo fornitore di prodotti d’arredo negli Usa, che sono il quarto mercato estero per il settore
ICE Agenzia

A Fort Lauderdale (Florida) è iniziata la seconda edizione della Italian Luxury Interiors. L’iniziativa - promossa da ICE Agenzia in collaborazione con Confartigianato, Cna ed Universal Marketing (agente esclusivo dell’evento) - è dedicata alle migliori proposte dell’artigianato italiano per i settori dell’oggettistica da regalo, complemento d’arredo, illuminazione e tessile.