I Warriors contro Trump? Curry non vuole andare alla Casa Bianca

Golden State potrebbe decidere di rifiutare il consueto invito del presidente, che non è stato ancora formulato. Il leader della squadra ha le idee molto chiare

I Golden State Warriors, che hanno vinto il campionato Nba - la lega professionistica nordamericana di pallacanestro - hanno reso noto, martedì, che non è stata presa alcuna decisione sulla possibilità di andare alla Casa Bianca, se invitati dal presidente Donald Trump, come di solito avviene per le squadre vincitrici dei maggiori campionati professionistici e universitari. Nelle ore precedenti, alcuni media statunitensi avevano annunciato la volontà della squadra di non accettare l'eventuale invito, espressa con un voto all'unanimità.

Ieri, però, il giocatore più rappresentativo della squadra che ha vinto due degli ultimi tre campionati, Stephen Curry, ha detto che, anche se la squadra non ha deciso come comportarsi, lui non ha cambiato idea: "Qualcuno me lo ha chiesto un paio di mesi fa, in via ipotetica, e io ho risposto che non sarei andato [alla Casa Bianca], in caso di vittoria. Lo penso ancora oggi". "Ma come squadra, certamente, dovremo parlarne" ha aggiunto, secondo quanto riportato da Usa Today. "Gestiremo questa situazione con responsabilità e faremo la cosa giusta per noi, individualmente e come gruppo" ha concluso.

Curry non sembra l'unico a pensarla in questo modo. Andre Iguodala ha detto di non voler prendere parte alle eventuali celebrazioni alla Casa Bianca, aggiungendo però: "Faremo quello che il nostro leader (Curry) farà. Gestiremo la situazione quando si presenterà. Voglio dire, potrebbe essere diverso. Potrebbe esserci qualcun altro in carica. È realistico da dire, no? Non si sa quello che può succedere". L'allenare della squadra, Steve Kerr, ha più volte criticato Trump: l'ultima volta lo ha definito un "pallone gonfiato".

Questo dilemma ha già spaccato il mondo dello sport statunitense, da quando c'è Trump alla Casa Bianca. Ad aprile, il presidente ha ricevuto alla Casa Bianca i New England Patriots, la squadra di football americano che ha vinto l'ultimo campionato Nfl. Un incontro a cui non hanno partecipato molti giocatori, quasi tutti in segno di protesta verso Trump. "Non mi sento accettato alla Casa Bianca. Con un presidente con opinioni e pregiudizi cos" forti, credo che certe persone potrebbero sentirsi accettate e altre no" aveva commentato Devin McCourty, uno dei giocatori assenti, che aveva deciso di non andare alla Casa Bianca "prima ancora di vincere". Assente anche il quarterback Tom Brady, la superstar della squadra, ma per motivi personali (la malattia della madre); lui è stato spesso definito "amico" e "sostenitore" del presidente, ma non ha mai parlato apertamente del suo rapporto con Trump; sua moglie, la modella Gisele Bundchen, ha invece apertamente detto di non essere una sostenitrice del miliardario. Brady aveva già rinunciato, in passato, alla cerimonia alla Casa Bianca con il presidente Barack Obama, citando "problemi di agenda". Brady, 40 anni ad agosto, ha vinto cinque campionati Nfl.

A far riflettere sulla situazione negli Stati Uniti è però la semplice domanda sulla possibilità di rinunciare alle celebrazioni. Coach Luigi 'Geno' Auriemma, l'allenatore italoamericano che ha fatto vincere alla UConn undici titoli femminili Ncaa - il campionato di basket universitario - e ha portato al successo la nazionale statunitense femminile in tre Olimpiadi e due Mondiali, ha ricevuto una domanda a cui non aveva mai dovuto rispondere negli anni precedenti: qualche componente della squadra si rifiuterebbe di incontrare il presidente, in caso di conquista del dodicesimo titolo? "Il fatto che nessuno mi avesse posto questa domanda dice qualcosa di dove siamo finiti" come Paese, aveva detto Auriemma al New York Times, lo scorso gennaio. "Lascia perdere la risposta. Il fatto stesso che non me l'avessero mai posta significa che sta succedendo qualcosa che non è normale". Il dilemma, alla fine, non si è nemmeno posto per la sua squadra: a sorpresa, quest'anno UConn non ha vinto il titolo.

Altri Servizi

Wall Street cerca la via dei rialzi in avvio di settimana

Riflettori puntati su alcuni dati macro e notizie aziendali.
AP

Stephen Colbert annuncia dalla Russia: "Mi candido per Usa 2020"

Ospite di Evening Urgant, un late show russo, il presentatore e comico americano ha colto tutti di sorpresa con l’inaspettata dichiarazione

Sono passati poco più di sette mesi dalle elezioni che hanno consegnato a Donald Trump la presidenza degli Stati Uniti e c’è già chi sta pensando alla corsa alla Casa Bianca del 2020. Non stiamo parlando di Hillary Clinton o di qualche noto politico americano bensì di Stephen Colbert, comico e presentatore del Late Show, il famoso programma in onda in seconda serata su Cbs.

La Corte suprema aiuta Trump: parte del muslim ban torna in vigore

I cittadini dei 6 stati presi di mira dal presidente potranno entrare in Usa solo se hanno familiari o un lavoro. Per tutti gli altri stop ai visti per 90 giorni. Il programma dei rifugiati, invece, resta sospeso per 120 giorni. La decisione in autunno
AP

La decisione della Corte suprema di valutare se il travel ben di Donald Trump è incostituzionale rappresenta una vittoria parziale per il presidente. Infatti fino a ottobre - mese in cui dovrebbe arrivare la decisione dei nove giudici - parte del divieto voluto da Trump tornerà in vigore. In particolare i cittadini dei sei stati indicati nel muslim ban di Trump (Iran, Somalia, Sudan, Yemen, Siria e Libia) potranno entrare in Usa solo se hanno collegamenti o relazioni negli Stati Uniti (parenti, lavoro). In tutti gli altri casi, coloro che applicano per un visto e non hanno un familiare o un impresa in Usa potrebbero essere non accettati.

Trump accusa Obama: "Sapeva della Russia e non ha fatto nulla"

Il presidente americano risponde all’articolo del Washington Post. Nel frattempo un ex ufficiale dell’amministrazione Obama paragona il Russiagate al 9/11
AP

"Ho appena sentito per la prima volta che Obama sapeva della Russia molto prima delle elezioni e non ha fatto nulla". Ha risposto così il presidente americano Donald Trump alle recenti rivelazioni del Washington Post, secondo cui la Cia già ad agosto aveva informazioni dirette su come Vladimir Putin avesse dato l'ordine agli hacker di danneggiare Hillary Clinton e quindi favorire Trump.

New York si tinge di rosé, grazie ai vini della Puglia

Road show Usa dell'Associazione Puglia in Rosé, per promuovere la Regione e il Made in Italy

I vini rosati della Puglia si fanno conoscere a New York grazie agli sforzi dell'Associazione Puglia in Rosé, realtà dedicata a questa tipologia di vini.

Trump contro Mueller e Comey: la loro amicizia "irritante". Sull'indagine: "Tutto ridicolo"

Il presidente ipotizza che Mueller debba lasciare le indagini. Poi è ironico su Pelosi: "Spero resti, vinciamo sempre contro di lei"
AP

L'amicizia tra l'ex direttore dell'Fbi, James Comey, e il procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando sul cosiddetto Russiagate, "è irritante". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, intervistato da "Fox and Friends". Mueller, a sua volta ex direttore dell'Fbi, è stato nominato per indagare sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sui presunti legami tra lo staff di Trump e il Cremlino, su cui stava indagando Comey, licenziato da Trump. Alla domanda se Mueller debba lasciare l'incarico per la sua amicizia con Comey, che ha accusato il presidente di aver diffamato lui e l'Fbi, Trump ha risposto: "Dovremo vedere" se sia il caso.

Google verso maxi multa da un miliardo di euro da Commissione Ue

Per possibili violazioni sulle pratiche commerciali. La sanzione potrebbe essere annunciata a breve, forse già il 28 giugno

Maxi multa in vista per Google per possibili violazioni sulle pratiche commerciali. Secondo indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal e dal Financial Times, la Commissione europea potrebbe infliggere al colosso di Mountain View una multa per circa un miliardo di euro.

Pressing su Trump perché cambi politica sull'Iran

Alcuni funzionari dell’amministrazione americana si sono detti pronti a rovesciare il regime di Teheran e spingono sul presidente affinché cambi policy

La Casa Bianca sta lavorando alla consueta revisione delle sue policy, soprattutto rispetto alla politica estera. Si tratta di un momento di confronto all'interno dell'amministrazione Trump dove c'è chi spinge per dei forti cambiamenti. Stando a quanto riporta Politico, che cita fonti vicini alla vicenda, alcuni funzionari del governo nonché alcuni tra i più stretti consiglieri e alleati di Donald Trump stanno facendo pressioni sul presidente affinché Washington compia passi concreti per rovesciare il regime di Teheran.

Amministrazione Trump, si è sposato il segretario del tesoro Steven Mnuchin

La cerimonia è stata officiata dal vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence

Il segretario del tesoro americano, il 54enne Steven Mnuchin, e la 36enne attrice scozzese, Louise Linton, si sono sposati sabato sera a Washington, all’Andrew W. Mellon Auditorium, davanti a 300 ospiti tra cui il presidente americano Donald Trump accompagnato da sua moglie Melania. Ad officiare la cerimonia è stato il vice presidente Mike Pence.

John "Sonny" Franzese, il boss italoamericano esce di prigione a 100 anni

È stato rilasciato venerdì dal Federal Medical Center del Massachusetts

John Sonny Franzese, sicario della famiglia Colombo nonché uno dei più feroci boss mafiosi della storia americana, è stato rilasciato venerd" sera dal Federal Medical Center del Massachusetts all’età di 100 anni. Un record negli Stati Uniti che rendono la storia di Sonny Franzese ancor più unica di quanto già fosse.