Weinstein: la causa della procura di NY non ferma le trattative per la vendita

A riferirlo sono fonti di Afp, secondo cui le discussioni sono "molto fluide". L' acquisizione potrebbe valere 500 milioni di dollari.

Continuano le trattative per la vendita della Weinstein Company nonostante la procura di New York ieri abbia annunciato il lancio di una causa legale contro lo studio cinematografico indipendente e i suoi cofondatori Bob e Harvey Weinstein, che lo scorso ottobre era stato trovolto da una marea di accuse di molestie sessuali.

A riferirlo sono fonti di Afp, secondo cui le trattative che coinvolgono un gruppo di investitori interessati all'acquisizione (del valore di 500 milioni di dollari) stanno andando avanti.

Esse sono capitanate da un ex funzionario dell'amministrazione Obama, l'imprenditrice Maria Contreras-Sweet.

La compravendita sembrava imminente prima della doccia fredda arrivata ieri dalla procura di NY.

I pubblici ministeri hanno detto che l’azione legale, frutto di un’indagine durata di quattro mesi, è stata ufficializzata per paura che un’imminente vendita di Weinstein Company possa lasciare le vittime senza un risarcimento. 

La causa è stata avviata per la "violazione dei diritti civili, dei diritti umani e del diritto del lavoro" in quanto la società di Weinstein ha ripetutamente "violato la legge di New York", hanno fatto sapere dalla procura. 

L'accusa contro il gruppo (che ha prodotto film come "Django Unchained" e "Il discorso del re") e i suoi cofondatori è che non abbiano saputo proteggere i dipendenti dalle molestie sessuali nonostante le lamentele fatte alle risorse umane.

Per esempio, l'ufficio del procuratore Eric Schneiderman sostiene che le assistenti di Harvey Weinstein fossero chiamate a facilitargli la vita sessuale e che talvolta erano intimidite o spinte ad avere relazioni sessiali con lui. Stando alla causa legale, il produttore di Hollywood avrebbe minicciato violenze e licenziamenti a chi non sottostava alle due domande.

Stando a Afp, "i commenti del procuratore generale hanno gettato nuova luce sull'accordo" in via di definizione. Le discussioni sono "molto fluide".

Altri Servizi

Summit Trump-Kim: il vincitore è la Cina

Per gli esperti, troppe concessioni degli Usa alla Corea del Nord. Giappone e Corea del Sud gli sconfitti. La Russia osserva: "il diavolo sta nei dettagli" (che mancano)
AP

Quello tra Donald Trump e Kim Jong Un è stato certamente un incontro "storico", un buon inizio di un lungo iter diplomatico volto a portare alla denuclearizzazione della penisola coreana e magari alla fine ufficiale della Guerra di Corea (iniziata nel 1950 e finita nel 1953 ma solo con un armistizio). Tuttavia, tra il leader americano e quello nordcoreano, è il secondo che sembra avere avuto la meglio. E la Cina di Xi Jinping ha vinto indirettamente su tutti mentre il Giappone di Shinzo Abe e la Corea del Sud di Moon Jae-in emergono come gli sconfitti. E' questa l'impressione generale tra gli esperti americani di politica estera.

Immigrazione, tutti contro Trump. Melania, invece, sta con lui (anche se non sembra)

La first lady chiede un Paese che "governi col cuore", ma attribuisce le responsabilità della situazione a repubblicani e democratici, dando eco alle affermazioni ingannevoli del presidente. La responsabilità è solo della Casa Bianca

Wall Street, permangono i timori sui rapporti commerciali tra gli Usa e la Cina

Il Dow Jones ha chiuso in negativo le ultime quattro sedute
iStock

Russiagate, il WP rivela incontro tra Roger Stone e un russo

Il consigliere di lungo corso di Trump ha incontrato Henry Greenberg che gli aveva promesso materiale scottante su Hillary Clinton
©AP

New Jersey, sparatoria dopo una lite: 1 morto e 20 feriti

L'episodio è avvenuto al Festival di Trenton. La polizia ha ucciso uno dei due assalitori mentre l’altro è stato arrestato
©AP

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Wsj, Trump a Macron al G7: "Tutti i terroristi sono a Parigi"

Il giornale newyorchese svela alcuni dietro le quinte del vertice canadese in cui il presidente americano avrebbe criticato l’operato dei suoi colleghi su diversi temi
©AP

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

Russiagate, Trump contro le indagini: "Il periodo più buio e pericoloso nella storia americana"

Il presidente ancora contro l'ex direttore dell'Fbi, dopo il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia sul caso Clinton

Contrordine: Trump appoggia la proposta di legge sull'immigrazione dei repubblicani moderati

La Casa Bianca chiarisce la posizione del presidente, dopo le sue affermazioni a Fox News. La proposta proteggerà dall'espulsione i Dreamers
iStock