Wells Fargo si difende, truffe ai clienti colpa di mele marce

La banca ne ha licenziate 5.300, le cui azioni sono costate una multa di solo 185 milioni di dollari. Il top manager della divisione incriminata se ne va con un bonus di quasi 125 milioni di dollari. Stop a target di vendita

Si sarà anche sempre presentata come una banca lontana da quelle di Wall Street, non solo per via della sua sede (a San Francisco e non a New York) ma soprattutto per la sua cultura più vicina a Main Street. Eppure Wells Fargo ha visto quell'immagine di sé andare completamente in fumo e con essa la sua reputazione. Anche l'istituto di credito californiano è entrato nel club dei cattivi ragazzi come dimostrato dalle attività illecite commesse da migliaia di suoi dipendenti che come obiettivo avevano lauti compensi legati al raggiungimento di target di vendita e non certo il benessere dei clienti. Forse non a caso il gruppo è stato superato da JP Morgan, diventata la principale banca Usa in termini di capitalizzazione per la prima volta in tre anni e mezzo.

Wells Fargo - di cui l'investitore miliardario Warren Buffett è il principale azionista - si è difeso cercando di puntare il dito contro le mele marce (5.300), tutte licenziate. Non molte su un totale di oltre 250.000 dipendenti, è la tesi dell'azienda. Quel numero tuttavia non lascia indifferenti così come il risultato delle loro azioni: 2 milioni di conti aperti senza autorizzazione e almeno 1,5 milioni di dollari di commissioni che i clienti associati a quei conti si sono ritrovati a pagare senza sapere perché. Senza contare che sono state create email false per registrare persone ai servizi bancari online e sono state attivate 565.000 carte di credito indesiderate. Evidentemente c'è stato un divario tra quanto succedeva nella banca e quando il suo Ceo proclamava un anno fa: "Non voglio che nessuno offra a qualcuno un prodotto di cui non conoscono i benefici o che il cliente non comprende, o non vuole o di cui non ha bisogno".

L'istituto di credito ha cercato di correre ai ripari eliminando dal primo gennaio 2017 tutti i target di vendita all'interno delle attività bancarie retail.

"Il nostro obiettivo è sempre stato e continua a essere la risposta alle esigenze finanziarie dei nostri clienti e la loro soddisfazione", ha dichiarato in una nota l'amministratore delegato John Stumpf dicendo che "stiamo eliminando gli obiettivi di vendita di prodotti perché vogliamo essere certi che i nostri clienti abbiano la piena fiducia nel fatto che i bancari retail siano sempre focalizzati sul migliore interesse dei clienti stessi".

Secondo Stumpf, "questa decisione è buona sia per i clienti sia per il nostro business". Essa "rappresenta un ulteriore passo avanti per rafforzare la nostra cultura di servizio, per fare in modo che nulla ci impedisca di compiere la nostra missione ed è in linea al nostro impegno di fornire un luogo di lavoro grandioso", ha aggiunto il Ceo. "Non c'è stato alcun incentivo a fare cose brutte", ha spiegato al Wall Street Journal.

Il direttore finanziario della banca, John Shrewsberry, ha cercato di ribadire lo stesso concetto quattro giorni dopo l'annuncio della multa. Parlando alla Barclays 2016 Global Financial Services Conference di New York, il Cfo ha dichiarato che "queste cattive pratiche non hanno generato vendite". E per dimostrare che Wells Fargo ha sempre puntato sulla qualità dei suoi servizi, Shrewsberry ha spiegato che il gruppo ha investito 50 milioni di dollari l'anno per monitorare le tattiche di vendita. Quell'investimento include "training, monitoraggio e controlli", ha detto garantendo che la questione "è chiusa" e che non ci saranno altri patteggiamenti con le autorità in arrivo.

Di certo il Ceo di Wells Fargo è chiamato a presentarsi alla commissione Bancaria al Senato per rispondere dell'accaduto. Verrà pressato affinché spieghi, tra le altre cose, perché Carrie Tolstedt - la donna a capo della divisione incriminata - abbia lasciato la banca dopo 27 anni con un bonus di quasi 125 milioni di dollari. Non c'è da stupirsi che Bernie Sanders, l'ex candidato alla nomination democratica e noto per essere contro Wall Street, abbia definito quel pagamento "una disgrazia".

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati".

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.