Wells Fargo si difende, truffe ai clienti colpa di mele marce

La banca ne ha licenziate 5.300, le cui azioni sono costate una multa di solo 185 milioni di dollari. Il top manager della divisione incriminata se ne va con un bonus di quasi 125 milioni di dollari. Stop a target di vendita

Si sarà anche sempre presentata come una banca lontana da quelle di Wall Street, non solo per via della sua sede (a San Francisco e non a New York) ma soprattutto per la sua cultura più vicina a Main Street. Eppure Wells Fargo ha visto quell'immagine di sé andare completamente in fumo e con essa la sua reputazione. Anche l'istituto di credito californiano è entrato nel club dei cattivi ragazzi come dimostrato dalle attività illecite commesse da migliaia di suoi dipendenti che come obiettivo avevano lauti compensi legati al raggiungimento di target di vendita e non certo il benessere dei clienti. Forse non a caso il gruppo è stato superato da JP Morgan, diventata la principale banca Usa in termini di capitalizzazione per la prima volta in tre anni e mezzo.

Wells Fargo - di cui l'investitore miliardario Warren Buffett è il principale azionista - si è difeso cercando di puntare il dito contro le mele marce (5.300), tutte licenziate. Non molte su un totale di oltre 250.000 dipendenti, è la tesi dell'azienda. Quel numero tuttavia non lascia indifferenti così come il risultato delle loro azioni: 2 milioni di conti aperti senza autorizzazione e almeno 1,5 milioni di dollari di commissioni che i clienti associati a quei conti si sono ritrovati a pagare senza sapere perché. Senza contare che sono state create email false per registrare persone ai servizi bancari online e sono state attivate 565.000 carte di credito indesiderate. Evidentemente c'è stato un divario tra quanto succedeva nella banca e quando il suo Ceo proclamava un anno fa: "Non voglio che nessuno offra a qualcuno un prodotto di cui non conoscono i benefici o che il cliente non comprende, o non vuole o di cui non ha bisogno".

L'istituto di credito ha cercato di correre ai ripari eliminando dal primo gennaio 2017 tutti i target di vendita all'interno delle attività bancarie retail.

"Il nostro obiettivo è sempre stato e continua a essere la risposta alle esigenze finanziarie dei nostri clienti e la loro soddisfazione", ha dichiarato in una nota l'amministratore delegato John Stumpf dicendo che "stiamo eliminando gli obiettivi di vendita di prodotti perché vogliamo essere certi che i nostri clienti abbiano la piena fiducia nel fatto che i bancari retail siano sempre focalizzati sul migliore interesse dei clienti stessi".

Secondo Stumpf, "questa decisione è buona sia per i clienti sia per il nostro business". Essa "rappresenta un ulteriore passo avanti per rafforzare la nostra cultura di servizio, per fare in modo che nulla ci impedisca di compiere la nostra missione ed è in linea al nostro impegno di fornire un luogo di lavoro grandioso", ha aggiunto il Ceo. "Non c'è stato alcun incentivo a fare cose brutte", ha spiegato al Wall Street Journal.

Il direttore finanziario della banca, John Shrewsberry, ha cercato di ribadire lo stesso concetto quattro giorni dopo l'annuncio della multa. Parlando alla Barclays 2016 Global Financial Services Conference di New York, il Cfo ha dichiarato che "queste cattive pratiche non hanno generato vendite". E per dimostrare che Wells Fargo ha sempre puntato sulla qualità dei suoi servizi, Shrewsberry ha spiegato che il gruppo ha investito 50 milioni di dollari l'anno per monitorare le tattiche di vendita. Quell'investimento include "training, monitoraggio e controlli", ha detto garantendo che la questione "è chiusa" e che non ci saranno altri patteggiamenti con le autorità in arrivo.

Di certo il Ceo di Wells Fargo è chiamato a presentarsi alla commissione Bancaria al Senato per rispondere dell'accaduto. Verrà pressato affinché spieghi, tra le altre cose, perché Carrie Tolstedt - la donna a capo della divisione incriminata - abbia lasciato la banca dopo 27 anni con un bonus di quasi 125 milioni di dollari. Non c'è da stupirsi che Bernie Sanders, l'ex candidato alla nomination democratica e noto per essere contro Wall Street, abbia definito quel pagamento "una disgrazia".

Altri Servizi

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle. 

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Vertice Nato, Trump: sull’energia la Germania è “prigioniera” della Russia. Poi assicura: "Rapporto eccezionale" con Berlino

Bilaterale tra il presidente Usa e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, per provare a dissipare le tensioni
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha assicurato di avere "dei rapporti molto buoni" con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, durante il summit della Nato, a Bruxelles. Trump aveva attaccato la Germania, questa mattina, affermando che Berlino "è prigioniera" della Russia e non contribuisce sufficientemente agli sforzi militari della Nato. Merkel aveva risposto che la Germania prende le sue decisioni in modo "indipendente".

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.