Wells Fargo si difende, truffe ai clienti colpa di mele marce

La banca ne ha licenziate 5.300, le cui azioni sono costate una multa di solo 185 milioni di dollari. Il top manager della divisione incriminata se ne va con un bonus di quasi 125 milioni di dollari. Stop a target di vendita

Si sarà anche sempre presentata come una banca lontana da quelle di Wall Street, non solo per via della sua sede (a San Francisco e non a New York) ma soprattutto per la sua cultura più vicina a Main Street. Eppure Wells Fargo ha visto quell'immagine di sé andare completamente in fumo e con essa la sua reputazione. Anche l'istituto di credito californiano è entrato nel club dei cattivi ragazzi come dimostrato dalle attività illecite commesse da migliaia di suoi dipendenti che come obiettivo avevano lauti compensi legati al raggiungimento di target di vendita e non certo il benessere dei clienti. Forse non a caso il gruppo è stato superato da JP Morgan, diventata la principale banca Usa in termini di capitalizzazione per la prima volta in tre anni e mezzo.

Wells Fargo - di cui l'investitore miliardario Warren Buffett è il principale azionista - si è difeso cercando di puntare il dito contro le mele marce (5.300), tutte licenziate. Non molte su un totale di oltre 250.000 dipendenti, è la tesi dell'azienda. Quel numero tuttavia non lascia indifferenti così come il risultato delle loro azioni: 2 milioni di conti aperti senza autorizzazione e almeno 1,5 milioni di dollari di commissioni che i clienti associati a quei conti si sono ritrovati a pagare senza sapere perché. Senza contare che sono state create email false per registrare persone ai servizi bancari online e sono state attivate 565.000 carte di credito indesiderate. Evidentemente c'è stato un divario tra quanto succedeva nella banca e quando il suo Ceo proclamava un anno fa: "Non voglio che nessuno offra a qualcuno un prodotto di cui non conoscono i benefici o che il cliente non comprende, o non vuole o di cui non ha bisogno".

L'istituto di credito ha cercato di correre ai ripari eliminando dal primo gennaio 2017 tutti i target di vendita all'interno delle attività bancarie retail.

"Il nostro obiettivo è sempre stato e continua a essere la risposta alle esigenze finanziarie dei nostri clienti e la loro soddisfazione", ha dichiarato in una nota l'amministratore delegato John Stumpf dicendo che "stiamo eliminando gli obiettivi di vendita di prodotti perché vogliamo essere certi che i nostri clienti abbiano la piena fiducia nel fatto che i bancari retail siano sempre focalizzati sul migliore interesse dei clienti stessi".

Secondo Stumpf, "questa decisione è buona sia per i clienti sia per il nostro business". Essa "rappresenta un ulteriore passo avanti per rafforzare la nostra cultura di servizio, per fare in modo che nulla ci impedisca di compiere la nostra missione ed è in linea al nostro impegno di fornire un luogo di lavoro grandioso", ha aggiunto il Ceo. "Non c'è stato alcun incentivo a fare cose brutte", ha spiegato al Wall Street Journal.

Il direttore finanziario della banca, John Shrewsberry, ha cercato di ribadire lo stesso concetto quattro giorni dopo l'annuncio della multa. Parlando alla Barclays 2016 Global Financial Services Conference di New York, il Cfo ha dichiarato che "queste cattive pratiche non hanno generato vendite". E per dimostrare che Wells Fargo ha sempre puntato sulla qualità dei suoi servizi, Shrewsberry ha spiegato che il gruppo ha investito 50 milioni di dollari l'anno per monitorare le tattiche di vendita. Quell'investimento include "training, monitoraggio e controlli", ha detto garantendo che la questione "è chiusa" e che non ci saranno altri patteggiamenti con le autorità in arrivo.

Di certo il Ceo di Wells Fargo è chiamato a presentarsi alla commissione Bancaria al Senato per rispondere dell'accaduto. Verrà pressato affinché spieghi, tra le altre cose, perché Carrie Tolstedt - la donna a capo della divisione incriminata - abbia lasciato la banca dopo 27 anni con un bonus di quasi 125 milioni di dollari. Non c'è da stupirsi che Bernie Sanders, l'ex candidato alla nomination democratica e noto per essere contro Wall Street, abbia definito quel pagamento "una disgrazia".

Altri Servizi

Gli Usa chiedono all'Fmi di fare di più, il mondo teme guerre commerciali

Gli Spring Meetings dell'istituto di Washington terminano come erano iniziati. La linea americana non cambia. Mnuchin: il Fondo alzi la voce per ridurre gli squilibri. Lagarde: avanti con il dialogo "pacifico"
World Bank

Washington - Il Fondo monetario internazionale voleva usare i suoi lavori primaverili per "unire le nazioni" e allentare le tensioni commerciali riaccese dal braccio di ferro tra Usa e Cina. I cosiddetti Spring Meetings dell'istituto guidato da Christine Lagarde sono invece finiti come erano iniziati. Il mondo continua a temere una guerra commerciale dalla quale - è la tesi - non emergerebbe nessun vincitore mentre gli Stati Uniti continuano a volere perseguire un commercio "libero, equo e reciproco". Dunque, non resta che trattare.

Usa: monta la preoccupazione per la Belt and Road Initiative cinese

Washington chiede maggiore trasparenza sull'eccesso di debito concesso a nazioni a basso reddito. Sotto sotto teme la crescente influenza di Pechino in Africa ed Eurasia
Xi Jinping AP

Gli Stati Uniti di Donald Trump hanno preso di mira la Cina, non solo sul fronte commerciale. Washington guarda con apparente preoccupazione alla "Belt and Road Initiative", l'iniziativa per lo sviluppo e le infrastrutture lanciata cinque anni fa, rivolta a una settantina di nazioni e pensata per fornire centinaia di miliardi di dollari di prestiti. La prima economia al mondo teme che la nazione asiatica e il suo presidente Xi Jinping vogliano ampliare la loro influenza nel mondo, specialmente in Africa e nell'Eurasia.

Padoan al prossimo governo: la strada delle riforme è quella giusta

Lagarde (Fmi): sfruttare la finestra ancora aperta, nuvole all'orizzone. Conteno (Eurogruppo): ottomista sull'Eurozona. Scholtz (finanze tedesche): contro gli euroscettici, avanti con riforme
AP

Da Washington, Pier Carlo Padoan ha rivendicato il lavoro fatto al ministero delle Finanze dal febbraio 2014 a oggi. E preparandosi a dire addio al suo incarico, ha lanciato un messaggio al prossimo governo (che fatica a prendere forma): "Non ci sono scorciatoie, la strada intrapresa [delle riforme] è quella giusta". Su questo è d'accordo il Fondo monetario internazionale, che ci chiede un piano "credibile e ambizioso" per portare avanti un consolidamento fiscale. Perché è vero che l'istituto guidato da Christine Lagarde ha rivisto leggermente al rialzo le stime di crescita dell'Italia. Ed è vero che il debito sta migliorando, ma resta alto mettendo l'Italia tra i Paesi che - come ha avvertito il d.g. del Fondo Christine Lagarde - "potrebbero essere colpiti di più se le condizioni di mercato", ora favoravoli, "cambiano".

Visco: avanti con la crescita, ma senza dimenticare i vincoli

Il governatore di Banca d'Italia "fiducioso" nel senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni. Spagnoli più ricchi degli italiani? Padoan usa una metafora calcistica: le rimonte sono possibili.

Washington - E' essenziale che la crescita in Italia non subisca una battuta d'arresto. E che non si dimentichino i vincoli "formali e sostanziali" che vanno rispettati in termini di conti pubblici. E' questo il messaggio lanciato dal governatore di Banca d'Italia al futuro governo del nostro Paese, che non potrà non tenere conto del debito pubblico. Da Washington, dove si sono conclusi i lavori primaverili del Fondo monetario internazionale, Ignazio Visco si è detto "fiducioso" che nella futura classe dirigente italiana "ci sarà un grande senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni". La speranza è che chiunque sarà al governo prenda atto dei vincoli che "non si possono dimenticare" e di un debito che resta alto, anche se il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan si aspetta che scenda maggiormente tra il 2018 e il 2020 passando al 123,9% dal 131,8% del 2017.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

La conferma di Pompeo a segretario di Stato Usa a rischio in Senato

Al direttore della Cia servirà il voto di almeno un democratico. La sua visita in Corea del Nord un ulteriore ostacolo verso il voto
Ap

La conferma del direttore della Cia, Mike Pompeo, come nuovo segretario di Stato non è scontata, al Senato statunitense. Nessun democratico ha finora dichiarato di sostenerlo e, con il repubblicano Rand Paul contrario e il collega John McCain tornato in Arizona per portare avanti la sua difficile battaglia contro il cancro, al Grand Old Party servirebbe il voto di un democratico, nel caso gli altri 49 repubblicani in Senato si schierassero con l'uomo scelto dal presidente Donald Trump per prendere il posto di Rex Tillerson.

L'alt nucleare della Nordcorea

Kim vuole lanciare la versione nordcoreana della glasnost sovietica di Mikhail Gorbachev?

E' certamente un "notevole progresso", come ha detto Donald Trump. Ma per esserlo, l'annuncio arrivato ieri dalla Corea del Nord di un alt ai suoi test missilistici e nucleari deve essere genuino. Per scoprirle se lo sia, serve tempo e dunque un cauto ottimismo - quello consigliato dagli osservatori - sembra necessario.

Wall Street, attenzione rivolta all'Fmi

Il Fondo monetario internazionale pubblica il Global Financial Stability Report e il Fiscal Monitor
iStock

Draghi e G20 contro il protezionismo. In Eurozona crescita robusta

Il governatore della Bce promette "pazienza" nella politica monetaria. Fmi "fiducioso" su Italia post elezioni. Padoan: Mattarella guiderà "trattative di successo" per la formazione del nuovo governo

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton