WikiLeaks pubblica migliaia di file: "Così la Cia ci spia". Anche su WhatsApp

Pubblicata una prima serie di 8.761 documenti sui metodi e le 'armi' dell'intelligence statunitense. Consolato Usa a Francoforte usato come sede degli hacker dell'agenzia. A rischio smartphone e persino account Twitter di Trump

Un nuovo attacco all'intelligence statunitense, un nuovo sguardo sulle operazioni condotte dalla Cia. WikiLeaks ha pubblicato oggi 8.761 documenti che svelano una parte dei segreti della Central Intelligence Agency e i sistemi usati per le operazioni di spionaggio, ma è solo l'inizio di una serie di 'leaks', secondo quanto annunciato in un comunicato stampa.

Pubblicando i documenti, WikiLeaks ha affermato che la Cia ha "perso il controllo del suo arsenale", che include software capaci di controllare i computer in tutto il mondo e di trasformare un televisore o qualsiasi altro dispositivo elettronico, come uno smartphone, in un sistema che capta ogni conversazione. Il materiale pubblicato, secondo WikiLeaks, sarebbe solo "la punta dell'iceberg".  L'idea è che gli hacker della Cia hanno sviluppato strumenti capaci di bypassare i sistemi di crittazione di app di messaggistica come WhatsApp, Signal, Telegram e Confide. Stando alla  stessa organizzazione che l'estate scorsa pubblicò le email dell'organo che governa il partito democratico e del numero uno della campagna di Hillary Clinton, la Cia è impegnata anche a usare malware capaci di "infettare e controllare" Microsoft Windows ma anche televisori Samsung.

WikiLeaks aveva anticipato la pubblicazione con messaggi che facevano riferimento a un "Anno Zero", come hanno chiamato la prima parte della serie di 'leaks', e a "Vault 7", il nome in codice scelto per questo nuovo attacco all'intelligence. L'intera serie di rivelazioni, di cui "Anno Zero" è solo la prima parte, costituirebbe la più ampia mole di documenti sullo spionaggio mai pubblicata, secondo il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, sette anni dopo le rivelazioni di Chelsea Manning e quattro dopo quelle di Edward Snowden.

Consolato Usa a Francoforte usato come sede di hacker della Cia

La Cia usa il consolato americano a Francoforte (Germania) come base per i suoi hacker che si occupano di Europa, Medio Oriente e Africa. Lo sostiene WikiLeaks secondo cui ai pirati informatici della Cia operativi a Francoforte nel cosiddetto "Center for Cyber Intelligence Europe" o Ccie vengono dati passaporti diplomatici e copertura del dipartimento di Stato. Una volta arrivati all'immigrazione tedesca, sono tenuti a dire che si trovavano nel Paese per fornire "consulenza tecnica al consolato". Una volta messo piede in Germania, gli hacker possono poi spostarsi senza più controlli all'interno dei 25 Paesi europei che sono parte di Shengen e di cui fanno parte, ricorda WikiLeaks, anche Francia, Italia e Svizzera.

Il dettaglio, spiega il sito di Assange, non è da poco visto che "un certo numero di metodi usati per gli attacchi elettronici della Cia si basano sulla vicinanza fisica". In pratica, sostiene WikiLeaks, gli hacker dell'intelligence Usa sono in grado di penetrare reti altamente protette e sconnesse da internet, come i database della polizia. "In questi casi, un funzionario, un agente o un funzionario alleato della Cia operante sulla base di certe istruzioni, si infiltra fisicamente nel posto preso di mira". Quella persona è fornita di una chiave Ubs contenente malware sviluppato per conto della Cia; una volta insireta nel computer oggetto di target, '"l'infezione" informatica ha inizio.

Agli occhi di chi è presente ma che non ha nulla a che fare con la Cia, la spia sotto copertura sembra stia usando un programma per visualizzare video o slide, o che stia giocando o addirittura usando un antivirus però fasullo. Mentre all'apparenza tutto sembra funzionare regolarmente, la Usb sta infettando e rovistando il computer in cui è stata inserita.

A rischio smartphone e persino account Twitter di Trump

Sempre secondo WikiLeaks, la Cia ha violato gli impegni presi dall'amministrazione Obama mettendo a rischio di attacchi hacker gruppi, governo e persino l'account Twitter del presidente Donald Trump. 

Il governo di Obama, sulla scia delle rivelazioni fatte nel giugno 2013 da Edward Snowden e riguardanti i programmi di spionaggio della National Security Agency, aveva deciso di adottare una procedura chiamata Vulnerabilities Equities Process con cui decidere se sfruttare o annunciare a gruppi come Apple, Microsoft e Google vulnerabilità tecnologiche gravi. Quella procedura era stata caldeggiata dalle aziende tecnologiche americane, preoccupate di perdere quote di mercato alla luce di vulnerabilità reali o anche solo percepite. Nel decidere se svelare o meno quelle vulnerabilità, un organismo creato ad hoc era chiamato a prendere in considerazione vari fattori tra cui il valore di quella vulnerabilità per le agenzie d'intelligence e il numero di persone colpite. Il punto è, dice WikiLeaks, che la Cia non ha rispettato quell'impegno sfruttando quelle vulnerabilità nel suo cyber-arsenale e ora quelle vulnerbailità sono state trovate da agenzie d'intelligence rivali o da hacker.

WikiLeaks fa l'esempio di un malware capace di "penetrare, invadere e controllare smartphone dotati di sistema operativo Android (Alphabet) e il software dell'iPhone (Apple) che permette o ha permesso il funzionamento di account Twitter presidenziali". Il sito di Assange fa notare che "se la Cia può attaccare questi telefoni, lo può fare anche chiunque abbia scoperto quelle vulnerabilità. Fino a quando la Cia nasconde ad Apple e Google i punti deboli degli smartphone da loro prodotti, questi non saranno sistemati e resteranno hackerabili". Secondo WikiLeaks, a rischio è "la popolazione tutta", incluso il Congresso Usa e gli amministratori delegati d'America.

Altri Servizi

Wall Street, il focus resta sulla Turchia

Giornata economica priva di altri spunti di nota
iStock


Trump condanna razzismo e invita all'unità un anno dopo Charlottesville

Al via a Washington manifestazione di suprematisti bianchi. Prevista contro-manifestazione. Nella città della Virginia dichiarato lo stato di emergenza
AP

Charlottesville. Un anno dopo. Mentre la capitale americana si prepara a ospitare una manifestazione di suprematisti bianchi - gli stessi che l'11 agosto del 2017 crearono caos e violenze mortali nella città della Virginia - Donald Trump invita una nazione forse mai così divisa "all'unità". Il 45esimo presidente americano ha fatto di nuovo ricorso al suo megafono - Twitter - per "condannare tutti i tipi di razzismo e atti di violenza". E per augurare "pace a TUTTI gli americani". Peccato che grand parte dei cittadini Usa creda che da quando Trump è stato eletto le relazioni razziali siano peggiorate.

Abituato ad attaccare i suoi più feroci critici, il Ceo di Tesla ne ha combinata un'altra delle sue. Il tutto mentre il mondo della finanza continua a interrogarsi se e come Elon Musk realizzerà il delisting del gruppo, ipotizzato martedì 7 agosto in una serie di tweet controversi su cui la Sec ha acceso un faro. Intanto il cda di Tesla si prepara a incontrare gli advisor finanziari per discutere dell'operazione.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Trump pronto a rivedere accordi duty-free con nazioni piccole

Indonesia e Thailandia nel mirino. Dall'autunno analisi su accordi in Europa orientale, Medio Oriente e Africa

Non ci sono solo la Cina o l'Unione europea nel mirino (commerciale) degli Stati Uniti. Da quando Donald Trump è diventato presidente americano, era il gennaio 2017, Washington sta analizzando gli accordi commerciali grazie ai quali nazioni più piccole e meno sviluppate da 30 anni esportano in Usa migliaia di prodotti duty-free.

Dazi Usa per 16 miliardi di dollari su import cinese scattano il 23 agosto

Si aggiungono a quelli del 25% su 34 miliardi entrati in vigore il 6 luglio

Preannunciati il 15 luglio, i dazi americani su prodotti cinesi per 16 miliardi di dollari entreranno in vigore il 23 agosto prossimo. Le tariffe doganali si aggiungeranno a quelle del 25% scattate il 6 luglio scorso per 34 miliardi su 818 articoli Made in China.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

News Corp: nell'anno perdita più che doppia a 1,4 miliardi di dollari

Pesano investimenti per creare una delle più grandi pay-tv d'Australia. il Wall Street Journal ha più abbonati digitali che su carta
iStock

Archiviato il suo quarto trimestre fiscale in perdita, ma soddisfando comunque gli analisti, News Corp ha chiuso l'esercizio 2018 con un buco di 1,4 miliardi di dollari, più che doppio di quello del 2017, e ricavi in rialzo dell'11% a 9,02 miliardi. Per il Ceo Robert Thomson quella dell'anno terminato il 30 giugno scorso è stata "una performance robusta in tutti i nostri business" e con "cambiamenti positivi e profondi nel nostro flusso dei ricavi, che sono stati più globali, digitali e basati sugli abbonamenti". Basti un esempio: The Times, The Sunday Times e The Wall Street Journal "hanno raggiunto nuovi massimi nella loro trasformazione digitale con abbonati digitali che ora superano quelli della versione cartacea" di questi giornali.

Il 're dei bond' Bill Gross bocciato dal suo capo: nel 2018 si è sbagliato

Per il Ceo di Janus Henderson resta però "uno dei migliori investitori della nostra epoca"

Bill Gross si è conquistato negli anni il soprannome di 're dei bond'. Eppure colui che nel settembre 2014 sorprese tutti lasciando la sua Pimco per passare alla rivale più piccola Janus Henderson non sembra più meritarsi un simile soprannome. Almeno per Richard Weil, il Ceo dell'azienda per cui Gross lavora.