WikiLeaks pubblica migliaia di file: "Così la Cia ci spia". Anche su WhatsApp

Pubblicata una prima serie di 8.761 documenti sui metodi e le 'armi' dell'intelligence statunitense. Consolato Usa a Francoforte usato come sede degli hacker dell'agenzia. A rischio smartphone e persino account Twitter di Trump

Un nuovo attacco all'intelligence statunitense, un nuovo sguardo sulle operazioni condotte dalla Cia. WikiLeaks ha pubblicato oggi 8.761 documenti che svelano una parte dei segreti della Central Intelligence Agency e i sistemi usati per le operazioni di spionaggio, ma è solo l'inizio di una serie di 'leaks', secondo quanto annunciato in un comunicato stampa.

Pubblicando i documenti, WikiLeaks ha affermato che la Cia ha "perso il controllo del suo arsenale", che include software capaci di controllare i computer in tutto il mondo e di trasformare un televisore o qualsiasi altro dispositivo elettronico, come uno smartphone, in un sistema che capta ogni conversazione. Il materiale pubblicato, secondo WikiLeaks, sarebbe solo "la punta dell'iceberg".  L'idea è che gli hacker della Cia hanno sviluppato strumenti capaci di bypassare i sistemi di crittazione di app di messaggistica come WhatsApp, Signal, Telegram e Confide. Stando alla  stessa organizzazione che l'estate scorsa pubblicò le email dell'organo che governa il partito democratico e del numero uno della campagna di Hillary Clinton, la Cia è impegnata anche a usare malware capaci di "infettare e controllare" Microsoft Windows ma anche televisori Samsung.

WikiLeaks aveva anticipato la pubblicazione con messaggi che facevano riferimento a un "Anno Zero", come hanno chiamato la prima parte della serie di 'leaks', e a "Vault 7", il nome in codice scelto per questo nuovo attacco all'intelligence. L'intera serie di rivelazioni, di cui "Anno Zero" è solo la prima parte, costituirebbe la più ampia mole di documenti sullo spionaggio mai pubblicata, secondo il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, sette anni dopo le rivelazioni di Chelsea Manning e quattro dopo quelle di Edward Snowden.

Consolato Usa a Francoforte usato come sede di hacker della Cia

La Cia usa il consolato americano a Francoforte (Germania) come base per i suoi hacker che si occupano di Europa, Medio Oriente e Africa. Lo sostiene WikiLeaks secondo cui ai pirati informatici della Cia operativi a Francoforte nel cosiddetto "Center for Cyber Intelligence Europe" o Ccie vengono dati passaporti diplomatici e copertura del dipartimento di Stato. Una volta arrivati all'immigrazione tedesca, sono tenuti a dire che si trovavano nel Paese per fornire "consulenza tecnica al consolato". Una volta messo piede in Germania, gli hacker possono poi spostarsi senza più controlli all'interno dei 25 Paesi europei che sono parte di Shengen e di cui fanno parte, ricorda WikiLeaks, anche Francia, Italia e Svizzera.

Il dettaglio, spiega il sito di Assange, non è da poco visto che "un certo numero di metodi usati per gli attacchi elettronici della Cia si basano sulla vicinanza fisica". In pratica, sostiene WikiLeaks, gli hacker dell'intelligence Usa sono in grado di penetrare reti altamente protette e sconnesse da internet, come i database della polizia. "In questi casi, un funzionario, un agente o un funzionario alleato della Cia operante sulla base di certe istruzioni, si infiltra fisicamente nel posto preso di mira". Quella persona è fornita di una chiave Ubs contenente malware sviluppato per conto della Cia; una volta insireta nel computer oggetto di target, '"l'infezione" informatica ha inizio.

Agli occhi di chi è presente ma che non ha nulla a che fare con la Cia, la spia sotto copertura sembra stia usando un programma per visualizzare video o slide, o che stia giocando o addirittura usando un antivirus però fasullo. Mentre all'apparenza tutto sembra funzionare regolarmente, la Usb sta infettando e rovistando il computer in cui è stata inserita.

A rischio smartphone e persino account Twitter di Trump

Sempre secondo WikiLeaks, la Cia ha violato gli impegni presi dall'amministrazione Obama mettendo a rischio di attacchi hacker gruppi, governo e persino l'account Twitter del presidente Donald Trump. 

Il governo di Obama, sulla scia delle rivelazioni fatte nel giugno 2013 da Edward Snowden e riguardanti i programmi di spionaggio della National Security Agency, aveva deciso di adottare una procedura chiamata Vulnerabilities Equities Process con cui decidere se sfruttare o annunciare a gruppi come Apple, Microsoft e Google vulnerabilità tecnologiche gravi. Quella procedura era stata caldeggiata dalle aziende tecnologiche americane, preoccupate di perdere quote di mercato alla luce di vulnerabilità reali o anche solo percepite. Nel decidere se svelare o meno quelle vulnerabilità, un organismo creato ad hoc era chiamato a prendere in considerazione vari fattori tra cui il valore di quella vulnerabilità per le agenzie d'intelligence e il numero di persone colpite. Il punto è, dice WikiLeaks, che la Cia non ha rispettato quell'impegno sfruttando quelle vulnerabilità nel suo cyber-arsenale e ora quelle vulnerbailità sono state trovate da agenzie d'intelligence rivali o da hacker.

WikiLeaks fa l'esempio di un malware capace di "penetrare, invadere e controllare smartphone dotati di sistema operativo Android (Alphabet) e il software dell'iPhone (Apple) che permette o ha permesso il funzionamento di account Twitter presidenziali". Il sito di Assange fa notare che "se la Cia può attaccare questi telefoni, lo può fare anche chiunque abbia scoperto quelle vulnerabilità. Fino a quando la Cia nasconde ad Apple e Google i punti deboli degli smartphone da loro prodotti, questi non saranno sistemati e resteranno hackerabili". Secondo WikiLeaks, a rischio è "la popolazione tutta", incluso il Congresso Usa e gli amministratori delegati d'America.

Altri Servizi

Trump vuole taglio del 10% delle esportazioni Ue di acciaio e alluminio

Secondo il Wsj, Washington ha fatto due proposte a Bruxelles. C'è tempo fino al primo giugno

Tagliare di circa il 10% le esportazioni di alluminio e di acciaio Ue verso gli Usa. Sarebbe questo il piano del presidente americano Donald Trump, che conferma lo scetticismo espresso ieri da Cecilia Malstroem: la commissaria al Commercio aveva spiegato che a Washington potrebbero non bastare le proposte fatte da Bruxelles per essere esonerata in modo permanente dai dazi sui metalli (scattati il 23 marzo scorso per la gran parte delle nazioni incluse Cina e Giappone). C'è tempo per negoziare fino al primo giugno ma "ci sono segnali dagli Usa che l'esenzione non sarà prolungata" come successe all'ultimo minuto prima della scadenza del primo maggio scorso.

Fca: per Hsbc, Marchionne prepara il "gran finale"

Gli analisti avviano la copertura del titolo consigliando di comprarlo. Arriverà a 23 euro. Possibile il raggiungimento dei target 2018 e una revisione al rialzo delle stime sugli utili

Fiat Chrysler Automobiles ha corso a Wall Street, dove il titolo del produttore di auto ha registrato un +1,3% a 22,62 dollari ma era arrivato fino a 22,91 dollari. A Piazza Affari l'azione ha guadagnato l'1,66% a 19,35 euro.

Banche Usa: nel primo trimestre 2018 utili record

Profitti a quota 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% sui primi tre mesi del 2017
AP

Nel primo trimestre del 2018 gli utili netti delle principali banche americane hanno raggiunti i 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. Si tratta di un record visto che il precedente massimo risale al secondo trimestre del 2011, quando si arrivò a 48,1 miliardi. Lo ha comunicato la Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari e secondo cui il miglioramento è dovuto a ricavi operativi in aumento (+8,3% a 198,8 miliardi di dollari) e ad aliquote fiscali più basse.

Musk promette corse da 1 dollaro alla velocità di 160 km/h nei tunnel Loop

L'uomo a capo di Booring Company, oltre che di Tesla e SpaceX, cerca il sostegno della comunità di Los Angeles

Mentre vuole rivoluzionare il settore auto con una vettura elettrica a marchio Tesla pensata per il mercato di massa (la Model 3) e mentre vuole portare in orbita gli esseri umani entro l'anno con la sua SpaceX, Elon Musk ha fornito ulteriori dettagli di un altro progetto - a dir poco ambizioso - legato a un'altra azienda di sua proprietà, la Boring Company. Il miliardario vuole creare tunnel sotterranei a Los Angeles per risolvere il problema del traffico nella città californiana.

Wall Street, investitori innervositi da Trump

Il presidente Usa non contento delle trattative commerciali con la Cina. Possibile un rinvio del summit con Kim
iStock

Nordcorea: Moon da Trump per salvare il summit con Kim

Nell'amministrazione Usa c'è chi dubita che l'incontro del 12 giugno a Singapore ci sarà. Oggi riunione tra il presidente sudcoreano e quello americano

Il presidente sudcoreano metterà piede oggi alla Casa Bianca con un obiettivo: convincere Donald Trump che il suo summit con il leader nordcoreano s'ha da fare e che può essere costruttivo. Questo, nonostante Pyongyang la settimana scorsa abbia rispolverato una retorica dura su un'esercitazione militare congiunta tra Washington e Seul e ha messo in guardia gli Stati Uniti facendo capire che l'incontro non è affatto scontato.

Una donna alla presidenza del Nyse, prima volta in 226 anni

Stacey Cunningham è attualmente direttore operativo. Sostituisce Thomas Farley

Per la prima volta nei suoi 226 anni di storia, il New York Stock Exchange ha affidato la presidenza a una donna. Si tratta di Stacey Cunningham, attualmente direttore operativo del cosiddetto 'Big Board'.

Trump mette in dubbio il summit con Kim, chiede condizioni

A Kim, il leader Usa offre sicurezza in cambio della denuclearizzazione della sua nazione
AP

Era volato a Washington per assicurarsi che il summit storico tra il presidente americano e quello nordcoreano si verificasse come previsto il 12 giugno prossimo a Singapore. E invece il presidente sudcoreano non ha potuto fare altro che dire che "la persona al comando" è Donald Trump. Tradotto: sarà lui a decidere cosa fare dopo il cambiamento di retorica da parte di Pyongyang, che la settimana scorsa ha cancellato all'ultimo minuto trattative di alto livello con una delegazione sudcoreana minacciando il faccia a faccia con Trump.

L'Italia invade Central Park: il 3 giugno corsa per celebrare la Festa della Repubblica

Passo di iscrizioni record per la "Italy Run By Ferrero", prima edizione dell'evento realizzato in partnership con gli organizzatori della celebre maratona di New York. Attesi circa 10mila partecipanti

L'Italia e gli Stati Uniti celebreranno a New York la Festa della Repubblica con la prima edizione della "Italy Run By Ferrero", una corsa di cinque miglia (otto chilometri) organizzata a Central Park il prossimo 3 giugno. L'iniziativa è aperta a grandi e piccoli, italiani e non; è realizzata in partnership con la New York Road Runners (Nyrr), la non profit a cui fa capo la celebre maratona annuale di New York City, e il consolato italiano a New York guidato da Francesco Genuardi, "orgoglioso di potere trasformare un sogno in realtà" organizzando una corsa che "ancora una volta segna l'amicizia tra l'Italia e la città di New York".

AP

Netflix continua a investire sui contenuti rafforzandosi nella sfida contro rivali come Amazon e Walt Disney. Il servizio di video in streaming ha siglato con Barack e Michelle Obama un accordo pluriennale per la produzione di film e serie. Stando a una nota di Netflix, il 44esimo presidente americano e la moglie "produrrano un insieme vario di contenuti" tra cui potrebbero rientrare serie, docu-serie e documentari. "Questi progetti saranno disponibili ai 125 milioni di membri Netflix in 190 Paesi". Si chiama Higher Ground Productions la società con cui gli Obama produrranno contenuti per Netflix.