WikiLeaks svela le tecniche di sorveglianza della Cia

Pubblicata la prima tranche di 'Vault 7', nuova serie di documenti che secondo Assange sarà persino più esplosiva di quelli di Edward Snowden sull'Nsa. Sul fronte politico Trump si prepara a sostituire Obamacare, ma i conservatori non sono soddisfatti
Ap

WikiLeaks è tornato a colpire, e questa volta il bersaglio è la Cia. Il sito fondato da Julian Assange ha pubblicato una prima tranche di 8.761 documenti - datati tra il 2013 e il 2016 - che rivelano le tecniche e gli strumenti informatici utilizzati dall’agenzia per condurre le sue operazioni di sorveglianza. Secondo Assange ‘Vault 7’, come è stata rinominata questa nuova serie di leaks, costituisce la più ampia mole di documenti sullo spionaggio mai pubblicata, ed è potenzialmente persino più esplosiva delle rivelazioni di Edward Snowden sull'Nsa.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

Stando al materiale ottenuto da WikiLeaks, la cui autenticità per il momento non è stata ancora confermata, i software in possesso della Cia permetterebbero perfino di utilizzare smartphone e televisioni di ultima generazione, anche se spenti, per ascoltare e registrare le conversioni dei soggetti sotto sorveglianza; ad essere colpite sarebbero anche le app criptate di messagistica come WhatsApp, Signal, Telegram e Confide. La fonte sembra essere un membro della Cia stessa, che secondo WikiLeaks ha agito mossa dal “desiderio di aprire un dibattito pubblico sulla legittimità di queste operazioni”, nella convinzione che ci sia bisogno di un maggiore controllo per queste nuove armi cibernetiche. Bisogna però precisare che questi strumenti vengono usati dalle agenzie di intelligence per sorvegliare i soggetti potenzialmente pericolosi, non i comuni cottadini. In ogni caso questa fuga di informazioni, se confermata, porterebbe con se una serie inimmaginabile di consegunze, a partire dall'indebolimento della capacità operativa di un'agenzia le cui armi e metodi non sono più un segreto.

Sul fronte politico è nel frattempo iniziata la lunga marcia per l’approvazione del disegno di legge che dovrebbe sostituire Obamacare, la riforma sanitaria fortemente voluta dall’ex presidente Barack Obama. “Sono sicuro che questa riforma sarà compresa e apprezzata anche più della precedente”, ha dichiarato ieri Donald Trump, ma a smorzare il suo ottimismo sono state le numerose critiche che sono giunte proprio dal fronte repubblicano. I membri più conservatori del Gop lo hanno infatti accusato di aver voluto scrivere un testo ‘troppo centrista’, per venire incontro alle esigenze di tutti. La risposta (colorita) del presidente non si è fatta attendere; Trump ha promesso ‘un bagno di sangue’ per tutti coloro che vorranno opporsi. Resta solo da vedere se avrà anche la forza politica necessaria per far passare la riforma al momento del voto in Congresso.

Canzone del giorno: Peter Gabriel - The Veil

Altri Servizi

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock