Wp: Nielsen e Vitiello cacciati da Trump, erano contrari ai blitz anti-migranti

La Casa Bianca voleva arrestare ed espellere migliaia di famiglie irregolari, ma la segretaria alla Sicurezza nazionale e il capo dell'Ice si sono opposti
Immigration and Customs Enforcement

Kirstjen Nielsen e Ronald Vitiello sono stati cacciati dall'amministrazione Trump dopo essersi opposti a un piano per l'arresto di migliaia di famiglie di immigrati irregolari in dieci città. A scriverlo è il Washington Post.

Lo scorso mese, il presidente statunitense Donald Trump ha deciso l'allontanamento della segretaria per la Sicurezza nazionale e del capo dell'agenzia per la sicurezza delle frontiere e dell'immigrazione (Ice). Secondo il resoconto esclusivo del Washington Post, Nielsen e Vitiello si sarebbero opposti a un piano segreto della Casa Bianca per compiere dei blitz in 10 grandi città del Paese, per arrestare migliaia di persone entrate illegalmente dopo il fallimento della 'tolleranza zero' all'inizio del 2018.

L'obiettivo del piano, secondo le fonti del quotidiano, era di dare un segnale di forza dell'amministrazione e la sua volontà di arrestare ed espellere velocemente tutti gli immigrati entrati recentemente, compresi i bambini. All'inizio di aprile, Trump ha costretto alle dimissioni Nielsen e ha cancellato la nomina di Vitiello a capo dell'Ice, l'agenzia federale responsabile del controllo della sicurezza delle frontiere e dell'immigrazione, che guidava ad interim da alcuni mesi. Trump giustificò la decisione su Vitiello affermando che gli Stati Uniti "andranno in una direzione differente. Ron è un brav'uomo, ma andremo in una direzione più dura. Vogliamo andare in una direzione più dura".

Secondo le fonti del quotidiano, Stephen Miller, consigliere 'falco' di Trump, e il vicedirettore dell'Ice, Matthew Albence, erano particolarmente a sostegno del piano, desiderosi di eseguire degli arresti di massa che avessero grande visibilità mediatica, perché convinti che sarebbe servito da deterrente per altri stranieri intenzionati a entrare negli Stati Uniti. Gli arresti sarebbero stati compiuti a New York, Chicago, Los Angeles e altre grandi destinazioni per gli irregolari provenienti dall'America centrale; tra le città entrate nel piano, anche le cosiddette 'città santuario' (come Los Angeles), ovvero quelle dove le forze dell'ordine locali non collaborano con l'Ice per l'arresto degli immigrati irregolari. Il piano iniziale prevedeva l'arresto di 2.500 tra adulti e bambini, ma era considerato solo un primo passo verso l'arresto di 10.000 irregolari.

Secondo le fonti, Vitiello e Nielsen erano contrari ai blitz per motivi operativi e organizzativi, e non per motivi etici, considerandolo inoltre un piano inefficace. I funzionari dell'amministrazione ascoltati dal Washington Post hanno descritto l'opposizione di Vitiello e Nielsen come un fattore nella decisione di Trump di cacciare entrambi, soprattutto nella decisione di mandare via Vitiello. Miller, secondo attuali ed ex funzionari statunitensi, avrebbe detto al presidente che alcuni membri della sua amministrazione non hanno a cuore il suo interesse e che sono troppo preoccupati per la loro reputazione per applicare la sua agenda.

Altri Servizi

Marco Glaviano: il fotografo delle top model con la passione per il jazz

Fino al 15 giugno 2019, le sue opere esposte alla Space Gallery St Barth/Soho a New York. Il suo lavoro più bello? Ritratti di jazzisti in un libro ancora da pubblicare
Space Gallery St Barth/Soho

"Il mio lavoro più bello è questo". Marco Glaviano non indica una ventenne Paulina Porizkova, nuda, nascosta da grandi foglie verdi e umide. Non indica lo sguardo profondo di Claudia Schiffer o un bacio mandato dalle labbra di una giovanissima Cindy Crawford con gli occhi chiusi e un ciuffo ribelle di capelli sul viso. Sta per inaugurare la sua nuova mostra a New York. Ma non è alle opere esposte fino al 15 giugno prossimo alla Space Gallery St Barth/Soho a cui il famoso fotografo fa riferimento, ma a un libro mai pubblicato, sul quale ha iniziato a lavorare nel 1965. "Ne ho pubblicati 15 ma questo non ancora". Il contenuto? Ritratti di jazzisti. "La mia grande passione".

Wall Street, restano le tensioni commerciali Usa-Cina

Dati: in programma la fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan
AP

Trump pro vita, ma contro le leggi in Alabama e Missouri

Il presidente su Twitter: "Sono fortemente pro vita, con tre eccezioni: stupro, incesto e per proteggere la vita della madre. La stessa posizione di Ronald Reagan". L'offensiva dei repubblicani punta alla Corte Suprema e a cancellare il diritto all'aborto
ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, si è dichiarato "pro vita", in una serie di tweet pubblicati nella notte tra sabato e domenica, ma si è espresso contro le nuove leggi che vietano l'aborto in Alabama - dove è già stata promulgata - e Missouri - che sarà presto firmata dal governatore - che impediscono l'interruzione di gravidanza anche in caso di stupro e incesto. "Sono fortemente pro vita, con tre eccezioni: stupro, incesto e per proteggere la vita della madre. La stessa posizione di Ronald Reagan" ha scritto Trump.

Biden lancia ufficialmente la sua campagna con un duro attacco a Trump: "Vomita odio"

L’ex vicepresidente americano, a Philadelphia per il primo grande comizio verso Usa 2020, ha lanciato l'appello all'unità
Ap

A poco più di otto mesi dall’inizio delle primarie democratiche che determineranno il candidato alla corsa alla Casa Bianca 2020, Joe Biden lancia ufficialmente la sua campagna con un grande comizio a Philadelphia, in Pennsylvania, dove ha allestito il suo quartier generale. L’ex vicepresidente americano, che sta volando nei sondaggi, ha attaccato duramente Donald Trump accusandolo di voler dividere il Paese su temi fondamentali come la religione, la razza e l'orientamento sessuale.

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
U.S. Department of Defense

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, potrebbe concedere la grazia a diversi militari condannati o accusati di crimini di guerra. Lo scrive il New York Times, secondo cui il capo di Stato avrebbe chiesto al suo staff di preparare i documenti. Tra i soldati da graziare, ci sarebbe anche un militare accusato di aver sparato su civili disarmati in Iraq.

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap

La pornostar Stormy Daniels ha raggiunto un accordo con l'ex legale di Donald Trump, Michael Cohen, ritirando l'ultima delle tre cause avviate dal suo ex legale Michael Avenatti, nell'ambito della presunta relazione avuta nel 2006 con l'attuale presidente degli Stati Uniti. Lo riporta la Cnn che cita i documenti del tribunale.

Wall Street, attenzione rivolta sempre ai rapporti Usa-Cina

Il presidente Trump continua ad attaccare la Cina su Twitter
AP

Boeing, completato l'aggiornamento del software: i 737 max sono pronti a volare

La ho annunciato la società in una nota in cui ha dichiarato di aver effettuato test su 207 voli, per oltre 360 ore
Ap

Il colosso americano Boeing ha annunciato di aver completato l’aggiornamento dei software per gli aerei 737 Max, sottolineando di averlo testato su 207 voli, per un totale di oltre 360 ore. Si tratta di un’importante novità che potrebbe riportare "in quota" i velivoli di Boeing bloccati a terra dopo l'incidente avvenuto vicino ad Addis Abeba, in Etiopia, il 10 marzo scorso nel quale hanno perso la vita 157 persone. Da quel giorno infatti sia le compagnie aeree che le agenzie per la sicurezza del volo hanno deciso, preventivamente, di bloccare a terra tutti i velivoli della compagnia americana.

Usa2020, Obama lancia un fondo per finanziare la nomination democratica

L’ex presidente sosterrà i candidati del partito dell’asinello attraverso il "Democratic Unity Fund"

Barack Obama scende - indirettamente - in campo per Usa2020. L’ex presidente americano ha infatti annunciato un'iniziativa a sostegno dei candidati democratici per la corsa alla Casa Bianca. Si tratta del "Democratic Unity Fund", ovvero il "fondo unitario democratico" che sosterrà quella che sarà la nomination del partito dell'Asinello alle prossime presidenziali.

Usa 2020, primarie Dem: si candida anche de Blasio, sindaco di New York

È il ventiquattresimo candidato alla nomination democratica per le presidenziali del prossimo anno

Il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha annunciato la sua candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi del prossimo anno. Nel video con cui ha lanciato la sua campagna, 'Working People First' (prima i lavoratori), de Blasio ha detto: "Affronterò i benestanti, affronterò le grandi società, non mi fermerò finché il governo non servirà i lavoratori. Come sindaco della più grande città d'America, ho fatto proprio questo". "Donald Trump deve essere fermato. L'ho battuto in passato - ha detto - e lo farò ancora". De Blasio è il ventiquattresimo candidato alle primarie democratiche; nessun sindaco in carica è mai stato eletto presidente degli Stati Uniti.