Yahoo: almeno 500 milioni di utenti colpiti da hacker, cambiate password

E' successo a fine 2014. Secondo il gruppo, potrebbe esserci dietro un pirata informatico appoggiato da uno Stato. Verizon, che sta acquisendo gli asset Internet del gruppo, valuta mentre le indagini proseguono
A>

Yahoo conferma di essere stato colpito da hacker. A farne le spese sono "almeno 500 milioni di utenti" In un comunicato il gruppo Internet spiega che "alcune informazioni" dei suoi utenti sono state rubate dal network dell'azienda "alla fine del 2014" da quello che crede sia un'entità "sostenuto da uno Stato". Yahoo esclude che quest'ultimo sia ancora nel suo sistema informatico.

Cosa è stato rubato e cosa no
Ad essere stati violati da pirati informatici potrebbero essere nomi, indirizzi email, numeri di telefono, date di nascita, password create con la tecnica dell'hashing e in alcuni casi le domande e risposte di sicurezza. Stando all'inchiesta condotta dal gruppo californiano, non sembra che gli hacker siano riusciti a mettere le mani sui dati di carte di credito o di conti bancari. Il motivo è che questa tipologia di dati non viene conservata nella rete oggetto di furto. Sul caso l'azienda guidata da Marissa Mayer - che a luglio raggiunse un accordo per cedere gli asset Internet (servizio mail incluso) a Verizon per 4,8 miliardi di dollari - sta lavorando con le forze dell'ordine.

Cosa fare
Yahoo sta avvertendo gli utenti potenzialmente colpiti dall'attacco hacker di fare ogni mossa possibile per mettere al sicuro i loro account. Tra di esse c'è il cambio della password, specialmente se non lo hanno fatto dal 2014. Il gruppo inoltre incoraggia gli utenti a verificare se ci sono state attività sospette. Tra i vari suggerimenti - tra cui quelli scontati di non cliccare link o scaricare allegati in arrivo da email di dubbia provenienza - c'è anche quello di usare il cosiddetto Yahoo Account Key, uno strumento che elimina la necessità di usare una password. "Intrusioni e furti online da parte di attori sponsirizzati da uno stato sono diventati sempre più comuni nel settore tecnologico", dichiara Yahoo in una nota.

La risposta di Verizon
Il colosso americano delle tlc che a luglio raggiunse un accordo per rilevare gli asset core di Yahoo per 4,8 miliardi di dollari, dichiara di avere "informazioni limitate" a disposizione sull'attacco hacker che ha colpito Yahoo. Verizon dice di essere stato informato dell'intrusione dei pirati informatici "negli ultimi due giorni". Verizon aggiunge che "valuterà" la situazione "mentre le indagini continuano". 

Altri Servizi

L'ex consigliere Flynn ha mentito all'Fbi

Secondo il Washington Post, avrebbe negato di avere discusso di sanzioni con l'ambasciatore russo in Usa prima dell'arrivo di Trump alla Casa Bianca

Michael Flynn, l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale dell'amministrazione Trump, avrebbe mentito durante un interrogatorio con gli agenti dell'Fbi.

Iguatemi Group

Valentino raddoppia a San Paolo. E dopo il negozio all'interno dello Shopping Cidade Jardim la maison italiana ha inaugurato il suo secondo store nella città brasiliana nell'Iguatemi Mall São Paulo, il primo shopping center della catena, il primo mai aperto in America Latina e che nel 2016 ha festeggiato il cinquantenario dall'inaugurazione.

A Wall Street torna la cautela

Solo il Dj è riuscito a mettere a segno il sesto record di fila
AP

Sul NyTimes la storia del giudice italiano che separa i figli dai padri mafiosi

Per Roberto Di Bella tagliare i legami tra i figli di famiglie mafiose e i parenti possa dare loro maggiori possibilità di avere una vita normale.

La storia di Roberto Di Bella, magistrato italiano di 53 anni, impegnato nella lotta alla mafia e dal settembre 2012 presidente del tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, è finita sul New York Times. Il quotidiano, che lo ha intervistato, racconta la convinzione del giudice che tagliare i legami tra i figli di famiglie mafiose e i genitori possa dare loro maggiori possibilità di avere una vita normale.

Tarullo lascia la Fed mentre Trump smantella la riforma finanziaria

E' l'uomo che ha creato un nuovo framework volto a garantire la sicurezza e la tenuta del sistema finanziario Usa. La sua uscita spiana la strada alla nomina di un amico delle banche

Mentre il governo repubblicano di Donald Trump si prepara ad allentare la riforma finanziaria adottata negli Stati Uniti dopo la crisi del 2008, uno dei suoi creatori ha deciso di lasciare il Board della Federal Reserve guidata da Janet Yellen. Si tratta di Daniel K. Tarullo. Dal 5 aprile prossimo non farà più parte dell'organo che governa la banca centrale americana e in cui era entrato nel 28 gennaio 2009, quando fu nominato dal 44esimo presidente americano Barack Obama (un democratico). Il suo incarico doveva terminare il 31 gennaio 2022.

Donald Trump spiegato dai suoi detrattori. Intervista con Federico Rampini

Confermato il blocco al decreto immigrazione, ma Donald Trump promette battaglia. Dopo l’intervista con Maria Giovanna Maglie, America24 da' spazio - par condicio - anche ai critici del presidente. La parola al corrispondente di Repubblica

Donald Trump incassa la sconfitta. La Corte d’Appello del nono distretto di San Francisco ha infatti confermato la decisione del giudice James Robart di Seattle: il decreto sull’immigrazione resta sospeso. Il verdetto è stato emesso da tre giudici, due democratici e un repubblicano, ed è stato preso all’unanimità; respinto dunque il ricorso dell’Amministrazione, che aveva puntato sulla ragione della sicurezza nazionale la sua linea di difesa. Donald Trump ha immediatamente commentato la decisione con i 140 caratteri: “Ci vediamo in tribunale”, ha twittato in maiuscolo. Si tratta ora di capire quale Corte diventerà il prossimo terreno di scontro, la stessa Corte d’Appello, con la presenza questa volta di 11 giudici, o addirittura la Corte Suprema.

Flynn si dimette. Trump a caccia di nuovo consigliere sicurezza nazionale. Spunta nome Petraeus

E' finito nella bufera per le rivelazioni della stampa americana sui suoi contatti, giudicati inappropriati, con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti
AP

Alla fine Michael Flynn ha mollato il colpo e si è dimesso da consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Donald Trump. Si è fatto da parte dopo quattro giorni di fuoco, in cui è finito nella bufera per le rivelazioni della stampa americana sui suoi contatti, giudicati inappropriati, con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, mentre Barack Obama era ancora in carica.

Harward, Kellogg, Petraeus: chi prenderà il posto di Flynn?

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, deve scegliere il nuovo consigliere per la sicurezza nazionale, dopo le dimissioni del generale a tre stelle
Defense Intelligence Agency

Dopo le dimissioni di Michael Flynn, Donald Trump è alla ricerca di un nuovo consigliere per la sicurezza nazionale. Secondo Fox News, la tv certamente più vicina al presidente degli Stati Uniti, la rosa dei candidati è ridotta a tre nomi: l'ammiraglio in pensione Robert Harward, il generale a tre stelle Joseph Kellogg e l'ex direttore della Cia, nonché generale a quattro stelle, David Petraeus.

Montano le pressioni per un'inchiesta sui legami Russia-Trump

Dopo le dimissioni del consigliere per la Sicurezza nazionale Flynn, i senatori chiedono nuove indagini. Alla Casa Bianca domina la confusione

Un fantasma russo continua ad aggirasi per i corridoi della Casa Bianca. E questa volta la colpa è di Michael Flynn,  il consigliere per la sicurezza nazionale che dopo 24 giorni dal suo giuramento è stato costretto a dimettersi il 13 febbraio. Il motivo? Telefonate con l'ambasciatore russo in Usa nelle quali - ha ammesso dopo avere sempre sostenuto il contrario -  aveva discusso di sanzioni imposte al Cremlino dall'amministrazione Obama. Le sue dimissioni - chieste da Trump - probabilmente non basteranno ad archiviare l’ennesimo scandalo legato alla Russia: Mosca era già stata al centro delle polemiche per le sue presunte interferenze nella campagna elettorale Usa. Non solo. A Washington è circolato un dossier (dai contenuti tutti da dimostrare) secondo cui il Cremlino sarebbe in possesso di informazioni esplosive su Trump.

Trump accoglie Netanyahu: focus su una soluzione dei due Stati

Ha promesso di essere il presidente americano più vicino a Tel Aviv ma punta a ottenere la pace tra Israele e Palestina. Il forte legame tra i due alleati verrà ribadito così come gli attacchi all'Iran
AP

E' arrivato il giorno di Benjamin Netanyahu, in visita alla Casa Bianca di Donald Trump. Il premier israeliano è il quarto leader straniero ad essere accolto dal nuovo presidente americano dopo Theresa May, Shinzo Abe e Justin Trudeau, premier rispettivamente britannico, giapponese e canadese.