Yahoo: la cybersicurezza mai stata una proprietà per l'a.d. Mayer

Puntava a progetti più ambiziosi, all’altezza di competitor come Apple o Google. Il gruppo si difende dicendo che nel 2014 erano stati spesi 10 milioni in tecnologie per la privacy
In un momento in cui le intrusioni da parte di governi stranieri e di pirati si facevano apparentemente sempre più frequenti, l’amministratore delegato di Yahoo Marissa Mayer scelse consapevolmente di non puntare sulla sicurezza, preferendo concentrarsi su altre priorità. Una strategia ben diversa da quella adottata dal rivale Google, dove aveva lavorato prima di passare al gruppo concorrente. Dopo che hacker cinesi colpirono nel 2010 vari gruppi tecnologici, il colosso di Mountain View investì milioni in cyber-sicurezza al motto "non succederà mai più"; il gruppo di Sunnyvale - che diversamente da Google non ammise mai pubblicamente di essere stato colpito - fu invece al quanto lento nell'investire nelle difese fondamentali per impedire altre intrusioni di pirati informatici. E' quello che scrive il New York Times, citando sei tra dipendenti attuali e passati di Yahoo.
 
Quando Marissa Mayer arrivò alla guida di Yahoo a metà 2012, si è trovata per le mani un’azienda in difficoltà. E pur ereditando il problema della sicurezza, l'a.d. non ne ha mai fatto una priorità preferendo lo sviluppo di nuovi prodotti e la creazione di un look più d'appeal dei suoi servizi. Peccato che quella scelta non abbia premiato visto che Yahoo ha annunciato giovedì scorso che almeno 500 milioni dei suoi utenti sono stati colpiti da hacker alla fine del 2014. Si tratta dell'intrusione più grande nella rete di un'azienda, ora al vaglio dell'Fbi, e dell'ultima batosta per Mayer: incapace di rilanciare il gruppo, ha deciso a luglio di cedere gli asset core (quelli per cui il gruppo è noto, servizio di email incluso) a Verizon per 4,8 miliardi di dollari. Non è ancora chiaro se l'invasione degli hacker condizionerà la cessione.
 
Secondo le fonti del Nyt, Mayer si illudeva di poter raggiungere (e forse superare) colossi come Google e Apple, investendo più in campo tecnologico e decisamente meno in sicurezza, almeno rispetto ai rivali.
 
Yahoo si difende: il New York Times cita una portavoce, Suzanne Philion, secondo cui il gruppo ha speso 10 milioni di dollari nella tecnologia per la criptazione all'inizio del 2014 e che gli investimenti nelle iniziative di sicurezza dal 2015 al 2016 saliranno del 60%. "In Yahoo, abbiamo una comprensione profonda delle minacce che i nostri clienti si trovano di fronte e puntiamo costantemente ad anticipare quelle minacce per mantenere al sicuro i nostri utenti e le nostre piattaforme".
Altri Servizi

Wall Street crede ancora nell'agenda pro-crescita di Trump

All'indomani della peggiore seduta da settembre, l'azionario e il dollaro rimbalzano
AP

Russiagate: arriva il procuratore speciale chiesto dai democratici

Robert Mueller, il predecessore del capo dell'Fbi silurato dal presidente Usa, guiderà l'inchiesta sull'interferenza di Mosca nelle elezioni Usa. Trump: avanti con l'indagine, nessuna collusione tra mia campagna e "soggetti stranieri"
Fbi

Dopo tante polemiche, i democratici hanno ottenuto quello che volevano ma che la Casa Bianca reputava non necessario: il dipartimento americano di Giustizia ha scelto un procuratore speciale a cui affidare la guida delle indagini sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sui possibili legami tra la campagna di Trump e funzionari russi.

La vendetta di Rosenstein, l'uomo che mette nei guai Trump

Il vicesegretario alla Giustizia ha incaricato un procuratore speciale di indagare sui legami tra lo staff del presidente e la Russia, avvisando la Casa Bianca solo a decisione presa

La scorsa settimana, era stato 'l'eroe' della Casa Bianca, l'uomo che aveva permesso al presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, di licenziare il capo dell'Fbi, James Comey. Rod Rosenstein, vicesegretario alla Giustizia, non aveva però apprezzato di essere dipinto come il maggiore responsabile della decisione di Trump e, secondo le fonti del Washington Post, aveva persino minacciato le dimissioni. Ieri, ha preso una decisione contro la Casa Bianca, in autonomia, portando il 'caso Russia' a un nuovo livello, molto pericoloso per Trump, con l'affidamento delle indagini sull'interferenza di Mosca nelle elezioni presidenziali statunitensi e sui possibili legami tra lo staff del presidente e funzionari del Cremlino a un procuratore speciale, Robert Mueller III, capo dell'Fbi dal 2001 al 2013.

La più antica Camera di Commercio del Nord America ritorna a svolgere un ruolo centrale nel coordinamento dell’area Nafta. La CCIE di New York è stata eletta a rappresentare tutte le nove camere di commercio dell’area area Nafta (Canada, Stati Uniti e Messico).

Fca punta a soluzione "giusta" del caso emissioni in Usa

Secondo Bloomberg, la Giustizia americana potrebbe fare causa al gruppo questa settimana se i negoziati non portassero a una soluzione. L'azienda: "Sarebbe controproducente". Un'analista: sarebbe uno sviluppo inatteso
AP

Una causa legale ancora non è stata depositata dal governo Usa e, salvo sorprese, non ci sono indicazioni che lo sarà a breve nei confronti di Fiat Chrysler Automobiles. C'è chi interpreta così, ridimensionandole, le indiscrezioni di Bloomberg che ieri hanno provocato un calo del 3,7% del titolo Fca nel dopo mercato a Wall Street, ampliando la flessione registrata nel corso della seduta (-3,11% a 10,59 dollari) in una giornata per altro in cui la Commissione europea aveva annunciato l'apertura di una procedura di infrazione contro l'Italia per il mancato adempimento degli obblighi derivanti dalla normativa Ue in materia di omologazione dei veicoli. Secondo Bloomberg, il dipartimento di Giustizia Usa già questa settimana potrebbe fare causa al gruppo guidato da Sergio Marchionne se - e solo se - dovessero fallire i negoziati da tempo in corso sulla violazione presunta delle leggi americane sulle emissioni. Fca punta a una soluzione "giusta" del caso.

Cisco annuncia altri 1.100 esuberi

Il gruppo ha chiuso un trimestre migliore del previsto ma l'outlook sui ricavi ha deluso. Tonfo dell'8% del titolo nel dopo mercato

Cisco Systems ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili e ricavi superiori alle stime degli analisti fornendo però un outlook deludente. Inoltre, il gruppo che fornisce soluzioni di rete ha detto che eliminerà altri 1.100 posti di lavoro, che vanno ad aggiungersi ai 5.500 posti già annunciati in un piano di ristrutturazione lo scorso agosto.

AP

L'ipotesi che esistano registrazioni in cui si sente il presidente brasiliano approvare l'esborso di tangenti per comprare il silenzio di un ex alleato ha mandato in tilt i mercati finanziari brasiliani mentre quelli americani sono rimasti a guardare: sono rimbalzati all'indomani del peggiore sell-off del 2017 ma si sono sbarazzati di titoli legati alla nazione sudamericana.

Russiagate, tutto quello che sappiamo sui rapporti con Mosca

Flynn, Comey e l'Fbi, i segreti di Israele sull'Isis. Trump rischia l'impeachment?
Ap

Potrebbe diventare uno dei più grandi scandali americani dal Watergate e portare Donald Trump verso la procedura di impeachment, proprio come Richard Nixon nel 1974. Ogni giorno si aggiungono nuovi dettagli nella lunga lista di contatti, errori, bugie e cambi di direzione nella questione dei rapporti tra il presidente americano e Mosca, il Russiagate. Ecco quello che sappiamo finora.

Indebitamento delle famiglie americane supera il picco pre-crisi

Vale 12.730 miliardi di dollari, 50 miliardi di dollari oltre il precedente picco messo a segno nel terzo trimestre del 2008 ossia in piena recessione. La Fed di New York: non c'è da festeggiare né da allarmarsi

L'indebitamento delle famiglie americane è cresciuto per l'undicesimo trimestre di fila tra gennaio e marzo scorsi e ha sorpassato i livelli pre-crisi. Se in generale onorano i propri impegni nei confronti dei creditori, sono gli studenti ad avere maggiori difficoltà con debiti pari a 1.340 miliardi.

I poteri di Mueller, procuratore speciale (ma non indipendente)

Figura più debole del vecchio 'special prosecutor', visto che dipende dal dipartimento di Giustizia. Avrà comunque ampi poteri

La decisione del dipartimento di Giustizia statunitense di affidare all'ex direttore dell'Fbi, Robert Mueller, l'incarico di indagare sui possibili legami tra lo staff del presidente Donald Trump e la Russia è senza dubbio una vittoria per i democratici, un nuovo (grosso) problema per la Casa Bianca e un chiaro segnale che lo scandalo che ha rallentato l'amministrazione non farà altro che ampliarsi nelle prossime settimane. Non è solo la decisione di incaricare un procuratore speciale a preoccupare la Casa Bianca, ma è anche l'uomo scelto per assumere l'incarico: Mueller ha guidato l'Fbi dal 2001 al 2013, è una figura considerata al di sopra delle parti ed è, anche, un grande amico di James Comey, il direttore del Federal Bureau licenziato la scorsa settimana da Trump.