Yahoo: oltre un miliardo di utenti colpiti da hacker. A rischio intesa con Verizon

Attacco risalente all'agosto del 2013; sembra diverso da quello di fine 2014 e annunciato a settembre. Ennesimo flop per l'a.d. Mayer, che potrebbe dovere abbassare il prezzo o vedere sfumare la cessione di asset core al gruppo tlc

Gli attacchi hacker a danno degli utenti di Yahoo non sembrano finire. E il dubbio che in termini di sicurezza l'azienda guidata da Marissa Mayer sia rimasta indietro rispetto a rivali come Google e Facebook sta diventando una realtà. Dopo quello annunciato lo scorso 22 settembre ma risalente alla fine del 2014, il 14 dicembre il gruppo tecnologico ha comunicato una nuova intrusione illecita avvenuta nell'agosto 2013. Nel primo caso, gli utenti colpiti erano stati oltre 500 milioni; nel secondo, oltre un miliardo. Il gruppo ha così superato sé stesso mettendo a segno un nuovo record: entrambe gli attacchi sono stati i più grandi di sempre.

Accordo con Verizon a rischio?
A parte la fiducia degli internauti nei confronti di un ex colosso tecnologico, a risentire della notizia sono anche i piani per la cessione a Verizon degli asset core dell'azienda con sede a Sunnyvale (California): l'intesa da 4,8 miliardi di dollari decisa a luglio potrebbe essere destinata a saltare o a essere rivista in termini di prezzo. In gioco ci sono siti come Yahoo Sport, Yahoo Notizie e Yahoo Finanza ma anche il motore di ricerca omonimo, il servizio di email, la piattaforma per immagini Flickr e il blog Tumblr. Il colosso americano delle tlc ha detto che "rivedrà l'impatto" dell'intrusione illecita, di cui è stato informato qualche settimana fa. Già a settembre, Verizon aveva spiegato di avere "basi ragionevoli" per rinegoziare o rinunciare all'accordo.

"Come abbiamo sempre detto, valuteremo la situazione mentre Yahoo continua le sue indagini. Rivedremo l'impatto di questo sviluppo nuovo prima di raggiungere una conclusione finale", ha rifeto Verizon in un comunicato successivamente a quello diffuso da Yahoo.

Cosa è stato rubato dagli hacker
Yahoo è convinto che l'ultimo "incidente" rivelato sia "distinto" da quello svelato nel settembre scorso. Tuttavia il gruppo ha detto di avere notato attività "simili" a quelle degli hacker "sponsorizzati da uno Stato" straniero che crede sia stati responsabili dell'intrusione annunciata tre mesi fa.

Come allora, ad essere stati rubati sono probabilmente nomi, indirizzi di posta electronica, numeri di telefono, date di nascita, password "hashed" e in alcuna casi domande e risposte di sicurezza sia crittate sia non crittate. Stando alle indagini realizzate da Yahoo, i dati associati a carte di credito e informazioni legate a un conto corrente bancario sono rimaste al sicuro perché questo tipo di dati è salvato in un sistema che l'azienda non crede sia stato penetrato dai pirati informatici.

Un flop nella sicurezza
Come suo solito ormai, Yahoo invita i suoi utenti a modificare le loro password e a notare se nei loro account ci siano state attività sospette. Il punto è che Yahoo "non è stato capace di identificare l'intrusione associata a questo furto"; in pratica non sa come gli hacker si siano infilati nel suo sistema. Non solo. L'ultimo attacco annunciato si è verificato molto tempo fa e nessuno in Yahoo si sarebbe forse accorto di nulla se non fossero state le forze dell'ordine a farsi avanti - come comunitato lo scorso novembre dal gruppo - fornendo dati che un "soggetto terzo" reclamava fossero di Yahoo. L'azienda "ha analizzato quei dati con l'assistenza di esperti" e ha concluso che si tratta di dati dei suoi utenti.

Il mercato non ha preso bene la notizia: il titol nel dopo mercato ha perso il 2,5%. Aveva chiuso a 40,91 dollari.

Altri Servizi

Nordcorea: Moon da Trump per salvare il summit con Kim

Nell'amministrazione Usa c'è chi dubita che l'incontro del 12 giugno a Singapore ci sarà. Oggi riunione tra il presidente sudcoreano e quello americano

Il presidente sudcoreano metterà piede oggi alla Casa Bianca con un obiettivo: convincere Donald Trump che il suo summit con il leader nordcoreano s'ha da fare e che può essere costruttivo. Questo, nonostante Pyongyang la settimana scorsa abbia rispolverato una retorica dura su un'esercitazione militare congiunta tra Washington e Seul e ha messo in guardia gli Stati Uniti facendo capire che l'incontro non è affatto scontato.

Una nativa americana vince le primarie Dem per la carica di governatore dell'Idaho

Paulette Jordan ha 38 anni; nessun nativo americano è mai stato governatore negli Stati Uniti
Ap

Paulette Jordan ha 38 anni, due mandati da parlamentare statale dell'Idaho alle spalle e un possibile futuro da governatore dell'Idaho: nessun nativo americano ha mai ottenuto tale incarico in uno Stato degli Stati Uniti.

Pompeo sull'Iran: rischia le sanzioni più dure della storia

Il segretario di Stato chiede a Teheran di fermare l'arricchimento di uranio, il programma missilistico e i finanziamenti ai gruppi militari in Medio Oriente
Ap

Per la prima volta, l'amministrazione Trump ha descritto le 12 condizioni "di base" con cui sarebbe disposta a negoziare un nuovo accordo sul nucleare iraniano visto che gli Stati Uniti si sono ritirati da quello storico sottoscritto nel 2015 quando alla Casa Bianca c'era Barack Obama. Difficilmente però la linea di Washington troverà sostegno in Russia, in Cina e in Europa. Per questo le sanzioni ventilate dalla prima economia al mondo, secondo alcuni, sono viste come meno efficaci rispetto a quelle che l'amministrazione Obama aveva adottato con l'appoggio di altri alleati.

AP

Netflix continua a investire sui contenuti rafforzandosi nella sfida contro rivali come Amazon e Walt Disney. Il servizio di video in streaming ha siglato con Barack e Michelle Obama un accordo pluriennale per la produzione di film e serie. Stando a una nota di Netflix, il 44esimo presidente americano e la moglie "produrrano un insieme vario di contenuti" tra cui potrebbero rientrare serie, docu-serie e documentari. "Questi progetti saranno disponibili ai 125 milioni di membri Netflix in 190 Paesi". Si chiama Higher Ground Productions la società con cui gli Obama produrranno contenuti per Netflix.

Haspel ha giurato: è la prima donna a guidare la Cia

Scelta dal presidente perché "nessuno è più qualificato di lei", è stata criticata perché ha diretto un centro di detenzione dove i presunti terroristi venivano torturati
Ap

Gina Haspel ha giurato da direttore della Cia, prima donna a ottenere questo incarico. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, presente alla cerimonia che si è svolta nel quartier generale dell'agenzia federale a Langley, in Virginia, ha detto: "Gina guiderà questa agenzia nel prossimo grande capitolo. Gina assume il ruolo di direttore in un momento cruciale della nostra storia. Stiamo riaffermando la forza americana e la fiducia americana". Giovedì scorso, il Senato ha confermato Haspel con il voto favorevole di 54 senatori.

Commissione Intelligence del Senato Usa: "Mosca ha cercato di favorire Trump"

Per l'equivalente commissione della Camera, invece, non ci sarebbero prove. Il repubblicano Burr: "Non abbiamo motivi per mettere in dubbio le conclusioni dell'intelligence"
Ap

La Russia ha cercato di favorire l'elezione di Donald Trump. Ne è convinta anche la commissione Intelligence del Senato statunitense, guidata dai repubblicani, che sta indagando sulle interferenze russe nelle scorse elezioni presidenziali. Per la commissione Intelligence della Camera, invece, la Russia ha interferito nelle presidenziali, ma non ci sono prove che Mosca, con le sue azioni, abbia cercato di favorire Trump a svantaggio della sua rivale, la candidata democratica Hillary Clinton.

Fitch: con M5S e Lega i rischi aumentano ma "improbabile" uscita dall'euro

L'agenzia di rating si aspetta potenziali danni alla fiducia e scontri con le autorità dell'Eurozona. Bannon in settimana in Italia per vedere Salvini
AP

Il programma politico deciso dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega, "i due partiti più populisti ed euroscettici d'Italia, aumentano i rischi per il profilo di credito della nazione, attraverso soprattutto un allentamento fiscale e potenziali danni alla fiducia". Lo ha scritto Fitch in un rapporto, precisando che la portata di quei rischi è "incerta" e dipenderà dalla capacità del governo di adottare il suo programma. Intanto Bloomberg ha riferito che in settimana Steve Bannon, l'ex stratega ultra conservatore del presidente americano Donald Trump, sarà in settimana in Italia per vedere il leader della Lega, Matteo Salvini.

Tom Wolfe, autore de "Il falò della vanità", è morto a 88 anni

A lui si deve l'espressione "radical chic" e il New Journalism
AP

Tom Wolfe, il celebre scrittore de "Il falò delle vanità", è morto all'età di 88 anni in un ospedale di Manhattan, New York. La notizia del decesso, avvenuto il 14 maggio, è stata data dal suo agente Lynn Nesbit, secondo cui l'autore era stato ricoverato per polmonite.

Wto: la Ue continua a fornire sussidi illeciti ad Airbus. Boeing festeggia

Non ha rispettato una decisione di un panel dell'organizzazione svizzera. Washington minaccia "contromisure" se non ci sarà compliance
iStock

L'Organizzazione mondiale del commercio sostiene che "l'Unione europea e quattro suoi Stati membri - Francia, Germania, Spagna e Regno Unito - hanno fallito nel rispettare una decisione di un panel del Wto mantenendo sussidi illegali al produttore europeo di aerei Airbus".

Wall Street, ottimismo sulla Cina

La tregua con Pechino tranquillizza i mercati
iStock