Yahoo: oltre un miliardo di utenti colpiti da hacker. A rischio intesa con Verizon

Attacco risalente all'agosto del 2013; sembra diverso da quello di fine 2014 e annunciato a settembre. Ennesimo flop per l'a.d. Mayer, che potrebbe dovere abbassare il prezzo o vedere sfumare la cessione di asset core al gruppo tlc

Gli attacchi hacker a danno degli utenti di Yahoo non sembrano finire. E il dubbio che in termini di sicurezza l'azienda guidata da Marissa Mayer sia rimasta indietro rispetto a rivali come Google e Facebook sta diventando una realtà. Dopo quello annunciato lo scorso 22 settembre ma risalente alla fine del 2014, il 14 dicembre il gruppo tecnologico ha comunicato una nuova intrusione illecita avvenuta nell'agosto 2013. Nel primo caso, gli utenti colpiti erano stati oltre 500 milioni; nel secondo, oltre un miliardo. Il gruppo ha così superato sé stesso mettendo a segno un nuovo record: entrambe gli attacchi sono stati i più grandi di sempre.

Accordo con Verizon a rischio?
A parte la fiducia degli internauti nei confronti di un ex colosso tecnologico, a risentire della notizia sono anche i piani per la cessione a Verizon degli asset core dell'azienda con sede a Sunnyvale (California): l'intesa da 4,8 miliardi di dollari decisa a luglio potrebbe essere destinata a saltare o a essere rivista in termini di prezzo. In gioco ci sono siti come Yahoo Sport, Yahoo Notizie e Yahoo Finanza ma anche il motore di ricerca omonimo, il servizio di email, la piattaforma per immagini Flickr e il blog Tumblr. Il colosso americano delle tlc ha detto che "rivedrà l'impatto" dell'intrusione illecita, di cui è stato informato qualche settimana fa. Già a settembre, Verizon aveva spiegato di avere "basi ragionevoli" per rinegoziare o rinunciare all'accordo.

"Come abbiamo sempre detto, valuteremo la situazione mentre Yahoo continua le sue indagini. Rivedremo l'impatto di questo sviluppo nuovo prima di raggiungere una conclusione finale", ha rifeto Verizon in un comunicato successivamente a quello diffuso da Yahoo.

Cosa è stato rubato dagli hacker
Yahoo è convinto che l'ultimo "incidente" rivelato sia "distinto" da quello svelato nel settembre scorso. Tuttavia il gruppo ha detto di avere notato attività "simili" a quelle degli hacker "sponsorizzati da uno Stato" straniero che crede sia stati responsabili dell'intrusione annunciata tre mesi fa.

Come allora, ad essere stati rubati sono probabilmente nomi, indirizzi di posta electronica, numeri di telefono, date di nascita, password "hashed" e in alcuna casi domande e risposte di sicurezza sia crittate sia non crittate. Stando alle indagini realizzate da Yahoo, i dati associati a carte di credito e informazioni legate a un conto corrente bancario sono rimaste al sicuro perché questo tipo di dati è salvato in un sistema che l'azienda non crede sia stato penetrato dai pirati informatici.

Un flop nella sicurezza
Come suo solito ormai, Yahoo invita i suoi utenti a modificare le loro password e a notare se nei loro account ci siano state attività sospette. Il punto è che Yahoo "non è stato capace di identificare l'intrusione associata a questo furto"; in pratica non sa come gli hacker si siano infilati nel suo sistema. Non solo. L'ultimo attacco annunciato si è verificato molto tempo fa e nessuno in Yahoo si sarebbe forse accorto di nulla se non fossero state le forze dell'ordine a farsi avanti - come comunitato lo scorso novembre dal gruppo - fornendo dati che un "soggetto terzo" reclamava fossero di Yahoo. L'azienda "ha analizzato quei dati con l'assistenza di esperti" e ha concluso che si tratta di dati dei suoi utenti.

Il mercato non ha preso bene la notizia: il titol nel dopo mercato ha perso il 2,5%. Aveva chiuso a 40,91 dollari.

Altri Servizi

Dopo il pressing, Trump condanna i suprematisti bianchi

Per il presidente Usa, il razzismo è il male. "Criminali" gli autori delle violenze a Charlottesville. Il segretario alla Giustizia lo aveva difeso. Il sito neonazi Daily Stormer cavalcava l'assenza di un messaggio duro. Il Ceo di Merck lo ha abbandonato
AP

Nel giorno in cui Donald Trump ha deciso di interrompere la sua "vacanza di lavoro" nel suo golf club in New Jersey per fare una tappa di qualche ora alla Casa Bianca prima di recarsi a New York City, l'America e i membri del suo partito hanno continuato a fare pressing su di lui. E lui li ha accontentati denunciando per nome i suprematisti bianchi.

Netflix sfida Amazon e Disney: recluta creatrice di "Grey's Anatomy"

E' corsa ai migliori talenti. Il sito di video in streaming risponde al colosso del commercio elettronico (che ha arruolato il produttore di "The Walking Dead") e a quello dell'intrattenimento (che ha silurato il gruppo)

Tra Netflix e Amazon la sfida è ufficialmente aperta così come tra vecchi e nuovi gruppi media. Il sito di video in streaming ha annunciato di avere reclutato la creatrice delle serie “Scandal” e “Grey’s Anatomy”; una risposta al fatto che tre giorni prima il colosso del commercio elettronico avesse detto di avere arruolato il creatore della serie tv "The Walking Dead".

Charlottesville: il killer ammirava Hitler

Lo ha riferito il suo ex insegnante

James Alex Fields, il ventenne militante dell'alt right che sabato scorso si è lanciato con la propria auto contro i manifestanti anti-razzisti a Charlottesville, uccidendo una persona e ferendone altre 19, aveva espresso posizioni molto radicali e vicine all'ideologia nazista. Lo ha detto in un'intervista a Cnn Derek Weimer, ex insegnante del ragazzo.

Steve Bannon rischia di essere cacciato dalla Casa Bianca

Dopo la condanna della base suprematista da parte di Trump, in molti all'interno del governo sperano che il presidente metta alla porta uno dei suoi più fidati consiglieri. Lo farà?
AP

La morte e la distruzione causata dai migliaia di estremisti bianchi che hanno manifestato sabato 12 agosto a Charlottesville, in Virginia, rappresentano una prova fondamentale per Donald Turmp e per la sua presidenza. Il miliardario ha aspettato 48 ore prima di condannare le violenze e il razzismo e il suprmastismo in modo univico.

L'alt-right sta creando la Silicon Valley ombra

I suprematisti bianchi, banditi da Uber, Airbnb e Twitter, hanno creato i loro servizi paralleli
AP

Dopo gli scontri avvenuti a Charlottesville, in Virginia, nel corso della manifestazione di migliaia di suprematisti bianchi, alcuni servizi della Silicon Valley hanno deciso espellere diverse persone che hanno partecipato alla giornata di violenza. Airbnb in particolare ha escluso tutti i neonazisti che avevano prenotato stanze nella città giorni prima della manifestazione di sabato 12 agosto. Allo stesso tempo anche Uber ha iniziato a comportarsi in modo molto più rigoroso verso gli estremisti di destra. Per questo motivo i gruppi dell'alt-right americana stanno creando servizi che ricalcano quelli della Silicon Valley, ai quali non possono più partecipare.

Corea del Nord ritira minaccia contro Guam, Seul avverte gli Usa

Pyongyang tenta di calmare le tensioni con Washington, che controlla l'isola nel Pacifico. La Corea del Sud avverte: nessuna azione militare senza il nostro consenso

Dopo un duello di parole acceso tra il regime di Kim Jong Un e il presidente americano Donald Trump e all'indomani di nuove sanzioni imposte dalla Cina, la Corea del Nord sembra avere ritirato la sua minaccia contro Guam ossia l'isola nel Pacifico occidentale che è un territorio Usa con circa 7.000 soldati.

Wall Street rimbalza, tensioni Usa-Corea del Nord allentate

Dopo avere archiviato una settimana in calo, gli indici si preparano a un rimbalzo
AP

Da Goldman ad Apple, Corporate America contro il razzismo e l'odio

Il Ceo di GE, Jeff Immelt, condanna le violenze di Charlottesville ma come Dell resta del consiglio per la manifattura di Trump, che invece l'a.d. di Merck ha lasciato

Nel giorno in cui, con 48 ore di ritardo, il presidente americano Donald Trump ha esplicitamente criticato gruppi di suprematisti bianchi responsabili delle violenze di sabato scorso a Charlottesville (Virginia), la Corporate America si è unita nel dire no all'odio e al razzismo.

Quattro leader scaricano Trump, lui: ce ne sono tanti altri

Dopo i Ceo di Merck, Intel e Under Armour, anche il numero uno dell'Alliance for American Manufacturing lascia il consiglio per la manifattura voluto dal presidente Usa. L'ex segretario al Tesoro Summers chiede perché altri Ceo non se ne vanno
AP

Nel giro di 24 ore, sono quattro i leader che hanno deciso di silurare Donald Trump, reo di avere fornito con un ritardo di due giorni una condanna secca ed esplicita alle violenze di sabato 12 agosto esplose per colpa di suprematisti bianchi a Charlottesville, in Virginia.

Facebook sfida YouTube: nasce la piattaforma video Watch

Un nuovo servizio con piccoli show esclusivi, e partner come la Nasa e l'Nba

Facebook ha lanciato una sfida a YouTube, parte di Google (a sua volta controllata da Alphabet). Il più grande social network al mondo ha presentato un nuovo servizio di contenuti video esclusivi: Watch.