YouTube e i suoi rimborsi da 3 dollari per evitare la fuga degli inserzionisti

La piattaforma di Google sta dando piccoli risarcimenti alle aziende dopo la loro preoccupazione sugli annunci pubblicati in video legati al terrorismo

YouTube ha offerto dei rimborsi ad alcune delle compagnie le cui pubblicità sono apparse in video legati al terrorismo. Questi risarcimenti, come scrive il Financial Times, sono stati anche inferiori ai 3 dollari, motivo per cui le aziende in questione si sono rifiutate di accettare le offerte sostenendo di non voler più acquistare spazi pubblicitari sulla piattaforma che consente la visualizzazione e condivisione di video.

Come riporta lo stesso quotidiano economico, che ha ascoltato tre inserzionisti coinvolti nella vicenda, si tratta di una mossa decisa dalla piattaforma di proprietà di Google dopo una serie di colloqui avuti con le stesse aziende. Durante questi incontri i vertici di YouTube avrebbero provato a rassicurare le aziende e le agenzie pubblicitarie circa la sicurezza dei propri brand.

Nello specifico, i timori di quest’ultimi sono legati al fatto che il proprio nome sia stato associato a video dell’estremismo o incitanti l’odio e la violenza, risultando fortemente lesivi della propria immagine.

Stando a quanto riporta sempre Ft, una delle compagnie in questione, che ha chiesto l'anonimato, ha affermato che l’offerta della piattaforma è stata solamente di un "paio di dollari". Anche le altre due compagnie hanno sostenuto di aver ricevuto offerte simili. Il motivo, come spiegato allo stesso giornale da un esperto a conoscenza della policy di YouTube, è legato allo scarso riscontro numerico che i video in questione hanno avuto. Proprio per questo il presunto danno al brand sarebbe stato contenuto.

Va in ogni caso specificato che gli accordi tra YouTube e gli inserzionisti prevedono che, qualora le pubblicità di questi ultimi vengano inserite in video non in linea con la propria campagna, questi possano chiedere il rimborso alla piattaforma.

Google non ha rilasciato commenti ufficiali sulla questione anche se un portavoce ha dichiarato ad Ft che "quando qualcuno viola la policy sulle pubblicità ripetutamente, YouTube chiude l’account in questione rimborsando l’inserzionista e non pagando il creatore del video".

Si tratta di una questione molto delicata che sta mettendo sotto pressione la piattaforma da  mesi e che ha spinto diverse grosse aziende come Volkswagen, Marks and Spencer e McDonald’s ad interrompere il proprio rapporto con YouTube proprio per via del fatto che le loro pubblicità venivano inserite in video dal contenuto inappropriato.

La scorsa settimana, proprio sullo stesso giornale economico, il capo dell’ufficio legale di Google, Kent Walker, ha illustrato un piano in quattro punti che l’azienda intende seguire nei prossimi mesi per cercare di risolvere il problema e fare la propria parte nella lotta al terrorismo.

Il primo step riguarda l’uso della tecnologia, che verrà incrementata, al fine di riuscire a rintracciare con maggior precisione i video di incitamento al terrorismo. Secondo punto, poiché la tecnologia non sempre basta, riguarda l'aumento delle risorse umane che si occupano di scovare questi video. Il terzo punto è invece legato a quei contenuti non esplicitamente legati al terrorismo, ma che vengono considerati a rischio e proprio per questo gli autori non riusciranno a monetizzare da quei video. In ultimo, per evitare il reclutamento da parte dell’Isis o quanto meno provare a limitarlo, YouTube ha pensato al retargeting. Si tratta di un metodo che consente di mostrare annunci contestualizzati sulla base delle ricerche effettuate dal singolo utente. In questo caso, a coloro che cercano video che contengono incitamenti al terrorismo verranno mostrati sempre più video dai contenuti opposti con lo scopo di distoglierli dal voler abbracciare l'ideologia terrorista.

Altri Servizi

Congresso americano, raggiunto accordo su nuove sanzioni alla Russia. Segnali positivi dalla Casa Bianca

Si profila uno scontro con Trump la cui volontà è invece quella di incrementare le relazioni diplomatiche con Mosca
Ap

Continua il braccio di ferro tra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il Congresso americano. Al termine della settimana in cui la nuova amministrazione ha festeggiato i sei mesi di carica, Capitol Hill ha raggiunto un accordo bipartisan che rischia di portare allo scontro definitivo con il tycoon newyorchese.

Russiagate, Trump Jr. e Manafort testimonieranno a porte chiuse

Accordo con la commissione Giustizia del Senato per un'udienza non aperta al pubblico. Nei prossimi giorni, anche Kushner atteso in Congresso, sempre in merito alle indagini sulle possibili collusioni con la Russia
AP

Il figlio del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump Jr., e l'ex manager della campagna elettorale, Paul Manafort, hanno raggiunto un accordo con la commissione Giustizia del Senato per testimoniare, la prossima settimana, a porte chiuse, prima di un'eventuale udienza pubblica. La testimonianza verterà sui presunti rapporti tra lo staff di Trump e le autorità russe, su cui sono in corso le indagini, e in particolar modo sull'ormai famoso incontro alla Trump Tower, nel giugno 2016, con alcuni cittadini russi con presunti legami con il Cremlino e l'intelligence russa.

Hyperloop, città e Stati Usa ignari del progetto di Musk

Il fondatore di Tesla ha annunciato un accordo verbale con il governo, ma nessuno ne sa qualcosa. Tra dubbi e speranze, il deputato Castro gli lancia una proposta su Twitter: "Vieni a costruirlo in Texas"
AP

Elon Musk ha stupito il mondo, annunciando di aver ottenuto "l'approvazione verbale del governo" per costruire una linea underground New York-Philadelphia-Baltimora-Washington D.C. da coprire con l'Hyperloop. Con il sistema di trasporto del futuro, alimentato a energia solare, il tragitto dal centro di New York al centro di Washington si farà, aveva scritto il fondatore di Tesla su Twitter, in 29 minuti. Poi, aveva aggiunto che "c'è bisogno ancora di molto lavoro per ricevere l'approvazione formale, ma sono ottimista che succederà rapidamente".

Simona Ferrari, dalla tv italiana ai documentari a New York: "Qui ci sono molte più opportunità"

Intervista con la regista e video editor di Milano, che ora vive a Brooklyn e lavora ad Harlem

Si potrebbe pensare che i cunicoli sotterranei di Parigi e la montagna El Capitan nel parco Yosemite in California in comune non abbiano niente. Si potrebbe, ma sarebbe un pensiero sbagliato, perché a legare questi due luoghi così diversi c’è una donna italiana di quarantun anni che vive a Brooklyn: Simona Ferrari.

Honeywell: l'aerospazio sostiene i conti, alza le guidance

La conglomerata industriale si difende dal pressing dell'investitore attivista Loeb

La conglomerata industriale Honeywell International ha chiuso il secondo trimestre del 2017 con utili per 1,4 miliardi di dollari o 1,80 dollari per azione, in rialzo del 5,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; gli analisti si aspettavano profitti per azione di 1,78 dollari. I ricavi sono saliti dell'1% a 10,08 miliardi, anche in questo caso battendo le stime ferme a 9,88 miliardi.

Wall Street attende i conti dei big tecnologici

A mercati chiusi il bilancio di Alphabet. Mercoledì quello di Facebook e il giorno dopo quello di Amazon
AP

La difesa di Kushner: "Nessuna collusione con la Russia. Trump ha vinto grazie a una campagna migliore"

Il genero e assistente del presidente Trump ha parlato davanti alla commissione Intelligence del Senato; poi, ha rilasciato una dichiarazione dalla Casa Bianca
AP

"Donald Trump ha portato un messaggio migliore e ha corso una campagna migliore e più intelligente, ed è per questo che ha vinto". Lo ha detto Jared Kushner, genero e assistente del presidente statunitense, Donald Trump, parlando dalla Casa Bianca dopo la sua testimonianza, a porte chiuse, davanti alla commissione Intelligence del Senato, a proposito dei contatti avuti con funzionari russi durante la campagna elettorale dello scorso anno e durante il periodo di transizione tra l'amministrazione Obama e quella attuale.

I democratici lanciano l'agenda economica per il 2018: "A better deal"

Evocando il "New Deal" di Roosvelt e schernendo Trump, autore di "The Art of the Deal", l'opposizione punta a riconquistare il Congresso nelle elezioni di metà mandato. Con toni populisti
Ap

Evocando il "New Deal", una serie di programmi federali voluti dal 32esimo presidente americano Franklin D. Roosevelt per alimentare la ripresa economica dopo la Grande Depressione degli anni '30, i democratici alla Camera e al Senato sperano di unire il partito e di riconquistare gli elettori con una nuova agenda economica all'insegna del motto "A better deal", un affare migliore. Anche di quello rappresentato da Donald Trump, il repubblicano che a sorpresa ha vinto le elezioni presidenziali dello scorso 8 novembre e che si è sempre presentato come il migliore deal-maker sin dai tempi (era il 1987) in cui ha scritto il libro "The Art of the Deal".

Effetto Trump sul Wall Street, un colpo da 312 milioni per Dimon e Blankfein

I numeri uno di Jp Morgan e Goldman Sachs hanno portato a casa oltre 150 milioni a testa

In questi primi sei mesi alla Casa Bianca Donald Trump è risultato essere il presidente con il più basso indice di gradimento della storia americana, eppure qualcuno che ha molte ragioni per apprezzare il tycoon newyorchese c'è. Almeno due persone, per essere precisi, non possono che sorridere quando sentono pronunciare il nome del commander in chief americano.

Amministrazione Trump, Scaramucci "ripulisce il suo Twitter" e annuncia grandi cambiamenti alla Casa Bianca

Il nuovo capo della comunicazione di Trump ha eliminato i vecchi tweet contro il presidente perché "le opinioni si sono evolute". Poi in tv ha dichiarato che porrà fine alla fuga di notizie provenienti dall’amministrazione

"Piena trasparenza: sto cancellando vecchi tweet. Le opinioni precedenti si sono evolute e non dovrebbero essere una distrazione. Servo l'agenda di @POTUS e questo è tutto ciò che conta". Con queste parole Anthony Scaramucci, nuovo direttore della comunicazione della Casa Bianca, ha annunciato di aver eliminato i tweet in cui in passato ha condiviso opinioni in contrasto con il presidente americano.