YouTube e i suoi rimborsi da 3 dollari per evitare la fuga degli inserzionisti

La piattaforma di Google sta dando piccoli risarcimenti alle aziende dopo la loro preoccupazione sugli annunci pubblicati in video legati al terrorismo

YouTube ha offerto dei rimborsi ad alcune delle compagnie le cui pubblicità sono apparse in video legati al terrorismo. Questi risarcimenti, come scrive il Financial Times, sono stati anche inferiori ai 3 dollari, motivo per cui le aziende in questione si sono rifiutate di accettare le offerte sostenendo di non voler più acquistare spazi pubblicitari sulla piattaforma che consente la visualizzazione e condivisione di video.

Come riporta lo stesso quotidiano economico, che ha ascoltato tre inserzionisti coinvolti nella vicenda, si tratta di una mossa decisa dalla piattaforma di proprietà di Google dopo una serie di colloqui avuti con le stesse aziende. Durante questi incontri i vertici di YouTube avrebbero provato a rassicurare le aziende e le agenzie pubblicitarie circa la sicurezza dei propri brand.

Nello specifico, i timori di quest’ultimi sono legati al fatto che il proprio nome sia stato associato a video dell’estremismo o incitanti l’odio e la violenza, risultando fortemente lesivi della propria immagine.

Stando a quanto riporta sempre Ft, una delle compagnie in questione, che ha chiesto l'anonimato, ha affermato che l’offerta della piattaforma è stata solamente di un "paio di dollari". Anche le altre due compagnie hanno sostenuto di aver ricevuto offerte simili. Il motivo, come spiegato allo stesso giornale da un esperto a conoscenza della policy di YouTube, è legato allo scarso riscontro numerico che i video in questione hanno avuto. Proprio per questo il presunto danno al brand sarebbe stato contenuto.

Va in ogni caso specificato che gli accordi tra YouTube e gli inserzionisti prevedono che, qualora le pubblicità di questi ultimi vengano inserite in video non in linea con la propria campagna, questi possano chiedere il rimborso alla piattaforma.

Google non ha rilasciato commenti ufficiali sulla questione anche se un portavoce ha dichiarato ad Ft che "quando qualcuno viola la policy sulle pubblicità ripetutamente, YouTube chiude l’account in questione rimborsando l’inserzionista e non pagando il creatore del video".

Si tratta di una questione molto delicata che sta mettendo sotto pressione la piattaforma da  mesi e che ha spinto diverse grosse aziende come Volkswagen, Marks and Spencer e McDonald’s ad interrompere il proprio rapporto con YouTube proprio per via del fatto che le loro pubblicità venivano inserite in video dal contenuto inappropriato.

La scorsa settimana, proprio sullo stesso giornale economico, il capo dell’ufficio legale di Google, Kent Walker, ha illustrato un piano in quattro punti che l’azienda intende seguire nei prossimi mesi per cercare di risolvere il problema e fare la propria parte nella lotta al terrorismo.

Il primo step riguarda l’uso della tecnologia, che verrà incrementata, al fine di riuscire a rintracciare con maggior precisione i video di incitamento al terrorismo. Secondo punto, poiché la tecnologia non sempre basta, riguarda l'aumento delle risorse umane che si occupano di scovare questi video. Il terzo punto è invece legato a quei contenuti non esplicitamente legati al terrorismo, ma che vengono considerati a rischio e proprio per questo gli autori non riusciranno a monetizzare da quei video. In ultimo, per evitare il reclutamento da parte dell’Isis o quanto meno provare a limitarlo, YouTube ha pensato al retargeting. Si tratta di un metodo che consente di mostrare annunci contestualizzati sulla base delle ricerche effettuate dal singolo utente. In questo caso, a coloro che cercano video che contengono incitamenti al terrorismo verranno mostrati sempre più video dai contenuti opposti con lo scopo di distoglierli dal voler abbracciare l'ideologia terrorista.

Altri Servizi

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock