Zuckerberg al Congresso Usa, Wall Street lo promuove

Seduta migliore dall'aprile 2016 per il titolo Facebook. Apre a un servizio a pagamento. Esclude che il social media sia un monopolio. Usa parole concilianti sui regolatori Ue. Con i russi, una "corsa agli armamenti"

Il Ceo di Facebook ha superato - per ora - la prova con il suo debutto al Congresso Usa. Wall Street ha premiato il titolo del social network mentre Mark Zuckerberg per la prima volta si metteva a disposizione dei legislatori americani, che non hanno comunque escluso una stretta regolatoria e che lo hanno messo sotto torchio per gettare luce su come il gruppo tutela la privacy dei suoi utenti dopo lo scandalo di Cambridge Analytica.

Il copione si ripeterà oggi quando il 33enne si presenterà davanti a 55 deputati contro i 44 senatori di ieri. Reduce dal balzo giornaliero maggiore dall'aprile 2016 (+4,5%), Facebook ripartirà da quota 165,04 dollari e con una capitalizzazione di 479,4 miliardi (salita di 17 miliardi nella seduta). Gli investitori hanno potuto reagire solo a meno di due ore di testimonianza, durata cinque e durante la quale le domande sono state incalzanti.

Facebook è un monopolio? "Non mi sembra affatto", ha risposto Zuckerberg ai membri delle commissioni riunite di Commercio e Giustizia del Senato.

La piattaforma potrebbe lanciare una versione a pagamento? "Ci sarà sempre una versione gratuita", ha detto Zuckerberg portando molti a credere che abbia lasciato aperta la possibilità di un servizio a pagamento che farebbe affidamento su abbonamenti invece che sulla pubblicità (da cui attualmente derivano quasi tutti i ricavi dell'azienda). Un servizio premium potrebbe essere d'appeal per coloro che non vogliono vedere inserzioni promozionali nel loro news feed.

A chi gli ha chiesto se è preoccupato dalla dipendenza dai social media di molti adolescenti Usa, Zuckerberg ha evitato di rispondere direttamente: "Se si usano internet e i social media soprattutto per consumare passivamente contenuti senza coinvolgere altre persone, allora [un tale comportamento] non ha gli effetti positivi e potrebbe essere negativo".

Il Ceo di Facebook ha dichiarato che l'utente medio "non legge" le condizioni d'uso della piattaforma, su cui il repubblicano John Kennedy non ha avuto dubbi: "Fanno schifo" e devo essere scritte in un linguaggio semplice.

Ripetendo di essere aperto a una maggiore regolamentazione dei gruppi tech, Zuckerberg ha usato parole concilianti per parlare della General Data Protection Regulation che scatterà il 25 maggio in tutti gli Stati Ue: "Credo che [gli europei] facciano le cose bene". Quindi sì, si potrebbe discutere se adottare anche in Usa un simile approccio regolatorio, ha dichiarato il Ceo di Facebook riconoscendo che "in Usa abbiamo sensibilità diverse". Per lui, "la nostra posizione non è che la regolamentazione è cattiva. Il punto è quale sia il giusto framework, non se ce ne dovrebbe essere uno".

Zuckerberg ha anche detto che Facebook è meglio preparato per combattere le interferenze elettorali, di cui la Russia è stata giudicata colpevole dagli Usa, che l'hanno punita con sanzioni. "Questa è una corsa agli armamenti. [I russi] hanno intenzione di diventare sempre più bravi in questo. E noi dobbiamo investire per diventare a nostra volta più bravi" per contrastare i loro sforzi. "Sono più fiducioso che ce la faremo", ha affermato il Ceo.

Gli investitori non sembrano essere stati colpiti dal fatto che Facebook "stia lavorando" con gli inquirenti capitanati da Robert Mueller, il procuratore speciale che sta indagando sull'interferenza russa nelle elezioni presidenziali del novembre 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna elettorale di Donald Trump e Mosca. Zuckerberg non ha voluto dare troppi dettagli: "Voglio essere attento perché si tratta di cose confidenziali. Siamo in un'audizione aperta e non voglio rivelare cose che sono confidenziali". Il Ceo ha però chiarito che lui non è stato personalmente interrogato dal team di Mueller ma che altri nel gruppo lo sono stati. A chi gli ha chiesto se al colosso di Menlo Park sia stato richiesto di consegnare documenti o informazioni di vario genere, Zuckerberg ha prima detto sì poi ha fatto marcia indietro: "Devo chiarire che non sono certo ci siano state tali richieste".

A rincuorare i mercati potrebbe essere stato il fatto che, a detta di Zuckerberg, "non c'è stato" un calo dell'uso di Facebook da parte dei suoi utenti.  La fuga è stata temuta quando pochi giorni dopo lo scoppio dello scandalo Cambridge Analytica il 21 marzo scorso Brian Acton - uno dei due cofondatori di WhatsApp, la app di messaggistica acquistata da Facebook nel 2014 per 22 miliardi di dollari - su Twitter lanciò il movemento #deletefacebook consigliando al popolo della rete di cancellare il proprio account dal social network che vanta oltre 2 miliardi di utenti attivi mensilmente.

Dopo i legislatori, saranno gli analisti a riempire di domande il Ceo di Facebook quando nella call il 25 aprile prossimo commenterà i conti del primo trimestredel 2018. Intanto Cambridge Analytica su Twitter ha ripetuto di non avere hackerato Facebook né di avere violato leggi. La società di dati usata anche dalla campagna di Trump ha ribadito di avere cancellato i dati degli utenti quando Facebook comunicò che il loro utilizzo stava violava le condizioni d'uso del social. Un'inchiesta indipendente, ha concluso l'azienda, punta a verificare che sia stato così.

Altri Servizi

Wall Street, tensione per i nuova dazi contro la Cina

Nuova lista di prodotti colpiti, per 200 miliardi di dollari
iStock

Amazon non riesce a limitare prodotti razzisti e suprematisti

Insieme a musica e libri neo-nazisti. Lo denuncia uno studio di due non profit americane

Su Amazon è possibile comprare prodotti con simboli del suprematismo bianco, come una collana di svastiche, una tutina da neonato con una croce infuocata e uno zaino da bambino con un meme neo-nazista. Tutto questo è contro le politiche del colosso americano e un rapporto segnala come Amazon non riesca a fare nulla per fermare la vendita di questi prodotti.

Nordcorea: colloqui con Pompeo "spiacevoli", gli Usa cercano solo il disarmo unilaterale

Tensione tra i due Paesi, dopo i colloqui tra il segretario di Stato Usa e il ministro degli Esteri di Pyongyang, definiti "molto preoccupanti"
AP

Brusca frenata nei rapporti tra Stati Uniti e Corea del Nord. Il governo di Pyongyang, tramite un comunicato di un portavoce del ministero degli Esteri citato dall'agenzia Ap, ha reso noto che i colloqui di alto livello con la delegazione statunitense, guidata dal segretario di Stato, Mike Pompeo, sono stati "spiacevoli" e ha accusato Washington di cercare solo il disarmo nucleare totale, forzato e unilaterale, della Corea del Nord.

Migranti, giudice chiede a Trump la lista dei bambini separati dai genitori

L'amministrazione ha chiesto più tempo per riunire le famiglie; un giudice federale della California vuole prima sapere quanti sono. Il governo ha ammesso di non sapere dove siano i genitori di 38 bimbi con meno di 5 anni

Un giudice federale della California ha chiesto al governo statunitense di presentare entro stasera (7 luglio) la lista dei bambini con meno di 5 anni separati dai loro genitori alla frontiera con il Messico, per effetto della 'tolleranza zero' applicata dalle autorità; lo ha reso noto un funzionario dell'amministrazione Trump alla stampa statunitense.

Stoltenberg rassicura Trump: "Aumenta la spesa degli alleati Nato per la difesa"

Il segretario generale dell'Alleanza in un op-ed sul Wsj: "Solo tre membri spendevano il 2% del Pil in difesa, nel 2014. Quest'anno dovrebbero essere otto". Ma Trump continua a lamentarsi
U.S. Department of Defense

"Nel 2014, solo tre alleati [della Nato], ovvero Stati Uniti, Regno Unito e Grecia, rispettavano l'impegno del 2 per cento. Quest'anno, ci aspettiamo che quel numero salga a otto, con l'aggiunta di Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia e Romania. Inoltre, la maggioranza degli alleati ha in programma di rispettare l'impegno del 2% entro il 2024, con il resto [dei Paesi] che si muove nella giusta direzione". A scriverlo è stato Jens Stoltenberg, segretario generale della Nato, in un op-ed pubblicato sul Wall Street Journal alla vigilia del summit dell'Alleanza in programma a Bruxelles.

Trump sceglie Brett Kavanaugh per la Corte suprema

Conservatore vicino a George W. Bush. Adesso si attende una battaglia al Senato per la Conferma

Donald Trump ha annunciato il nome del suo candidato alla Corte Suprema: si tratta di Brett M. Kavanaugh, 53 anni, giudice d'Appello del Maryland. È una figura di spicco tra i conservatori e aveva fatto parlare di sé per le sue battaglie contro i suoi colleghi liberal nominati da Obama. Kavanaugh se confermato dal Senato dovrebbe prendere il posto di Anthony Kennedy, che giorni fa ha annunciato la sua decisione di andare in pensione.

Vertice Nato, Trump metterà alla prova i rapporti con gli alleati

Il summit di Bruxelles apre il tour europeo del presidente Usa. Al centro dei colloqui, le spese per la difesa, su cui Trump continua a lamentarsi con gli altri membri dell'Alleanza atlantica
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, è atteso da una settimana in Europa che metterà alla prova i suoi rapporti con gli alleati e con "l'avversario" Vladimir Putin (così lo ha definito oggi). Il primo appuntamento è in programma domani e dopodomani a Bruxelles, ovvero il vertice della Nato, che sarà incentrato sulle spese per la difesa, su cui Trump continua a essere polemico con gli alleati, tanto che il vertice con il presidente russo, in programma lunedì prossimo, potrebbe essere "più facile" di tutti gli altri impegni (Trump andrà anche nel Regno Unito, dove avrà un incontro con la premier Theresa May).

Wall Street, accantonate le preoccupazioni commerciali

Gli indici hanno ripreso slancio, in attesa delle trimestrali di tre grandi banche (Jp Morgan, Citigroup e Wells Fargo), in programma venerdì
iStock

Spese per la Difesa, Trump contro gli alleati Nato a due giorni dal summit

Il presidente Usa: "Spendiamo molto più degli altri, non è accettabile". Il vertice a Bruxelles l'11 e 12 luglio
Ap

"Gli Stati Uniti stanno spendendo per la Nato molto più di qualsiasi altro Paese. Questo non è giusto, non è accettabile. Anche se questi Paesi stanno aumentando i loro contributi da quando sono entrato in carica, devono fare molto di più. La Germania è all'1%, gli Stati Uniti al 4%, e dalla Nato trae molto più vantaggio l'Europa, rispetto agli Stati Uniti. Secondo alcuni resoconti, gli Stati Uniti stanno pagando il 90% [delle spese] della Nato, con molti Paesi per nulla vicini all'impegno del 2%. In più, l'Unione europea ha un surplus commerciale di 151 milioni di dollari [in realtà, 151 miliardi di dollari, ndr] con gli Stati Uniti, con grandi barriere commerciali sui prodotti statunitensi. No! ". Lo ha scritto oggi, su Twitter, il presidente statunitense, Donald Trump, che incontrerà gli alleati della Nato al vertice di Bruxelles dell'11-12 luglio.

Trump: il vertice con Putin l'impegno più facile in Europa

Il presidente Usa ha parlato brevemente prima della partenza per l'Europa, dove avrà il vertice della Nato e il faccia a faccia con la premier del Regno Unito, Theresa May

In partenza per l'Europa, dove parteciperà al vertice della Nato, andrà in visita nel Regno Unito e incontrerà il presidente russo Vladimir Putin, il presidente statunitense Donald Trump ha detto ai giornalisti presenti che il vertice con Putin "potrebbe essere il più facile di tutti".