Il mio sogno: vivere in una città dove, lavorando sodo, i sogni diventano realtà

L'esperto risponde alle domande su vivere e investire in America. Il suo viaggio di sola andata è iniziato nel 2000 rispondendo a un annuncio letto su Il Sole 24 Ore per uno stage a New York.

Fin da ragazzino, ho sempre avuto un sogno nel cassetto: vivere tra i grattacieli sfavillanti di New York. Il desiderio di vivere in una città che non dorme mai, dove lavorare sodo ti consente di raggiungere obiettivi insperati e i sogni possono diventare realtà, l’ho avuta sin da quando vidi per la prima volta Wall Street, il film di Oliver Stone con Charlie Sheen e Michael Douglas.

Negli anni di università ho sempre studiato con l’intento di trovare un’opportunità’ di lavoro che mi permettesse di lasciare l’Italia ed emigrare in America. Un giorno di primavera del 2000, leggendo la sezione Lavoro e carriere de Il Sole 24 Ore, mi accorgo che una società toscana cerca uno stagista per il suo ufficio commerciale di New York. Mi metto in contatto con il loro ufficio e dopo un proficuo colloquio presso la loro sede, l’8 dicembre 2000, ho finalmente il mio visto da stagista J-1 pronto per essere vidimato in ingresso alla dogana dell’aeroporto J.F. Kennedy di New York.

Il mio percorso professionale inizia dunque con un lavoro a Manhattan presso la piccola filiale di una società che vende e distribuisce prodotti alimentari italiani negli Stati Uniti. La mia avventura prosegue l’anno seguente, grazie all’assunzione in un piccolo studio di consulenti fiscali, dove faccio una gavetta davvero dura.

Nel 2005, riesco a realizzare un grande 'salto' professionale, facendomi assumere come revisore contabile da uno dei primi venti studi di commercialisti americani. Qui riesco a trovare, per ben sette anni, un ambiente formativo e competitivo che mi premia per l’impegno enorme che ogni giorno devo mettere sul campo e mi permette di sopravvivere, per così dire, a una delle riduzioni di personale più drammatiche nella storia dello studio, come conseguenza della crisi finanziaria iniziata nel 2007.

Nel frattempo, nel 2006, supero gli esami necessari per l‘ottenimento della fatidica licenza da commercialista: CPA (Certified Public Accountant), uno dei titoli professionali più apprezzati e riconosciuti negli USA. Nel 2010, mi rendo conto che per diventare socio di uno studio americano devo trasformarmi in imprenditore di me stesso e crearmi una clientela tutta mia. Da qui l’idea di costituire il cosiddetto "Italian desk", vale a dire una squadra di professionisti specializzati nell’assistere il numero sempre crescente di imprenditori italiani che vogliono espandere il loro raggio d’azione negli Stati Uniti. L’Italian desk diventa una realtà strutturata e vincente nel 2012, presso la Prager Metis CPAs, uno studio di commercialisti internazionale con sedi a New York, Los Angeles e Londra.

Nel 2014, finalmente, sono promosso socio dello studio. Da allora, l’Italian desk è in continua crescita e sempre alla ricerca di talenti, anche attraverso l’offerta formativa proposta agli studenti dell’Università Bocconi e del Dipartimento di Management dell’Università di Torino. Tornando al tema iniziale, quello dei sogni e delle opportunità, oggi sta per iniziare un’altra grande avventura: quella di poter dare un contributo editoriale ai lettori di America 24 de Il Sole 24 Ore, attraverso la loro rubrica online rivolta a imprese italiane pronte a sbarcare in America.

Per me è un onore e un motivo di grande soddisfazione poter fornire pillole di vita professionale vissuta e suggerimenti pratici utili a tutti quegli imprenditori italiani che sono senz’ombra di dubbio i migliori ambasciatori del nostro paese qui negli Stati Uniti. In più, se consentite a un commercialista un pizzico di sentimentalismo, è anche un modo per ringraziare un grande quotidiano che, tanti anni fa, con una semplice inserzione, ha cambiato immensamente la mia vita, aprendomi una strada che continuo a percorrere con gioia e orgoglio.

Andrea Fantozzi
Altri Servizi

Trump vuole taglio del 10% delle esportazioni Ue di acciaio e alluminio

Secondo il Wsj, Washington ha fatto due proposte a Bruxelles. C'è tempo fino al primo giugno

Tagliare di circa il 10% le esportazioni di alluminio e di acciaio Ue verso gli Usa. Sarebbe questo il piano del presidente americano Donald Trump, che conferma lo scetticismo espresso ieri da Cecilia Malstroem: la commissaria al Commercio aveva spiegato che a Washington potrebbero non bastare le proposte fatte da Bruxelles per essere esonerata in modo permanente dai dazi sui metalli (scattati il 23 marzo scorso per la gran parte delle nazioni incluse Cina e Giappone). C'è tempo per negoziare fino al primo giugno ma "ci sono segnali dagli Usa che l'esenzione non sarà prolungata" come successe all'ultimo minuto prima della scadenza del primo maggio scorso.

McDonald's travolto da accuse di molestie sessuali in Usa

Le hanno lanciate dieci donne. Il gruppo le prende "molto seriamente"
iStock

L'ondata di molestie sessuali che ha travolto Hollywood, Capitol Hill e il mondo dei media è arrivata anche nel colosso mondiale del fast-food McDonald's.

Trump contro il 'Deep State': "Mi ha spiato, è un grave scandalo"

Serie di tweet del presidente contro l'Fbi; il dipartimento di Giustizia, intanto, indaga

"Guardate come le cose si sono rivoltate sullo 'Stato profondo' criminale. Si sono scagliati sulla fasulla collusione con la Russia, un imbroglio inventato, e sono stati beccati in uno scandalo di spionaggio considerevole, come mai questo Paese ha visto prima d'ora! Chi la fa, l'aspetti!". Lo ha scritto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, su Twitter. Per 'Deep State', Stato profondo, si intende l'apparato federale che agirebbe contro il presidente.

Wall Street attende le minute della Fed

Ieri chiusura in calo: Trump alimenta le tensioni commerciali
iStock

Wall Street attende le minute della Fed

Ieri chiusura in calo: Trump alimenta le tensioni commerciali
iStock

Fca: per Hsbc, Marchionne prepara il "gran finale"

Gli analisti avviano la copertura del titolo consigliando di comprarlo. Arriverà a 23 euro. Possibile il raggiungimento dei target 2018 e una revisione al rialzo delle stime sugli utili

Fiat Chrysler Automobiles ha corso a Wall Street, dove il titolo del produttore di auto ha registrato un +1,3% a 22,62 dollari ma era arrivato fino a 22,91 dollari. A Piazza Affari l'azione ha guadagnato l'1,66% a 19,35 euro.

Una donna alla presidenza del Nyse, prima volta in 226 anni

Stacey Cunningham è attualmente direttore operativo. Sostituisce Thomas Farley

Per la prima volta nei suoi 226 anni di storia, il New York Stock Exchange ha affidato la presidenza a una donna. Si tratta di Stacey Cunningham, attualmente direttore operativo del cosiddetto 'Big Board'.

Trump mette in dubbio il summit con Kim, chiede condizioni

A Kim, il leader Usa offre sicurezza in cambio della denuclearizzazione della sua nazione
AP

Era volato a Washington per assicurarsi che il summit storico tra il presidente americano e quello nordcoreano si verificasse come previsto il 12 giugno prossimo a Singapore. E invece il presidente sudcoreano non ha potuto fare altro che dire che "la persona al comando" è Donald Trump. Tradotto: sarà lui a decidere cosa fare dopo il cambiamento di retorica da parte di Pyongyang, che la settimana scorsa ha cancellato all'ultimo minuto trattative di alto livello con una delegazione sudcoreana minacciando il faccia a faccia con Trump.

Banche Usa: nel primo trimestre 2018 utili record

Profitti a quota 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% sui primi tre mesi del 2017
AP

Nel primo trimestre del 2018 gli utili netti delle principali banche americane hanno raggiunti i 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. Si tratta di un record visto che il precedente massimo risale al secondo trimestre del 2011, quando si arrivò a 48,1 miliardi. Lo ha comunicato la Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari e secondo cui il miglioramento è dovuto a ricavi operativi in aumento (+8,3% a 198,8 miliardi di dollari) e ad aliquote fiscali più basse.

AP

Netflix continua a investire sui contenuti rafforzandosi nella sfida contro rivali come Amazon e Walt Disney. Il servizio di video in streaming ha siglato con Barack e Michelle Obama un accordo pluriennale per la produzione di film e serie. Stando a una nota di Netflix, il 44esimo presidente americano e la moglie "produrrano un insieme vario di contenuti" tra cui potrebbero rientrare serie, docu-serie e documentari. "Questi progetti saranno disponibili ai 125 milioni di membri Netflix in 190 Paesi". Si chiama Higher Ground Productions la società con cui gli Obama produrranno contenuti per Netflix.