Il mio sogno: vivere in una città dove, lavorando sodo, i sogni diventano realtà

L'esperto risponde alle domande su vivere e investire in America. Il suo viaggio di sola andata è iniziato nel 2000 rispondendo a un annuncio letto su Il Sole 24 Ore per uno stage a New York.

Fin da ragazzino, ho sempre avuto un sogno nel cassetto: vivere tra i grattacieli sfavillanti di New York. Il desiderio di vivere in una città che non dorme mai, dove lavorare sodo ti consente di raggiungere obiettivi insperati e i sogni possono diventare realtà, l’ho avuta sin da quando vidi per la prima volta Wall Street, il film di Oliver Stone con Charlie Sheen e Michael Douglas.

Negli anni di università ho sempre studiato con l’intento di trovare un’opportunità’ di lavoro che mi permettesse di lasciare l’Italia ed emigrare in America. Un giorno di primavera del 2000, leggendo la sezione Lavoro e carriere de Il Sole 24 Ore, mi accorgo che una società toscana cerca uno stagista per il suo ufficio commerciale di New York. Mi metto in contatto con il loro ufficio e dopo un proficuo colloquio presso la loro sede, l’8 dicembre 2000, ho finalmente il mio visto da stagista J-1 pronto per essere vidimato in ingresso alla dogana dell’aeroporto J.F. Kennedy di New York.

Il mio percorso professionale inizia dunque con un lavoro a Manhattan presso la piccola filiale di una società che vende e distribuisce prodotti alimentari italiani negli Stati Uniti. La mia avventura prosegue l’anno seguente, grazie all’assunzione in un piccolo studio di consulenti fiscali, dove faccio una gavetta davvero dura.

Nel 2005, riesco a realizzare un grande 'salto' professionale, facendomi assumere come revisore contabile da uno dei primi venti studi di commercialisti americani. Qui riesco a trovare, per ben sette anni, un ambiente formativo e competitivo che mi premia per l’impegno enorme che ogni giorno devo mettere sul campo e mi permette di sopravvivere, per così dire, a una delle riduzioni di personale più drammatiche nella storia dello studio, come conseguenza della crisi finanziaria iniziata nel 2007.

Nel frattempo, nel 2006, supero gli esami necessari per l‘ottenimento della fatidica licenza da commercialista: CPA (Certified Public Accountant), uno dei titoli professionali più apprezzati e riconosciuti negli USA. Nel 2010, mi rendo conto che per diventare socio di uno studio americano devo trasformarmi in imprenditore di me stesso e crearmi una clientela tutta mia. Da qui l’idea di costituire il cosiddetto "Italian desk", vale a dire una squadra di professionisti specializzati nell’assistere il numero sempre crescente di imprenditori italiani che vogliono espandere il loro raggio d’azione negli Stati Uniti. L’Italian desk diventa una realtà strutturata e vincente nel 2012, presso la Prager Metis CPAs, uno studio di commercialisti internazionale con sedi a New York, Los Angeles e Londra.

Nel 2014, finalmente, sono promosso socio dello studio. Da allora, l’Italian desk è in continua crescita e sempre alla ricerca di talenti, anche attraverso l’offerta formativa proposta agli studenti dell’Università Bocconi e del Dipartimento di Management dell’Università di Torino. Tornando al tema iniziale, quello dei sogni e delle opportunità, oggi sta per iniziare un’altra grande avventura: quella di poter dare un contributo editoriale ai lettori di America 24 de Il Sole 24 Ore, attraverso la loro rubrica online rivolta a imprese italiane pronte a sbarcare in America.

Per me è un onore e un motivo di grande soddisfazione poter fornire pillole di vita professionale vissuta e suggerimenti pratici utili a tutti quegli imprenditori italiani che sono senz’ombra di dubbio i migliori ambasciatori del nostro paese qui negli Stati Uniti. In più, se consentite a un commercialista un pizzico di sentimentalismo, è anche un modo per ringraziare un grande quotidiano che, tanti anni fa, con una semplice inserzione, ha cambiato immensamente la mia vita, aprendomi una strada che continuo a percorrere con gioia e orgoglio.

Andrea Fantozzi
Altri Servizi

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Wall Street, il Dow Jones ha rialzato la testa dopo otto cali consecutivi

Oggi in programma il numero di compromessi sulle case esistenti per il mese di febbraio
AP

Wall Street, il Dow Jones prova a ripartire dopo otto cali consecutivi

Serie peggiore dal 2011. Oggi atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Trump, oggi l'ordine esecutivo sul clima per 'cancellare' Obama

La firma del presidente avverrà alle 20 (ora italiana); per la Casa Bianca, ci sarà attenzione per l'ambiente e per i posti di lavoro

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, firmerà oggi un ordine esecutivo per cancellare una parte importante delle politiche ambientali del predecessore, Barack Obama, e dare impulso alla produzione di energia. Trump sarà alla Environmental Protection Agency (Epa), l'agenzia federale che si occupa di ambiente, dove alle 14 (le 20 in Italia) firmerà l'Energy Independence Executive Order.

Salini Impregilo stringe dialogo Usa sulle note di Toscanini

Divisione americana Lane promuove tre concerti esclusivi a Washington e New York

Un tributo musicale al genio cosmopolita del maestro Arturo Toscanini per stringere un dialogo oltreoceano in un anno cruciale per i rapporti economici tra Stati Uniti e Italia: è questo il senso dei tre concerti esclusivi promossi a Washington e New York dal gruppo di costruzioni Salini Impregilo e dalla sua divisione americana Lane Construction Corporation. Nel 150esimo aniversario della nascita e a 60 anni dalla morte di Toscanini, lo spirito del leggendario direttore d’orchestra che nel secolo scorso sfidò i totalitarismi europei e trovò libertà negli Stati Uniti ha echeggiato lunedì sera tra i marmi cesellati e i mosaici policromi della Library of Congress sulle note di Verdi e Rossini interpretate magistralmente dall’Orchestra da Camera del Teatro La Scala. Stasera, sempre nella capitale americana, si replica per il grande pubblico alla Union Station alle 18 e domani, mercoledì 29 Marzo, il tour musicale, accompagnato dalla presentazione del libro “Toscanini – The Maestro: A Life in Pictures” e dalla proiezione della video biografia firmata da Harvey Sachs si conclude alla libreria Rizzoli di New York, sempre alle 18.

Elon Musk studia come impiantare microchip nel cervello

Il fondatore di Tesla e SpaceX presto potrebbe presentare Neuralink, un progetto per aumentare le capacità cognitive dell'umanità
AP

Prima ha cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal. Poi ha puntato sulle auto elettriche e sul settore aerospaziale con Tesla e SpaceX. Adesso Elon Musk sa che nei prossimi anni l'intelligenza artificiale e l'interazione uomo-macchina diventeranno sempre più centrali. Per questo sta per presentare Neuralink, una società che studia il modo per impiantare microchip nel cervello, grazie ai quali, in futuro, saremo in grado di inserire dati o di scaricare pensieri dal nostro cervello. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti anonime.

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

La California si prepara alla "guerra ambientale" contro Trump

Lo Stato ha norme all'avanguardia in difesa del clima, prese da esempio da Obama; ma il piano è stato smantellato dal nuovo presidente
AP

Il piano in difesa dell'ambiente voluto da Barack Obama era in parte ispirato alle leggi californiane, le più all'avanguardia negli Stati Uniti. Non sorprende, quindi, che la California abbia reagito all'ordine esecutivo del presidente Donald Trump annunciando una "guerra ecologica".

Trump: stop alla "guerra al carbone". E smantella leggi sul clima di Obama

Nuovo attacco all'eredità del precedessore, autore dell'atto più importante di un presidente americano per fermare i cambiamenti climatici e il surriscaldamento del pianeta

Con la promessa di "mettere fine alla guerra al carbone", Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo con il quale smantella le regole volute dal suo predecessore Barack Obama. Dalla sede a Washington dell'Energia per la protezione ambientale, il presidente americano tira dritto con la sua volontà di ottenere l'indipendenza energetica degli Stati Uniti e di rilanciare l'occupazione nelle miniere, obiettivi che secondo alcuni osservatori non saranno facilmente raggiungibili.

Internet, il Senato Usa approva l'abrogazione delle norme di Obama a difesa della privacy

I provider non dovranno chiedere il permesso agli utenti per usare i loro dati. Prossimo obiettivo dei repubblicani: colpire la 'net neutrality'
Dell

Il Senato statunitense ha deciso di cancellare le norme a difesa della privacy degli utenti sul web volute dell'amministrazione Obama, che sarebbero entrate in vigore alla fine dell'anno. La misura approvata con 50 voti a favore e 48 contrari prevede l'abolizione delle regole sulla privacy online che avrebbero obbligato i provider di internet a chiedere il consenso agli utenti prima di poter condividerne i loro dati finanziari, la cronologia di navigazione e le informazioni personali; senza la legge di Obama, provider come Verizon, Comcast e AT&T avranno più potere per raccogliere dati personali sugli utenti e venderli alle società interessate.